l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

giovedì 19 novembre 2015

"Mi meraviglierei se tu ci riuscissi".

SEPOLCRI IMBIANCATI

Chissà perché quasi tutti commettono l’errore di considerare “Imagine” la canzone dell’ingenuità pacifista. Quando invece è una delle canzoni più DURE e disperate che siano mai state scritte. (Lo si capirebbe già dall’intonazione struggente, quasi da nenia funebre, per non parlare dell’amara ironia di quel “mi meraviglierei se tu ci riuscissi”: le nostre menti sono condizionate con violenza fin da quando eravamo troppo piccoli, spesso in modo irrimediabile. )
“Imagine” ha l’incredibile coraggio di sputare in faccia alle patrie, alle religioni, alla bramosia di possesso, all’avidità di potere.
John Lennon aveva ben chiare quali fossero le facce del Male, e qui le chiama TUTTE per nome.
Dove per “religione” non si intende il sentimento mistico e spirituale, né quel sogno di purezza, bontà e trascendenza che ognuno dev’essere libero, se lo vuole, di coltivare nel suo intimo.
Si intendono le brutture delle teocrazie e delle religioni maschiliste istituzionalizzate.
Che guarda caso vanno a braccetto con le “patrie” (“La religione è l’ODIO fra i popoli, magari fosse l’oppio!”, diceva un mio personaggio) con la “ricchezza” (vedi scandali vaticani) e col “potere” (vedi sottomissione delle donne, indottrinamento dei bambini, benedizione dei cannoni, facile proselitismo fra i poveri e gli affamati – io darò cibo ai tuoi figli, ma tu inginocchiati e prega) nonché con la censura delle arti e la negazione della libertà individuale.
E comunque, anche se fosse una canzone ingenua, sapete che vi dico? Che fra un misero, istantaneo, brevissimo  secolo voi ed io saremo comunque tutti POLVERE. E a quel punto preferirei mille e mille volte esser riuscito a lasciare di me un ricordo anche lontanamente simile a quello di un John Lennon, che non a quello di un terrorista, o di un guerrafondaio che prospera su armamenti e bombardamenti di civili. (Il terrorista e il guerrafondaio: due facce della stessa meRdaglia.)
Mi direte che John Lennon è stato ucciso a quarant’anni. Già, ma chi è rimasto VIVO e fecondo nei cuori di milioni di persone? Lui o il tristo mentecatto con la pistola?



25 commenti:

  1. oh! grazie per la tua integrità intellettuale, che pure sta cosa della famosa canzone pacifista, non la reggo più, come diceva il caro Rino:)
    ma se cantassimo un mondo d'amore di Morandi ? come la vedi? a me è sempre piaciuta, così pacatamente limpida.
    :)
    buonanotte Zio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davanti a gente che considera peccaminose le arti e le musiche, sarebbe bello se ognuno di noi ne cantasse una diversa, a Piacere.
      Ciao carissima! :)

      Elimina
  2. Sicuramente Lennon.
    E ti dirò di più: la religione è destinata a sparire.
    Purtroppo fino alla prossima.
    L'uomo ha bisogno di guerre e di credere in qualcosa che gli faccia un po' da scusa, un po' da paraculo per la coscienza.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sta rivelando la più rovinosa malattia mentale della scimmia mica tanto sapiens.
      I cavernicoli inventarono gli dèi per farcisi propiziare la caccia e la battaglia e la meteorologia, e ancora non ce li siamo scrollati dal groppone. Anzi!

      Elimina
  3. Hai interpretato in modo perfetto la canzone di Lennon, sei un critico rock perfetto. Condivido ampiamente il tuo discorso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi detto da Te è un complimento a dir poco immenso. Un po' come se Fernanda Pivano mi avesse detto che sono un perfetto critico letterario... :)

      Elimina
  4. In questi mesi di cambiamento, di ritorno (ma è tornato o c'è sempre stato e non ce n'è importava?) del terrorismo, di migrazioni che fuggono dalla fame e dalla guerra, sono attonito di fronte al silenzio della Chiesa piccola, quella locale. Quella che è sempre pronta a dirti che Papa e Vescovi hanno chiesto di cambiare l'orario delle messe e non cita mai nessuno dei suoi superiori (che anche scomodare Gesù pare brutto) quando c'è da parlare di accoglienza, povertà e altri discorsi ormai così lontani dalle messe che si viene tacciati di comunismo anche solo a pensarlo (perché i perbenisti cattolici vedono ancora comunisti ovunque)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente non sapevo se indignarmi di più per la notizia del sospetto di ricche mazzette per le canonizzazioni (!!) o per quella di quel sito taleban-cristianotto dove si collegava la strage al teatro parigino ai contenuti "demoniaci" del concerto rock.
      Per fortuna esistono tanti religiosi intelligenti e di vera "buona volontà" come te e tanti miei amici, altrimenti mi verrebbe voglia di fare della lotta contro le religioni il nuovo e più grande scopo della mia esistenza.

      Elimina
  5. Senza ombra di dubbio, Lennon. Certo, bisogna farne una lettura superficiale e non conoscere per nulla l'artista oltre che l'uomo, per pensare che l'unico merce di scambio della canzone fosse la pace. Era un urlo vero e proprio anche se in tono funebre. Contro la merda che avvolgeva il mondo allora. Che poi adesso è molto peggio. Noi spariremo. Non resterà nulla, tantomeno la religione, che è già morta. E se non bastassero vicende note da tempo, basta tutto quello che ci sta precipitando addosso negli ultimi giorni. Almeno cerchiamo di dare un senso critico e realistico a ciò che ci piace, senza condizionamenti altrui. Che poi io, davanti al mosaico in Central Park ho pianto. Sono un'anima fragile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le anime fragili, e quelle che sanno piangere, sono le migliori. Se ci fosse una "salvezza", verrebbe da loro.

      Elimina
  6. una volta abbiamo parlato di lei La Ferrante, tu avevi dubbi, io l conosco e dunque ero serena delle mie affermazioni, finalmente posso provartele con tanto di foto, mi costa farlo ma non mi piacciono le illazioni che spesso fanno su di lei.
    Scusa l' Ot ma finalmente ho,ritrovato la pagina incriminata :)
    http://www.sagarana.net/anteprima.php?quale=980
    ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fuoritema sono da me sempre graditi, e devo dire che questo è pure sfizioso assai. :)
      Grazie. Ciao! :)

      Elimina
  7. ti leggo solo ora: grazie Zio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Il fatto che anche tu come me abbia postato un video di quella canzone mi ha dato lo spunto per questo pezzo: inizialmente era un commento da mettere lì da te (e scusa se poi non l'ho fatto).

      Elimina
  8. Non c'entra un cazzo, m vedi tu la capoccia, cioè a dire la distrazione. Mi pareva di essere un tuo sostenitore e invece nisba. Che figüra! Ma adesso sono il 701, ti piace? La prima camera a sinistra del settimo piano.
    Lennon? Un grande. Poeta e magari musicista, ma soprattutto uomo, anzi Uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un grande, Signor 701! :)
      Come grande è l'abbraccio che ti dedico, caro Enzo.

      Elimina
  9. Quella foto è fattualmente errata.
    Al riguardo ti rendo noto che tutte le società che hanno espunto la religione dalla società hanno portato alla guerra e allo sterminio ( ad es. Nazismo e Comunismo).
    Dunque il tuo assunto è del tutto errato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accolgo il tuo dissenso anche se non condivido mezza virgola delle tue parole. Inoltre io non parlo di eliminare le religioni, ma semmai le loro forme di potere istituzionalizzate e oppressive, che hanno generato guerre, persecuzioni e massacri tanto quanto nazismi e comunismi (e per tua informazione, io non sono né nazista né comunista).
      E la foto è soltanto simbolica.
      Si può discutere su tutto e avere le proprie idee su tutto, ma il concludere con la sicumera di pagelline che dicono "giusto/errato" è una cosa che mi lascia assai perplesso. Io per mia fortuna continuo ad avere tanti dubbi. Anche sulle cose che scrivo io.

      Elimina
    2. @ narrabondo e quel che segue.
      Ho scritto un post in cui civilmente ho detto la mia impressione sulla mattanza di Parigi. Chi mi ha contraddetto lo ha fatto altrettanto civilmente, senza sbattermi in faccia nazismo, comunismo o qualche altro ismo. "La religione odio tra i popoli" dice un personaggio di Zio Scriba, che non conosco ma di cui conosco l'autore. E concordo.
      Ma credo che purtroppo la religione -o i suoi estremismi negativi- siano in questa faccenda solo lo specchietto per le allodole, dove le allodole sono i trentamila imbecilli vassalli del califfo che ammazzano credendo che glielo imponga Allah ak-bar, mentre invece fanno solo gli sporchi comodacci di una lurida élite. Come giustamente ricorda uno dei miei interlocutori, che si firma Cavaliere errante ma che di solito non erra mai, secondo Tucidite dietro ogni guerra c'è sempre una ragione economica. Ed io credo che in questa ce ne sia più d'una. E poi aggiungerei anche l'odio atavico tra islamici sunniti e sciiti, l'infinita diatriba tra Turchi e Siriani contro i Curdi, popolo senza terra e senza patria, che proprio in questa situazione combattendo a terra contro il cosiddetto Califfato stanno accumulando bonus a go-go ed lcuni già parlano di una suddivisione finale della Siria in più di uno stato, come la Germania dopo la seconda guerra mondiale, ottenendo tanti centri facendo finta di niente. Pensa tu: dare una terra e una patria ai Curdi, facendone un cuscinetto tra Siria e Turchia; tenere gli sciiti iraniani a bocca asciutta; fare della Siria una Sirietta, cosa buonissima per Israele, che non chiede di meglio.
      Piantiamola di metterla sul piano della religione. Certo, i combattenti del Califfato -i terroristi, i tagliagole, i bruciatori di ostaggi- urlano Allah ak-bar, ma in effetti i loro capi accumulno potere economico. Questo è secondo me il senso di questa mattanza.
      E che nessuno si offenda.

      Elimina
    3. Le opinioni si possono condividere o meno, i fatti restano fatti.
      Nello scontro di civiltà in atto la religione cattolica è assolutamente terza e chiamarla in causa è una operazione scorretta, posto che LE PARTI in conflitto sono l'Islam e l'ideologia giacobina/laicista/occidentale di cui la canzoncina di Lennon è espressione.
      Ho solo tenuto a precisare questa circostanza, poi ognuno può pure continuare a difendere i valori che gli stanno a cuore: ad esempio io mi batterò sempre per espungere l'ideologia giacobina dalle istituzioni.

      Elimina
  10. Mi piace quello che dici.
    Nei primi versi della canzone Lennon parla di vivere il presente. L'idea che hanno coloro che stanno attraversando la quarta dimensione per giungere alla quinta dimensione, espressa nel ritornello: spero che ti unirai a noi ...and the word be One, con accento sulla parola "Uno". Tutte le discipline spirituale hanno come scopo l'unione con l'assoluto.
    La morte prematura di Lennon, se considerata da un punto di vista inusuale, ha un senso chiaro. Aveva già dato l'espressione massima di se, aveva compiuto il suo dovere spirituale e concluso il cammino nella tera dimensione (quella terrena, per eccellenza).
    Questa canzone è il manifesto di uno spirito evoluto che desiderava portare il suo messaggio a conoscenza di tutti.
    Certo, la gente preferisce considerarla un fenomeno discografico, una di quelle canzoni da sbandierare insieme alla demagogia.
    Ma è di più, è la soluzione per la continuità e la sopravvivenza dell'umanità e del suo evolvere spirituale.
    "MI meraviglierei se tu ci riuscissi" . Il danaro governa il mondo e finché sarà così possiamo soltanto immaginare.
    Ma, se siamo in tanti, sempre di più, ad immaginare, a desiderare e a fare qualcosa per un mondo così come lo descrive Lennon .....succederà, sarà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensare che c'è chi le chiama "canzoncine". Sono gli stessi che chiamano i grandi Romanzi "storielle"... Come se l'Arte non fosse una delle più belle e più alte espressioni della mente e dell'anima umana!
      Benvenuta a bordo! :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)