Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

lunedì 20 aprile 2015

I RACCONTI "DEL CASSETO"

A metà marzo ricevo, da una famosa associazione cultural-letteraria, una mail striminzita e senza firma in cui mi si propone, nel caso in cui avessi dei racconti “del casseto”, di partecipare a un concorso aperto a tutti. Premio per il vincitore la pubblicazione dei suddetti racconti. Tutto questo senza che io abbia chiesto niente di niente.
Resto a lungo indeciso su come rispondere. Già racconti “nel cassetto” sarebbe una banalità difficilmente sopportabile, ma: del casseto? Si prendono gioco di me o è questo il normale livello delle loro comunicazioni? Cosa gli mando? Una sana bordata d’insulti? (Quando ci vogliono ci vogliono!) Oppure una risposta da scrittore sottovalutato e indignato: “Se è aperto a tutti, non è alla mia altezza, grazie”. O al contrario una risposta autoironica: “Spiacente, ho solo racconti del casso”. Oppure una risposta mattacchiona (una manciata di refusi in cambio dei loro due): “Morto bietolo di protecipare!” O una risposta orgogliosa? “Mi dispiace, ma anche se a voi parrà strano, postarli sul mio blog è più prestigioso, e raggiunge più lettori, di quanto non succederebbe con la vostra – peraltro improbabilissima, perché so come vanno ‘sti concorsi – pubblicazione”. O ancora, una risposta polemica: un messaggio in bianco ma firmato Nicola Pezzoli, per far capire che le comunicazioni anonime e burocratiche sono già abbastanza irritanti, ma se poi ci si aggiunge l’irriguardosa sciatteria di ben due refusi, a uno che di mestiere fa lo Scrittore (per quanto outsider semifallito, muorteffame ecc) potrebbero girare un pochettino i maroni.
Infine, opto per quella che ritengo di gran lunga la soluzione più giusta e più nobile, più signorile, in casi simili: non rispondo per niente.
Per dirvi come sono fatto: continua a venirmi il dubbio di essere stato villano!


35 commenti:

  1. No, non sei stato villano: mail piene di refusi in genere indicano roba tra la stronzata e la truffa, quindi è sensato non rispondere per niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in questo caso si trattava di associazione vera e prestigiosa (l'indirizzo è vero e non taroccato, e il bando del premio è quello originale), e questo è ancora più deprimente. Molto deprimente... :-(

      Elimina
    2. Se li conosci, potresti provare a contattare qualcuno dei capoccia ed esortarli ad assumere almeno un correttore di bozze, specificando che non risponderai alle loro mail fintanto che non ti arriveranno scritte in italiano (e non alla nano veneto che mette il casseto nella moneta... :D ).

      Elimina
    3. Magari era davvero il capoccia: gente talmente snob che pensa di farti un piacere, di darti un contentino, solo perché ti contatta, si abbassa a contattare te, sconosciuto outsider sciammannato.... Mi chiederanno scusa dopo il Nobel... :D

      Elimina
  2. pare una mail di un'ucraina in cerca di marito...del tipo "sono una donna bravo...etc"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e invece proviene dal gotha culturale (poi ti messaggio in privato, qui voglio essere magnanimo, anche se loro si comportano da "magna anime"... :D)

      Elimina
  3. A volte il silenzio e meglio di mille parole !!!!
    Ciao Zioooooooooooooo !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ué, ma guarda chi si rivede!!
      Bentornato carissimo!

      Elimina
  4. Cara Nicola, passo per lasciarti una buona giornata, amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero qui e ti ho beccato al volo: buona giornata pure a te, caro amico! :)

      Elimina
  5. L'ho sempre detto che in Italia c'è un grosso problema: la comunicazione.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un paese in cui i grandi editori tampinano porta a porta i cantanti per convincerli a diventare (pseudo) scrittori qualche problemino ce l'ha... :)

      Elimina
    2. A chi ti riferisci? :)

      Moz-

      Elimina
    3. Guarda, l'altro giorno sulle pagine pseudoculturali di un grande giornale ne incensavano addirittura tre o quattro, fra cui una specie di deejay raffigurato in posa da re su un trono che faceva pensare a un w.c., e che mi ha subito suggerito l'idea di una battuta-slogan-auspicio per il futuro della grande editoria e della Narrativa italiana: FUCK INETTI! :-))
      [dove l'inetto ovviamente non è lui, ma chi produce, smercia e pompa certi libri...]

      Elimina
    4. Ahaha quindi è il figlio dei Pooh :)
      Ma i fans vogliono le biografie!^^

      Moz-

      Elimina
    5. Almeno fossero biografie di artisti: questi qui (e sempre più numerosi) vengono convinti a darsi alla narrativa, con risultati da brivido (in senso negativo, ovviamente). Ho visto un incipit da qualche parte su Fb: se a dodici anni avessi scritto così male mi sarei preso a sberle da solo... :D

      Elimina
  6. Non ci posso credere. In ogni caso la risposta autoironica è meravigliosa! Io la manderei così non avresti più il dubbio di essere stato villano ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho solo racconti del casso? Bukowski l'avrebbe fatto! :D

      Elimina
  7. Se putacaso l'avessero mandata a me quella mail, avrei risposto:
    me dispiace ma so' già stato cassato da artri cessetti.
    Un salutone,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi stancherò mai di dire che tu sei troppo un grande, Aldo. Finirò col chiamarti "l'Aldissimo"! :)
      Salutone pure a te!

      Elimina
  8. Ciao Nik, io gli avrei risposto con un messaggio in bianco firmato ma sono convinta che l'indifferenza abbia maggior impatto ;-)
    Ti scrivo col termometro in mano, mi sto portando avanti per non rischiare di essere ammalata a fine maggio... un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccomando, niente scherzi: quando Corradino ritorna "sul" Veneto dovrai esserci! :)
      Abbraccio grande pure a te!

      Elimina
  9. Mi è capitato molte volte che m'inviassero proposte di partecipazioni a concorsi (cosa che detesto), mi hanno chiesto di tutto, anche soldi (qualcosa che nessuna persona con la dignità sopra i piedi darebbe per far pubblicare qualcosa di suo), ma mai nessuno mi ha proposto d'inviargli i miei racconti DEL CASSETO! Assurdo, dico solo questo, assurdo.
    Poi, ad uno scrittore, bah. Tra l'altro, magari, questi sono gli stessi che, se fai una firma con prima il cognome e poi il nome (cosa orribile, lo so, ma sarebbe comunque la fiera dell'ipocrisia), cancellano la tua mail e tutto quello che hai scritto in un millesimo di secondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari firmata Roth Philip? :-)))
      Comunque hai ragione, spesso si tratta dei classici culturozzi con la puzza sotto il naso, così tanta puzza da non accorgersi del profumo di un nuovo scrittore appena sbocciato... :D

      Elimina
  10. Ciao Nicola! Non rispondere. Ma se proprio ti capitasse di farlo, la risposta autoironica è fortissima.
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimi consigli: se rispondessi userei la risposta autoironica, ma naturalmente non risponderò.
      Abbraccio grande!

      Elimina
  11. Oggi, tanto per distinguersi, e per far sentire anche la sua sempre più amata e ascoltata voce, Corradino, pur non essendo su Cippicippi, ha deciso di lanciare il suo primo "cancelletto" (la parolaccia angloide quella no, proprio non la userà mai...):

    #PICIORLACHINONLEGGE

    Chi di voi può, è autorizzato a lanciarlo nel cosmo... :)
    [magari insieme a tanti libri che è meglio NON leggere]

    RispondiElimina
  12. Io avrei risposto per la curiosità di vedere come andava a finire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando dall'altra parte non c'è "nessuno" (in tutti i sensi) c'è poco da essere curiosi... Si trattava di partecipare a un concorso con tutte le modalità dei concorsi italioti ottocenteschi (spedire cinquantamila copie cartacee eccetera eccetera) per poi vedersi sopravanzare nel risultato finale da qualche paraculata, o da qualche furbo ragazzino abbastanza ruffiano da confezionare racconti retorici e ipocriti (e di qualità scadente) ma su argomenti di grande attualità (anoressia, femminicidio, migranti sui barconi ecc).
      Non è il mio approccio all'Arte per cui vivo.
      Inoltre non avrei avuto tempo: pretendevano racconti mai pubblicati neppure su blog, per cui, in un periodo così intenso, avrei dovuto in pratica mettermi a lavorare gratis per loro e per il loro concorso "aperto a tutti". Aprissero gli occhi e il cervello, si accorgerebbero che qui c'è uno Scrittore, e gli riscriverebbero per chiedergli scusa.
      Ma in italiA la cul-tura è in mano a gente così, e la mia zona non fa eccezione. Pensa che una giornalista mi ha chiesto amicizia su Fb il giorno prima della mia presentazione da Feltrinelli. Mi pareva ovvio e scontato che fosse interessata a venirci. E invece non s'è vista, e su Fb ci sta solo per spammare un'antologia giallo-noir di sconosciuti locali, da cui si vanta di aver escluso "i racconti con parolacce scurrili"... :-(

      Elimina
  13. Mi ha fatto ridere pensando a mio papà, veneto, che raddoppiava o toglieva le doppie per farle stare nel cruciverba ^_^
    Scusami, so che sono cose serie e non va bene ridere, ma lo trovo così divertente!
    Tornando seria, hai fatto bene a non rispondere. Si tratta di cose serie, e la grammatica (e ortografia) è la base rispettosa per approcciarsi a qualsiasi argomento letterario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene a ridere: prima di tutto perché è quello che queste persone (che si credono davvero dei baluardi culturali!) meritano, e poi perché io stesso in questo post ho voluto metterla sul ridere. IN fondo fa sempre parte del mio approccio tragicomico sia alla scrittura che alla vita: se da un lato scrivere è la mia vita, ed è dunque la cosa più "seria" che esista, dall'altro il mio approccio esistenziale è, appunto, non prendermi troppo "sul serio" (se non avessi questo spirito, mi sarei probabilmente suicidato da un bel pezzo...)
      Un abbraccione, mia carissima!

      Elimina
  14. Ah ah "ho solo racconti del casso" mi sembra la più umoristica...ma si, meglio non aver risposto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che gira e rigira siamo d'accordo all'unanimità... :)

      Elimina
  15. Dovresti rispondere: perché non pensare ad un concorso "Racconti del cazzetto"? Robba forte, con protagonisti cazzetti (e anche cazzotti), erotici/eretici ... anzi, dovremmo pensare un concorso così. Mettiamo su una giuria, uno sponsor, un editore e via ...altro che Under 21 ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh... ma cazzetto è una parolaccetta, e ai muffi culturozzi da salotto italiota non piacciono le parolaccette: preferiscono la nuova volgarità dell'infinitamente banale... :-))

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)