l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 4 novembre 2011

Il vostro poeta pentito ci ricasca, e dopo più di vent’anni torna a concepire qualcosa di almeno vagamente poetico!



Passeggiavo attorno al lago. A metà del cammino mi sono seduto su una panchina, scosso da qualcosa che accadeva nella mia testa, un misto di dolore e attacco di panico (assurdo, dato il luogo meraviglioso in cui stavo, e per questo ancor più spaventevole), e mi sono venute queste parole da scrivere sul mio piccolo taccuino nero. Sono solo strani pensieri, ma io provo a chiamarla poesia.


EFFIMERO BAGNO D'IRREALE



Sulla riva orientale un albero divelto
Mi mostra le ormai vane radici
Un suo fratello sussurra via foglie d'ocra
Le sparge su sciabordio e lamento di volatili

Seduto in solitudine io guardo
Canottieri improvvisi sorti dal nulla
Spettrali transumanze d'antico Canalgrande
Fantasmi gondolieri nel giorno dei morti

La maggior parte singoli in piccole canoe
In muto avanzare sparpagliato sull'acqua
A punteggiare di tenui colori il grigio palustre

Non pareva allenamento
Nella lattiginosa nebbia
Ma una pacifica
Processione di Caronti
Silenziosa
(Mi chiamavano?)

Finché il vento girando
Ha squarciato la patina
Di glassa ovattata
E mi ha portato le voci
Dell'istruttore al megafono
E degli atleti
Volgari e cretine
Han rovinato l'incanto
Disturbando i cormorani e me

Purtroppo erano veri
Purtroppo seguitavo a vivere



Lago di Varese, 2 novembre 2011, pomeriggio.

(Foto: MISTY LAKE, 2008)

66 commenti:

  1. Zio...non ho parole
    BELLISSIMA
    mi piace!

    RispondiElimina
  2. è bella. E a me i canottieri piaccino (sportivamente parlando). E sai farsi traghettare all'aldilà dai fratelli abbagnale, invece che da caronte?

    RispondiElimina
  3. la vita concreta è "volgare" per definizione, l'uomo molto intento a fare non può esserlo a pensare. però serve, ci tiene ancorati...

    RispondiElimina
  4. Tocantes suas palavras, gostei muito.

    Um forte abraço meu amigo
    oa.s

    RispondiElimina
  5. anch'io poeto ogni vent'anni circa. nel mio caso è senz'altro un bene per l'umanità. a te però vengono belle dense così, sarà la distillazione!

    RispondiElimina
  6. Ciao Zio Scriba, è sempre piacevole lasciarsi andare alla scrittura libera. A me succede spesso, anche se non so alla fine cosa ne salta fuori.
    Nei tuoi bei versi ho letto subito l'evidente contrasto tra l'incanto del paesaggio e ciò che ha saputo spezzarlo in poco tempo, ma anche la coscienza di essere parte di qualcosa di più grande la cui bellezza spesso non si può spiegare ma solo intuire.
    Continua a scrivere, daiii:-))) ne vale la pena!
    Cristina.

    RispondiElimina
  7. Foto e poesia ineguagliabili.
    Grazie caro Nicola di aver condiviso.
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. Io non ho ancora capito se purtroppo e fortunatamente sono sinonimi oppure contrari.
    Ed è fontamentale per comprendere a fondo questi versi, almeno secondo me :)

    RispondiElimina
  9. Quanto tempo ... quante novità ... non ultime queste note poetiche molto suggestive, molto attuali. Non so se felicitarmi del fatto che sei ancora vivo e l'aver appreso che non si trattava di Caronti oppure incazzarmi anche io per quell'alito di vento inopportuno!
    Yin

    RispondiElimina
  10. ah...questi cannottieri improvvisi, sembrano saltati fuori dalle pagine di Poe! Bellissima.

    RispondiElimina
  11. Não domino seu idioma mas usei o google para traduzir. Sei que não fica perfeito, mas gosto de conhecer as palavras de quem sabe se colocar.
    Lindo texto! Envolvente! parabéns!
    Abraços

    RispondiElimina
  12. Ciao Zio!! :) eccomi sono tornata... mi scuso per l'assenza delle ultime settimane... però devo dire che torno qui e cosa trovo?? Una tua poesia tanto bella che mi sono quasi emozionata... quei versi sono così veri... così reali... sento che la tua anima si sente meglio ora che quelle parole hanno trovato una via d'uscita... Ti prego, regalaci più spesso tue poesie perché è un piacere leggere cotanta bellezza... le poesie sono qualcosa di straordinario... incredibile come un sentimento negativo che ci strazia il cuore possa trasformarsi in qualcosa di così produttivo grazie alle parole...

    RispondiElimina
  13. Vent'anni dopo: sei uno stakanovista della poesia!
    Se ti dico che è bellissima, riuscirai ad abbreviare il silenzio?
    Sai, c'è gente che fra vent'anni sarà stata carontata, e non ci saranno rompiglioni a bloccare il traghettamento.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  14. Che è, il giorno delle poesie?
    Vorrà dire che mi ci metto anch'io, mica voglio restare indietro!
    Scherzo ..
    Bella, bella, bella.
    La prima strofa è bellissima.

    RispondiElimina
  15. Caro amico,
    potevamo esimerci - io e la mia spocchia - dal commentare dei versi? Ovviamente no. Non potevamo.
    ;-)

    Sarò schietto: ho apprezzato le immagini colte (verbo e non aggettivo - ma adesso che ci penso, forse...) e restituite con risultati felici; avrei dissimulato un po' di ridondanza distendendo le frasi ("ormai vane radici", "in muto avanzare", "di tenui colori", etc.).
    E avrei, ma per mia inclinazione personale (tu sai) tagliato gli ultimi dodici versi: da aperta parentesi a vivere.

    Per mio gusto (quindi non ha qui alcuna rilevanza) apprezzo una punteggiatura di sostegno e l'assenza di maiuscole dove non necessarie.

    Ma lascia perdere il mio parere.
    Molto bravo, pubblica e pubblica!

    A presto!

    RispondiElimina
  16. Le ultime righe in effetti danno fastidio, rompono l'incanto come in effetti è successo a te su quella panchina. Quindi ci si rimane male. Dunque aben vedere quelle righe funzionano. E' la vita a essere così. E che cos'è una poesia riuscita, se non vita?

    RispondiElimina
  17. Beh, io parlavo esclusivamente di costruzione, suono, di "congruenza lirica" - passami l'espressione zoppa, ti prego.

    Io propongo di leggerla in due riprese: con e senza i versi finali. E' proprio come se si cambiasse registro.
    Ma lungi da me criticare lo Zio, che per me è sempre capacissimo - e lo sa.

    Ciao Marziano!

    RispondiElimina
  18. Molto raramente mi è capitato, leggendo una poesia, di avere sensazioni così vive e concrete! Grande come sempre Zio!!!

    RispondiElimina
  19. E sono d'accordo con Lumaca... :-)

    RispondiElimina
  20. @Lu: bella l'espressione "congruenza lirica". In effetti si registra un cambio di tono, che è quello che corrisponde al "disturbo" che Zio ha percepito, e che (dandogli fastidio) ha rotto l'incanto. Quindi da questo punto di vista la poesia restituisce in pieno l'esperienza dello Zio.

    Ciao Lu! :-)

    RispondiElimina
  21. Tante immagini letterarie,epiche, tanti scrittori e artisti di ogni tempo nelle parole che si succedono e che disegnano un paesaggio di un istante e di sempre, quello della bellissima foto che hai scattato ( che oggi ho tenuto sul mio desktop ) e che continuo a guardare un po' stupita, un po' inquieta.
    Inutile dirti che mi piace molto la tua poesia. 'notte Nick!

    RispondiElimina
  22. Cavolo, anche a me a volte sembra che la vita contrasti con la vita nella mia testa! Bravo Zio, molto bella :) hai reso l'idea di una persona in contemplazione che di colpo viene riportata alla realtà :)

    RispondiElimina
  23. Profondi sentimenti personali. Parole ispirate anche da vero spessore culturale. Immagini che così risultano di grande forza espressiva.

    RispondiElimina
  24. mi stanno sul cazzo gli istruttori che urlano, in particolare qualche anno fa passavo vicino, causa lavoro, ad una palestra nei pressi di piazza dei ciompi a Firenze, da dove arrivavano delle urla belluine di un'istruttrice simil Jamie Lee Curtis in Perfect, condite con una musica scassatimpani. Ecco, la poesia di quel tranquillo luogo storico urbano andare a farsi fottere.

    RispondiElimina
  25. Ispirato dal lago di Varese,hai scritto dei versi molto belli.
    Sei bravissimo anche come poeta!

    RispondiElimina
  26. Zio, ti confesso che fare i complimenti a volte m'imbarazza. Soprattutto quando si tratta di qualcosa che ha suonato in modo particolare dentro il silenzio che avvolge la lettura. Quel silenzio era solcato dai tuoi versi.

    RispondiElimina
  27. Bella ed intensa.
    La solitudine ed il silenzio hanno il potere di sintonizzarci con la bellezza della natura.
    Con l'effetto di fermare i pensieri e fare spazio alla rilassatezza che solo una poesia può raccontare.

    RispondiElimina
  28. Grazie per le vostre bellissime parole, che mi riscaldano il cuore in questo mattino freddo e piovoso, in cui il mio pensiero va a quelle persone di Genova che nessuno riscalderà più.
    Voglio dedicare a loro la mia piccola poesia.

    Ieri sera ero tagliato fuori dalla connessione, e adesso scopro che c'è stata pure una piccola "disputa" (civilissima, intelligente e contenuta) attorno ai miei versi... Mi è molto piaciuta, e per questo porgo un ulteriore ringraziamento a Lu e al Grande Marziano.

    Ma grazie, veramente grazie a tutte e a tutti. Vi sembrerà strano, ma siete una delle principali ragioni per cui vado avanti.

    RispondiElimina
  29. Haaa, molto bella, e bravo Nicola. Era come se camminavi in un sogno e poi, d'un tratto, sei ritornato bruscamente alla realtà! Questo è quello che ho percepito: e la realtà non ti è piaciuta gran che... Abbraccio -Nora*-

    RispondiElimina
  30. Versi che spaziano tra piacere e disappunto.Molto belli.
    Ti consiglio di riprendere a poetare.
    Cristiana

    RispondiElimina
  31. Gli attacchi di panico possono diventare scintilla per creare meraviglie? In questo caso sì.

    RispondiElimina
  32. Meravigliosaaaaa!
    Per non perderla e per poter rivivere l'emozione che mi provocato in qualsiasi momento l'ho copiata nel quaderno dove da una vita trascrivo tutto quello che mi colpisce.

    RispondiElimina
  33. Mi sono immedesimato.Credo sia l'appartenenza ai luoghi ( so cos'è novembre qui ) e alla precarietà della vita.

    RispondiElimina
  34. Dico che dovresti "pentirti" con maggiore frequenza....

    RispondiElimina
  35. Grande Nick!!! Sai che dopo aver letto sono andato avanti per scrivere il commento che avevo in mente...e alla fine vedo che Sandra ti ha detto esattamente la frase che ti stavo per scrivere io :-) Le tue parole, inclusa la bellissima fotografia in alto, mi ricordano alcune settimane fa, a passeggio di sera tardi sulla sponda nordorientale del lago di Varese, tu, Roby ed io. E del resto non poteva essere diversamente amico mio! Ribadisco, come dice Sandra, vedi di pentirti un po' più spesso! Mi basta che tu lo faccia quel tanto che occorre per non togliere spazio ai tuoi libri :) A presto un abbraccio

    RispondiElimina
  36. Molto intensa... a tratti "gotica", direi.
    Mi piace! ;)

    Un abbraccio dal tuo nipote partenopeo preferito (vero?) :D

    P.S.: Qualche volta, in futuro, magari ti faccio leggere qualcosa di mio (in gran segreto :P), se ti va. Ne sarei onorato. Davvero. :)

    RispondiElimina
  37. Dannati canottieri, rovinare un così bell'incanto ;)

    RispondiElimina
  38. Si a volte ci ritroviamo a pensare in modo lirico portati dalla situazione e dal paesaggio, perdendosi in un atmosfera trasognata, ci allontana da tutto ciò che è quotidiana inquietudine. Poi un nulla ci riporta alla realtà lasciando un po' di amarao in bocca. E tu hai saputo rendere tutto questo in modo palpabile.
    La fotografia ha una suffusione da incantamenti, complimenti.

    RispondiElimina
  39. Le tue poesie mi incantano sempre Zio NIck.
    :)

    RispondiElimina
  40. Un abbraccio anche a tutte le persone meravigliose venute in visita oggi.

    Nipote partenopeo preferito: puoi mandarmi qualcosa all'indirizzo Email che trovi nel mio profilo (preferibilmente poesie, e non lunghi poemi epici... :D)
    Ma con una promessa: se mi piaceranno, poi dovrai trovare il coraggio di pubblicarle sul tuo blog, per condividerle anche con gli altri... :-))

    RispondiElimina
  41. Duro il passaggio dall'orrido sublime alla Arnold Böcklin all'orrore banale di una squallida esercitazione sportiva, e ben reso nello strappo del ritmo. Che belli i due "purtroppo", uno quasi come protesta, l'altro come lucido coraggio.
    Per non parlare dell'uso dei tempi: un presente "sospeso" nella prima parte, un imperfetto riflessivo da snodo (e conclusione) per il passato prossimo ottusamente concreto della seconda parte.
    Chapeau!

    RispondiElimina
  42. Se ti fa questo effetto allora impanicati più frequentemente sognatore :) bellissima

    RispondiElimina
  43. Molto bella, buona domenica Zio. :D

    LeNny.

    RispondiElimina
  44. Con tutti gli aggeggi e gli stratagemmi moderni è un peccato che nessuno abbia pensato a un cacchietto che serva a fermare il dipanarsi della matassa dei pensieri nella testa di uno scrittore vero. Sarebbe interessante vedere come si arriva a certe immaginazioni (c'è chi le chiama immagini), tipo quella dei canottieri che appaiono improvvisi, oppure la "pacifica processione di Caronti".
    Ti succede ogni 20 anni? Un peccato.
    Che vuoi dire con "purtroppo seguitavo a vivere"? Hai sbagliato l'avverbio: fortunatamente era quello giusto, per noi, si capisce.
    Ciao, amico mio.

    RispondiElimina
  45. * Tullix
    Se nel 2012 pubblicherò qualcosa di nuovo, una presentazione alla tua libreria S'HA DA FARE!
    Io sono molto pigro a muovermi e a pro-muovermi, ma dopo commenti come questo (e tanti altri simili) mi sento decisamente in debito nei tuoi confronti... Grazie!

    * Enzo
    Grazie anche a te per queste bellissime parole, amico mio.
    In realtà, "mi succede" quasi ogni giorno, solo che di solito "uso" l'ispirazione per racconti e romanzi. Quegli stessi romanzi che a Mondadori non interessa pubblicare, poiché preferisce le "pozzanghere d'acqua brillante" del signorino giordano. (No comment). Ma verrà il giorno in cui sarò io a dirgli di NO (uno sfizio che tu ti sei già preso, e che intendo prima o poi eguagliare... :D)

    Un grande abbraccio ad Ally e LeNny, e un bacio speciale per Maraptica!

    RispondiElimina
  46. Una bella ispirazione arriva ovunque.

    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  47. Caro Zio, io sono ben contenta che tu sia tornato a scrivere versi. E ancora di più che tu abbia deciso di pubblicarle qui per noi. Dare vita alle parole che nascono dentro di noi richiede sempre concentrazione e abbandono al tempo stesso. Decidere di condividerle con altri è un bell'atto di generosità e di fiducia che ti corrisponde in pieno. Ne aspettiamo altre, quando vuoi e quando sarà il momento.
    Baci e abbracci paperi e nipoteschi

    RispondiElimina
  48. p.s. la prossima volta, però, devo cambiare "colonna sonora". Ho letto la tua poesia ascoltando una canzone piuttosto movimentata dei Radiohead e non ci stava un granché bene, ti dirò :-)

    RispondiElimina
  49. * Kylie
    Abbraccissimo anche a te, grande grande, che duri tutta la settimana. :)

    * Duck
    Meravigliose parole che mi scolpisco qui sul mio cuoricino, grazie.

    p.s.
    la colonna sonora però la contesto pure io... anche perché i Radiohead (eresia delle eresie, lo so) non mi piacciono neanche un po'... :)

    baci zieschi :D

    RispondiElimina
  50. Arrivo sempre in ritardo..ma arrivo!
    E' molto efficace la differenza di metrica che rimarca la il contrasto fra le di situazioni d'animo...Dalla contemplazione all'incazzamento...
    Mi piace molto..e finora tutto quello che scrivi. Un carissimo saluto!

    RispondiElimina
  51. Mah, io i Radiohead li sto ascoltando adesso per la prima volta e, che dire? Alcune canzoni mi piacciono assai, altre mi perplimono. Ciauz!

    RispondiElimina
  52. * mr.Hyde
    Mai troppo tardi... grazie, amico mio, saluti anche a te! :)

    * Duck
    In seguito a recensioni con voti fra 9 e 10 (e influenzato dal fatto che piacevano a TUTTI i miei amici più intelligenti), comprai a scatola chiusa "Hail to the thief". Mi piacque solo il titolo (semplicemente geniale) ma trovai il disco inascoltabile, soprattutto a causa della voce lamentosa e lugubre. E' più forte di me: ogni tanto riprovo a "farmeli piacere", ma proprio non c'è verso...
    Ciao!! :)

    RispondiElimina
  53. Ma Zio,
    che bravo!!!
    Non ti converrà ogni tanto farti venire le "paturnie" e andare a sederti su una panchina di fronte al lago, per poi farci conoscere pensieri così profondi e belli?
    Mi piace molto il contrasto tra il momento magico e la rottura...di quel megafono...
    Anch'io in una mia poesia (si fa per dire poesia...perchè non mi sento poetessa)dove in un momento di ricordi nostalgici...lo stridio dei freni di una macchina in curva...mi fecero "ritornare in me".
    Ciao, complimenti.
    Un bacione
    Bruna

    RispondiElimina
  54. * Nou
    la più bella emozione è essere letto da persone come te! :)

    * Bruna
    quello che ho detto a Nou vale anche per te...
    però non possono essere paturnie autoindotte: l'ispirazione è così misteriosa, se è ricapitata dopo vent'anni (sotto forma di più o meno "poesia", perché per il resto non ho fatto altro che scrivere ed essere ispirato...)
    grazie per il bel commento.
    un bacione anche a te!

    RispondiElimina
  55. Oh, io scrivo solo poemi tipo Iliade e Odissea... :P
    Scherzi a parte, ok, ci sto, l'hai scritto stesso tu: SE ti piaceranno... Quindi, non corro pericoli. :D

    Abbraccio! ;)

    RispondiElimina
  56. Il momento che mi è piaciuto di più è quello del risveglio. Inaspettatamente brusco.
    Però il momento di sogno è altrettanto reale e tangibile... tanto che rileggendo la seconda parte, quella della "realtà", ci si chiede se sia quella, ad essere solo apparenza.
    Molto, molto bella.

    RispondiElimina
  57. * Vince Symo
    allora aspetto... :)

    * Giada
    molto, molto bello essere letto da te...
    Ciao! :D

    RispondiElimina
  58. bellissima. mi sono sentita lì, con te.
    un sorriso
    Silvia

    RispondiElimina
  59. * Silvia
    Grazie del sorriso! In questo momento ne avevo proprio bisogno...
    E benvenuta a bordo, naturalmente. :)

    RispondiElimina
  60. Zio Scriba, fai benissimo a chiamarla POESIA :) Hai avuto un attacco d'ispirazione, in poche parole :))) Bella cosa!!!

    RispondiElimina
  61. * Alka
    Grazie di cuore anche a te!

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)