Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

martedì 17 febbraio 2015

UN NUOVO AMICO CHE CAPISCE DI SCRITTURA

Autori poco noti in italiA:

Edgar Hilsenrath

Dan Fante
Donald Ray Pollock

italiano sconosciuto

Vedendo, qui nella colonnina di destra, il modo in cui Francesco, blogger italiano che vive e scrive a Barcellona e pubblica in Spagnolo, si è sbilanciato nei confronti di Quattro soli a motore (“Il miglior libro di uno scrittore italiano dai tempi di Pirandello”) un mio conoscente si è chiesto, in modo del tutto legittimo anche se un po' provocatorio, se e quanto questo signore capisca di Scrittura e di Scrittori.
Credo che verificarlo sia piuttosto semplice: basta guardare quali siano gli altri scrittori e libri che gli piacciono. (Vale anche per Paolo Zardi, che ha messo Quattro soli fra i cinque romanzi più sottovalutati di sempre, e che notoriamente ama Philip Roth, Martin Amis, Nabokov, Gary e Flaubert).
Se Francesco adorasse Moccia, la Tamaro, Coelho, e la sega, volevo dire la saga, delle (1)50 flatulenze vaginali, o certi scialbi e insignificanti italianozzi da classifica, dubbi sul valore del mio romanzo potrebbero nascere, per assurdo e di riflesso, persino in me.
E invece, guarda caso, è stato proprio grazie al blog di Francesco che ho potuto conoscere, negli ultimi mesi, alcuni fra i più notevoli autori della mia recente vita di lettore, per il solo fatto che in un suo post figuravano nello stesso elenco di scrittori audaci e capaci di emozionare in cui aveva messo, bontà sua, anche Nicola Pezzoli: 
Edgar Hilsenrath, Dan Fante, Donald Ray Pollock, Hubert Selby, (i primi due ve li consiglio impetuosamente!) più tanti altri che conoscevo già, come ad esempio Charles Bukowski o Sherwood Anderson.
Tutto questo, oltre a permettermi di passare ore splendide come lettore, mi ha confermato come io stia facendo, con tutti i miei limiti e checché ne dica – anzi NON dica – la bella e onesta gente che mi ignora, un buon lavoro da scrittore.
E anche di questa aumentata consapevolezza ti ringrazio, mio nuovo sconosciuto Amico. Così come ringrazio l’altro Amico che ti consigliò il mio libro. Perché il passaparola sarà pure debolissimo e lento, ma per fortuna esiste e funziona, ed è anzi ormai l’unico appiglio per sperare di leggere libri decenti, in un mondo drogato dal mercato, dalla stupidità e dalla malafede mafiosella, e questa piccola storia lo ha dimostrato.
De nuevo muchas gracias, amigo!


32 commenti:

  1. Hubert Selby jr lo consiglio impetuosamente, scusa l'irruzione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le irruzioni di chi consiglia bravi scrittori sono sempre ben accette. :)
      Del resto Selby l'ho nominato molto volentieri, così come Pollock, anche se dovendo sceglierne due (fra questi) resterei con Hilsenrath e Dan Fante.
      Ciao carissimo!

      Elimina
  2. Oltre a essere bravo sei bello!!! Ci stai benissimo fra gli altri autori :-)
    Sono orgogliosa di conoscerti!
    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari proprio bello-bello no: diciamo di alta statura (che spero valga sia per i centimetri che per lo stile... :D)
      Orgoglio reciproco!

      Elimina
    2. sai come si dice, altezza mezza bellezza ;-) ciao

      Elimina
    3. ...cosa posso dirti? Io ho provato a incrementare il giro di lettori ma quando ho provato a fare quella tardiva e personale "recensione" ci siamo trovati in due soli e senza motore ;-D

      Elimina
    4. Ricordo, ricordo bene. Ma in fondo che ci vuoi fare, le cose veramente belle saranno sempre per pochi. Le 50 flatulenze stanno sbancando anche al cinebotteghino, il che mi riempie di un'infinita pena. Soprattutto al pensiero che ci sia gente così eroticamente analfabeta da dover in segreto "imparare" qualcosa da quella roba lì!!!! :D

      Elimina
  3. Nella cultura letteraria Moccia-Tamaro-50x3 flatulenze vaginali (grazie anche per questa espressione!) perle come quelle dell'Italiano Sconosciuto (ma non era quello di "Quattro soli a motore"???) al momento passano inosservate; ma a forza di passaparola prima o poi riusciranno a guadagnare notorietà.
    N. B.: sembra tu non sia l'unico nuovo Pirandello sul panorama della scrittura nostrana, almeno stando alle apparenze. Ho prenotato su Amazon il libro d'esordio di un altro scrittore emergente: "Il passato è una bestia feroce", di Massimo Polidoro. Ha ricevuto recensioni lusinghiere; mi riservo di dare anche la mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari lo metto in lista d'attesa, ma aspetterò il tuo parere. anche perché fra il mio nuovo romanzo in uscita, un racconto in fase di editing e il successivo libro da finire di scrivere faccio fatica a leggere i libri già acquistati, e se ne compro uno adesso rischio comunque di leggerlo a natale.(se va bene).
      Però più che "emergente" mi pare abbastanza già emerso: ho sbirciato si ibs e ho trovato una ventina abbondante di titoli... :)

      Elimina
    2. Ho dimenticato di aggiungere: emergente come scrittore di thriller. So che ha scritto altro; ma, mi pare di ricordare, nessun romanzo.

      Elimina
    3. In effetti di tutta la sua lunga lista l'unico che attualmente mi potrebbe interessare è quello intitolato "Eravamo solo bambini"... Poi ci sono un sacco di libri su enigmi e misteri che francamente non mi attirano.

      Elimina
  4. Zio credimi 50 falutolenze vaginali è un "capolavoro" rispetto a certe merdacce a tematica M/M che vengono spacciati per libri.
    Ora io devo ringraziarti per due motivi: presto uscirà il nuovo libro di Corradino e poi attraverso i tuoi post ho conosciuto autori che altrimenti non averi mai potuto leggere perchè il loro libri sono davvero LIBRI e non carta igienica.
    A presto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ti ringrazio per il ringraziamento: anche se è ovvio che far leggere i miei romanzi è la mia vera priorità, il poter contribuire a far arrivare sotto i vostri occhi tanti altri bei libri è una cosa che mi riempie di gioia, di soddisfazione, di orgoglio.
      A prestissimo! :)

      Elimina
  5. Siccome vedo un'onda di citazione di scrittori statunitensi (tutti, tranne Hilsenrath), autori che apprezzo molto - soprattutto Bukowski, di cui ho letto pressochè tutto, e Sherwood Anderson, ormai un classico, ma anche Hubert Selby jr. e il suo imprenscindibile racconto "Canto della neve silenziosa", e ti ringrazio per avermi fatto notare due autori a me sconosciuti, Hilsenrath e Ray Pollock -, mando anch'io un mio piccolo contributo: nel caso non lo conoscessi, ti consiglio caldamente Tobias Wolff. C'è un magnifico suo racconto che si intitola "Una pallottola nel cervello", presente nella raccolta "Proprio quella notte".
    Ciao,
    Gaetano
    (Subhaga Gaetano Failla)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il contributo, Gaetano. Di Hilsenrath sto cercando di procurarmi tutto quel poco disponibile in italiano. IL suo capolavoro è considerato "Il nazista e il barbiere", ma io in particolare ti consiglio "Bronsky ricorda", che ho anche recensito qui sul blog qualche tempo fa. A maggior ragione se come me ami Bukowski: l'Hilsenrath di quel libro è un Bukowski al quadrato del cubo.
      Ciao!

      Elimina
    2. A proposito del grande Zio Buk: pensa che l'unica volta negli ultimi cinque anni che qualcuno ha parlato di lui su certe pagine di giornale su cui spadroneggiano ammuffiti erudibondi è stato un noioso incartapecorito che gli ha bellamente dato dell'i-gno-ran-te! L'ultima ad averne parlato bene, con amore e con passione, è stata l'immensa, indimenticabile, insostituibile Fernanda Pivano. Meravigliosa Nanda, se mi senti da lassù mandaci qualcuno capace di fare il tuo mestiere come lo facevi tu!!!!

      Elimina
  6. Ho letto per intero la traduzione(con tutti i limiti della traduzione di google) di Francesco però si legge abbastanza bene l'apprezzamento e l'entusiasmo per il tuo racconto, e per il tuo talento. Convinzioni che condivido pienamente, nell'attesa che siano confermate dalla tua terza "creatura". Vai tranquillo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino gli strafalcioni della traduzione automatica... :)
      Ti ringrazio, caro amico, e ti annuncio che il nuovo parto è davvero vicino: ho già le doglie... :D
      Ciao!

      Elimina
    2. Io e Corradino non ti deluderemo neanche stavolta, vedrai. :)

      Elimina
  7. A casa con l'influenza, ho iniziato a leggere stamattina "Bronsky ricorda". A dir poco esilarante, sono quasi a poche pagine dalla fine, con il rammarico di chi lascia un amico caro. Grandissimo libro.
    Ciao Zio, un abbraccio grande.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi vien da pensare che spesso l'influenza possa essere una gran bella cosa, alla faccia di chi vorrebbe vaccinazioni di massa per averci più operativi e produttivi e meno degustatori di Romanzi e di Emozioni.
      Felice di averti ben consigliata, mia cara Amica.
      Ti abbraccio forte anch'io.
      E guarisci bene (ma naturalmente con calma) :D

      Elimina
  8. Dell'appropriatezza di questo giudizio (cioè che sei tra i migliori scrittori dopo Pirandello ) noi che ti seguiamo ne siamo certi :-)
    In effetti la validità di una recensione o di una critica si può convalidare solo con la panoramica culturale ed epistemologica di chi la esprime !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detta in modo così netto (cioè riferita allo scrittore e non, più indirettamente, al romanzo) mi fa quasi arrossire... :)
      Farò di tutto per diventare degno di questa fiducia e di queste lodi, e intanto ti ringrazio!

      Elimina
  9. Avevo letto la recensione di Francesco Spinoglio a dicembre, un entusiasmo che contagia. I gesti inaspettati sono meravigliosi. E come mi dicesti allora... Vamos, il terzogenito scalcia. L'attesa del travaglio è snervante :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero solo di non rompere troppo con questi post autocelebrativi, ma in fondo riferisco di altri che spontaneamente mi celebrano... E poi bisogna pur riequilibrare un minimo, se i grandi professionisti dei giornali si ostinano a celebrare scribacchini e scribacchiotte che non vorrei avere nemmeno come insegnanti di lettere delle mie nipotine... ;)
      Il nuovo Corradino è vicinissimo: diciamo che non sto ancora in sala parto, ma già ricoverato nel reparto materpaternità. :D
      Un abbraccio grande!

      Elimina
    2. Assolutamente no! Il blog sei tu e certe realtà sono sotto gli occhi di tutti (credo/spero), e poi la "storia" della recensione di Francesco la trovo bellissima. Celebrati senza ritegno... perchè in giro il ritegno non sanno neanche cosa sia. Qui è una parola sana ;) Un abbraccio caloroso anche a te :*

      Elimina
    3. Le iniezioni di fiducia che ricevo da voi sono una via di mezzo fra un ricostituente e una droga. Gli dèi della scrittura vi benedicano!
      Grazie. :)

      Elimina
  10. Sì, adesso posso consigliarvi impetuosamente anche Hubert Selby Jr. Ho appena finito di leggere "Canto della neve silenziosa", l'ultimo racconto che dà il titolo a una raccolta poetica e tremenda (ma altrettanto toccante è il racconto intitolato "Il cappotto", uno dei più belli che abbia mai letto).
    Leggete Hubert Selby Jr, e mi ringrazierete!

    RispondiElimina
  11. Ottimi gusti questo Francesco... del Pezzoli e Dan Fante ho letto tutto pure io ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voce dalla Palude dei Buongustai... :)
      Ciao Ally!

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)