"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

sabato 30 giugno 2012

ERESIA FLASH: Ci stanno facendo due balotte così!

A me tutta questa retorica balotellistica di giornalistozzi e capoclasse civici sta facendo girare le balotte, e mi dà fastidio (quasi) quanto il razzismo.
E capire una buona volta che siamo tutti terrestri, invece di menarla spargendo mamelate deamicisiane e nauseabonda melassa sugli italiani marroni, i tedeschi olivastri, gli svizzeri gialli?
Intanto, per colpa dei festeggiamenti insensati e imbecilli dopo la semifinale, una bambina di dieci anni s’è beccata una pallottola vagante, e sta rischiando la vita. E per cosa? Per una partita del campionatuzzo europeo più brutto e noioso di sempre. (Anch’io, rientrando da una cena a casa di mio fratello, ho rischiato autoscontri con parecchi coglioncelli esagitati e sbandierosi).
Se il muscoloso supereroe avesse fatto un bel paio di autogol, e avesse vinto la Germania, quella povera piccola sarebbe andata a nanna sana e salva.

29 commenti:

  1. io speravo che perdessimo, così era finita e buonanotte. ma lo posso dire solo a te, che se mi faccio sentire in giro mi picchiano! a parte che mi pare anche estremamente patetico l'entusiasmo dell'italiota che si esalta perchè abbiamo umiliato la Germania... sì, intanto però mi risulta che la Merkel tiene ancora tutti per le palle, tanto per usare gli stessi "attrezzi"!

    RispondiElimina
  2. HELP!
    Qualcuno ha idea del perché, al posto delle mie solite "FELICITAZIONI", mi appaia a tradimento "COMMENTI"?
    Sarà l'ennesima stron**** riorganizzativa e omologatrice di Blogger?
    E non ricordo nemmeno dove si andasse per modificare questo tipo di impostazioni personalizzate.
    Se qualcuno lo sapesse...

    RispondiElimina
  3. Vero, ma forse anche no. Un coglione che va a festeggiare con la pistola non rappresenta tutti gli italiani che, legittimamente o meno,decidono di gioire per la nazionale.Quel coglione probabilmente aveva solo voglia di sparare, a prescindere dall'occasione.Magari la bimba sarebbe stata salva e sarebbe rimasto ferito qualcun altro.Gli imbecilli proliferano a un livello inquietante.Ma soprattutto: perchè gli si consente di circolare con un'arma ?

    RispondiElimina
  4. Zio, non è blogger che ti sabota, è stato cassano, che dietro la finta ignoranza è un informatico sopraffino. Lo ha fatto per vendicare il suo amico diletto (tutto attaccato, per favore) che hai brutalmente baloncellato. Domani sera, a finale esaurita, tutto tornerà come prima, anzi alle felicitazioni sarà aggiunto "vivissime".
    Quanto alla bambina colpita, spero che se la cavi; se non ce la facesse, spero che anche il padre abbia un'arma.
    Ciao e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  5. Caro Zio

    Condivido con te la tua riflessione, ma dice che il calcio è passione di moltitudini e è lì dove si perde già un po' la responsabilità...

    un abbraccio
    e buon weekend

    RispondiElimina
  6. Non so che dire...siamo immersi in tutto questo e non possiamo farci niente...
    i bambini piccoli ( e non solo quelli piccoli) sarebbe meglio non portarli in mezzo alla baraonda dei pazzi esagitati!
    Buon weekend!

    RispondiElimina
  7. Spero che domenica l' Italia perda.
    Non possono fare tutto quel casino fino a notte fonda con la gente che deve andare a lavorare il mattino seguente.
    Poi cacchio, la benzina non la pagano????
    Come fanno a girare con le auto e moto tutta la notte??
    Hanno veicoli che vanno ad acqua??

    C'è chi dice "Non si può pensare solo ai problemi.." etc etc..
    ma perchè quando ha vinto la nazionale italiana di volley,
    per strada non c'era manco un sorcio??

    Poi quando Cassano ha sparato quella roba sui gay, su tutti i Tg, giornali, blog, social networks, parlavano solo di Cassano!
    Poi è bastato dire "Ho sbagliato ad esprimermi". E tutto si è calmato.
    La gente è così idiota che accetta tutto. Lui intanto, aveva espresso il suo VERO parere. E tutti penseranno che semplicemente non si sa esprimere in italiano.

    ciao zio! Buona domenica!

    RispondiElimina
  8. Concordo con quanto hai scritto! Questa estate che s'è aperta con un caldo assurdo sembra preludere al trionfo dei coglioni. Scusa la durezza, ma il calcio non lo sopporto più. Tutta finzione e manovre economiche di corrotti che mai sono sazi di quanto beccato menando calci ad un pallone. Hai ragione, se avessimo meritatamente perso, una bimba innocente starebbe meglio di adesso.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. Hai fatto alcuni buoni punti lì. Ho fatto una ricerca sul tema ed ha trovato maggior parte della gente sarà d'accordo con zioscriba.blogspot.it

    RispondiElimina
  10. Qualcuno potrebbe chiedersi se non sia facile retorica anche la mia. Certo che lo è! Ma, se permettete, preferisco farne uso per la vita di una povera bambina, che per gli orripilanti muscolazzi da wrestler del pedatore milionario Mario Barwuah Balotelli.

    Poi il resto è questione di indole e abitudini. Io a far casino in strada non sono andato neanche per il Triplete dell’Inter, ma non è che voglio giudicare chiunque lo faccia, si spera in modo civile e senza costituire pericolo per l’altrui incolumità.

    E a questo proposito, mi ricollego alle sacrosante osservazioni di Daniele (che saluto e ringrazio – e mi scuso se non rispondo a tutti, ma in questi giorni faccio fatica a ritagliare dei secondi, neanche dei minuti… :D), e penso a quella lurida feccia inferiore che in branco ha aggredito e picchiato due ragazzi gay su un mezzo pubblico a Milano: erano guarda caso simpaticissimi beoti che festeggiavano la patriottica e super-mario-macho-muscolosa impresa…

    RispondiElimina
  11. Quel coglione è della stessa risma di quelli che vanno allo stadio e buttano giu' i motorini dagli spalti, gente che fa esplodere tutta la sua nullità in questi modi assurdi..

    Concordo con te sulla retorica che sta imperando in questi giorni, non ne posso piu':
    riusciamo a chiamare questo sport e i suoi protagonisti con il loro nome senza esagerare con le bustine di zucchero ?

    RispondiElimina
  12. Io di calcio non me ne interesso proprio e non sopporto il fanatismo che si scatena durante questi avvenimenti...ogni volta mi chiedo:" ma tutta questa gente, quando c'è da farsi sentire per qualcosa di serio...dove cazzo sta???"

    RispondiElimina
  13. Purtroppo la madre degli imbecilli è sempre incinta... Episodi del genere proliferano ovunque e l'esagerazione è il segno, a mio avviso , di una degenerazione profonda. Cerchiamo di divertirci civilmente , se lo vogliamo, per uno spettacolo che può allontanarci momentaneamente da cose quotidiane che stentiamo spesso a credere facciano parte della nostra realtà!

    RispondiElimina
  14. Caro Zio Scriba,
    sono totalmente d'accordo con te.
    A parte che il calcio non mi piace e non ho mai sopportato gli schiamazzi da fine partita, ma in particolare con questi europei ce l'ho fina, e sai perché. Oltre alla povera bambina continuo a pensare alle migliaia di cani e gatti randagi trucidati in Ucraina. Ma poi, come ha detto Lapenna Daniele, con quello che costa la benzina, ma come gli viene di andare in giro tutta la notte a strombazzare? E la gente che ha bisogno di riposare perché la mattina si alza presto? Roba da matti! Io non lo capirò mai il tifo calcistico, con tutti gli scandali che ci sono stati poi.
    Spero che l'Italia perda, tiè, l'ho detto, a costo di attirarmi tutte le antipatie del mondo.

    RispondiElimina
  15. P.S.:
    dunque, ci stanno togliendo il pane di bocca, è aumentato tutto, la benzina, i beni alimentari, luce, gas, ticket sanitari e gli Italiani sono capaci di scendere in piazza a far casino solo per festeggiare una vittoria calcistica?

    RispondiElimina
  16. I modiali e gli europei li ho seguiti fino a quando i calciatori non sono diventati indagati ed evitavano di parlare limitandosi a calciare.
    Al momento mi limito a dire che stanno facendo solo quello per il quale vengno strapagati: correre in mutande dietro una palla che rotola e cercare di ficcarla in una porta.
    Non è che io che tutto l'anno faccio il mio dovere, domani vengo accolta da Napolitano e Monti e mi si fa una festa al Circo Massimo.
    E' solo sport e per la cronaca: due italiani stanno in finale a Wimbledon,frega a qualcuno?

    RispondiElimina
  17. I tifosi spendono tempo e soldi, ma alla fine chi ci guadagna è la FIGC e i calciatori coi loro premi e aumenti di "stipendio".
    La cosa finisce lì.

    RispondiElimina
  18. Se bastassero le sconfitte a far sparire l'idiozia. E invece...
    Apprezzo la problematizzazione ma non riesco a darmi risposte convincenti.

    RispondiElimina
  19. A prescindere dal calcio, che mi piace e seguo,di coglioni in Italia ce ne sono tanti. Purtroppo a questi basta poco per farli diventare delle mine vaganti..ogni occasione è buona. Non attribuirei alla vittoria dell'Italia però le colpa di questi idioti. Poi, che questi Europei siano l'emblema del calcio vergogna ... e delle vergogne degli Ucraini questo è un altro paio di maniche.
    Francesca

    RispondiElimina
  20. undici deficienti in mutande. No, ventidue? Più l'arbitro. Comunque, non sono d'accordo in parte. I drammi sono ovunque, anche nelle ludoteche. Il problema è dove sta l'attenzione. Le persone esultano troppo per il calcio e troppo poco per altre cose. Però nel complesso sono d'accordo! Ciao!

    RispondiElimina
  21. Secondo me dare la colpa agli europei o ai tifosi è sbagliato: la colpa è di un coglione e quando uno e coglione, qualsiasi scusa va bene per fare il coglione. Ad esempio, se perdeva, quello per la rabbia sparava in aria. Chi ti assicura che non sarebbe successo?

    Io ho tifato Italia e continuerò a farlo oggi: datemi del cazzone, io seguo il calcio e non me ne faccio colpe e non mi assumo colpe per coglioni che non sono tifosi, sono appunto coglioni e basta.

    RispondiElimina
  22. Guarda Nico', tu vai controcorrente ma mica sbagli, perché se fosse successo quell'affaretto degli autogol la piccola si sarebbe salvata.
    A prescindere dal fatto dello stronzo-criminale che festeggia chissà cosa con una pisola in mano.
    In galera deve andare senza indugio.
    Un salutone,
    aldo.

    RispondiElimina
  23. per quanto riguarda la retorica: anche se goffa e fastidiosa, la vedo come un'inevitabile, titubante parte del processo di apprendimento. Quando capiremo davvero che siamo tutti terrestri, sparirà automaticamente - o la vedremo molto meno - in pagine e discorsi.

    sul resto: anche se le partite fanno schifo, non vedo cosa c'entrino comportamenti così idioti (mi limito a descriverli così, và) con il fatto sportivo in sé. Ma se consideriamo "calcio" quello che fermenta nella testa della gente; beh, ho sempre pensato che si abbia tutto il DIRITTO di gioire, soffrire, arrabbiarsi, piangere, emozionarsi e assolutamente anche festeggiare una vittoria, ma allo stesso tempo si abbia anche l'assoluto DOVERE di farlo in modo civile, è una norma basilare di comportamento. Punto. L'amara, vera constatazione che lanci alla fine fa riflettere sulla tragica insensatezza del tutto ma secondo me cela un rischio: quello di portare tutto il discorso vicino a certi ragionamenti "praticoni" che detesto e che mi sembra vadano piuttosto di moda, quelli tipo: "ah-tiriamo-via-tutto-sospendiamo-chiudiamo-così-non-se-ne-parla-più". E non è che siano sempre la migliore delle soluzioni...

    RispondiElimina
  24. Una precisazione doverosa: io di calcio, per fortuna o purtroppo, sono superappassionato (anche se non mi importa nulla della nazionale perché sono allergico al patriottismo in ogni sua manifestazione). Ci ho giocato (e gioco a calcetto), l'ho guardato, tifato, ci ho scritto sopra, ci ho scommesso, e gioco pure a fantacalcio. Anche se mi fa schifo come ambiente, come gente che lo frequenta e ci ronza attorno (velinume e giornalistume gossipparo in primis), e per le zozzure di esosità e disonestà che origina, e per le violenze delle scimmie più becere che gli stanno dentro e attorno ecc...
    Questo non voleva essere il solito post dell'intellettuale snob che schifa i dribbling e i palleggi, figuriamoci.
    Tenevo solo a dire, e rimango di quell'idea, che la retorica vada centellinata per cose un po' più intelligenti e importanti, che non per compiacersi nell'arruolare mamelisticamente muscolazzi che un tempo furono estranei e stranieri quando servono per darci coppette o medagliozze olimpiche (e che, fuor di ogni ipocrisia, estranei e stranieri vengono purtroppo tuttora considerati, quando non appartengono ad atleti vincenti o a milionari, o meglio ancora ad atleti vincenti milionari...)
    Poi che ognuno festeggi, ci mancherebbe. Possibilmente senza rompere troppo il cazzo (o la vita) altrui per una cosa così futile, che per i più, per il branco pecoroide, è solo un pretesto come un altro per fare casino.

    RispondiElimina
  25. Carissiomo Nick, condivido sempre quello che dici ma dopo averlo sostenuto per anni e fino al limite del fiato, mi arrendo. Mi vien detto " non chiuderemo mica tutte le banche perchè ci sono i ladri!" Ok! Va bene ma difendiamole allora ma dai ladri non dai clienti!. E così funziona in ogni cosa, anche il calcio ci costa denaro per proteggere gli esagitati e non proteggono i nostri bambini. Mi fermo qui perchè in questi giorni rovino sempre tutto con una frase in più. Ti abbraccio caro Amico e la mia e-mail la sai, mi raccomando se passi da queste parti la nostra casa è aperta per te con tutto il nostro cuore.:)

    RispondiElimina
  26. * Galadriel
    Tranquilla, Amica mia: anche se continuo a sperare in un tuo ripensamento riguardo al blog (questo continuo chiuderli sta diventando epidemia! :D) terrò caro il tuo indirizzo mail, per segnalarti l'uscita di un certo romanzo e il mio eventuale transito da quelle parti per presentazioni (e per avere l'onore della tua ospitalità!)

    RispondiElimina
  27. concordo!!!
    poi per carità niente d personale contro i vari calciatori anche se continuo a credere che siano strapagati e che tutto questo business del calco non dovrebbe neanche esistere

    RispondiElimina
  28. Il calcio è una delle cose che proprio non mi interessa.
    Ma il razzismo e la coglionaggine umana sono cose che mi fanno profondamente imbestialire.

    RispondiElimina
  29. Io sono calato due chili in questo campionato -eddai, du chili de panza de meno, un trionfo- sono un tifoso sfegatato anche della nazionale non solo della più bella squadra del mondo, purtroppo in mano ai deficienti, e ho sofferto come tutti quelli come me.
    Detto questo non esiste sport o passione che possa giustificare un gesto criminale contro una bambina per giunta, contro un essere vivente comunque, anche se avesse preso un cane con quel proiettile. Ma ha beccato una bambina.
    Assurdo che a qualcuno possa passar per la testa di sparare con una pistola per salutare una vittoria nel pallone.
    Assurda questa mania delle armi da fuoco e da taglio, ma cosa volete fare la guerra?
    Purtroppo il popolo dei cretini figlia in continuazione e il continente ne è pieno.

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)