"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

lunedì 1 marzo 2021

Nicola Pezzoli - IL TESTAMENTO CANGIANTE


Giuliano è un fascinoso e attempato funzionario, sosia dell’attore uruguayano George Del Hoyo (protagonista del semisconosciuto film “Dead letter office”) che colleziona scritti di nessun valore sottratti nelle case dei morti senza eredi di cui si occupa sul lavoro. Esmeralda è una pendolare poco avvenente ma dalla bellissima voce, che registra di nascosto tutto ciò che viene detto attorno a lei mentre finge di dormire sul treno, per poi accumulare i nastri in uno sterminato e folle archivio. Gisella Valentino è una giovane autrice talentuosa, divisa fra la narrativa e quella che considera come sua più impellente vocazione: la neurochirurgia pediatrica. E infine il di lei marito, scrittore fallito di fantascienza, conosciuto grazie a un corso a pagamento da lui tenuto (e che fra sé e sé definiva con cinismo “di frittura creativa e storytruffing”), un lupo solitario nichilista, misantropo e antiriproduzionista convinto che d’improvviso, e in età molto avanzata, si ritrova innamorato e padre.

Quattro indimenticabili personaggi per un romanzo sulla solitudine e l’alienazione, e su un’umanità che si accinge alla più irrimediabile delle bestemmie: il tradimento della parola scritta.

“Il testamento cangiante” è il mio nuovo libro. Probabilmente il migliore. Di sicuro il più sorprendente. E forse l’ultimo (ma non è detto). SOLO su AMAZON (sia ebook che cartaceo).

«Mercurio, Venere, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone sono i pianeti sani del sistema solare. La vita è un’infezione».


E-BOOK FORMATO KINDLE, € 6,99

VERSIONE CARTACEA, 193 PAGINE, € 16


domenica 14 febbraio 2021

ultimo assaggio da "L'impozzibile dottor Pezz" (poi magari compratevi il libro): ESCAPE FROM ROCCA DUCAZZA

Un kolossal (forse).

Una co-produzione franco-svizzero-irpina (se si fa).

Prossimamente nelle migliori sale (a patto che nessuno si metta a fare lo strunz).


L’idea genialoide era girare un dramma carcerario ad Alcatraz e avere come attore protagonista Clint Eastwood. Ma non c’erano abbastanza soldi. Si ripiegò su una palestra in disuso a Brugugnate di Sotto, e sul caratterista dialettale svizzero Pier Crotto Impallomeni Bernasconi. 


In realtà i soldi a un certo punto erano pure saltati fuori (strani magheggi e acrobazie fiscali, voi fatevi gli affari vostri), ma purtroppo nel frattempo Alcatraz era stata demolita, e quanto a Clint Eastwood, pare si rifiutasse categoricamente di interpretare la parte di uno che si chiama Peppuzzo Mascarpone detto U Fetente. Per l’Impallomeni Bernasconi, invece, non sussistevano problemi. Aveva da starci dietro al mutuo, tra l’altro.


Stereotipo dell’arrivo (1): Peppuzzo Mascarpone detto U Fetente arriva a Rocca Ducazza in una notte di tempesta. Naturalmente. Ne avete mai visto uno arrivare col bel tempo? È stato trasferito a Rocca Ducazza (massima sicurezza) perché negli altri posti aveva rotto i coglio…ehm… aveva combinato dei casini. Pare rubasse le figurine agli altri detenuti e facesse scherzi di cattivo gusto in mensa (un paio erano morti avvelenati, ma di striscio). Al suo arrivo le guardie esibiscono delle gran brutte facce. Forse per via della tempesta. Forse perché il Napoli ha perso per un rigore che non c’era. Forse perché per vivere gli tocca fare le guardie carcerarie a Rocca Ducazza. La faccia di Peppuzzo Mascarpone è se possibile ancora più brutta. Fanno a gara, diciamo. Diciamo che pareggiano.


Da Rocca Ducazza (massima sicurezza) non è mai evaso nessuno.

Anche perché si mangia abbastanza bene.

Ci hanno provato un paio di pirla o tre. Un paio li hanno seccati dalla torretta coi fucili di precisione. O tre è annegato.


Il Direttore è uno stitico, sadico e represso. Quando riesce a liberarsi è più contento. 

Ma ciò accade raramente. Pare abbia anche l’alito molto molto cattivo. (Inquadrare per un fuggevole istante la foto della moglie sulla scrivania, per spingere il pubblico a pensare: poveraccia, speriamo per lei che sia almeno già morta da un pezzo e non soffra più.)


Stereotipo dell’arrivo (2)

Uno sgherro con la faccia da settantenne (ma quando vanno in pensione?) ordina al nuovo arrivato di svuotarsi le tasche.

Sono già vuote.

Ad eccezione di: una gomma più volte masticata, un fazzoletto imbrattato di moccio, uno stronzo di gomma. (Speriamo non lo veda il Direttore, o potrebbe favoleggiare allusioni e impermalirsi).

Uno sgherro con la faccia da ottantenne (ma quando vanno in pensione?) ordina al nuovo arrivato di firmare un documento.

Ma lui è analfabeta.

Metti una croce.

Non la so fare.

Mi prendi per il culo?

No, sono anche discrocico. È scritto lì.

Fai un puntino.

Sono dispuntico. È scritto lì.

Come fai a sapere cosa c’è scritto lì se sei analfabestia?

Insomma, stiamo qua fino a domani mattina o la pianti?

Va bene la pianto.

Se vuoi faccio un disegno di tua mamma che me lo succhia. Quello lo so fare.

Lo sgherro non raccoglie la provocazione.

Si è addormentato.

Uno sgherro con la faccia da novantenne (ma quando vanno in pensione?) gli ispeziona le balle in cerca di piattole e altri parassiti minchiali e i capelli in cerca di pidocchi. Trova sia gli uni che gli altri. I parassiti minchiali sono così tanti che lo sgherro gli spara per legittima difesa una badilata di calce viva. I pidocchi sono talmente grassi che lo sgherro si spaventa, gli prende un colpo e muore. (Aveva davvero novant’anni).


Altri stereotipi carcerari assortiti. La conta dei detenuti. Le guardie sanno contare piuttosto bene: il primo mattino devono rifare la conta solo cinque volte, e alla fine i conti tornano. Cioè ne manca uno ma si è impiccato. Succede. 

Risse in sala mensa: poca roba, un accoltellato con la forchetta e via (si dice afforchettato o non sta bene?). Succede. Non è mica colpa mia. 

Gerarchie e clan a Rocca Ducazza (impararle subito bene per non avere guai): nel tombino in mezzo al cortile nell’ora d’aria possono sputare soltanto i camorristi. I neri (si dice i neri) possono scorreggiare liberamente, ma tenendosi ad almeno quattro metri dal suddetto tombino. Per i lituani (lituani si può dire?) c’è un muretto apposta dove possono sedersi e chiacchierare di faccende lituane. Non ci sono lituani. Gli assassini si siedono dove vogliono. Gli altri è meglio se si spostano. Molto meglio.


Stereotipo della doccia. Ci sarà il solito omone laido mezzo pelato e peloso che tenterà d’inchiappettarsi Peppuzzo Mascarpone detto U Fetente col trucco della saponetta. Qui il regista insiste per un colpo d’originalità geniale e rivoluzionaria, cioè a suo modo di vedere l’omone laido se lo inchiappetta, e senza problemi. Ma gli stereotipi vanno rispettati: un protagonista di dramma carcerario che si rispetti non può prenderlo nell’ano. L’omone laido le prende. Poi vorrà ovviamente vendicarsi. Ovviamente le prenderà un’altra volta. Ovviamente Peppuzzo Mascarpone finirà dritto in isolamento anche se non è colpa sua. Eccetera. (Se il regista insiste con ‘sto fatto dell’originalità anale, sostituirlo col regista in panchina).


Il Direttore riunisce tutti per un discorsetto a tradimento. Lo fa per usare impunemente la parola feccia, che chissà perché gli piace molto.

Feccia? Aspetta e spera, sussurrano beffardi quelli al corrente di quel certo suo problemino.


Scena clou. (Serie di scene clou). Nottate solitarie in cella. (La cella di Peppuzzo Mascarpone, quella fissa, dopo l’isolamento e le solite, inevitabili – in tutti i sensi – scrosciate d’acqua contundente che ci si becca in isolamento. Due maroni). 

Prima notte. Peppuzzo Mascarpone è insonne. A un tratto vede uscire dalla griglia dell’aerazione in fondo alla cella una specie di blatta. La osserva corrucciato e pensieroso.

Seconda notte. Peppuzzo Mascarpone è insonne. A un tratto vede uscire dalla griglia dell’aerazione in fondo alla cella un porcellino d’india però abbastanza nano. Lo osserva corrucciato e pensieroso.

Terza notte. Peppuzzo Mascarpone è insonne. A un tratto vede uscire dalla griglia dell’aerazione in fondo alla cella un fagiano tutto arruffato. Lo osserva corrucciato e pensieroso. Vuoi vedere che…

Quarta notte. Peppuzzo Mascarpone ronfa della grossa. Cazzo, eran tre notti che non dormiva. 

Quinta notte. Peppuzzo Mascarpone è insonne. A un tratto vede uscire dalla griglia dell’aerazione in fondo alla cella un tapiro e un cervo. Leggermente obesi. Li osserva corrucciato e pensieroso. Il suo corrucciato pensiero è: minchia, vuoi vedere che c’è spazio per scavare un passaggio e allontanarsi nella notte stando attenti alle fucilate e alle acque tempestose e gelide, lasciando un pupazzo di cartapesta al mio posto sulla branda, che tanto le guardie sono anzianotte e tengono problemi di cataratta?

Sesta notte. Peppuzzo Mascarpone sente dei rumori. Sono gli operai mandati dal Direttore a tappare eventuali falle nella situazione cunicolare. Tutte quelle bestie in giro avevano finito col dare nell’occhio.


Stereotipo delle sigarette. Fra i detenuti si paga tutto in sigarette: debiti di gioco, favori, pompini, mercato nero (di pacchetti di sigarette). Nessuno fuma, a parte un paio di pirla. Alla fine le sigarette occuperanno ogni interstizio di Rocca Ducazza, rischiando di farla scoppiare.


Fra i guardiani vigeva una sorta di nonnismo arrotolato su se stesso. Come il gioco carta pietra forbice. Le guardie ottantenni mettevano sotto le guardie settantenni. Le guardie novantenni mettevano sotto le guardie ottantenni, ma erano messe sotto dalle guardie settantenni, più che altro per motivi scheletrico-articolar-muscolari. Alcuni erano esentati dal subire nonnismo. Per esempio quelli sulle torrette coi fucili di precisione. E comunque è un fatto: come sostiene il sorciologo Ratthausen nel famoso saggio “Non sono io che so tutto, siete voi che non capite un cazzo”, gli stronzi esseri umani cercano di continuo qualcuno da angariare. 

E lo trovano.


Nel frattempo non succede granché. Solito trantran. Un macedone zoppo distribuisce giornali vecchi, libri di Tolstoj e pornazzi con un carrello della spesa. (Mentre un libraio/giornalaio/pornaio claudicante vorrebbe distribuire macedonia, ma gli viene negato il permesso di farlo). Perché un carrello della spesa? Che ne so. Sono stereotipi. Un poverazzo urla in preda agli incubi tutte le notti (è inevitabile). Ci sono due o tre ammazzatine. (Capita). Il Direttore devono essere sei o sette giorni che non si libera. Meglio non contraddirlo.


Ora dovete sapere che a Rocca Ducazza è ospite per una mezza dozzina di ergastoli anche un pittore. Il pittore (come stereotipo comanda) è un buon vecchietto simpatico che vuol solo dipingere. Ma allora (come ogni stronzo domanda) perché si è beccato sei ergastoli? Che ne so. Avrà strozzato qualcuno per distrazione. Gli avranno rotto un po’ troppo le balle mentre dipingeva, cose così. Che vuoi che sia. Comunque questo vecchio pittore va dicendo in giro a tutti che sta dipingendo un ritratto del Direttore. Ma tutti quelli che lo vedono all’opera si rendono conto che quello che sta dipingendo è un gigantesco pene con le orecchie. Finirà male, ma che ve lo dico affà? E il bello è che gli manca una settimana per scontare la pena (in Italia gli ergastoli sono per finta). Qualcuno prova ad avvertirlo. Dopo che hanno provato ad avvertirlo, il pittore dipinge il pene ancora più grande e con la faccia da stitico. Tiè.


Giorno di visite. A trovare un detenuto vengono gli Addams al completo. A trovare altri detenuti arriva gente messa pure peggio. Famiglie parecchio disagiate. A trovare Peppuzzo Mascarpone non viene un accidente di nessuno. Anche perché la famiglia lui l’ha sterminata preventivamente fino all’ottavo grado un giorno che non sapeva cosa fare. Per allenarsi. Per tenersi allenato. O magari per assicurarsi di non dover subire in un futuro questa minchiata deprimente delle visite.


Intanto, si registra il quarto tentativo d’evasione nella storia di Rocca Ducazza.

Un topo d’appartamenti nano (figlio di putnana per parte di madre) era scappato dal buco del gatto. 

Era poi caduto nello strapiombino.

Porcodù.

Il Direttore s’era mangiato i pezzetti a colazione.

Poi prugne su prugne.

Ma niente: anche stamattina la cacca si farà domattina. Dannazione.

Questo complicava i piani di fuga.

Le guardie diventarono nervose.

Quello sulla torretta lucidava il fucile.

Con amore.


E lo strapiombino da dove diavolo salta fuori?, si tormentava Peppuzzo Mascarpone. Dettò a sé stesso un promemoria mentale: oltre alle fucilate e alle acque tempestose e gelide, fare attenzione pure al maledetto strapiombino. Vaffanculo.


A volte il Direttore si chiedeva se una stitichezza così molesta non costituisse (costipasse? costicazzi?) un reato da confessare.

Dimmi i tuoi peccati, figliuolo.

Son tre giorni che non cago.

Non ti sento abbastanza pentito.


Stereotipo dell’ispezione a sorpresa nelle celle. 

Suspense! Peppuzzo Mascarpone suda merda come se gli avessero tirato in testa una granita al tamarindo, ma le guardie non si accorgono di niente: il tunnel che Peppuzzo sta ri-scavando con un pettine e mangiandosi i detriti (da cui una stitichezza da far concorrenza a chi sappiamo) è ormai largo da farci passare una Grandepunto con una piccola roulotte, ma l’ingresso è molto ben occultato da un mezzo rotolo di carta igienica. 

Bestie per fortuna in quel momento non ne arrivano.

Nella cella del vecchio pittore si è appena installato il Direttore in persona. Aria pesante. Tragedia imminente.

E quello che cazzo sarebbe?

Un autoritratto, prova a salvarsi in corner il vecchio pittore, in un rigurgito di viltà conservativa.

Chi credi di ingannare, testa di cazzo? Si vede benissimo che quel pene è stitico. Te la farò pagare.

Dopodiché… Come? Cooome?!


Ecco, lo sapevo. Nel frattempo la sovvenzione regionale se l’è pappata un’altra produzione più ammanicata. ‘Sto film non si fa più.


Peccato.


sabato 30 gennaio 2021

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": STALLE & STRISCE (frammenti finali)

MOMENTI FLASH PER PROMO DELLA SERIE


Donna con zoccolacce di legno dai tacchi alti con cinghiale terminale senza museruola e marito catatonico.

“Bisogna mettere fine alle sue sofferenze”.

“Non può mettere fine a quelle di mio marito?”

“Purtroppo no”.


Donnona sformata con ratto morto, in lacrime (la donnona).

“Faceva parte della famiglia”.


Padre e figlio (1)

“Ingozzati di meno, cristodundio, sembri il figlio del salumaio, non di un medico famoso!”

“Mio padre è una personalità di tipo A. Lo idolatro come un dio-eroe-highlander, ma a volte è difficilino da sopportare”.


Vecchietto coi baffi a manubrio distrutto dall’eutanasia del chihuahua, appoggiato al bancone dove (ogni tanto) si paga.

“Faceva parte della famiglia”

“Trecentocinquanta dollari, grazie”.


Visite in fattoria. Contadino con sette marmocchi maleducati e chiassosi e moglie di nuovo incintissima.

“Qui bisogna assolutamente castrare, signora”.

“Il maiale?”

“Se vogliamo chiamarlo così…”


Allevamento improvvisato da famigliola giuliva tipicamente merregana.

“Non sappiamo nemmeno cosa dargli da mangiare, Doc. Sono maiali foréicch!”

“Maiali che?”

“Foréicch!”

“Ah già! Gran programma, per la crescita dei nostri figli!”.

[Mai nessuno che spieghi bene allo spettatore europeo cosa diavolo sia questa associazione “4H”, e come mai i bambini bifolchi merregani allevino maiali per farli sfilare nelle fiere come fotomodelle].


Padre e figlio (2)

“Non dire niente alla mamma, ho una sorpresa per il suo compleanno: le ho fatto forgiare una scimitarra di piombo”.

“Mangia meno, pirla”. 


Uno zoticone incartapecorito appoggia un trasportino rosa sul tavolo dell’ambulatorio. È vuoto.

“Cazzo, ho dimenticato a casa il gatto!”

“Sono 350 dollari”.

“Cooooosa?!”

“È una legge del 1777: trasportino appoggiato medico pagato”.

“Va bene. Ma poi torno col fucile semiautomatico e faccio una strage. Ammazzo anche il tacchino”.

“Quale tacchino?”

“Vi ammazzo tutti”.

“Fagli lo sconto Bess”. (Qui il Doc ammicca).


“Doc, ne può salvare almeno un pezzetto? Io lo amavo, questo cavallo”.

“Le posso imbalsamare la minchia, se ho capito bene la situazione”. (Anche qui il Doc ammicca).

“Uau”.


Donna con la faccia di cane, e due alani che di faccia le somigliano, ma più in bello.

“Fanno parte della famiglia”.

“Per forza”.


FRAMMENTI TAGLIATI E FINITI CLANDESTINAMENTE SUL WEB


Alt! Stop! Fanculo! Qui devi dire che la bestia fa parte della famiglia!

Mi rifiuto di dire una simile stronzata! È banale! La dicono tutti!


Ma dove l’avete messo il suino? È sua quella coda che emerge dalla palta?

Fa parte della fanghiglia.

Cosa?

Fa parte della fanghiglia.

Ostia.


Anziana coppia cagnuta con divergenze.

(LEI) È l’animale più intelligente del mondo.

(LUI) Se fosse così intelligente non abbaierebbe da dodici anni allo stesso postino. Avevo un criceto mongoloide che capiva più cose.

(LEI) Ma fa parte della fucking famiglia.

(LUI) Allora me ne vado io.


IN MEMORIA


Il figlio, in lacrime, mentre s’ingozza di hotdog al chili.

“Amava così tanto le castrazioni… Si divertiva molto con le tenaglie, ma anche soffocare quei testicoli del cazzo con gli elastici stretti gli dava gran soddisfazione.

A volte nel sonno mimava le tenaglie e urlava: “Taja, zio schifoso!” Allora la mamma gli spaccava sulla testa un abat-jour, ma senza cattiveria.

Nel 2019 ha raggiunto il suo record assoluto di castrazioni. 27.839. Era così scatenato che un giorno per poco non taglia via tutto anche a me.

Dopo è morto”.


SCENA STRAPPALACRIME FINALE


Le ho portato la mia seppia. Credo avesse la bronchite, ma durante il viaggio è peggiorata.

Ma caz(BIP!), l’avete portata così, a secco? Vogliono sempre l’acqua le seppie, ch’io sappia.

Mi prende per il cu(BIP!)?

Vediamo che si può fare. 

Fa parte della famiglia, porca paletta.

Già che ci siamo, castriamola!

Anche se è morta stecchita?

Castrare è sempre una buona cosa.

Ti voglio bene, Doc

Sono 350 dollari.


lunedì 25 gennaio 2021

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": SEMO TUTI SCRITORI

Scuola per Scrittori Dostodickens in Tirana. 

Ti aspettiamo numeroso sul nostro sito!


Consiglio numero 1 

5 euro + iva. Metti nel carrello.

Complimenti! Pagamento con fessocard verificato. Ti arriverà una mail col consiglio.


Consiglio numero 1:

Procurati un quaderno. (Li vendiamo anche noi, molto belli).


Consiglio numero 2 

5 euro +iva. Metti nel carrello.

Complimenti! Pagamento con fessocard verificato. Ti arriverà una mail col consiglio.


Consiglio numero 2:

Ci vuole anche una penna.


Ma se preferisci puoi usare il computer, naturalmente. La macchina da scrivere no, non la usa nessuno, sappilo: molti scrittori lo affermano per posa da fighetti, ma non vorrai metterti a pestare su quei tasti come uno scimpanzé ubriaco disturbando tutto il vicinato col rumore, vero? (Se scrivi con la tastiera del cellulare sembrerai un po’ pirla, ma si può fare).


Complimenti, Aspirante Scrittore Fabbio De Furbis! Ora sei pronto per le Lezioni di Scrittura vere e proprie!


Lezione numero 1

12 euro + iva. Metti nel carrello.

Complimenti! Pagamento con fessocard verificato. Ti arriverà una mail con la Lezione.


Lezione numero 1:

Impara almeno tre parole nuove ogni giorno.

Le parole nuove di oggi sono imperscrutabile, bizzoso e sucaminchia. Cercale sul vocabolario o dove vuoi tu, e poi, come Esercizietto, componi dieci frasi che contengano le parole imperscrutabile, bizzoso e sucaminchia. Anche in differenti ordini.


Newsletter gratuita:

Complimenti, Fabbio De Furbis, hai conquistato la tua prima stella e il grado di Allievo Scrittore! Continua con le nostre Lezioni, e metti nel mirino il prossimo obiettivo: la seconda stella, e il grado di Scrittore Alle Prime Armi!


Lezione numero 2

27 euro + iva. Su, non fare lo stronzo, e metti nel carrello senza indugio.

Complimenti! Pagamento con fessocard verificato. Ti arriverà una mail con la Lezione.


Lezione numero 2:

Imparare a descrivere in modo originale. Descrivi la tua cucina dal punto di vista di una mosca, di un venditore di ammazzamosche, di un maestro di scrittura creativa venuto a portarti via i tuoi ultimi 27 euro. Prima però dài una pulita: si vede da qui che fa schifo.


Newsletter gratuita:

Caro Allievo Scrittore Fabbio De Furbis, come tu ben saprai l’organizzazione e il buon funzionamento di una attività meritoria come insegnare l’Arte e il Mestiere della Scrittura richiedono ingenti sforzi finanziari per pagare stipendi a segretarie, maestroni di scrittura e altro personale vario, nonché per tenerci sempre aggiornati sulle nuove tecniche narrative e al passo coi tempi per una maggiore efficienza informatica. Per questo ti chiediamo un piccolo contributo una tantum, che siamo sicuri non vorrai negarci: la chiusura della Scuola per mancanza di fondi impedirebbe a tanti altri giovani artisti in bozzolo di poter usufruire delle stesse opportunità che stanno per fare di Te un immenso autore acclamato nel mondo. Alleghiamo vaglia precompilato da 140 euro. Grazie per la tua sensibilità e la tua generosità! Riceverai in cambio il simpatico adesivo del Mecenate, un pupazzetto di Ippolito Nievo che si lava le orecchie e il prezioso Attestato di Sostegno alle Arti da sbattere sotto il naso dei tuoi amici illetterati per farli schiattare d’invidia.


Lezione numero 3

45 euro + iva. Su, non fare lo stronzo, e metti nel carrello senza indugio.

Complimenti! Pagamento con fessocard verificato. Ti arriverà una mail con la Lezione.


Lezione numero 3:

Oggi tema libero. Scrivi un po’ quel cazzo che ti pare.


Newsletter gratuita:

Complimenti, Fabbio De Furbis, hai conquistato la tua seconda stella e il grado di Scrittore Alle Prime Armi! Acquista Lezioni e/o Esercizietti per altri 350 euro e conquisterai la terza stella, e con essa il grado di Scrittore Inedito Molto Promettente.


Lezione numero 4

98 euro + iva. Su, non fare lo stronzo, e metti nel carrello senza indugio.

Complimenti! Pagamento con fessocard verificato. Ti arriverà una mail con la Lezione.


Lezione numero 4:

Leggere è importante quanto scrivere, anzi, di più. Per questo abbiamo approntato, su misura per te, un vantaggioso abbonamento (solo 132 euro mensili) che ti permetterà di abbeverarti alla fonte dei migliori scrittori usciti da questa Scuola (un giorno, molto presto, potresti essere uno di loro!) ricevendo direttamente e comodamente a casa, entro il 20 di ogni mese, una selezione delle loro più recenti pubblicazioni. Nel primo pacco troverai le poesie lassative del grande Aristogitone Sbucciacapra, le imperdibili ricette gastroerotiche di Catenella Cocilomo Lopez, e l’intera serie di romanzi polizieschi con protagonista il commissario portoghese Ventoso!



Lezione numero 5

134 euro + iva. Su, non fare lo stronzo, e metti nel carrello senza indugio.


Newsletter gratuita:

Non arrenderti proprio ora che sei vicino alla meta, Scrittore Alle Prime Armi Fabbio De Furbis. Rimani aggrappato al tuo sogno! Ci risulta che da oltre dieci giorni hai sospeso l’acquisto di Lezioni ed Esercizi. Credevamo molto in te e nelle tue capacità, quindi solo per te formuliamo questa incredibile offerta speciale: per soli 18 euro + iva un pacchetto gigante con tre (tre!) nuove Lezioni e sei (sei!) nuovi Esercizietti per perfezionare il tuo già elevato Livello Autoriale! Non perdere una simile opportunità!


Newsletter gratuita:

Hai un romanzo già pronto nel cassetto? Cogli al volo l’incredibile occasione che abbiamo pensato per te! Partecipa al nostro concorso per Scrittori Alle Prime Armi, il “Gran Premio Dostodickens”, giunto alla settima edizione! Inviaci il tuo romanzo dopo aver provveduto al piccolo versamento con carta di credito di 170 euro come tassa di lettura! Per il vincitore è previsto un incredibile premio di 25.000 euro*!!


* (la somma non sarà erogata in denaro, bensì in preziose consulenze dei nostri espertoni editoriali, tra cui un irrinunciabile editing preventivo che permetta al tuo capolavoro di essere sottoposto all’attenzione delle Case Editrici con molte più possibilità – anzi, quasi la certezza – di successo!)



Newsletter gratuita:

Non arrenderti proprio ora che sei vicino alla meta, Scrittore Alle Prime Armi Fabbio De Furbis. Rimani aggrappato al tuo sogno! Ci risulta che da oltre venti giorni hai sospeso l’acquisto di Lezioni ed Esercizi. Credevamo molto in te e nelle tue capacità, quindi solo per te formuliamo questa nuova incredibile offertissima speciale: per soli 9 euro + iva un pacchetto gigante con tre (tre!) nuove Lezioni e sei (sei!) nuovi Esercizietti per perfezionare il tuo già elevato Livello Autoriale! Non perdere una simile opportunità!


Newsletter gratuita:

Non arrenderti proprio ora che sei vicino alla meta, Scrittore Alle Prime Armi Fabbio De Furbis. Rimani aggrappato al tuo sogno! Ci risulta che da oltre trenta giorni hai sospeso l’acquisto di Lezioni ed Esercizi. Credevamo molto in te e nelle tue capacità, quindi solo per te formuliamo questa nuova incredibilissima offertissima specialissima: per soli 4 euro + iva un pacchetto gigante con tre (tre!) nuove Lezioni e sei (sei!) nuovi Esercizietti per perfezionare il tuo già elevato Livello Autoriale! Non perdere una simile opportunità!


Newsletter gratuita:

Ma brutto stronzo: sei morto o cosa?

© Nicola Pezzoli 2020


martedì 19 gennaio 2021

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": GLI OSSIGENISTI

A quarant’anni suonati Fabbio De Furbis, forse plagiato da qualche testa di cazzo sul web, si decise a compiere il grande passo e a diventare ossigenista.


L’ossigenismo, come voi ben sapete, va sostenendo che nell’aria è già presente tutto il necessario per nutrirci e sopravvivere, e che il bere e il mangiare sono bisogni creati ad arte dalle multinazionali dell’acqua minerale e della alimentazione per mettercelo portafoglisticamente parlando nel culo. 

Nell’aria, sostengono i guru dell’ossigenismo, c’è già tutto: l’umidità per bere, e miliardi di microparticelle e spore vaganti di cui nutrirsi (“l’aria per gli uomini è come il microplancton per i pesci”, è il ritornello più volte ripetuto dagli ossigenisti).


Gli ossigenisti, nell’assumere le loro pose da savonarola saccenti e moralisti contro tutti coloro che bevendo e mangiando consumano inutilmente il mondo per un capriccioso sovrappiù di edonismo e voracità, si attaccano anche all’esegesi biblica: guarda caso, sostengono con la loro abituale e non sempre sopportabile savonarolaggine, il Creatore ha infuso nel primo uomo il soffio vitale, mica c’è scritto la cotoletta vitale, l’albicocca vitale o la ferrarelle vitale!


Fabbio De Furbis assorbiva queste cazzate e annuiva, diventando di ora in ora più saccente e moralista nei confronti di tutti gli stronzi egoisti non ossigenisti, di minuto in minuto più savonarolesco e insopportabile nei confronti di tutti quei “farabutti senza morale che si approfittano senza ritegno delle povere #sorgenti, delle povere #uova, delle povere #lepri in salmì, dei poveri #ravanelli. [essendo un classico imbecille dei tempi nostri, Fabbio De Furbis non risparmiava, e non ci risparmiava, nemmeno nel parlato, l’uso e l’abuso dell’odioso cancelletto, altrimenti detto hashtag] Credete forse che lo scopo della vita di un #ravanello sia finire sgranocchiato dai vostri avidi #incisivi, smembrato dai #canini, maciullato dai #molari, corroso e disciolto dai vostri #succhigastrici, e infine cagato dal vostro #culo? Ravvedetevi, vergognosi #onnivori! E voi bevitori di #acqua: lo sapevate che i #deserti sono colpa vostra, i #fiumi in secca vostra precisa responsabilità, il #mestruo arido e grumoso di mia zia un vostro crimine che grida vendetta?”


L’ossigenismo era anche un ottimo sistema per dimagrire.


Un’ossigenista ex culona pentita cinquantenne affermò orgogliosa e commossa di essere appena riuscita a infilarsi un costume da bagno di quando aveva sette anni o forse meno.

Gli ossigenisti disprezzano i mangiabevisti, e sognano un mondo futuro in cui il mangiabevismo sia proibito dalla legge e severamente sanzionato.


Quando un ossigenista incontra un mangiabevista gli fa un lungo e fastidioso predicozzo.

Quando un mangiabevista incontra un ossigenista di solito può scegliere fra dargli una pedata nel culo o una forte vangata sulla testa.

Sempre più ossigenisti preferiscono fare i loro lunghi e fastidiosi predicozzi sul web.


Al suo secondo giorno da ossigenista Fabbio De Furbis prese a dire meno #cazzate per fare meno fatica e risparmiare preziose energie vitali.

Al suo terzo giorno da ossigenista Fabbio De Furbis prese a respirare molto forte a bocca molto aperta, divaricando le mandibole come uno squalo filtratore, nella speranza di catturare qualche moscerino se c’era e un po’ di pioviggine o di nebbiolina se c’era.

Al suo quarto giorno da ossigenista Fabbio De Furbis cominciò ad avere qualche dubbio, ma non si arrese.

Al suo quinto giorno da ossigenista Fabbio De Furbis si afflosciò e morì.

© Nicola Pezzoli 2020


lunedì 11 gennaio 2021

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": LE STORIE SONO FINITE

 1.


Allora bambini, Cappuccetto Rosso è la storia…

Fico maestra! Mi piacciono le storie!

Bene

Anche la mamma le posta, di continuo, non fa altro che storie

Tua mamma è autrice?

Non so

Come non sai

Papino dice che è un po’ troia, va bene lo stesso?

Ma Maicol!

Allora, com’è questa storia? C’è solo la foto di un cappuccino oppure…

Cappuccetto Rosso, non cappuccino, è una ragazzina che

Uau! E tu la followi?

La che?

La segui?

Macché seguo… È il lupo che la segue.

Ah, okkèi, il lupo! Fico maestra. È un tuo nick o è un amico tuo?

Ma che ca…

Ci hai messo il like?

Vuoi lasciarmi raccontare? C’era una volta…

Ma poi perché ‘sta qui ha il cappuccio rosso, maestra? Non sarà mica una roba comunista?

Macché

Papino dice che peggio dei comunisti ci sono solo i gender froci

Non ho parole

In questa storia si vede la gnocca?

Cooosa?

Perché se non si vede un po’ di gnocca inutile perder tempo.

Ma cosa dici!

Almeno le tette!

Maicol!

Almeno una, di tettazza… Fammi uno scrìnsciot, dài

Ma ti do uno sganassone, altro che scrìnsciot

La gnocca, vogliamo vedere la gnocca!

Ma Maicol! Hai sette anni!

E tu sei una vecchia rincoglionita giurassica di trenta

Ma la vuoi smettere di comportarti così? Abbi rispetto!

Inutile rincoglionita, ma quando muori? Schiatta in diretta, che ci facciamo un video!

Maicol, esci e vai dal preside!

Col cazzo, sono in pieno fortnite, non rompere i coglioni vecchia vacca


2.


Prima pagina del Gazzettino Sera

MAESTRA TENTA DI STRANGOLARE ALUNNO

DOVE ANDREMO A FINIRE?


© Nicola Pezzoli 2020


lunedì 28 dicembre 2020

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": MINI EDEN

Era un dio molto minore, non aveva nemmeno il permesso di portare la d maiuscola e nel club degli dèi lo facevano entrare ma di malavoglia e mai di giovedì, e al club subiva spesso atti di bullismo e scherzi da prete. Ma volle cimentarsi anche lui nella creazione del suo mini Eden in piena regola. Il giardino era di quattro metri per sei (di cui due terzi proibiti), e molto ben recintato. L’uomo e la donna creati per viverci dentro si chiamavano Andamo e Indóva. Era proibitissima anche una piantina di pomodorini, abbastanza striminzita, che agonizzava proprio in mezzo all’orto. Va bene, non si chiamava orto. Volevo vedere se stavate attenti. In mezzo a quella roba lì. In mezzo al mini Eden, contenti? In linea di massima stava in mezzo alle balle. Già c’è poco spazio per passare. Se poi la piantina di pomodorini me la cacci proprio lì. Con quella rete di protezione di fildiferro verdescuro bassa e stortignaccola tuttintorno, che mio zio la faceva meglio…


Indova continuava a caramellare la minchia di Andamo per convincerlo a cogliere qualche pomodorino e farci una salsina o peggio. 

Perché non te li cogli tu?

Perché sono una donna. Io rompo i coglioni, tu cogli.

Vabbè, se la metti così.

Così e pomì. Zitto a cogli. Mutismo e rassegnazione. Ràus!

Fammi almeno finire il libro.

Non ci sono libri, lo sai. ‘Sto qui vuol creare direttamente uazzàpp e il 5G, così da rincoglioniti ci controlla meglio, e ci localizza col gps quando vuole fulminarci. Ma ci sarebbero poi sempre da raccogliere quei pomodorini…

Andamo provò a nascondersi, a fingersi un pinguino morto e a cambiare aria, ma non c’era verso, ogni due secondi s’incontravano.

Com’è piccolo il mondo!

Allora, ‘sti pomodorini?

Alla fine lui si ruppe e colse. Che male vuoi che ci sia? Questo dio molto minore sembra avere una mente ristretta, ma non sarà così tignoso! E poi è svagato. Nemmeno se ne accorgerà.


“Porcoqui porcolà!” disse il dio molto minore tre minuti dopo. “Le mie piantine di pomodorini!”

Te pareva.

Non si dice porcolà lo redarguì Andamo.

E non si esagera coi diminutivi! lo redarguì Indova (facendogli balenare l’idea di creare l’editor, questa figura indispensabile che redarguisce gli scrittori, idea che per fortuna accantonò in un cantone).

Avete finito di redarguire, stronzi? Non l’ho nemmeno ancora creato, il verbo redarguire! I miei pomodorini, Cristo!

E quest’altro chi è? si domandò Andamo.

Non si dice porcoqui lo redarguì Indova. E non si inseriscono nuovi personaggi a tradimento, che poi bisogna gestirli!

Dico quel cazzo che mi pare. I miei pomodorini! Bastardi!

Facevano cagare, spiegò Indova. Se lo sapevo mica ci perdevo tutto quel tempo a pelarli e a togliere i semini. Se avessi la gentilezza di levare la piantina e metterci una pozzanghera, potrei fare un poco di acquagym per mantenermi in forma.

“Te tu troia ti cresceranno le unghie, e te tu te le dovrai tagliare con molto dolore, e con forbicine che non ho ancora creato e se non mi viene il buzzo di crearle col cazzo che le trovi all’esselunga!” minacciò il dio molto minore. “E quanto a te, mammalucco, ti verranno sette o otto malattie invalidanti che sto giusto per creare e creperai d’infarto per la preoccupazione, ma prima farai pure il servizio militare obbligatorio, tiè”.

Non vale, protestò Andamo, a lei di meno!

Di meno un cazzo, rispose il dio molto minore, sai quanto soffre una donna se non trova le forbicine? Quasi quanto un dio molto minore se gl’inculano i pomodorini. E se mi gira non creo neppure la limetta e gli smalti colorati.

Allora okkkèèi disse Andamo.


Poi inciampò e morì. 

Ma non prima di aver generato Mastino.

Che ammazzò Ebetino.

Che nel frattempo aveva generato (al volo e per un pelo) Pino.

Che generò Pasquale.

(Come facciano non si sa: magari si scopano i pomodorini femmina, che ne so). 

Pasquale generò Natale detto Natalino.

Natale detto Natalino generò Carne Vale. 

Carne Vale generò Ferro Augusto (ecco perché tutte quelle noiosissime feste).

Ferro Augusto generò Katerpillar. 

Katerpillar generò Quater Pirla.


Intanto il dio molto minore aleggiava, imperversava, metteva alla prova.


“Pasquale! Prendi il tuo unigenito Natalino, sgozzalo per bene, scuoialo e cucinalo!”

“Vaffanculo”.

Per esempio.


“Giobbe! No, lasciamo perdere.”


“Mario!”

“Non c’è”.


Creò la sinapsi, l’episteme e la maieutica (senza offesa).

Non capiva cosa cavolo fossero.

Le discreò.

Non facciamo figure.

Non creiamo cagate per fare il di più.

Che poi al club se ne accorgono e ce la menano.


Porco Giuda!

Veramente… mi chiamo Timmy, disse con timidezza risoluta il porcello.

Ah sì? Allora, per punizione…

Punizione de che?

Lo sai benissimo.

Guarda che io non li ho toccati, i pomodorini del cazzo.

Fa niente, stai punito lo stesso.

Perché?

Perché mi stai antipatico.

Ah, ecco

Per punizione sarai così idiota da farti una loffia casa di paglia, e allora il lupo…

La so già la storia, la so, disse il suino rassegnato e depresso, a grugno basso.

Come, la sai.

È così anche in tutti gli altri mondi. Voi dèi non avete fantasia. Uffa.


Ma senti un po’, piuttosto… mi hai per caso fatto a tua immagine e somiglianza?

Cooooosa?!

No, dico, senza offesa, mi pare che un po’ ci somigliamo, alla lontana.

Questa cosa non mi piace. La chiamerò “bestemmia”. E adesso che mi hai fatto incazzare creo il wurstel. Tiè.


La situazioncina sfuggì al suo controllo.

I Quater Pirla in men che non si tromba diventarono una decina di miliardi. 

Ci avevan preso gusto.

Il piccolo Eden minacciava di esplodere.

E non era più mica tanto Eden.

Se mai lo era stato.

La gente puzzava, si accalcava, si calpestava, si convertiva a religioni sempre più strane, volavano calcioni e manrovesci e la minaccia del cannibalismo si faceva prepotente. Inventarono anche i motori diesel, tanto per rompere il cazzo.

Il dio molto minore non sapeva più che fare. Per tenerli buoni creò il lavoro a maglia e il bricolage. Ma tutti quei ferri aguzzi e quei martelli venivano spesso usati per altri scopi.

La creatività sfuggì al suo controllo.

Venne creata la Sampdoria. Le cozze gratinate. I telequiz. Lo spritz. Il lardo vegano (Timmy esultò, altri un po’ meno). Il tubo di cartone per avvolgerci la carta igienica.


Promemoria: adesso toccherà pure creare questa cazzo di carta igienica. Cosa diavolo sarà?


Vennero fondate associazioni a perdita d’occhio.

Una si chiamava Nessuno Tocchi Mastino.

Troppo tardi: il dio molto minore l’aveva già accoppato a calci nel culo.

(Ogni tanto una giusta la combinava anche lui).


Il dio molto minore diventò vieppiù dispettoso:

le serpi velenose

le zanzare

la tartaruga puzzona (subito estinta per autoasfissia)

le merduse

la juventus

le emorroidi

il gesto delle virgolette

di maio

le cimici puzzolenti

i monopattini elettrici

il politically correct

la rana saltafuoco (subito estinta per abbrustolimento)

la canzoncina happy birthday fuck you

fiumi di imbecilli a non finire (implacabili, inestinguibili)

e certe teste di cazzo che mollami


Il piccolo Eden brulicava.

Non ci stava più uno spillo.

La concentrazione e lo sforzo, le venuzze fisiche e metafisiche sul punto di scoppiare.

Bosoni imbufaliti.

Ci fu un Big Bang della mutua, ma spaventoso lo stesso.


Una gran puzza.


Tutto in vacca.


Gli altri dèi gli revocarono il patentino.


© Nicola Pezzoli 2020


domenica 6 dicembre 2020

FAVOLOSA RECE-PEZZ SU POSTODIBLOGGO

«la malinconia intrisa di sarcasmo feroce, l'intelligenza acuta, superiore, la visionarietà assoluta, uno stare avanti quello strato di lava che ci ingloba e ci ingarbuglia mente e movimenti, mentre Nicola, un passo oltre, funamboleggia con le parole e i concetti servendoci le nostre ridicolaggini su pagine meravigliose».

Perdonate la mia vanità, ma essendomi a più riprese imbattuto, soprattutto su Fb, in persone stronzettine e invidiose che mi accusavano (preferibilmente alle spalle) di lodarmi da solo, be', quando a farlo è un Lettore esigente, appassionato e accanito come, in questo caso, Franco Battaglia, non riesco proprio a trattenermi. Fa parte di quella mia immaturità di ragazzino che non posso (non voglio?) scrollarmi di dosso.

E poi, anche se è stato postato ieri, non posso non considerarlo un regalo di San Nicola, che è oggi.

Per rispetto dell'autore di questa meravigliosa recensione, per eventuali commenti vi rimando al suo blog. 

Questo è il link per il teletrasporto.


martedì 1 dicembre 2020

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": L'ISPETTORE PETAGNA SUL LUOGO DEL DELITTO

Se il sole non era satana ci mancava poco, e se tecnicamente non era un deserto era per via della strada asfaltata male che ci passava in mezzo per biechi motivi di appalto, subappalto, Pil eccetera.

Carrellata su questa fetenzia di paesaggio incatramato e sabbioso.

Una fetenzia più piccola in mezzo alla strada.

Ma non poi così piccola.

Avviciniamo la macchina da presa, curiosi e sciacalli che non siamo altro.


Arrivò una Panda a sirena spiegata, ma spenta. (Spiegare gliel’avevano spiegato, come accendere la sirena, ma quelli non avevano capito bene. Nel corso di vari tentativi, l’equipaggio aveva comunque dato su al lunotto termico e ai retronebbia).

Scesero il sergente Imberante e l’agente Ignocille.

Chi li aveva chiamati?

Io no.

Si poteva sperare in qualcuno messo un po’ meglio?

No. E basta domande cretine.


Gli avanzi di un uomo giacevano sull’asfalto crivellati di colpi.

Parecchie sventagliate di mitra lo avevano raggiunto. 

Il cadavere doveva essere stato un omaccione, in giorni migliori. Adesso era quella roba lì sull’asfalto.

Anche l’asfalto era crivellato di buche, ma per altre ragioni.

Appalti disonesti (già detto?), incuria, intemperie, sole cocente, sfiga, catrame mescolato con farina scaduta ed escrementi di topo. Vatti a fidare.


Quando giunse sul posto l’ispettore Petagna (con la Punto di sua zia) erano già presenti in loco l’agente Imberante e il sergente Ignocille. [Già detto. E poi “sul posto” e “in loco” te li potevi risparmiare].

La zia di Petagna aveva tolto la targhetta “Punto” e ci aveva messo “Jeep 4x4”. Ma chi se ne frega.

C’erano anche dei suricati curiosi, ritti sulle zampine posteriori per curiosare meglio. Almeno, essendo suricati, non giravano video coi telefonini (“Troppo intelligenti per farlo” avrebbe detto un Konrad Lorenz).

Da dove minchia erano spuntati?

Boh. Erano lì.

Era un luogo desolato e deserto (già detto?). Si vedevano solo cadaveri sforacchiati (uno cadavero: pluralis sforacchiatis), imberanti, ignocilli, suricati, petagne, terra bruciata, quel cazzo di sole cocente. Probabilmente la terra l’aveva bruciata lui, il sole cocente, ma piano con le supposizioni, ci vogliono le prove. 

(Esperienza poliziesca, forma mentis forgiata da mille e mille e mille indagini. Tutte a vuoto).

L’ispettore Petagna appoggiò sul cruscotto il disco orario dopo averlo regolato con cura. Così, per abitudine. Poi scese dalla macchina, e prese ad aggirarsi pensieroso attorno al cadavere sforacchiato di colpi. Era ridotto a una vera fetenzia, un colabrodo infamato dalle mosche.

La Panda della pula aveva ancora il retronebbia destro acceso. L’altro non funzionava. L’ispettore Petagna si domandò se non fosse il caso di elevare contravvenzione. Decise per il momento di soprassedere.


Devono avergli sparato, proruppe a un tratto Ignocille.

(Lo chiamavano Il Perspicace).

Non formuliamo ipotesi azzardate, cazzo!, lo redarguì l’ispettore Petagna.

Domando perdonanza ispettore.

A volte Ignocille, detto Il Perspicace, parlava come il Catarella dei telefilm di Montalbano. Era un suo grande fan e lo aveva eletto a modello, non arrivando a capire che di esagerata macchietta grottesca si trattava.

Aveva comprato anche il poster.

Non era stato capace di appenderlo.


L’ispettore pensava.

L’ispettore mollò una scorreggia.

Salute!, disse Imberante.

Sto pensando!, lo redarguì Petagna.

Domando scusa, ispettore.


Quel cazzo di sole era sempre cocente. Cadavere e mosche non se ne andavano, sembravano intenzionati a rimanere lì per sempre. Una vera seccatura.

I suricati esitavano.

L’ispettore Petagna scorreggiò.

Nessuno disse beh.

Imberante! Chiami e faccia venire il coroner!

Chi?

L’autopsista.

Quale autostoppista.

Insomma cazzo il segaossa!

Ah, De Cabasisis. È in ferie.

Il sostituto, allora.

È mmalatu.

Imberante, sto per incazzarmi: convoca il vice del sostituto segaossa.

Non c’è nessun vice.

Chiama la scientifica.

Stanno in sciopero.

Gesù Cristo.

Cu jè, chillo novo?


Communque!, esclamò senza un vero motivo Petagna (a volte lo fanno).

Poi tacque.

Magari era catafero moribondo e l’hanno abbattuto per pietà, ruppe il silenzio Ignocille.

Proviamo a vedere se ha dei documenti, ruppe i coglioni Imberante.

Silenzio! Coglioni! Le prendo io le decisioni!

Petagna solfeggiò un petino, malriuscito. Si profilava il rischio, vago eppur concreto, di cagarsi addosso. La ben nota minaccia chiamata “scorreggia vestita”.

Ignocille, lo perquisisca!

Le mosche non gradirono. Ignocille forse meno.

C’era un po’ di puzza, tutt’attorno.

Ma un cicinìn.

Sul documento la foto di un cinghiale malrasato.

Il documento diceva: 

Rocco Vito Carmelo Santuzzo Mammasantissima.

Turista finlandese non è, osservò Imberante.

Spiritoso, scorreggiò Petagna.

L’aria si faceva pesante.

Il documento diceva: Nato a: fatevi i cazzi vostri. Cittadinanza: nippo-venezuelana. Residenza: ignota. Segni particolari: pericoloso, vendicativo e fetente. E un tatuaggio a forma di pene eretto sul cuore.


E se ci fosse di mezzo la mafia?, azzardò Imberante.

Non suggerire!, s’impermalì Petagna.


[Intarsio narrativo. (Leggetelo solo se non vi rompe troppo il cazzo leggere gli intarsi narrativi).

Il sergente Imberante si riteneva pronto a prendere il posto dell’ispettore Petagna quando l’ispettore Petagna avrebbe preso il posto del commissario Lompertegato, che avrebbe preso il posto del sostituto proculatone Lo Ripido, che avrebbe preso il posto del questore Crisantemu, che avrebbe preso il posto del sindaco Loffredo La Loffa, che avrebbe preso il posto del presidente provinciale Mantecato Coppolino Coppola, che avrebbe preso il posto del presidente regionale Rossi (uno con un nome normale ogni tanto ci vuole), che avrebbe preso il posto del sottosegretario l’onorevole Cranioleso, che avrebbe preso il posto della ministronza senza patente dei trasporti Mercedes Benzi, che avrebbe preso il posto del Presidente del Consiglio Sorensen Puddu.

Al nord li chiamano “scarligamenti verso l’alto”.

Ma qui non siamo al nord.

Il sergente Imberante era fiero di aver dato un valido contributo alle indagini sulla ragazza “serviziata, accisa e detestata” (così era scritto nel raporto – c’era scritto anche così, “raporto”) il cui cadavere appunto senza testa era stato rinvenuto nei pressi di una discarica ovviamente abusiva. Il sergente Imberante aveva infatti brillantemente suggerito di andare per prima cosa a controllare l’elenco dei serviziatori tagliatori di teste della zona. L’elenco, come qualsiasi pirla può ben immaginare, era vuoto.

Il suo valido contributo non era servito a un bel niente, ma insomma lui l’aveva dato, era convinto di aver almeno contribuito a far scartare un’ipotesi (cosa sempre molto apprezzata), e che i superiori ne avrebbero tenuto conto per fargli fare carriera.

Sì, probabilmente ne avrebbero tenuto conto. Quasi quanto avrebbero tenuto conto della raccomandazione dello zio stravescovo di Montelupo.]


Guardiamo se ci sono testimoni di testimonianza, azzardò Ignocille.

Sì, i testimoni!, s’entusiasmò Imberante.

Petagna scorreggiò.

Avete guardato se ci sono testimoni?


C’era un pastore sui novantanni che stava controllando il culo di una pecora.

Avete veduto qualcosa, signor pastore?

Pastore lo dici a tua sorella.

Va bene, cancelliamo pastore dal verbale.

Il non-pastore di novantanni controllava il culo della pecora con visibile e aumentevole ansia.

Avete veduto qualcosa?

Ho veduto una minchia.

Petagna si fece pensieroso. I due agenti per prudenza si allontanarono un pochetto dal suo raggio d’azione.

E questa suddetta minchia, ha agito da sola?

Cacciate la cocaina, stronzi!

Come dice?

Avevo messo due etti di cocaina nel culo della pecora, disse accusatorio il non-pastore, e non ci sono più!

E allora vada a sporgere denuncia, ma dopo. Non mettiamo troppa carne al fuoco. Ma chi è l’imbecille che sta scrivendo questa storia?


Ci fu poi un intervallo durante il quale la pecora, a tradimento, raccontò una barzelletta.

Più che una barzelletta un indovinello, di quelli un po’ stronzi.

Sapete che cosa succede a un cane che se ne va a spasso sotto questa canicola?

Gli agenti e l’ispettore si sforzarono per arrivarci, ma non ci arrivarono.

Torna a casa lesso.

Gli agenti e l’ispettore non la capirono.

La pecora non si perse d’animo e rilanciò: 

Oporco ha un cane (era una pecora fissata coi cani. Succede spesso). Di chi è il cane?

Nessuno, per fortuna, fu in grado di rispondere.

L’intervallo finì così, ingloriosamente e senza costrutto.

A volte capita.


Va detto (e se non andava lo dico lo stesso) che la strada terminava una cinquina di chilometri più avanti, in mezzo a sterpi e sabbia.

In buona sostanza, non andava da nessuna parte.

Appaltì, appaltà, trallallero trallallà.

Appaltì, appaltò, ‘sti milioni a chi li do.

Magari la spiegazione del fetenticidio stava tutta lì, a pensarci bene.

Gli investigatori non ci pensarono.

Faceva caldo.

L’ispettore Petagna provò a solfeggiare, a forgiare, diocaro, qualche ipotesi intelligente.

Ragggioniamo: dunque, questo magari i buchi ce li aveva già, era uno che si bucava. E oggi si era fatto un bel po’ di buchi, u novedose, come si dice in greco.

Altro che nove, quelle erano come minimo cinquanta dosi, ribattè Ignocille, Il Perspicace.

Apprescindere. In seguito al novedose, diciamo che il meschino si sentiva un po’ vagamente come rimbecillito, è inciampato su uno di questi bossoli, e c’è rimasto secco. Direi che così tutto quadra!

Già, ma i bossoli chi ce li aveva messi, i suricati?

Nessuna ipotesi è da scartare. Guarda se riesci a interrogarne qualcheduno.


Ignocille annuì. Voleva anche stringersi nelle spalle, ma non sapeva come cazzo si mette in pratica questo stilema letterario inflazionato e stantio, probabilmente maltradotto.

Il sergente Imberante stava per dire qualcosa, ma si vedeva che aveva un po’ paura. 

Ispettore… azzardò infine.

Dica, dica Imberante, non la mangio mica!

No, è che… insomma…

Ma che c’è?

No, volevo dire, ma la biondazza con la minigonna vertiginosa, quanno nesce fòra?

Eh?

La tizia con la minigonna vertiginosa, quando spunta?

Ma di che mminchia mi stai parlando, Imberante?

Ispettore! Gli scrittori scarsi e i raccomandati, a un certo punto, quanno nun saccino più cosa inventari, fanno sempre catafottere in scena una tizia “con la minigonna vertiginosa”!

E chi ti dice che questo è uno scrittore scarso? Ci sono prove?

A bizzeffe ce ne sono! Fin dall’inizio! Gli scrittori scarsi cominciano sempre le storie con un cadavere e la polizia che indaga a vuoto.

Già, in effetti è vero, non ci avevo pensato. 

A vuoto una bella minchia, communque.


L’ispettore Petagna si grattò la testa, senza scorreggiare.


Vado in commissariato a prostituirmi, disse risoluto il non-pastore novantenne. Si sta meglio in galera che sotto questo sole cocente.


La dichiaro in arrosto, disse Petagna al cadavere morto.

Nessuno rise.

Valutarono se multare il cadavere per divieto di sosta.

Ma poi quello stronzo del gip non avrebbe convalidato.

A proposito di Jeep, dove minchia sono finiti il non-pastore e la Punto di mia zia?

Al ladro!


Una mosca scorreggiò, ma nessuno se ne accorse.

I suricati risero, poi si ritirarono in buon ordine.


© Nicola Pezzoli 2020



giovedì 19 novembre 2020

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": LETTERATURA ANTIQUARIA

Dài rega, provatemi ‘sta lezione dei Compromessi sposi, che domani la stronza della Mungitopo ‘nterroga.

Cheppalle però. Non puoi ripeterla al tuo criceto?

Quello non capisce mica.

Perché noi invece…

In effetti…

Dài, scialla fra, giochiamo alla play.

No, dài, fatemela dire che ce l’ho tutta qui.

Vabbè. Allora sputa.

Bella zio, vai!

E niente, c’è questo pretozzo che invece di starsene in chiesa va in giro a gironzolare…

Ah, okkèi. Ma dove si ambienta?

Boh, su un ramo, salcazzo. No, cioè, aspè, a Como.

E dove minchia sta?

È inventato, fra.

Comunque a me i pretozzi mi stanno. Sarà mica un prete suini generis. Se va in cerca di regazzini non la voglio sentì.

Mannò fra, andrà in giro a fare quelle cose da preti, maledire le case, spaventare le vecchie, raccattare quattrini.

Vabbè.

E come si chiamerebbe ‘sto pretozzo?

Se mi lasci parlare. Si chiama Don Abbondio.

Ahah. Vabbè, ma così son capace anch’io.

Capace affà che?

A far ridere coi nomi buffi inventati.

Non è inventato, scemo. È un nome vero, se non lo sai. Anche una mia cugina si chiama Abbondio. Per dire.

Vabbè. Sarà.

Ma come si chiama ‘sto giornalista?

Avete la fissa, dei nomi! Si chiama Manzoni, va bene?

Ecco, vedi?

Vedi cosa?

Se non saresti ignorante, sapevi che Manzoni è uno che ha cagato in un barattolo, poi lo ha chiuso e ci ha scritto “merda” sull’etichetta per non confondersi con la nutella.

Quella sì che è una figata, fra. Altro che Compromessi sposi della mia minchia. Fai una ricerchina sul barattolo di merda, approfondisci le sfumature di oddore.

Rega, vorrei continuare…

E poi inciampa?

Chi.

Il pretozzo.

Non spoilerare, cazzo. La sai già?

No, ma mi piacerebbe se inciampa, lo stronzo.

In effetti in un certo senso inciampa, in due Bravi.

E che cazzo sono due Bravi.

Boh, tipo due picciotti di mafia. Tipo due facce da cazzo che mollami, tipo.

E allora perché non li chiamano picciotti di mafia?

Che ne so, al giornalista piace di più Bravi.

Te l’ho detto che è una roba da Zelig. Solo che tu non lo capisci.

Mavvà.

Umorismo demenziale, lasciati servire.

E invece è drammatica, vi dico. ‘Sti due Bravi lo aspettavano su questo cazzo di ponticello per minacciarlo.

Il prete.

Sì.

Certo che ne hanno di cose da fare.

Eh?

Minchia, è vero fra. Aspettare un cazzo di pretozzo su un ponticello per minacciarlo. Ma che cazzo di storia è?

Me la lasciate dire o no? Eddài.

Vabbè.

E niente, questi due lo minacciano di legnate e calci nel culo se il pretozzo non fa saltare il matrimonio di un certo Renzi Framartino.

E quest’artro da ’ndo cazzo spunta? Non è nemmeno più umorismo, è un cartone animato del cazzo!

Questo Renzi Framartino è un trafficante di capponi di sinistra che vorrebbe sposarsi a Lucia Caldarrosta.

Chiiii?

No, scusa fra, Lucia Mondella.

Daje.

Caldarrosta è come la pensavo io per fare associazione di idee.

Perché invece Mondella è normale. Sempre castagne cotte sono. Poteva chiamarla Lucia Lessa già che c’era.

Lucia Marronglasé.

Già, vero fra, che nomi del cazzo. E poi insisti che non è Zelig. Secondo me ‘sto Manzoni del barattolo ha voluto cagare un’altra volta. 

Dice la Mungitopo che in una prima versione era pure peggio. Renzi è la versione remix del burino dei capponi. Nell’originale si chiamava Fermo.

Ma vammorimmazzato! Ci pigli per il culo? Che minchia di nome sarebbe Fermo? Sembra Immobile che gioca n’aa Lazzio. Ecco cos’è che nun me quadrava! È ‘na storia de lazziali!

Lazziale e demenziale, insisto.

Vi dico che è traggica, invece. La Mondella se la vuole trivellare un porco di un delinquente, Don Rododendro, Don Rosicone, L’Incensurato, come cazzo si chiamava già ‘sto qua…

N’artro prete pervertito.

Macché prete. Si chiama “Don” così, per sport, come a Don Perignòn.

Don Bachi.

Don Lurio.

Donna Rouge.

Il fiume Don.

Sì ma questo è un cazzo di lago.

Domanmattina! Un ponticello su un lago! I ponticelli si fanno sui fiumi. Ripassala meglio, fra, accetta un consiglio.

Non volete proprio lasciarmi andare avanti. Volete che domani quella mi stanga.

E scialla, fra! Te non andarci domani a scuola!

Fra, vai tra! Datti morto!

Vero, non ci avevo pensato, rega. Posso fa’ssega.

Allora basta con ‘sta cazzo de storia de lazziali?

Okkèi, mò basta, mi sono stancato pur’io. Alla lunga ‘sti romanzi antichi annoiano.

Ah perché era pure antico?

1990, credo, o giù di lì.

Pieno Giurassico, cazzo. S’erano già estinti, i dinosauri?

Non c’erano neanche i cellulari, e la play, rega.

Allora vaffanculo.

‘A Lazzio ce stava, però.

Avoja.

Ma ci faranno anche la serie tv su netflixxe?

Speriamo de no.

Boh, se la fanno io me la guardo, rega. Le guardo tutte. Fanno diventare intelligenti.

Vabbè, torniamo alla normalità. Spinelli a gogo?

Spinelli a gogo, fra.

Trap a tutto volume?

Trap a tutto volume, rega.

Giochiamo alla play?

E che altro vuoi fà?

Stante la perdurante assenza di figa, vuoi dire.

Stante la latitanza di figa, rega.

Lucia Caldarrosta! Ma vaffanculo! Una lazziale co’ un nome così nun me la chiavavo neppure se saressi un prete.


© Nicola Pezzoli 2020



sabato 31 ottobre 2020

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": ESEQUIE INDISTINTE

Un sindaco cicciottello era venuto a mancare.

Nel senso che insomma avete capito.

Il paese era affranto (non proprio tutti tutti, come sempre in questi casi. Però non si dice, dài, non sta bene).

Il sindaco era molto cicciottello e anche smodatamente basso.

Ma soprattutto cicciottello.

La bara era quadrata.

Per farcelo stare meglio gli avevano piallato via un pezzetto di prominenza panciuta (ma con rispetto) e (sempre col dovuto rispetto) gliela avevano infilata in tasca. 

Come una merendina per l’aldilà.


In chiesa le solite cose, il prete era molto ferrato e il suo lavoro lo sapeva fare. (Su tripadvisor lo portavano bene; i chierichetti erano pettinati come si deve, e solo due di loro facevano i giochini coi cellulari durante la funzione.) La bara quadrata gli parve una cosa strana, al prete, ma tutto sommato non blasfema, quindi perché rompere i coglioni? Aveva già in programma di devastarli parecchio e fragorosamente nell’omelia, per sollecitare offerte generose per i restauri di un paio di madonne o anche tre.

La navata centrale traboccava di fiori. Ai fioristi non dispiace quando le persone importanti vengono a mancare. Anche la navata di sinistra traboccava di fiori. Nella navata di destra c’era il fiorista che si fregava le mani. A sua insaputa, in quella di sinistra s’era già intrufolato un suo concorrente che gli stava fregando i fiori, per un funerale un po’ più in là. Se il fiorista numero uno se ne fosse accorto (cioè se il misfatto fosse avvenuto a sua saputa), avrebbe bestemmiato con la giusta moderazione e un minimo di rispetto dato il luogo in cui si trovava. Poi si sarebbe avventato sul fiorista numero due e lo avrebbe morsicato a morte. 


Anche dopo, fuori dalla chiesa, in piazza, le solite cose.

I conformisti dicevano Condoglianze alla vedova del sindaco.

I miopi, i distratti, gli imprecisi e i poco informati dicevano Condoglianze ad altre signore a caso.

La fila dei conformisti era più lunga, come sempre.

Un fissato dell’orgoglio gay diceva Condoglianze solo a maschi scelti a caso.

Gli fu detto di piantarla.

Un fiero e storico contestatore del sindaco fece il gesto dell’ombrello. Non una bella cosa, dài. Sei piccino, sei.

La banda attaccò a suonare. I fiati erano dei novantenni senza fiato. Il capobanda un centenne sfiatato. Ma c’erano anche un paio di baldi ottantottenni.

Sembrava l’armata dei Cazzochevecchi.

Abbassava la media un balanzone quattordicenne più largo che alto che ne dimostrava quaranta e che pestava con gran rimbombo e godimento sulla grancassa con la mano destra mentre con l’altra s’ingozzava di mars. 

Era il nipotino del sindaco. Un nipotone, vah.


Un uomo elegante e davvero commosso abbracciò la vedova dicendo Mi dispiace tanto, non ho parole. La vedova gli si avvinghiò addosso come se volesse copulare vestita. L’uomo elegante venne guardato malissimo da quelli che dicevano Condoglianze. Con ferocia mista a invidia, un paio di conformisti tentarono di avventarsi contro l’uomo elegante, ma vennero trattenuti da alcune notifiche in arrivo sui cellulari dai social.

Il consiglio, comunque, in questi casi, è non dire cose troppo strane o fuori dagli schemini. Potrebbero dar fastidio.

In certe zone si rischia il linciaggio per molto meno.

Non eravamo in certe zone.

L’uomo elegante, rendendosi conto del suo errore madornale, chiese scusa a tutti.

Però poi continuava a rifiutarsi di dire Condoglianze.

Allora cerchi guai.


Il corteo fluiva per la discesa, funebre e compatto. 

Qualcuno sudava. Qualcuno evitava di scapperarsi. Qualcuno parlava di calciomercato infervorandosi molto. Qualcuno si vergognava di far parte di un corteo al seguito di una bara quadra, e allora camminava basso, quasi rasoterra, come un soldato in missione. Ma quasi nessuno pensava più al cicciottello verticalmente svantaggiato in persona. Quando uno è andato è andato, inutile fare finta. I conformisti piuttosto si domandavano se una volta giunti al cimitero sarebbe stato il caso di ridire Condoglianze. Solo la banda perdeva colpi e rimaneva indietro. Al contrario, la station del becchino ogni tanto accelerava un po’ troppo e si allontanava oltemisura. Spariva dietro una curva. Ma dove cazzo va? Riappariva a marcia indietro. Travolgeva un paio di dolenti. Ripartiva. Bestemmie. Orapronobis. Riposimpace. Ma quello ha bevuto? Il mio piede, cazzo. Roba da matti. Il mio cazzo, piede. E via andare. A un bambino scappava la pupù. Tienila che la fai dopo, ammòre, sulla lapide di quella stronza, lo istruiva cristianamente la mamma. Lui era molto mammone e si preparava a obbedire. A un certo punto camminavano tutti ingobbiti sui cellulari. Sembravano zombi rancidi. Al confronto i Cazzochevecchi della banda (rimasti parecchio indietro) erano angeli di altri mondi. Se poi magari avessero smesso di suonare, l’ardita similitudine sarebbe parsa un filino più credibile.


Un uomo molto vigile che si chiamava Urbano si piazzò all’improvviso in mezzo alla strada per fermare il traffico e far attraversare il corteo. 

Non avrebbe dovuto farlo.

(Con questo non voglio insinuare che l’abbia centrato un furgone.

L’ha centrato quella cazzo di station del becchino).


L’appalto per le inumazioni l’aveva vinto una cooperativa umanitaria della grande città.

La grande città distava centottanta chilometri. Arrivarono con due ore di ritardo per via del traffico e per via che avevano sbagliato paese e cimitero un paio di volte e per via che erano delle povere teste di cazzo. Arrivarono poco prima della banda, che era rimasta indietro più del previsto (chi per problemi legati all’età e agli enfisemi polmonari, chi per fermarsi a far incetta di mars al minimarket). La cooperativa umanitaria, va detto, aveva messo a disposizione un camioncino anni settanta lievemente sgangherato e con emissioni tipo camera a gas ambulante che passava le revisioni solo perché siamo in Italia. Dal camioncino sgangherato della cooperativa umanitaria vincitrice di appalti zomparono giù un tossico, un afghano e un uomo molto anziano con la faccia da bidello. A nessuno dei tre era stato spiegato cosa dovesse fare. Già non capiscono un cazzo, se poi gli dici che devono fare delle inumazioni invece che delle sepolture… 

Parlagli apertamente del concetto di sepoltura, o ‘mbecille della cooperativa furbina!

Uno dei tre s’era portato un cacciavite a stella.

Un altro si era portato un giornale di ieri da far finta di leggere.

L’afghano non parlava italiano.

Il tossico neppure.

Badili niente.

Cioè, ce n’erano un paio mezzi rotti sul pianale del camion ma li lasciarono lì.


Molti degli astanti (quelli non impegnati col calciomercato) si misero a malignare all’indirizzo della bara quadrata del sindaco cicciottello morto per questa storia scandalosa dell’appalto alla cooperativa furbina della grande città.

Il sindaco cicciottello morto si vide costretto a uscire un attimo dalla bara per spiegare che non era colpa sua ma delle intelligenti leggi italiane che lo obbligavano a rispettare certe procedure di burinocrazia somarocratica e più o meno filomafiosa, a livelli a metà strada fra la combutta e il favoreggiamento.


La banda pensò bene di scegliere proprio quel momento per attaccare a suonare l’inno nazionale. Metà degli astanti, nonostante tutto, si mise la mano sul cuore (statisticamente, facevano quasi tutti parte del drappello dei conformisti). L’altra metà si mise le mani sulle orecchie per tapparle e attaccò a cantare a squarciagola l’inno austriaco, perché avrebbero preferito essere austriaci. Un paio di scaramantici si misero le mani sulle balle, non si capiva bene perché.


Il bambino gravido di prodotto interno lurido cercava pericolosamente la tomba deputata allo sganciamento, barcollando e tenendosi il pancino, pòra stèla.


Individuò il bersaglio e fece cacòty.


© Nicola Pezzoli 2020


mercoledì 7 ottobre 2020

Qualche racconto in ordine sparso da "L'impozzibile dottor Pezz": LA CARTA DEI DIRITTI

Non mi viene niente, disse Franklin.

Oggi proprio non mi sento ispirato, disse Jackson.

Sforzatevi. Spingete, li spronò Washington.

E se bevessimo qualcosa?, disse Wilson.

Io ho un preambolo, confidò Madison.

Un che?, si preoccupò Jackson. Si può curare?

Un preambolo alla Carta, spiegò paziente Madison.

Ah già.

E allora preamboleggia, lo incalzò Washington.

Madison si schiarì la voce.

Visto che nessuno pensa ai drink ci penso io, disse Wilson alzandosi.

Ecco, bravo.

Tutti gli uomini nascono uguali, sentenziò Madison.

Oddio, non proprio, eccepì Jackson. Hai presente quella testa di cazzo di…

Dài, non rompere, lo zittì Franklin. Si fa per dire. Ci tocca generalizzare, no?

Ci va la scorza di lime nel gin tonic?, domandò Wilson.

Il gin tonic… Sicuro che l’abbiano già inventato?, si accigliò Washington.

Lo sto inventando io.

Allora puoi metterci quel cazzo che ti pare.

Giusto.


C’è un problema, annunciò Franklin, l’unico sempre vigile sul web via cellulare.

Di già?, si allarmò/infastidì Washington.

Questa Jenny Pussyclosed, l’influencer femminista vegana, minaccia su twitter che se non mettiamo “gli uomini e le donne” tutte le donne del mondo faranno sciopero.

Vale a dire?

Vale a dire smetteranno di darla. Per un anno intero, dice. Ha già ottenuto 928.672 like. 

Oddio, guardate che da un punto di vista prettamente demografico non sarebbe neanche male, ammonì Jackson. Siamo già parecchie centinaia di milioni, su questo pianeta, e tutti caganti. Se va avanti a ‘sto modo la vedo male per il clima. Se diventiamo un miliardo sarà la fine.

Non cediamo!, esclamò col punto esclamativo Washington.

Non si arretra di un millimetro!, esclamò col punto esclamativo Jackson.

Fa’ assaggiare ‘sto gin tonic.

Toh.

Mmm… buono.

Ehi, minacciano anche di sospendere i pompini.

Sarà forse meglio approntare una modifica, si ammorbidì Washington.

Valutiamo varianti, convenne Jackson.


Va bene, disse Madison. Però “gli uomini e le donne” è ridondante, stucchevole, petulante, stupido e banale. Sarebbe come pretendere quote rosa fra di noi. Mica è colpa nostra se siamo Padri Fondatori e non Madri Fondatrici.

Non diciamo scempiaggini.

E se mettessimo i pompini fra i Diritti nella Carta?

Zitto.

Noi volevamo, riprese Madison, un termine collettivo che includesse ovviamente tutti e tutte. Se si impuntano su “uomini”, mettiamoci “esseri umani”.

Mi sembra ragionevole, osservò Franklin.

Ok, approvato, disse Washington. Metti “Tutti gli esseri umani” eccetera.

Metto scorza?

Metti gin.

Ok. Jackson?

Molto più gin, Wilson.

Franklin?

Togli la tonica.

Ok.

Dove eravamo rimasti?

Allora pompini niente?

Cosa?

I pompini à la carte.

Maddài.


Fanculo, proruppe Franklin con un pugno fragoroso e scassatavolo.

Che c’è, adesso?

Triturano la minchia pure su “esseri umani”. Pretendono “gli esseri umani e le esseresse umanesse”. Oltre un milione di like.

Sempre quella cazzo di Jenny Pussyclosed?

No, questa qui è un’altra. Sondra Bighorn, l’influencer femminista crudista.

Bisognerà farsi venire qualche altra idea, Madison.

Mò non esageriamo: ne ho già avute addirittura due, adesso magari toccherebbe un po’ anche a voi.

Stavo pensando di aggiungerci dei cetrioli, disse Wilson, meditabondo e visionario.

Alla Carta?

Al gin tonic.

Quello è il moscow mule, mi pare. Una roba così.

Non esageriamo. Secondo certi studi la verdura dà alla testa.

Siete sicuri? Secondo me nel moscow mule ci va lo zenzero.

Ma la Carta varrà anche per i cinesi e i russi?

Sì, se non fanno troppo gli stronzi.

E gli inglesi?

Naa, troppo stronzi.

Secondo me ci va anche il cetriolo, però.

E gli italiani?

Glielo insegni tu a leggere a quelli?

Franzusi?

Quelli ce la copiano.

O viceversa.

Eh?

Eh!

Bah.


Intanto la disputa su twitter s’era molto animata e divisa su due fronti che guerreggiavano fra loro. Jenny Pussyclosed e i suoi follower femmivegani contestavano vivamente a Sondra Bighorn (e ai suoi follower femmicrudisti) persino “esseresse umanesse”, perché umanesse conteneva pur sempre l’odiosa radice fallica “man”. Bisognava assolutamente virare su “esseri umani ed esseresse udonnesse”. Un milione e 171mila like. I commenti, poi, erano unanimi e concordi nel proporre l’inversione di precedenza: prima esseresse udonnesse e poi esseri umani, se non altro per una questione di cavalleria (“Non ci sono più gli uomini di una volta” ecc, commentavano alcune, incapaci di cogliere la contraddizione insita in questi formalismi veterosessisti di comodo). 

Radice fallica?, s’incazzò Jackson. Mi sa che queste di radici falliche non ne beccano su da un bel po’!

Zitto, lo zittì Washington, che poi i cacanotizie delle tv ci sputtanano coi fuori onda!


La disputa deflagrava, dilagava, andava alla deriva.

Sondra Bighorn chiese a Jenny Pussyclosed se non avesse per caso le sue cose. (635mila like)

Jenny Pussyclosed replicò “Sei scema o mangi i sassi?” (724mila like)

“Mangio i cazzi” replicò Sondra Bighorn. (2 milioni e 015 like, record mondiale assoluto per l’epoca). “Crudi, naturalmente”.


Un delirio!, riassunse la situazione Franklin sfruculiando lo smerdofono. Adesso alcune femministe boscimane avanzano critiche pure su “La Carta dei Diritti”. 

Quindi?

Quindi propongono “La Carta dei Diritti e delle Diritte”.

Però “Carta” gli va bene, alle stronze. Mica propongono “La Carta e il Carto”.

Versamene un altro, vah.

Ma perché non si fanno i cazzi loro? I boscimani non sono mica americani!

Non discriminare!

Li bombardiamo?

Lascia perdere.

Merda! E si stanno scatenando i cojoni da tastiera.

Cioè?

Insulti. Nei commenti.

Insulti a chi? Alle fighe di legno crudovegane?

A noi.

Roba pesante?

Il più gentile dice: Grandi Padri dei miei coglioni, andate a lavorare! Un altro imbecille propone: la Carta facciamocela noi e votiamola online, e la loro che se la metterebbero nel culo! Tutti gli altri commenti (decine di migliaia) sono semplicemente irripetibili.

Sapete che vi dico? Fanculo la Carta. Se la scrivano davvero loro, la Carta, se ne sono capaci.

Ma se la scrivono loro poi ci tocca espatriare in Islanda.

Dici?

Dico. Potrebbero metterci cose che neanche ti immagini. Il reddito di cittadinanza, per esempio. 

Mioddio.

Bisognerà organizzare una fuga dei cervelli. 

Tanto siamo pochi. Siamo sempre stati pochi. Basta noleggiare un paio di pedalò e via andare.

Fanculo la Carta. Se Islanda dovrà essere, Islanda sia.

Prosit.

Facciamoci una bella partita a biliardo.

Finalmente una proposta seria.

O a biliarda, scherzò amaro Jackson.

Versami un altro po’ di quel gin, Wilson.

È finito.


© Nicola Pezzoli 2020


venerdì 25 settembre 2020

Il mio "QUELLI CHE" letterario

Quelli che non ti leggono perché sei un maschio del nord

[ma una volta li hai fregati con lo pseudonimo Concettina Lo Licantropu]

 

Quelli che leggono solo Tolstoj

[tradotto in polacco]

 

Quelli che dopo dieci corsi a pagamento imparano davvero

[a pagare]

 

Quelli che “Se ha vinto quel premiozzolone ci sarà pure un motivo”

[certo che c’è, ma non sempre si può dire]

 

Quelli che “Come autore è pure bravo, ma troppo scatologico”

[capacissimi di leggere pupù per evitare la parola pupù!]

 

Quelli che leggono solo mmerda

[e se gli dici che il libro è scatologico: “No, mi hanno dato un sacchetto”]

 

Quelli che ti danno dello snob se non apprezzi le 150 sfumature di mm… (vedi sopra)

Quelli che leggono solo filosofi, per la metalibidine di non capirci una fava

Quelli che leggono fetecchie per farsi coraggio, così da sentirsi scrittori anche loro

Quelli che c’è già tutto nella Bibbia

 

AUF WIE-DER-SEHEN!

Lallallallalla-lallallaa…

 

Quelli che ripetono di continuo “Per non saper né leggere né scrivere”

[senza rendersi conto che stanno confessando]

 

Quelli che “Basta coi Maschi Bianchi Europei Defunti!”

[e allora: Donne Nere Americane Vive, o si smette direttamente di leggere? La seconda, direi]

 

Quelli che “Se è in cima alle classifiche ci sarà pure un motivo”

[certo che c’è: quelli come te!]

 

Quelli che “Due palle ‘sto libro, sono a pagina 3 e non è ancora morto nessuno”

[ma crepa tu e tua sorella, come disse Totò al giardiniere del sindaco]

 

Quelli che non ti leggono più perché vendi su Amazon

[che abbiano preso LaFeltrinelli per un’Opera Pia?]

 

Quelli che “Su questo argomento (o sul tale periodo) è già stato detto tutto”

[magari da quaranta stronzi senza talento, e che non ci avevano capito una mazza]

 

Quelli che non entrano nelle librerie per non disturbare

Quelli che entrano con un bigliettino che non sanno manco loro cosa cazzo c’è scritto sopra

Quelli che visto ciò che comprano farebbero meglio a non entrarci mai

Quelli come me che ci entravano, vorrebbero entrarci ancora, ma non ce la fanno proprio più

 

AUF WIE-DER-SEHEN!

Lallallallalla-lallallaa…


mercoledì 16 settembre 2020

Strepitosa recensione (non sollecitata e non a pagamento) de "L'IMPOZZIBILE DOTTOR PEZZ"

 AndreaConsonniWrong

«ogni volta che leggo le pagine di Nicola penso che lui sia uno splendido e folle scrittore, un birbante della letteratura»

Dedicato a tutte quelle persone, più o meno stronzettine e lecca-apparato, che snobbano un bel libro che potrebbe deliziarli e divertirli fino alle lacrime solo perché è autoprodotto, o perché venduto attraverso quel "cattivo babau" che è Amazon

Continuate pure a non farvi del bene. 

AND KEEP READING SHIT!