"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

martedì 14 aprile 2020

BE POPCORN!

65 anni

Ho provato a inscrivere in un cerchio tanti chicchi di mais quanti gli anni vissuti dalla mia adorata madre (65). Poi ho fatto lo stesso con un’ipotetica vita molto più lunga (90). Cos’hanno in comune questi due cerchi? Hanno in comune di essere piccoli: i chicchi sono, in entrambi i casi, dannatamente pochi. Appaiono quasi insignificanti, visti così. 
90 anni
Ma se tu li trasformi in popcorn, ne otterrai una gustosa ciotola gigante. I popcorn altro non sono che lo stesso mais trasformato dall’olio dell’intelligenza e dal burro della dolcezza, attivato dal fuoco dell’amore, con l’aggiunta del sale dell’anticonformismo, della passione e della curiosità.
La stupidità, la grettezza, la passiva mediocrità senza talento, il conformismo ottuso, l’avarizia sentimentale sono il gelido inferno che può rendere corte, sterili e squallide le nostre vite. La ricchezza di spirito, la dolcezza, la nobiltà d’animo, la creatività, la curiosità, l’amore incondizionato sono il caldo paradiso che può renderci, attimo per attimo, passo per passo, battito per battito, eterni.
Preoccuparci di quanto viviamo anziché di come viviamo ha lo stesso senso dell’interessarci alla portata idrica di un fiume anziché alla sua bellezza.
Questa non è una predica che faccio cadere dall’alto, ma un’ispirazione che mi è venuta per rivolgerla prima di tutto contro me stesso: troppo spesso mi ritrovo anch’io nei panni del gretto imbecille, accecato dalle indolenti piccine abitudini, dall’egoismo e dalla rabbia. E allora, anche se ve lo dice uno scrittore pazzo e fallito e non uno Steve Jobs, segnatevi ‘sta cosa: siate popcorn!



martedì 7 aprile 2020

Frammenti da "Diario laterale Codyo-20". (Forse un giorno diventerà un libro, o forse no).


Domenica 5 aprile

Solita chiarezza e unità d’intenti all’italiana: mentre il capo della protezione civile ribadisce l’inutilità della mascherina e dichiara di non indossarla neppure lui, la Lombardia stabilisce l’obbligo di uscire coprendosi naso e bocca con la suddetta, e in mancanza di essa con sciarpe o foulards (?!). Il colmo dei colmi è che di questo passo proprio gli amministratori più a destra e più integralisti cattolici finiranno con l’imporci… il burqa.

“Studenti e sindacati: «Impossibile Maturità online».”
E se fosse l’anno giusto per capire che l’esame di maturità, semplicemente, non serve a un tubo? Se ognuno si diplomasse con la sua cazzo di media acquisita, senza il costo di riti di passaggio anacronistici e pagliacciate posticce?

Non sono mai stato un tipo da ginnastica: a parte quel po’ di cyclette, e qualche infantile palleggio col racchettone da beach tennis contro il muro del garage, ogni tanto accenno qualche comico micromovimento di articolazioni alla Mister Bean.

Ogni volta che qualcuno usa la parola “record” riferendosi al numero dei morti, un testicolo di persona sensibile e intelligente si secca, si stacca e cade. 

Leggo che in India due colossali mentecatti hanno battezzato due gemelli Corona e Covid, “per rendere memorabile la giornata del parto”. Se basta una simile idiozia perché i cacanotizie ti regalino fama mondiale, aspettiamocene una valanga, di nascituri con ‘sti nomi. (O magari è una famiglia di imbecilli così, e i genitori e gli zii si chiamano Terremoto, Tsunami, Cancro e Aids...) 

Chi aveva già ben chiaro che il miglior viaggio è quello interiore continua a volare anche adesso.
Molti altri arrugginiscono, come tristi aeroplani costretti a terra.
L’intelligenza è un antiruggine.


mercoledì 1 aprile 2020

«Ccu tuttu ca fora si mori... stranizza d’amuri».

1. FLY

Cosa può darci e farci l’Arte: ascolto un concerto di Battiato, e il mio spirito vola via. Affacciato ai vetri vengo scosso da piacevoli lame di commozione silenziosa, e mi sorprendo a fissare con insolito rispetto un moscone posato fuori sull’intonaco bianco della cornice della finestra per riscaldarsi al tepore pallido del sole, e a domandare più volte intensamente col pensiero a quell’essere che in altri frangenti avrei ignorato, o addirittura ucciso: “E tu chi sei?” “E tu chi sei?” Lui, che stava immobile, si sposta in maniera appena percettibile verso di me, come attirato dalle onde telepatiche. Poi vola via a sua volta.



2. UOMINI DOPO

Non credo a quelli che vanno ripetendo che la catastrofe ci renderà migliori, ma nemmeno a quelli che sostengono ci renderà peggiori. Questa tragedia farà solo da amplificatore psicologico di ciò che già eravamo: chi aveva una filosofia esistenziale basata sulla lentezza, su una frugale selettività, sull’apprezzare le cose semplici e belle e sul godersi i piccoli piaceri, si riterrà ancor più incoraggiato a vivere in tal modo; chi metteva al primo posto empatia, solidarietà e amicizia lo farà ancor di più; chi odiava la vuotaggine diffusa e apprezzava la solitudine starà ancora più appartato, mentre chi la temeva non accetterà di rimanere solo con se stesso neppure per un attimo (forse inventeranno i doppi water per non sentirsi sperduti neanche al cesso); chi aveva in mente soltanto voli e viaggi diventerà una globotrottola impazzita; i rompicoglioni compreranno martelli per devastare sette minchie alla volta; quelli che se cadevi ti davano una mano per rialzarti te ne daranno due, e quelli che ne approfittavano per calpestarti si muniranno di scarponi più robusti; i silenziosi staranno ancora più zitti e i caciaroni urleranno più forte; chi viveva alla giornata vivrà al minuto, e chi faceva piani ventennali li farà cinquantennali; chi era libero e orgoglioso vorrà esserlo di più, e chi leccava mille culi si farà impiantare lingue supplementari per leccarne centomila; chi pregava aumenterà le preghiere e chi bestemmiava aumenterà le bestemmie; i previdenti faranno scorte di cibi a lunga scadenza e i fatalisti diverranno più spericolati; chi rispettava le regole le rispetterà ancor di più, e gli irresponsabili incivili le rispetteranno men che mai; chi viveva in funzione di carriera, successo e denaro si affannerà a sgobbare più intensamente per “recuperare il tempo perduto”, chi viveva per fregare gli altri vorrà fregarli il doppio o il triplo, e chi viveva per festeggiare, sballarsi e far casino si darà a uno sfrenato carnevale infinito.