Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 3 aprile 2015

POSSO SOLO AUGURARVI BUONA PRIMAVERA

CON TUTTO IL CUORE, 
POSSO SOLO AUGURARVI 
BUONA PRIMAVERA

La religione rappresenta un insulto alla dignità umana.
 Con o senza di essa, ci sarebbero sempre buoni 
che farebbero il bene e cattivi che farebbero il male. 
Ma perché i buoni facciano il male, occorre la religione.
STEVEN WEINBERG, Nobel per la Fisica.

Avevo sempre pensato che le religioni fossero “soltanto” l’odio fra i popoli, la xenofobia genocida fra popoli diversi aizzata da orrorifiche e sanguinolente letterature antiche. E invece la religione è pure peggio: essa porta l’odio e la violenza anche all’interno delle stesse etnie: i Nord Irlandesi che si scannano fra cattolici e protestanti; il milione di morti per la scissione tra fratelli indiani e pakistani; sciiti e sunniti che si fanno saltare per aria a vicenda, industriandosi a mettere bombe persino ai funerali (i funerali al quadrato del cubo: che idea magnanima e sublime!); e adesso gli africani, che si scannano per colpa di un proselitismo missionario che li ha resi assurdamente metà cristiani e metà islamici gomito a gomito, originando decine di Bosnie equatoriali fuori controllo. E su certi nostri giornalozzi per beghine non un solo trafiletto di scienziato, pensatore o scrittore col coraggio di sostenere che il problema è lei, la religio. No. Il problema è sempre soltanto “quell’altra” religio, brutta, arretrata, violenta e cattiva. “Noi” siamo i buoni. “Noi” siamo i martiri. “Noi” siamo quelli del Porgi l’altra guancia (o del Ti aspetta un pugno se offendi la mia mamma – per non parlare di quanto dicono e fanno certi talebani “cristiani” americani, altro che pugni…) 
Il pensiero UNICO dilaga. In attesa di trasformarsi in non-pensiero.
Già, perché in questa pasqua di sangue i cattolici hanno deciso di arruolare forzatamente come “martiri” i ragazzini massacrati come mosche per non aver saputo recitare certi versetti. Pazienza se qualcuno sarà stato ucciso perché era “dei loro” ma balbettava per l’emozione, pazienza se qualcuno sarà stato risparmiato perché era “dei nostri” (“nostri” è ovviamente ironico) ma abbastanza furbetto da imparare anche la letteratura “loro”, e soprattutto pazienza se magari uno in mezzo a cento era in cuor suo ateo e spirito libero e disgustato da entrambi gli apparati di fanfalucherie: chi se ne frega? Perché avere il coraggio e l’onestà di dire che si tratta semplicemente di ragazzini privati della possibilità di vivere, di crescere liberi e autopensanti, e massacrati da sottomerde per motivi così assurdi da apparire grotteschi a chiunque abbia un minimo di intelligenza? L’importante è avere nuovi martiri da arruolare, serviranno alla causa!
Questa è l’ultimissima volta che mi abbasso a dir qualcosa su questo argomento. D’ora in poi mi trincererò dietro un giudizio difensivo e puramente estetico: la religio NON MI PIACE. Punto e basta. 
Rispetto il sentimento mistico e privato e individuale e non trasmissibile di ogni singolo, ma la religione “rivelata” e istituzionalizzata e inculcata vigliaccamente nei fragili e creduli fanciulli è il Male più grande che esista nel mondo, la cosa più inutilmente, tragicamente e catastroficamente divisiva che sia mai esistita su questo povero pianeta. E se voi invece di lottare per abolirla una volta per tutte preferirete continuare a scannarvi per essa, tanti auguri di pace e bene. E lasciate in pace almeno gli agnelli, che è ora. E soprattutto piantatela con l’abuso di chiamare “martire” chi non aveva nessuna voglia di esserlo.
Buona primavera.


43 commenti:

  1. Allora Buona Primavera Nicola. E salutami quel gran genio di Corradino ^_^
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, caro Paolo, da parte mia e di Corradino. Anche se i miei Lettori sono 25 come quelli manzoniani, mi sto accorgendo che lui sta diventando uno dei personaggi più amati e più "nominati" di tutta la storia della narrativa italiana... :D

      Elimina
  2. La vedo esattamente come te, lo sai.
    Ma se non esistessero le religioni, non ci sarebbero i creduloni (da, eventualmente, poter sfruttare).
    Buona Primavera, Nick!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa più schifosa (vale per la religione, vale per il patriottismo, vale per l'immoralità dello sfruttamento schiavistico e della corruzione, vale per l'adorazione del denaro, o della tecnologia o della donna oggetto) è sempre l'indottrinamento coatto e vigliacco dei piccoli: gli si insegnasse soltanto a pensare con la propria testa, gli si lasciasse il tempo di decidere... Quanta paura fanno gli esseri liberi e pensanti!!

      Elimina
  3. come non essere d'accordo...anche se la motivazione non va ricercata nella sola religione, diciamo che questa spiegazione semplicistica, suggella altre di più difficile comprensione ed anche diventa motivo utilitaristico per un certo tipo di pensiero "unico" .
    Sarò impopolare, ma io l'agnello lo mangio, rientra da millenni nella nostra alimentazione e per coerenza allora si dovrebbe eliminare tutti i tipi di carne e derivati ( tonno compreso, se hai mai visto la mattanza) non voglio polemizzare, ma gli uomini sono onnivori. Non facciamo diventare anche l'alimentazione motivo di tabù e divisiva,
    come dici, lasciamo che almeno su alcune cose, come l'alimentazione, si possa decidere in base alle proprie tradizioni ed anche gusti. Per esempio per me sarebbe difficilissimo nutrirmi di uccellini, eppure lo fanno, o di insetti
    eppure li mangiano. la libertà è anche accettare che tu mangi solo cereali ed io sono una barbara carnivora :)
    buona e felice primavera Zio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà qui intendevo gli "agnelli" più nel senso di innocenti e bambini, come nel titolo "Il silenzio degli agnelli". Per essere come sempre sincero fino all'autolesionismo, ti dirò che io per ora non sono vegetariano anche se vorrei esserlo (e non mi sarebbe difficile perché non è che adori la carne...)
      L'agnello non lo mangio perché mi fa schifo il sapore, Se lo trovassi il gusto più sublime del mondo, probabilmente non andrei lo stesso a comprarlo, ma mi riuscirebbe difficile dire di no se durante un pranzo me lo offrissero. Quello che odio (ma rispetto la tua opinione contraria) è il discorso "tradizioni": non faccio una cosa solo perché altri l'hanno fatta prima. E se quegli altri là fossero stati stupidi? O disonesti? O ignoranti? O superstiziosi? O cattivi? Perché imitarli? Perché tramandare le loro abitudini invece di inventarne di nuove?
      Felice primavera anche a te, nipotina cara! :D

      Elimina
    2. p.s. Mi sono ingarbugliato fra titolo originale e titolo italiano dello stesso romanzo: "Il silenzio degli agnelli" è la traduzione letterale, ma da noi divenne, appunto, "Il silenzio degli innocenti".

      Elimina
    3. parlavo di tradizioni nel senso " positivo" come radici familiari, sicuramente non di quelle che, combinano per ignoranza atavica, i disastri che conosciamo.
      L'esempio è la Pastiera per i napoletani.
      Rinnovo gli auguri Zio :)

      Elimina
    4. Sì: se le tradizioni sono simpatiche, dolciarie o sentimentali piacciono persino a me... :)
      Ri-auguri! Che la Tenerezza sia con te e con tutti quelli che mi leggono!

      Elimina
  4. Guerre di religione: il motivo più stupido in assoluto per dare addosso ad altri esseri umani. Nessuna guerra è davvero giustificabile per esseri che si vantano di essere raziocinanti, ma se non altro le guerre per accaparrarsi territori o risorse sono comprensibili e avvengono anche in natura. Ma guerre perché si crede in qualcos'altro? Puah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peggio: perché ti hanno inculcato la credenza in qualcos'altro! La tragedia appare ancora più tragica quando ci si rende conto che la strage è stata perpetrata da automi, da pupazzi, da marionette col cervello spento... Sia stramaledetto per sempre chi indottrina chiunque a far del male a chi si limita a pensare e vivere diversamente!

      Elimina
  5. Pienamente d'accordo. E non dico altro che l'argomento mi fa venire nervoso e disgusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in due... il più delle volte faccio il possibile per sorvolare, ma poi non tanto le cronache, quanto le successive viscide strumentalizzazioni mi obbligano a dire qualcosa...

      Elimina
  6. Sembra un ossimoro : ciò che dovrebbe essere la salvezza dell'anima, è la sola autentica tragedia dell'manità.
    Sembra impossibile che vi siano milioni di persone tanto ignoranti e suggestionabili, ognuna convinta che Dio sia con lei, e non si renda conto di quanto sia ridicola.
    Buona primavera caro Nicola!

    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona primavera anche a te, Cristiana, sperando in un risveglio di cuori e cervelli. Anche se sono molto, ma molto pessimista.

      Elimina
  7. Risposte
    1. Altrettanto a te, carissima Loredana!

      Elimina
  8. Di questi tempi il solo augurio di BUONA PRIMAVERA è anche troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, caro Aldo. Ma Buona Primavera lo stesso! :)

      Elimina
  9. La pensiamo allo stessa maniera e finché il nostro caro Stato continuerà anche a pagare degli insegnanti (nominati dai vescovi) per insegnare religione cattolica nelle scuole di ogni ordine saremo un paese di serie B.
    Buona primavera caro Nick e un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, dimenticavo la beffa delle beffe: per lo stupro delle menti, mediante fideismo acritico, rituali stregoneschi, pregiudizi omofobi e terrore dell'Inferno, che lo si condivida o no, si paga pure...
      Un abbraccione anche a te, amico caro!

      Elimina
  10. Caro Nicola, pure io auguro a te e tutti i tuoi cari una buona Pasqua serena chi vi porti tanta pace e serenità.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona Primavera a te e ai tuoi, caro Tomaso. :)

      Elimina
  11. Conosci già il mio pensiero e non posso che condividere. A proposito di agnelli, ci sono quelli di pasta di mandorle o reale, magari a Corradino piace :))
    Felice Primavera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm... quelli direi proprio di sì: sia a lui che a me! :D
      Felice primavera!!

      Elimina
  12. Buona primavera! ^^
    Anche se io preferisco autunno e inverno :P
    Ho l'impressione che il problema centrale sia costituito da derive e strumentalizzazioni del pensiero (ideologie, religioni). Purtroppo il terreno fertile è fornito dall'ignoranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono più estivo, anche se i colori dell'autunno sono meravigliosi e m'ispirano artisticamente quanto e più della primavera... :D
      Eh, purtroppo è davvero fertile terreno l'ignoranza, succulenta, verminosa e grassa...
      Buona primavera! :)

      Elimina
  13. Alla fine poi, è sempre colpa degli uomini. Gli uomini che hanno inventato un pretesto per uccidersi a vicenda. La religione sarebbe potuta essere qualcosa di positivo (anche se, a mio parere, completamente fittizia), ma non lo sarà mai, perché la gente la usa solo per i massacri o per i buonismi. No, la religione non piace nemmeno a me. Buona Primavera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi azzardo a dire che se le povere menti dei bambini non venissero sistematicamente catechizzate in tenera età, nel 2015 la religione, intesa come sistema oppressivo di precetti basati sul nulla, "non piacerebbe" a un buon 99% della popolazione mondiale...
      Buona Primavera!

      Elimina
  14. ERo venuto per farti gli auguri, perché si sa per certe feste si fanno gli auguri altrimenti è come se ti mancasse qualcosa. Stronzate anche quelle, ma di stronzate si vive.
    Ho trovato questo tuo brano.
    Dico la mia.
    Sto leggendo il Corano, dopo aver letto abbondantemente dalla Bibbia e dai Vangeli. Il mio illuminato pensiero è che il Corano non racconte balle, le fabbrica e le impone come cose serie. La Bibbia invece racconta ballissime e pretende che tutti si creda che siano verità ispirate. Poi i vangeli, scritti da vecchi testimoni, ma vecchi assai visto che quello di Giovanni mi sembra parli della distruzione del tempio, avvenuta nel 70 d:C. a sentir Tacito. Quindi Giovanni andava per ricordi di gioventù.
    La vita eterna, Dio, la Madonna e i santi.
    Arriverà la morte. Un attimo dopo sapremo, non un attimo prima, se sono balle oppure no. Inutile scaldarsi tanto, i casi sono due: o qualcosa dura oltre la morte e noi vedremo casomai cosa, oppure -come penso- finisce tutto lì e buonanotte.
    Tanti auguri di buone feste, amico mio carissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco la narrativa che ha l'onestà di dirsi Umana, con tutti i suoi enormi e onesti limiti. Qualsiasi libro spacciato per "Verità" agli occhi dei bambini e sparato nei cervelli dei bambini è una violenza ingiusta alle loro intelligenze.
      Buona Primavera, caro amico mio! :)

      Elimina
  15. Trovo tanta ipocrisia nelle persone che cavalcano la festa in quanto tale e si agghindano per andare alle cerimonie puntualmente evitate durante tutto il resto dell'anno, per fare un piccolo esempio.
    Quoto la tua risposta ad Anto e rabbrividisco nel pensare a quanto terrorismo mentale venga fatto ai bimbi nell'essere catechizzati.
    Per esperienza posso dirti che la maggior parte dei "formatori" sono le prime persone che non mettono in pratica quanto vanno ad insegnare, della serie "fai quello che ti dico ma non quello che faccio".
    Quindi, a fronte di ciò Buona Primavera anche a te Nicola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vien da pensare un po' malignamente che i preti siano i primi a disprezzare 'ste moltitudini che vanno a messa solo a pasqua e a natale, sfoggiando abitini e borsette griffate e magari sperando che la cerimonia non sfori per non fare poi tardi in discoteca... Ma naturalmente non possono dirlo: sempre di "clientela" si tratta... :)
      Ho letto l'agghiacciante testimonianza di una donna liberatasi in età adulta, ma che da piccola era davvero convinta che una sua amichetta morta fosse finita all'inferno a bruciare per sempre, per il solo fatto di non essere cattolica, e questo terrificante pensiero le rovinò infanzia e adolescenza: fare questo a dei bambini dovrebbe essere COME MINIMO reato... e chissà, forse per il nuovo Zeitgesit dei tempi futuri lo sarà veramente: speriamo!
      Buona Primavera Amica mia!

      Elimina
  16. Mi pare chiaro e che non ci sia niente da aggiungere . Buona privare anche a te Nicola :)

    RispondiElimina
  17. Come non concordare? Quanti danni fanno le religioni... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio a tutti l'ottimo libro che sto leggendo, e da cui ho tratto la citazione là sopra: è di Richard Dawkins e s'intitola "L'illusione di Dio". Uno dei libri più intelligenti (e più garbati!!) che abbia mai letto, ma naturalmente gli italioti o non ne parlano o lo fanno passare per il delirio incattivito di un cattivone antireligioso. Invece è sublime, e ben argomentato, e interessante.

      Elimina
  18. Ma pensa che negli Usa (di cui so cosa pensi, ma anch'io non è che proprio li ami) ho trovato un sacco di religioni simpatiche!
    Buona primavera!

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)