l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

lunedì 3 ottobre 2011

KADDETT??!! – Semiseri dùbbioli blogghiferi dalla profonda e surreale tenebra del medioevo-mafioevo italiota.



Ma…

Ma se io faccio un post scherzosamente CONTRO ME STESSO e poi mi chiedo scherzosamente rettifica, se non rettifico mi multano?

Ma “rettificare”, scusate l’ignoranza, significa ficcare alla gente delle cose NEL RETTO ahia-che-male?

Ma se il sindaco di Rocca Ducazzo mi dice che nominare il suo paese costituisce già un insulto, è giusto che se la prenda con me o dovrebbe prendersela con la toponomastica? (Magari dopo essersi chiesto “Cumminkya ci azzecca l’onomasteco dei topi?”)

Ma se nella classifica della Libertà di stampa e di Espressione stilata da Freedom House stavamo al quarantesimo posto (dietro Namibia, El Salvador, Perù e Bulgaria) con la dicitura “paese PARZIALMENTE libero”, dopo tutta questa bella storia in che posizione di cacca saremo mai retro-CESSI?

Ma soprattutto: erano peggio i sovietici che negli anni Ottanta avevano la reticente Agenzia di Stampa TASS, o siamo peggio noi che nel 2011 avremo il Decreto STATTEZZITT?!


42 commenti:

  1. Per i non lombardi: in alcuni nostri dialetti il significato di TASS, è "TACI!", cioè l'esatto equivalente di STATTEZZITT...

    RispondiElimina
  2. E' una nuova strategia ... metterci contro noi stessi! ;-)

    RispondiElimina
  3. La parola più adatta per descrivere questo momento l'ha trovata Polanski: carnage, cioè massacro...

    RispondiElimina
  4. Nell'ultima classifica siamo al 73°posto e dopo questa legge prevedo un’ulteriore discesa. Saluti a presto.

    RispondiElimina
  5. rettifica in questo triste frangente è sinonimo di alesaggio

    RispondiElimina
  6. La vita si fa dura anche per voi tutti, se anche ammetto che tante cose che si dicono sono sempre molto gonfiate, scusa caro Nicola spero di sbagliarmi, buona settimana, amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. "vip e potenti armati di grandi avvocati che faranno azioni legali, piccoli blog e non professionisti della comunicazione on line che pur di non avere rotture di scatole giudiziarie rinunceranno ai propri spazi di libertà e parodia."
    da piovonorane.

    Uno dei primi esempi è la chiusura di nonciclopedia.wikia.com:
    tinyurl.com/6c5b5s4
    (grazie alla simpatica azione legale di Vasco Rossi)

    Poi chissà, potrebbe toccare a Spinoza e a noi altri. Un paese che comincia a darmi la nausea.

    RispondiElimina
  8. Retti-fica.
    Già dal termine, si evince che non ci si capisce un cazzo.

    P.S.: dolentissimo di leggere quanto scrive Lucien nel suo commento. Non lo sapevo. Cioé, ha anche degli avvocati, uno che pubblica "musica" che di per se costituisce reato.

    RispondiElimina
  9. MI SEMBRA TUTTO COSì ASSURDO!In fondo non ci credo, mi sembra impossibile che, di fronte al mondo, possano portare avanti un'azione del genere.E' il momento di passare il più inosservati possibile.
    Cristiana

    RispondiElimina
  10. Si vorrebbe poter passare inosservati in un momento così, ma bisognerebbe tirare fuori i controcoglioni (e scusate l'eufemismo) e reagire...

    RispondiElimina
  11. * Lucien
    Io di nausea ne ho talmente tanta, che non solo vorrei DAVVERO chiedere asilo politico alla Danimarca (per dirne una) ma per protesta contro questo schifo di paesE cambierei persino nome per diventare Nicklas Pedersen... (mi sembra il corrispettivo giusto, visto che mio padre si chiama PIERluigi e Pedersen vuol dire figlio di Pietro...)
    Cambierei persino, per protesta, la mia lingua con la loro, se non fosse che, a differenza di molti nostri "scrittori" da classifica (a proposito di nausea) mi dicono che sono piuttosto bravino nell'usarla (e quindi non ho scampo, mi tocca rimanere scrittore italiano, anche se spero tanto di poterlo fare in Esilio)...

    E a proposito di editoria: secondo me la gran maggioranza degli editori di giornali, che da un lato s'indignano per quella parte di legislazione che andrà a impastoiare anche loro, sotto sotto si fregano le mani, poiché con la scomparsa dei blog scomparirà la possibilità di rendersi conto, GRATIS, dell'esistenza di un sacco di gente che dice cose più intelligenti e libere (e le scrive pure meglio) di tanti strapagati iscritti al loro cosiddetto Ordine, afflitto senpre più spesso dalle italiche piaghe della raccomandazione e del nepotismo, quando non addirittura dall'ereditarietà feudale apertamente codificata... E visto che chi sappiamo noi con l'editoria c'entra parecchio, non è forse questo un ulteriore Conflitto d'Interessi?

    RispondiElimina
  12. Le libertà riguardo alla rete forse qualcuno non lo sa sono state ristrette sin dall'inizio...il ritardo con cui la rete è arrivata in italia, la persecuzione che si fece ai tempi alle reti amatoriali che offrivano accessi gratis proprio a internet, così da renderlo per anni un servizio molto costoso e poco accessibile, l'oscena lentezza dei collegamenti, tutt'ora incredibile e non giustificabile sotto l'alibi di false problematiche geografiche..ora molti si svegliano per la paura che venga loro tolto il giochetto..beh sinceramente a questa gente domando dove eravate quando tutti governi, anche quelli di sinistra, negli ultimi 20 anni in questo paese hanno impedito che internet fosse un media diffuso e accessibile come in tutti gli altri paesi d'europa?
    Quanto alla censura, sai che novità in italia!

    RispondiElimina
  13. ho ufficialmente chiesto il cambio di residenza nel comune di Rocca Ducazzo

    RispondiElimina
  14. * listener
    Personalmente faccio poco testo, perché ho internet solo dal 2008. A ritardare il mio accesso, oltre al mio essere bastiancontrario nei confronti di una cosa troppo di moda, troppo sulla bocca di tutti ("Non navighi in internet? Sei proprio OUT!" "Ma vaffanculo" - quanto mi stava sul cazzo anche solo l'uso pecorotto-pappagallesco di quel verbo "navigare" al posto di "usare") a ritardarlo, dicevo, fu proprio la sensazione di un qualcosa di troppo lento, limitato, e soprattutto pazzescamente, inaccettabilmente COSTOSO, rispetto alle meraviglie che se ne dicevano. (E' ancora così, ma qualche anno fa era una cosa a dir poco vergognosa, soprattutto facendo i soliti, impietosi paragoni coi Paesi Civili ed Evoluti, anche vicinissimi, tipo Francia ecc., ricordo ancora le scatolette con scritto "internet ricaricabile", poche ore che costavano un capitale!)
    Hai ragione nel non limitarti a farne solo una questione di destra-sinistra: è una questione di Paleo-italiA.
    Viviamo in un paesE di serie C.
    A voler essere ottimisti. :-(

    * Euterpe
    :-))))

    RispondiElimina
  15. * Nora
    anche oggi stessa stranezza: il tuo commento è delle 10.11 ma l'ho visto e pubblicato solo adesso, perché era finito, assurdamente, tra gl spam... ma che gli hai fatto di male a 'sto somaro d'un antispam Blogger? :-))
    mi scuso io per loro e ti abbraccio

    RispondiElimina
  16. Tas, tas lè mei

    Siamo proprio messi male Zio:-)

    RispondiElimina
  17. * Ferruccio
    Sèm cunscià bén, porcudìghel! :D

    RispondiElimina
  18. Questa legge salvaculo non sa da fa. Ma qualcuno sembra già aver colpito: parliamo del povero sfigato, permaloso e drogato di Vasco Fanculo Rossi che ha fatto chiudere #Nonciclopedia. L'essere ha pisciato fuori dal vaso e non si rende conto del potere della rete.

    Tutto questo è semplicemente vergognoso.

    Ciao grande Zio. :D

    RispondiElimina
  19. Amanda, che graziosa e fine! Mi permetto di volgarizzare cotanta finezza -mascolo sugno e sporcaccione emerito-: fare "l'alesaggio delle crespe del bucio del culo" era un eufemismo usato ai tempi della mia università, quando -eravamo alla facoltà di Medicina- volevamo intendere un certo tipo di interrogazione o interrogatorio.
    Penso proprio che stiamo cadendo in picchiata, sfiorando il pianeta per perderci nell'infinito del finito da un pezzo, cioè ogni senso di civiltà, di decoro e di decenza.
    Ci autocensureremo: ognuno di noi sparerà cazzate opime e sublimi su se stesso; poi chiederemo la smentita; le smentiremo sparando ancor più cazzate di prima, per potere di nuovo chiedere smentite, donde altre cazzate e via col tango, di qui all'eternità.
    Cari amici a fornicar di notte senza lumini e raffreddati di brutto si corre il rischio di incularsi un abete, o peggio ancora la tana di un porcospino, mamma mia che brivido lungo la schiena!

    RispondiElimina
  20. Ma rettificare è a senso unico? Perchè spesso, a certe notizie, rettificherei (nell'altro senso)

    RispondiElimina
  21. ai tempi dei sovietici era il peggio, al tempo loro.. oggi non ci facciamo (non ci fanno) mancare nulla cmq :(

    cmq la retti-fica .. male-fica
    mumble mumble..

    RispondiElimina
  22. Ecco, sì..rettificare vuol dire inserire roba nel RETTO di chi scrive, ahiaiahiii! :(
    Io corro a comprare le mutande rinforzate..che schifo di interminabilemomento!

    RispondiElimina
  23. Meglio che non dica nulla.
    Ce le ho già abbastanza girate per la questione Nonciclopedia. Non che sia un sito perla della cultura internet (anche se il suo posto nella storia virtuale se lo è scavato per bene, è un sito ben fatto e scritto meglio di quello a cui fa il verso) ma è una questione di principio, di libertà, porco di un porco suino!!!
    Che medioevo orwelliano!!!

    RispondiElimina
  24. Ahahahahah grande zio! Sto a Montpellier in breve pausa lavoro, e avavo proprio bisogno di farmi una risata! Bellissima la rettifica iniziale di quel TASS, che ricordo molto bene quando abitavo a Milano! Ma anche quel retti-fica di Stefano non scherza :-) Mi rimetto al lavoro! Ci si vede presto Nick, un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Sarò ingenuo,ma se tutti continuano a scrivere e a non rettificare,questi, tempo un mese, li facciamo uscire pazzi.

    RispondiElimina
  26. Cosa aggiungere ad un post tragicamente esilarante e perfetto?! Ah, sì... voglio scappare.

    RispondiElimina
  27. Potresti punirti regalando agli amici Biscotti Danesi; per intenderci sono quei biscotti al burro che si acquistano nella scatola di latta...
    Un abbraccio secondino.
    Paolo

    RispondiElimina
  28. Magari per una volta se invece di fare la rivoluzione perchè ci hanno venduto un calciatore ci metessimo veramente a protestare per la nostra incolumità intellettuale .....
    e non lo dico da menefreghista calciofila, ma da gattagrifona rossoblu miaaaoooggrrrrruffff

    RispondiElimina
  29. salvifica ironia! Grazie Nick! :-)))

    RispondiElimina
  30. Se ci penso meglio, io ho la Francia a due passi ... :)))

    RispondiElimina
  31. Chissà come evolverà...
    Mia nonna verso la fine della sua a vita -e all'inizio della mia- scuoteva la testa parlando dl futuro che ci attendeva. Mio papà verso la fine della sua vita -e a metà della mia- scuoteva la testa parlando del futuro che ci attendeva. Ora no so e non voglio sapere a che punto della vita io sia; ma, anche, mi sta proprio sulle balle dover scuotere la testa fino a ritrovarmela girata al contrario.
    Sandra
    P.S.: post geniale.

    RispondiElimina
  32. Mmm.. siamo peggio noi!
    E più andiamo avanti, più peggioriamo, ahimè!
    E purtroppo non è un luogo comune, è la realtà.
    Per fortuna che noi sappiamo ridere :)
    Ciao Zio! :)

    RispondiElimina
  33. Non credo che questo ddl diventerà mai legge. Non ci sono riusciti prima, non ci riusciranno neanche adesso. Non un governo in queste condizioni da eutanasia.

    Un saluto da Marte, caro Zio.

    RispondiElimina
  34. Poi non saremo più parzialmente liberi ma imbavagliati.
    Che tristezza.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  35. Mo' vado a vivere ad Amsterdam.

    RispondiElimina
  36. e ci si mettono pure i vecchi cantanti alcolizzati a fine carriera a sfasciare la minchia...ma come dice lui.."va bene va bene va bene..va bene così" (manco per il cazzo che te se frega..anzi che ti rettifica)

    RispondiElimina
  37. Dopo aver visto l'ultima e bellissima a parer mio puntata di Presa Diretta (uno dei pochi programmi televisivi decenti rimasti) mi è venuta voglia di trasferirmi al più presto in Spagna... ma coi tempi che corrono mi accontento pure della Namibia.... ;) come possiamo noi spiriti liberi vivere in un paese che è libero solo parzialmente??? come il latte... per questo lo prendo solo intero! U_U

    RispondiElimina
  38. se passasse il "decreto stattezzitt" dovremmo cominciare ad abbandonare internet e riunirci in carne ed ossa per discutere a voce alta di certe cose...

    RispondiElimina
  39. ... roba che avremmo già dovuto farlo, senza stare ad aspettare di essere censurati.

    la misura è superata da un pezzo, non serve la "n" riprova per sdegnarsi.

    RispondiElimina
  40. Ah, meravigliosi dubbi amletici! Dire che vorrei vedere il governo, al completo, sprofondare in una miniera satura di grisou, è davvero il segno che sono una gran signora.
    Il "mafioevo" è mitico!
    Baci.

    RispondiElimina
  41. hai fatto bene a mettere la nota per i non lombardi, altrimenti mi sarei persa una chicca :) Quanto al resto...siamo peggio noi, ovvio. Purtroppo.

    RispondiElimina
  42. Hehehe, se vede che non me volevano fa' commentà! Grazie per avermi "recuperata" Ultimamente pure a me molti commenti finiscono tra gli spam, ma vengono tutti pubblicati. Ciaooo e grazie per il commento, aaah una cena, chissà, perché no un giorno ;)

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)