"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 21 ottobre 2011

SGARUPPERIE FRESCHE FRESCHE – Da Stiv Giobbe a Gheddafri, notizzie di spegnimenti moltho portanti. Ma: e li Poeti? E li Quochi?

L’ABITUDINE DI FARE
MORTI E MORTASTRI


Ogi la siniora maestra ci a fatto insegnare che nel monno ci anno stato dei cadavveri molto portanti, prima si e spento a Stiv Giobbe, che era un tirannosauro molto cattivo della Libbia Smisurata che tutti lo stavano sempre a leccare ma poi anno cambiato idea e lo anno sparato. Eppoi si e pure spegnuto a Gheddafri, che era un calciatore gheddafricano un po scarso del peruggia e delludinese, pero mica tanto negro, ma forse non o caputo pene.
Alora io ciò detto che secondo a la mi matre erano assaie più portanti gli spegnimenti del grande poeta Andrea Zanzotto e di quel povero quoco cingalese di quando a Roma e venuta la luvione, e lui che era un bravo quoco e una brava persona che però viveva in un cantinato e ci pagava pure l’afito è morto per salvare la vita della moglie e della figlia piccolina, e lei alora volesse che il Presidente Scugnizo Napoletano li da la medalia e fa il lutto nazionale, mica lo strutto che fano sempre quando che schiatano ai soldati profesionisti.
Mi pareva una cosa giusta daddirci, e invece la maestra a detto che mamma è gnurantona e facesse meglio a vestirmi nu poco piu meglio che io songo lunico bambino non firmato e è pure nu poco na vergonia, e sopratuto a detto che suo il zio è nu Demente Coglionnello della Renault Militare e io devo portarli rispeto, e dopo a deto che vafanculo mi bocia.


40 commenti:

  1. ho riso eh! ma poi sono talmente d'accordo con gli argomenti, che mi son fatto serio...

    RispondiElimina
  2. Volevo precisare che la meastra in questione NON SONO IO! Heheh!!!

    RispondiElimina
  3. Da smascelarsi d'al riddere se nun fosse che hè da piangiere lacrime al lacido soflorico.

    RispondiElimina
  4. Sei un genio - quanto hai scritto m'ha dato una stretta al cuore :-((( Grazie.

    RispondiElimina
  5. ma perchè poi mi fisso sui dettagli? Il Presidente Scugnizo Napoletano tutto maiuscola è genio puro :D

    RispondiElimina
  6. Oggi dopo le foto di Gheddafi massacrato che i giornali mostrano, leggere la tua pagina mi ha ridato un po' ossigeno umano.

    RispondiElimina
  7. Giobbe e Gheddafri. e anq'io non m'i sento moltho pene.
    Demente Coglionnello me la rivendo.
    Tipo alla mi' collega schizofrenica che s'è inventata che gli è esploso il marito in Afghanistan.

    RispondiElimina
  8. si ride ma è una cosa molto seria.

    RispondiElimina
  9. forse sono rimasti solo i "bambini sgrammaticati" a notare l'ordine delle cose!

    RispondiElimina
  10. Grande Nik. Dopo aver visto quell'orrore di fine fatta fare a Gheddafi, che ci vogliono vendere per un intervento di cavalieri del Sacro Cuore di Gesù che volevano portare un ferito in ospedale, ma poi gli è cascato dalla macchina, e si è impiccato da solo e il buco in testa e il sangue dappertutto era di un altro cavaliere del Sacro Cuore di Maria Vergine di Fallotondo, che mentre correva per salvarlo cascò e si infilò nelle tubature del cesso, beh, caro Nik mi sono sentito meglio e sollevato.
    Ciao.

    RispondiElimina
  11. Un finto ridere, ossia quella risata che parte e poi si spegne sul ghigno di labbra poco contente e un po' deluse.
    EssereCheSia.. ci deludono parecchio: eravamo un un Paese di Santi Poeti e Navigatori ..
    All'Ultima Cena c'era Giuda: prima di levare il disturbo (s'è impiccato) ha restituito i soldi con cui s'era venduto il Suo Capo.
    Oggi oltre che a nn levarsi dalle palle manco restituisco, anzi spremono e ciucciano all'infinito.

    Non riesco a ridere.
    Ma scrivi sgrammaticamente bene :)

    RispondiElimina
  12. zogno bastanza incassato anca io. Comunque mi sa che c'hai lassiato la moderassione

    RispondiElimina
  13. No, sono io che sono rincoglionito, scusa.

    RispondiElimina
  14. Caro Nicola la storia ci ha insegnato che i grandi dittatori presto o tardi fanne sempre una brutta fine, sicuramente nessuno dei dittatori ci pensa a questo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  15. Caro Nicola sono ancora io.
    Ero tanto intusiasto della fine del dittatore che ho trascurato il tuo bel racconto veramente divertente.
    AHHH queste insegnanti?!?!
    Tomaso

    RispondiElimina
  16. bella zio, d'accordo su zanzotto e sul cuoco cingalese; non ci sarà mica qualcuno adesso che verrà fuori a scandalizzarsi per la fine fatta fare a gheddafi? ma lui quanta gente innocente ha scannato quando era al potere?

    RispondiElimina
  17. Tanta amrezza, ma chapeau alla genialità ed alla leggerezza, essenziale per un sorriso..
    Gingi

    RispondiElimina
  18. sono, siamo, fantasmi per molti, lettere e numeri per tanti, nomi vuoti che camminano per troppi...

    RispondiElimina
  19. RIsate amarissime, ma non c'è modo migliore per affrontare certi argomenti... Grazie Zio.

    RispondiElimina
  20. forse intuisco perchè hai dato voce a un bambino che con le parole non ci sa fare.

    Ciao, carissimo!

    RispondiElimina
  21. TRA L'ALTRO IL NOME è GADDAFI.

    CHe dire, tu parli come magni, scrivi come cachi e respiri come starnuti

    RispondiElimina
  22. Quella maestra efficacemente satireggiata da te appartiene, tuttavia, più ad una minoranza attiva che alla maggioranza di brave insegnanti tartassate e vilipese da Gelmini, Brunetta, Sacconi, Tremonti, ecc di turno!

    RispondiElimina
  23. del peruggia e delludinese... e della sambtoria... (esordendo in A contro la Giuvenduss)

    RispondiElimina
  24. O' riduto assai e ma poi m'isono diventatta seria assai strata faciendo.

    RispondiElimina
  25. spero non ti dispiaccia se ho linkato il tuo post, lo trovo sublime e invito i miei pochi lettori a leggerlo.

    RispondiElimina
  26. * Antonio
    Non mi dispiace per niente, anzi, Grazie!
    (Bella anche la tua chiave di lettura, che ha colto nel segno: con l'indignazione e lo sconcerto che mi si rimescolavano dentro, o scrivevo un pippone incazzatissimo e magari noioso, oppure provavo a cedere la parola "al bambino sgrammaticato che nota l'ordine delle cose".)

    Grazie anche a tutti gli altri per aver capito che il tono parodistico-demenziale non era certo per ridere stupidamente delle disgrazie, ANZI!!

    E un caldissimo Benvenuto a Gingi (e pure a Vitamina, a cui mi sono imperdonabilmente dimenticato di darlo la volta scorsa!)

    Un abbraccio a tutti e a tutte!!

    RispondiElimina
  27. I gnurantoni così mi piacciono, mi piacciono molto, perché sono sinceri.

    RispondiElimina
  28. ahah...scherzando e storpiando hai riscritto la cronaca degli ultimi giorni mica male!..E' vero: vecchi poeti e piccoli grandi eroi non fanno più notizia..l'audience beve sangue dai cellulari.
    ..Ti immagini un telegiornale con questo tuo nuovo linguaggio?..
    buona serata, zio Nick.

    RispondiElimina
  29. Nicola, questo bambino è speciale e mi ha confortato dell'angoscia verso il cuoco cingalese che pare (così ho sentito asserire) abbia perso istanti preziosi a cercare il permesso di soggiorno: divampo di rabbia. Devono morire nella merda i vari legislatori xenofobi. Anch'io trovo questo post sublime.
    Grazie amico carissimo, ciao a presto

    RispondiElimina
  30. Ahuuuuuhuuuuuhuuu! (ululato di condivisione)

    RispondiElimina
  31. Sono costernato di fronte a tanta innocenza

    RispondiElimina
  32. Sono ancora in tanti a scrivere così... Ma è sempre tutta "verità sincera"!

    Ciao Zione. :)

    RispondiElimina
  33. Hai scritto una cosa bellissima,zio.E sento che dietro la volontà di sdrammatizzare con l'ironia,c'è invece l'impperativo etico di raccontare la tragedia immensa di un paese ( e di un mondo ) capace di mercificare anche la morte.

    RispondiElimina
  34. quanta verità in mezzo alle sgarruperie del bambino non firmato...

    RispondiElimina
  35. Non avevo seguito i fatti dell'alluvione, quindi ti ringrazio per avermi reso edotto sulla sorte del povero ragazzo padre cuoco

    RispondiElimina
  36. A proposito: oggi lacrime e cordoglio, e minuti di commosso raccoglimento in tutta italiA. Per il Poeta? Per il Cuoco? No. Per uno che correva con la moto.

    RispondiElimina
  37. ahahahahahahahahahahahahahha XD XD non resisto!!!!!! come farsi due sane risate e riflettere sull'attualità... ma quindi, devo ridere o piangere? ;)

    RispondiElimina
  38. * Giulia
    ridere E piangere, come sempre al cospetto della mia tragicomica scrittura... :-) :-(

    un abbraccio! :D

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)