Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

martedì 31 marzo 2015

Corradino segnala...



Ciao cari amici, sono Corradino!
Ho scoperto che anche all’estero c’è chi mi vuole molto bene, e volevo spartire con voi questa gioia. 
Francesco Spinoglio è tornato a scrivere di me sul suo blog ATALAYA DE LA VIDA HUMANA
Lo fa in Spagnolo, ma per fortuna non è una lingua difficile da intuire.
Anche sulla sua pagina Fb, parlando del mio autore-papà-alter ego Nicola Pezzoli, Francesco dice: “Definitivamente, el mejor escritor italiano que hay en este momento”. 
Porcodiaz!
Chissà come si commuoverà, Nicola, quando glielo dirò, lui che vive per scrivere in un paese pieno di tarlocchi del put che si divertono a ignorarlo.
Magari Francesco un po’ esagera – perfino a me viene da pensarlo – e però, che dite, se la scrittura di Nicola può fare un effetto così a persone tutt’altro che illetterate e sprovvedute, tutt'altro che piciorla, sarà il caso che proviamo gentilmente a informare anche qualche giornalista nostro, qualche libraio distratto?
O dite che poi ci restano male per non esserci arrivati da soli?


36 commenti:

  1. Caro Nicola con l'occasione per augurarti una buona giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo spazio oggi è mio: porgerò i tuoi saluti a Nicola.
      Ciao caro Tomaso!

      Elimina
  2. Vedi, te lo dicono pure dalla Spagna :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per dirlo dall'Italia bisogna essere di un certo livello... tipo MIkiMoz, diciamo, mica dei piciorla... :-))

      Elimina
  3. Letto tutto. Corradino, lo ha paragonato ad Erri De Luca!
    Anche a Baricco, ma per me non sono la stessa cosa, per cui, buona la prima.
    Bacio ragazzo bello.

    ps: so già che il Battaglia (Francuccio per gli amici) su Baricco avrà qualcosa da dire ghghghgh)

    A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh... se ti sente Nicola gli piglia un colpo... Francesco non dice proprio così, dice: "all'altezza dei tanto blasonati Erri De Luca e Baricco... ma io mi tengo Pezzoli tutta la vita..." :D
      Bacione grande anche a te

      Elimina
    2. Forse ho tradotto a modo mio? E allora ti dico che per il blasone di Baricco risponde Francuccio. Per quel che riguarda Erri De Luca, Nicola lo sa quanto mi piace e come paragone allora lo faccio io. Poi sono diversi per molte cose ma in quanto all'altezza ambedue amano le vette!

      Elimina
    3. Diciamo che Erri, pur non essendo lo scrittore ideale né mio né di Nicola, è un paragone che non dà nessun fastidio, e che anzi può pure fare piacere. Tutt’altro discorso il bariccuccio: di lui, anche se vendesse un miliardo di copie al giorno, e un altro miliardo lo incassasse con la sua bella sqhuola, non potrei dire cose diverse da quelle che dico nel capitolo 3 a proposito di una certa calzolaia con la puzza sotto il naso: “La cagnamagra è ricca ma io non trovo niente da invidiarle, che anzi piuttosto che diventare lei mi sparo in bocca”. :)
      Ri-bacio!

      Elimina
    4. Acciderbolina Corradino, che competenza ;)

      Elimina
    5. Vuoi che non conosca la mia storia? :)
      Che devo dire: sono uno di quei ragazzini che fin da piccolissimi dicevano "il gatto" invece che "il mao", oppure "la macchina" e non "la brumbrum". Non sempre gli adulti ne sanno così tanto più di noi... :D
      A stupirmi non sono mai stati i bambini che parlano come i grandi, ma i grandi che quando parlano ai bambini credono di dover fare la vocetta da mammalucchi, e dir stronzate in bambinese, come appunto il mao e la brumbrum. È mancanza di rispetto nei nostri confronti, e ci guasta i maroncini, orcudìghel!

      Elimina
    6. Ahahah ma io mi riferivo al distinguo De Luca - Baricco. Che appoggio.
      Poi a dirla tutta, caro il mio amico adolescente, trovo insopportabili le mamme&co che parlano con i propri figli&co come se fossero degli emeriti imbecilli. Mio nipote cinque anni parla e straparla di ogni come un ometto di venti. E noi, dico noi, ci siamo adeguati.
      Nessuno gli farebbe mai il torto di trattarlo da deficiente. E con le due più piccole di famiglia vale lo stesso.
      Se dovessimo dire loro "brumbrum" per definire la macchina, chiamerebbero la neuro...

      Elimina
    7. Nicola mi ha detto che ne parlava l'altro giorno con una sua amica d'infanzia. Lei le ha raccontato di come una dottoressa poco intelligente fosse lì lì per sospettare nel di lei figlioletto problemi di percezione (o di vista) poiché il piccolo non riusciva a rispondere alla domanda di individuare appunto "il mao" e "la brumbrum" dentro un certo disegno... Per fortuna c'era lì la mamma, pronta a chiarire le cose col bimbo traducendo dall'imbecillese all'umano... :)
      Un abbraccio grande anche da parte di Nick!

      Elimina
    8. Dico solo che De Luca è De Luca, Baricco è Baricco, Hugo è Hugo.. e Pezzoli è Pezzoli. Ognuno "si" legge quando legge un altro scrittore. L'alchimia è personalissima e confronti, paragoni, interpretazioni rispecchiano un nostro modo di sentire spesso improponibile anche nei confronti di "anime gemelle". Godiamoci i nostri "stimolatori di sogno". Io li ringrazio di esistere intanto... ,)

      Elimina
    9. eheh.. Ero lì pronto a dire "il prossimo che vien qui a parlare bene di bariccO gli scrivo il nome sul taccuino rosso di Wolfsburg", ma tu sei stato così poetico e diplomatico da scansare la maledizione... :-))
      Grande Franco! Ciao!

      Elimina
  4. Corradino, sono Paolino.... e così la rima è fatta.
    Poi per dirla in spagnolo ma si capisce vero ?! : Nicola es un escritor de verdad, y tenemos la suerte de disfrutar de sus libros.
    Ciao ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas Gracias Paolino! :)
      Ciao!

      Elimina
  5. Non vorrei mai che per essersene accorti in ritardo non continuino sulla cattiva strada pur di non ammetterlo:sono stranissimi i critici e i grandi editori italiani. Ad ogni modo la casa editrice NEO. si merita i bravi scrittori che ha. Capito Corradino!? Diglielo a Nicola :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, infinitamente generosa Nou!
      Riferirò, sia a Nicola che ai suoi splendidi Editori e Colleghi, a cominciare da Paolo Zardi... :)
      Bacin-bacione!

      Elimina
  6. ah oggi parliamo direttamente con Corradino :)
    come ragazzino sei un po' troppo forbito ;)
    però si vede che Nicola, ti ha educato molto bene :)
    ciao piccolo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forbito e precoce: per colpa (o merito) di Nicola sono molto monello, tanto sensibile e assai impertinente... :)
      Ciao cara amica!

      Elimina
  7. A corrobare quanto sopra detto in questo tuo post caro Nicola, finalmente Felitrinelli ha inviato un messaggio a mio figlio Massimo informandolo che il tuo CHIUDI GLI OCCHI E GUARDA è arrivato e può andare a ritirarlo. Al più presto ti farò sapere qualcosa di Corradino..
    Abbraccione Nico',
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vien da pensare che lo abbiano fatto arrivare dalla Spagna, o più presumibilmente dal Paraguay... Non ho parole...
      Porterò il tuo abbraccio a Nicola, e nel frattempo ti abbraccio pure io! :)

      Elimina
  8. Ciao Nicorrad, finalmente ieri sera sul tardi
    romanzo arrivato
    Massimo l'ha portato
    letto d'un fiato
    direi divorato.
    Ho l'abirudine di non guardare mai la seconda e la quarta di copertina dei libri che leggo, lo faccio quando ho finito di leggerli. Mi è andata bene poichè stavo usando per il mio commento tre definizioni già usate nella quarta:i, t, i, del tuo romanzo.
    Molte pagine del tuo CHIUDI GLI OCCHI E GUARDA sono da immortalare, per me personalmente ho scelte queste:
    -pagina 13 dove si parla di furbizia-intelligenza;
    -pagine 60 e 61 il dialogo con lo zio Dilvo;
    -pagina 89 sulle cose adorabili e quelle che stan sul kiul;
    -da pagina 124 a pagina 129.
    Un abbraccione,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ironico, tenero, impertinente? Avevi il permesso di usarli di nuovo, senza problemi... :)
      Sono tanto felice che ti sia piaciuto. E chissà se i signori della libreria si sono scusati con Massimo per averlo fatto aspettare una settimana, se non di più... Una cosa talmente sconcertante che se non si sono scusati lo faccio io per loro.
      Un caro saluto da me e da Nicola.
      E... alla prossima! :D

      Elimina
    2. Un estratto dalla pagina tre resterà per sempre sul mio blog!

      Elimina
    3. Visto e approvato! :)
      E così ti becchi un altro abbraccio, tiè. :)

      Elimina
  9. Risposte
    1. Di questi tempi (e non solo), l'importante è che la madre non sia... deputata! :)
      Perché sui politici io e Nicola la pensiamo sempre più come quell'Alvin personaggio di Woody... (pag 57) :D
      [e mi sa che la pensa uguale la tastiera: si era mangiata la "t" di tempi e aveva scritto empi...]
      Ciao!

      Elimina
  10. Iniziato ieri sera, mi sono obbligata a metterlo giù per non leggerlo tutto d'un fiato. Che certe cose vanno centellinate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo con questo atteggiamento buongustaio. :)
      Nicola è un lento: nel mangiare, nel leggere bei libri, nel bere: se non esistesse il verbo centellinare probabilmente lo inventerebbe lui...
      Un abbraccio, e buona lettura!

      Elimina
  11. Caro Corradino, per favore di' a papà Nick che aver dormito solo una piccolissima volta a casa mia è troppo poco, e bisogna che torni qui a ripetere l'esperienza. Digli pure di dire al signor Neo che il centritalia sta soffrendo di complessi di inferiorità nei confronti del norditalia perché non sei stato ancora presentato per benino! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è attualmente nelle stesse condizioni tutto l'universo, Genova esclusa... :D
      Papà Nick al momento non è in grado di anticipare o promettere niente, però esiste sempre quel detto che, rivisitato in politicazzy korrect 2015 suona più o meno così: se la montagna non va da Coso, Coso andrà dalla montagna... :-))))
      [così faremmo contenti anche altri amici blogger che ti aspettano...]
      Intanto, un abbraccione!

      Elimina
  12. ci arrivano ...secondo me ben presto ci arrivano!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte mi viene da pensare che avrebbe più possibilità di arrivarci lo zio Dilvo, col che è detto tutto... :-(

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)