"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

sabato 19 novembre 2011

CI SENTO BENE MA VOI PREFERIREI NON SENTIRVI, GRAZIE



EEH??

Brutta notizia per i venditori di apparecchi acustici: il mio anziano padre ha tanti altri problemi, poverino, ma in compenso ci sente benissimo. Però, come tutti sanno, non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. E così, imperterriti e mai disposti alla resa, dai call center della “misurazione gratuita dell’udito” (ma esisterà una paroletta più odiosa e disonesta di “gratis” e derivati?) ci subissano di chiamate. Alla faccia della Privacy – la Privacy vera, non quella dei manigoldi altolocati, la Privacy del Cittadino che non vorrebbe essere disturbato, o, come diceva il personaggio di un grandioso film, “non vuole essere rotto i coglioni”.

La fregatura è che non si qualificano subito, altrimenti sarebbe divertente prenderli in giro facendo finta… di non sentire quello che dicono, come lo Zio Storno di un mio romanzo che un giorno leggerete.
“Misurazione gratuita dell’udito”
“Cooosa? Parli più forte!”
“MISURAZIONE GRATUITA DELL’UDITO”
“Eeh??”…

Mi rendo conto che l’avere 77 anni fa di mio padre una succulenta potenziale preda, ma quella dell’altra mattina sarà stata la quarantesima chiamata in un anno (in fondo, nel breve intervallo di tempo, il problema prima inesistente potrebbe sempre insorgere… Tiè!). Inutile dire che noi qui ci siamo pure presi la briga di iscriverci al famosissimo e inutilissimo Registro delle Opposizioni (neanche ci illudessimo di vivere in Danimarca, e non in Lobotom-Italy), nella speranza di poter dire basta a tale sconcio. Ma questi signori, e non solo loro (vero, vodafone?), vanno avanti. Io che sono una persona mite, gentile e civile, non immaginate come mi debba trattenere, quando arriva la classica telefonata di persona sconosciuta che, guarda caso, esordisce soltanto col nostro cognome seguito da punto interrogativo, oppure col nome di mio padre perché è quello che figura nell’elenco, quanto mi debba trattenere dal mandarli dove meritano, questi disturbatori fuorilegge della quiete privata.
Sì, lo so, quello che chiama è solo uno sfruttato sottopagato che si arrabatta per guadagnare qualcosa, anche se quello che gli fanno compiere è un Reato bello e buono (anzi, brutto e antipatico). Ed è il motivo per cui, pur riattaccando sempre, cerco però di essere cordiale, arrivando addirittura a giustificarmi con frasi del tipo “Non voglio farle perdere tempo”, quando invece quello che sta perdendo tempo sono io. Ma se avessi per le mani i loro furbi padroncini…
Finirà mai, questo illegale e insopportabile schifo peculiarmente italiota?

58 commenti:

  1. No Zio, uno l'ho maltrattato quando, dopo avergli detto che avevo ricevuto una visita, non richiesta, di un loro addetto e gli ho ribadito di non essere interessato si è permesso di dire: "allora non ha capito". Non l'ho cazziato come avrei voluto e saputo, ma mi riprometto di farlo con il prossimo.

    RispondiElimina
  2. Presentate denuncia per stalking, io l'ho fatto dopo la nona telefonata di wind per offrire una linea fissa.

    RispondiElimina
  3. Io invece a volte, non sempre quindi, mi diverto e quando una gemtile donzella mi chiede non per uno ma per i più svariati argomenti "il mio gradimento da 1 a 10" io dico sempre "UNO"!

    RispondiElimina
  4. eheh... al solito un aneddoto raccontato con un briciolo di humor, per quanto possibile. io continuerò col riattaccare brutalmente il telefono anche perché il governo ante-monti ha reintrodotto i contratti con stipula telefonica, meglio evitare.

    RispondiElimina
  5. Ti capisco, anch'io sono spesso tartassata da telefonate inutili...io rispondo sempre leggermente seccata dicendo che sto per uscire e che non ho tempo per poi riattaccare subito!
    Ciao Zio Scriba
    buon weekend!

    RispondiElimina
  6. Anche ame una signorina ha telefonato per la misurazione
    dell'U-dito ... è venuta a casa mia con un metro da sarta e poi alla fine mi ha detto: complimentoni George ;)

    RispondiElimina
  7. vedi che a conti fatti anche tu c'hai il cuore tenero se ti scappa di essere gentile? In ogni caso qualita' degna di nota con i tempi che corrono. buon fine settimana.

    RispondiElimina
  8. anch'io mi dico che sono dei poveraccio sotto-pagati ecc., eppure la tentazione di mandarci a ****** è sempre fortissima.

    RispondiElimina
  9. Papà mio una volta rispose, ad una telefonista incallita della medddiasssetpremmmiuuummm che era cieco. Loro... Non chiamano più da quel giorno. In compenso continuano a proporci di cambiare piano telefonico, o di comprare questo quello quell'altro! Ciao Nicola, a preZto! -Nora*-

    RispondiElimina
  10. “Non voglio farle perdere tempo”è ciò che dico anch'io quasi sempre. Non riesco ad essere scortese con chi è pagato a cottimo e si trova a comporre numeri telefoni per tutto il giorno magari perchè non è riuscito a trovare una sistemazione lavorativa diversa. Certo, l'invadenza, la prevaricazione e la conseguente reazione rabbiosa son le costanti di un sistema di vendita fastidioso per chi riceve le telefonate e mortificante per gli operatori dei call center.

    RispondiElimina
  11. anche noi ci siano iscritti a quel registro e ci tartassano appena appena di meno...
    in ogni caso,continuo a tenere spento il cordless

    RispondiElimina
  12. Ah, ah, ah, George ...
    Pure io a volte sono tentato di mandarli a quel paese, ma capisco che sono dei supersfruttati con qualche capetto sopra di loro a rompere le palle (avanti, di più, di più), con altri capetti sempre più su, e allora, ho una frase di rito: scusa, ti fermo subito perchè non mi interessa.
    Certo, se beccano anziani, è difficile riescano a bloccarli subito.

    RispondiElimina
  13. E, appunto, vogliamo parlare degli operatori telefonici che ti tartassano di chiamate quando tu gli hai detto chiaramente una, due, tre volte che non sei interessato???!!! :S
    Alla fine, come dici, non è colpa dei/lle poveri/e ragazzi/e che lavorano, magari sottopagati, nei call center, ma di chi c'è dietro.

    Comunque, m'hai dato uno spunto :D: se e quando mi ricapiterà, fingerò di essere sordo, magari.
    "COOOMEEE DICEEE?!?
    PARLI PIU' FORTE, CHE SONO UN PO? DURO D'ORECCHIIII!!!" :P

    RispondiElimina
  14. Neppure io so mai come comportarmi, solo una volta sono stato davvero cattivo con l'operatrice ma se lo meritava. Di solito sono solo persone tranquille che fanno il proprio lavoro ma altre volte sono dei veri e propri cafoni. Io non potrei mai fare un lavoro del genere, mi ammazzerei prima, ma c'è chi non ha alternative oppure, forse, lo trova anche piacevole.
    Il problema è proprio l'impossibiltà di opporsi a questo schifo!

    RispondiElimina
  15. Non ne potevo più,passavo le giornate a rispondere al telefono finchè ho deciso di fare l'iscrizione al registro delle opposizioni. A dire il vero, a me funziona. Qualche telefonata l'ho ricevuta ma dopo aver fatto notare dell'iscrizione e chiesto di cancellarmi dai loro database,hanno sempre chiesto scusa e non hanno più chiamato. L'unica che lo ha rifatto è la vodafone che ho minacciato di denuncia alla prossima chiamata.
    Ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  16. Anche io cerco di essere gentile con gli operatori del call center (anche se loro a volte non lo sono con me...).
    Però ti dico pure che quando è morta mia nonna ci ha telefonato un'agenzia immobiliare per sapere se vendevamo la casa, il che mi può anche stare bene, ma magari che lasciassero passare un po' di tempo...e questo non era un call center ovviamente.

    RispondiElimina
  17. Esatto, i padroncini furbetti sono davvero dei bastardi.. e non è solo vodafone o apparecchi acustici..
    Ti bombardano da tutte le parti..
    Andassero veramente a quel paese..
    Mi dispiace solo anche a me davvero per i sottopagati che ci lavorano dentro..ho pensato subito a "tuttala vita davanti" di Virzì.. se ricordo bene titolo e regista..
    Ciao amigo, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  18. Per non essere scortese a volte fingo di essere un dipendente o il giardiniere: "Il signore o la signora non sono in casa e non vogliono essere disturbati". Se uno è bravo può anche usare l'accento filippino.

    RispondiElimina
  19. Impariamo tutti dal Magnotta!

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. da me è un continuo chiamare da parte delle compagnie telefoniche. sono gentile con chi si scusa e chiude la comunicazione, intollerante e mooolto sgarbato con chi insiste.
    ma che cavolo di paese siamo diventati.

    RispondiElimina
  22. No, mi dispiace, la mia pazienza è arrivata ad un punto di non ritorno!...Essere mandati affa è una postilla specifica del loro contratto, che lo sappiano...Anche prenderli per i fondelli, come loro fanno con noi..ci si difende come si può...

    RispondiElimina
  23. Io faccio sempre così: li faccio parlare per dieci secondi, poi li blocco, declino e gli propongo in vendita la mia bici tessendo le lodi del cambio shimano e dei cerchi campagnolo, oppure il Sì del 1986 con variatore marcio.
    In genere si fanno una risata e si scusano, ma c'è anche chi sbatte giù smadonnando in estone.
    Fermo restando che "i furbi padroncini" saprei ben io dove sbatterli, e per quanto.

    RispondiElimina
  24. E poi ci sono quelli che ti buttano giù senza neanche salutare e anche quelli che, ti bussano alla porta e dopo che hai tu cortesemente declinato la loro meravigliosa e imperdibile offerta superspeciale gas+acqua+elettricità+oro+incenso+mirra, hanno ancora il coraggio di dirti (invero anche un po' stizziti): "Bè, peggio per lei!"
    (Lo dico perché m'è successo).

    RispondiElimina
  25. Mandarli a quel paese penso sia salutare, anche per quelli che fanno quel lavoro, cominciano così a riflettere sulla concreta possibilità di essere cacciati dal padrone appena finita la campagna
    Ma per alcune telefonate non puoi, perché dopo un attimo ti accorgi che ti sta chiamando una voce registrata.

    RispondiElimina
  26. Dopo un periodo di comprensione per il duro e snervante lavoro dei call-center, durante il quale chiedevo loro se erano pagati a tempo ed in tal caso li invitavo a parlare quanto volevano mentre io appoggiavo la cornetta sul tavolo, sono passato ad un secco "non m'interessa grazie". Neanche per me ha funzionato il registro delle opposizioni.

    RispondiElimina
  27. Per fortuna quado suona il telefono e mia moglie mi chiama! dice è per te
    capisco subito sulle prima parole e rispondo sempre scusate non sento bene alle insistenze ripeto sempre le stesse parole , ho notato che funziona.
    Ciao Nicola buona serata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  28. Se si va avanti così, più laureati usciranno dalle università e più le file dei call-center si rimpingueranno. E questo non può che riempirmi di gioia.
    Che culo, neh?! :)

    E.

    RispondiElimina
  29. Ormai dico subito 'non m'interessa grazie' e riattacco.
    Un'amica, che è una sagoma, dice di essere vecchia,malata e in punto di mrte.
    Cristiana che ti abbraccia!

    RispondiElimina
  30. a me dispiace degli sfruttati da questo sistema: castrante per loro e limitante per noi.. ma giusto il tempo (due secondi appena) di rendermi conto che non potrei mai rispondere mai, dico MAI, per telefono alla stipula di un contratto! Fastidio puro! 666)

    RispondiElimina
  31. Non so se vale mal comune mezzo gaudio - no, non non vale - ma subissano anche me che ero in elenco secoli fa e tantè mi trovano lo stesso, e in studio con mozzarelle, vini , telefonie varie ed eventuali ecc. e il trucco è lo stesso sembra ti conoscano e poi partono con proposte di ogni genere. Devo purtroppo dire che si sono sfruttati da datori di lavoro ecc. i telefonisti, ma anche che spesso sono molto maleducati, tu dici un secco ma cortese no non mi interessa e questi oltre che insistere si fanno agressivi, è successo parecchie volte a me e ai miei genitori, e questo no va certo a loro favore. gggrrrrr

    RispondiElimina
  32. Mio padre, una volta, ad una rompiscatole della telecom disse(con la sua voce da Alberto Lupo):
    - Io sono la FIGLIA, sono una BAMBINA di 5 anni,i miei genitori non sono in casa.:P

    Per colpa loro, quasi quasi, rimpiango i MORMONI.
    Quelli venivano in casa a cercare di VENDERTI la loro confessione religiosa, ma almeno erano FIGHI.
    Che fine hanno fatto i MORMONI? Son tornati tutti nello Utah? ;)

    RispondiElimina
  33. Anche per me è un tormento, dai vini a tutto il resto di promozioni varie. Io taglio corto, "guardi stavo uscendo, mio stanno aspettando".

    RispondiElimina
  34. Io ormai sono allenatissima.
    Dove lavoro rispondo io al telefono, tre linee = telefonate promozionali triplicate anche in contemporanea, più pubblicità via fax, che odio particolarmente perchè mandano questi volantini completamente neri che mi fanno consumare il toner nel giro di un mese. GRRRRRR!
    ciaooooo, buon week end!

    RispondiElimina
  35. * Giada
    Sì, questo va ribadito: se la pubblicità via mail è antipatica (e certi bastardoni sembrano aver inventato l'anti-antispam, perché io dico a outlook di considerarli spam e loro tornano imperterriti a rompere le balle, come se cambiassero automaticamente indirizzo ogni giorno!) e se quella telefonica è odiosa e da galera, quella via fax è proprio roba da lavori forzati (e calci nel culo) perché non solo disturbano, ma ti danneggiano pure, perché la carta è tua e il toner è tuo!

    Un abbraccio a tutti gli altri, specialmente a quelli che son riusciti a farmi ridere... :-))))

    Buona domenica, Amiche e Amici!

    RispondiElimina
  36. Zione, tu pensa che a me chiamano in Svizzera anche certi farabutti di zona confine e più in là... La pazienza è finita da tempo e nonostante abbia levato i miei numeri dagli elenchi telefonici, capita ancora che qualcuno telefona: riceve subito dei cordiali vaffanculo ancora prima che apra la bocca e telefono in faccia.

    Ciao caro. :)

    RispondiElimina
  37. tu pensa quando quelli della misurazione gratuita dell'udito chiamano me che di anni non ne ho ancora 50 e di mestiere faccio l'audiologa pensa

    RispondiElimina
  38. eh, sì: poverini i lavoratori sottopagati... e però che rottura di balle, ogni volta!!!

    RispondiElimina
  39. I miei colleghi rispondono che sono iscritti in uno speciale elenco che ora non ricordo... mi informerò e poi te lo suggerirò. In questo modo non ti telefonano più, garantito.

    Buona domenica!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  40. * LeNny
    eheh, mi par di immaginarlo, quel peperino del nipote LeNny che gli risponde a modo suo... finirò col fare un corso accelerato per imparare a difendermi anch'io? :D
    Ciao!

    * amanda
    Questo loro modo del tutto scriteriato di agire fa sorgere un'altra domanda: ma 'sto cazzo di telefono, loro, lo pagano? A giudicare dai commenti a questo articolo dovrebbero stare tutti in pesante passivo! O come al solito il mio è un campione di alto livello e quindi inattendibile, mentre la maggioranza del popolino tele-lobotomizzato dagli spot pubblicitari si lascia abbindolare pure al telefono?

    * economista per caso
    Benvenutissima a bordo! :)

    * Kylie
    Temo sia lo stesso a cui siamo iscritti pure noi...
    Ti abbraccio anch'io... buona domenica!

    RispondiElimina
  41. Caro zio,sono tendenzialmente mite e gentile anche io,però quanto è troppo è troppo,porco il mondo che ciò sotto i piedi.Appena vedo sul display ******* oppure prefissi telefonici di località da cui nessuno potrebbe chiamarmi perchè lì non conosco nessuno,è da qualche tempo che ho preso l'abitudine di rispondere subito e a prescindere:"Avete cagato il cazzo !".C'è ancora molto da lavorare,ma il numero di chiamate si è dimezzato.

    RispondiElimina
  42. * Blackswan
    Guarda, io odio a tal punto il telefono in sé, il suo invadente squillare, la sua becera e anacronistica e violenta invadenza, che il giorno in cui dovessi vivere da solo lo eliminerei del tutto, oppure, se dovessi tenerlo per chiamate d'emergenza "in uscita", metterei una segreteria che non andrei poi mai ad ascoltare, perché la mia voce registrata direbbe: "Se hai qualcosa da dirmi, scrivimi a questo indirizzo di posta elettronica... Ma se vuoi vendermi qualcosa evitati anche tale fatica, perché il tuo messaggio di merda verrà cestinato".

    RispondiElimina
  43. Immagino l'orrenda seccatura che deve essere per te e il tuo babbo dover subire queste telefonate tanto fastidiose quanto una zanzara che ronza nelle orecchie! :( Ogni giorno veniamo TARTASSATI dai call center di Vodafone & company che ci rompono le palle a dismisura... io ormai non spreco neanche più parole... appena sento che sono loro attacco la cornetta brutalmente! E pensa che quando lavoravo in azienda come segretaria ricevevo chiamate di questo genere almeno 50 volte al giorno... no... non sto scherzando! Vodafone, Wind, Fastweb, 3, Tim e chi più ne ha più ne metta... almeno 50 chiamate di questi farabutti che vogliono accaparrarsi non solo i poveri cittadini... ma anche le aziende! ;) arrivavo a casa la sera con le orecchie intasate di inutili cazzate... mamma mia! hai ragione... non è colpa di chi chiama, ma di chi ordina di chiamare!!! maledetti rompicoglioniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!

    RispondiElimina
  44. * Giulia
    Queste vostre testimonianze mi rassicurano, perché avevo quasi il sospetto di essere troppo cattivo io a scrivere queste cose su di loro... :)

    Un abbraccio, mia cara amica!

    RispondiElimina
  45. Chiamano in continuazione anche in ufficio. Praticamente ogni giorno. Negli ultimi anni, forse lo avrai notato, fanno telefonare persone che hanno accenti strani. Basta chiedere loro da dove stanno chiamando, qual è il nome del loro responsabile e dopo 10 secondi sono loro a chiudere.
    Te lo garantisco.

    RispondiElimina
  46. Sì sono davvero una gran rottura di scatole. Anch'io mi sono iscritta fiduciosa , povera illusa , al registro che citi : la faccenda è quasi peggiorata.
    Fino ad ora ha prevalso in me la pazienza e la comprensione per quei poveretti dall'altra parte del filo "scusi , non ce l'ho con lei...so che sta lavorando...ma proprio non mi interessa " e sbatto giù.
    A volte però si esagera. Mi son tolta una soddisfazione con un tizio di un'agenzia immobiliare, poco tempo fa. Alla richiesta di segnalargli la presenza di immobili in vendita nella mia zona ho risposto chiedendo quale fosse la percentuale per me...è rimasto pochi secondi basito. Ho detto" tempo scaduto" ed ho attaccato.

    RispondiElimina
  47. Siamo tutti tormentati, chi più chi meno, dalle chiamate dei call-center, ma credo che le società in questione conoscano sin troppo bene la legge della cosiddetta privacy, fatta per chi é potente, organizzato e ricco: comprano elenchi di persone che, in un modo o nell'altro, senza accorgersene, ma firmando, hanno dato una liberatoria per un uso infinito dei loro dati.

    RispondiElimina
  48. * mia euridice
    Già, ottima idea: i nomi dei "mandanti" mica li possono fare... :)

    * Sandra
    Altre belle categorie, intermediari che servono solo a far lievitare i prezzi...

    * Adriano
    In effetti le chiamate che riceviamo noi sono molto inferiori alla media nazionale. Questo perché io, su qualsiasi contratto o formulario, ho SEMPRE negato la famosa "terza firma", quella che autorizza a rompere i coglioni (ma alcuni se ne sbattono e rompono lo stesso). Così come non ho MAI risposto agli stronzi sms che promettono sconti speciali, tariffe particolari per brevi periodi o ricariche semigratuite ecc.
    Ma il "mercato dei nominativi", sporco, lurido, sciacallesco, immorale, schifoso, è sempre più florido: si vendono persino i nomi di chi fa beneficienza, facendogliene poi così scappare anche la voglia! Se tu elargisci pochi e sudati soldi a un ente, e in occasione del Natale successivo ti scrivono (stranamente) altri quindici per battere cassa, finisce che li mandi affanc*** tutti e sedici!

    RispondiElimina
  49. Da un lato li capisco sti poretti che lavorano nei call center, che per poco non ci finivo pure io pur di racimolare qualche dindino durante la mia vita universitaria. Quindi se da un lato sono molto gentile con chi si dimostra tale ("buonasera, la disturbo? grazie a lei per il tempo che ci ha dedicato! arrivederci e buona serata"), maltollero coloro i quali cercano di convincerti a tutti i costi che tu hai bisogno di ciò che ti stanno propinando. Ultima in ordine di tempo: Telecom che chiama cercando di convincerci che avevano già chiamato un paio di volte senza trovarci..ma non perchè non c'era nessuno in casa bensì perchè la nostra linea non funzionava -> vedete il vostro attuale gestore, non vi garantisce nemmeno una linea funzionante..tornate con noi! ecco lì sì che li avrei mandati a quel paese, se avessi risposto io.

    RispondiElimina
  50. * Sayuko
    Intanto benvenuta a bordo! :)

    Da giovani e da studenti si rischia di fare un po' di tutto, e di essere perfetta carne da cannone per questa gente qua... Tornando alle tipologie di disturbatori, i peggiori in assoluto, quelli che proprio fulminerei all'istante, sono quelli che dicono alla gente che ha vinto, o potrebbe vincere, qualcosa, e se a rispondere è una persona molto anziana riescono ad abbindolarla, metterla in agitazione, sconvolgergli l'esistenza.
    Vorrei poi dirti cosa penso delle compagnie telefoniche in generale, ma preferisco lasciar perdere.
    Ciao! :)

    RispondiElimina
  51. Ciao, Zio! Sono tornata viva e vegeta dal mercatino... E se ti dicessi che l'ho fatto, quel brutto lavoro lì? Mi lapidi? Comunque, cerchiamo di chiarire un pò la situazione di come funziona in quei postacci: nell'ultimo posto dove sono stata ti davano circa 7 euro LORDI all'ora, il turno era di 3 ore (9-12) con una pausa di 5 min alle 10.30. Se dovevi andare in bagno fuori tempo pausa, dovevi passare dal tuo capo, firmare il foglio dove c'era scritto l'orario in cui ti eri alzato dalla sedia e poi rifirmare quando uscivi dal bagno. Se ci stavi troppo, dovevi recuperare a fine turno i minuti. I box erano fatti in modo che tu non potessi vedere il vicino di scrivania e il computer teneva conto dell'orario di inizio della telefonata, quello di fine telefonata e quanto tempo passava fra una chiamata e l'altra. Se passava troppo tempo fra una chiamata e l'altra, a fine mese il capo ti chiamava nel suo ufficio, ti faceva il mazzo e ti diceva che se il mese dopo non ti fossi messo in pari ti cacciava a calci. Le liste dei nominativi vengono comprate da Telecom, paginebianche, etc (i gestori telefonici si comprano l'un l'altro le liste dei clienti..). Ma parliamo di grano: chi lavorava tutto il giorno (lun-ven 9-12 15-18) prendeva 7x6= 42 euro meno il 20% al giorno (33,60 euro netti, 5,6 euro NETTI all'ora!) che per circa 20 giorni lavorativi diventano 672 euro netti. C'erano poi gli anziani che prendevano circa 800 euro netti al mese e che erano guardati con invidia dagli altri. Con questo non voglio esortarvi a trattare chi vi "rompe" con condiscendenza, ma tanto per farvi capire che cosa permette di fare lo Stato, alla faccia del diritto ad un lavoro dignitoso e alla privacy! Sappiate che ci sono ditte che si occupano ESCLUSIVAMENTE di vendere nominativi alle ditte di Telemarketing. E se Telecom vi chiama 10 volte al giorno è perchè ci sono parecchie agenzie nella stessa città che chiamano le STESSE LISTE di nominativi, divise per zona NELLO STESSO PERIODO! Non è un lavoro facile, a me faceva schifo però avevo bisogno e l'ho fatto, ma vi posso garantire che ogni volta che schiacciavo il tasto di chiamata (perchè non dovevi nemmeno digitare i numeri, faceva tutto il pc per risparmiare tempo), mi veniva il voltastomaco.Avevamo le cuffie con auricolare e se ti beccavano senza ti gridavano di tutto (anche perchè il capo a volte si aggirava più silenzioso di un ninja e se ti vedeva alzare la testa dallo schermo... Ti alzava da terra!). I periodi peggiori erano Natale e agosto, perchè l'ufficio chiudeva e ovviamente... No lavoro, no money e se stavi a casa con la febbre, non venivi pagato. Quando qualcuno mi chiama (sul cell, perchè non ho la linea fissa), cerco di tagliare in maniera educata (se dall'altra parte trovo educazione). Ultimamente ho notato che ci sono un sacco di stranieri e penso che si parla di "imprenditori brutti e cattivi che sfruttano gli extracomunitari nei campi, nei cantieri o in fabbrica come operai" ma anche se ti mattono seduto ad una scrivania, viste le condizioni, non è comunque sfruttamento e dei peggiori (perchè in quei posti si va via di testa...)? Scusa per la lunghezza del commento e per lo sfogo. Un abbrazZio... Scriba... XD

    RispondiElimina
  52. * Nirvana
    Scusarti? Ti ringrazio per la splendida testimonianza, amica mia! (E spero che quel tuo mercatino sia stato un successo!)
    In fondo anche le cose più odiose che abbiamo subito nella nostra vita si rivelano poi preziose esperienze antropologiche, o che permettono di acquisire (nel mio caso) materiale narrativo...
    Pensa che io da giovanissimo ho fatto, per qualche giorno, il (NON) venditore di enciclopedie porta a porta. Forse un lavoro dei più noiosi e umilianti che ci siano. Quando vedevo che qualcuno era in casa (perché al suono del campanello si spostava una tendina) ma non veniva ad aprire, per non dover avere neanche il fastidio di dire a uno scocciatore di andare a disturbare qualcun altro, io le prime volte mi segnavo su un blocchetto l'abbreviazione di una parolaccia. Smisi di farlo appena mi resi conto che quello era esattamente il giusto comportamento difensivo che in una situazione simile avrei adottato IO!
    Ti abbraccio forte, cara nipotina!

    RispondiElimina
  53. L'altro giorno mi ha telefonato per la centesima volta l'Infostrada con le sue offerte per la linea. Stavolta con un interlocutore che insisteva molto e non mollava la telefonata; veramente superando il limite.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  54. * Cavaliere oscuro
    in questi casi bisognerebbe esser capaci di indicargli... la vaffanstrada! :)

    A volte non si capisce se usano gente più impreparata o più irrispettosa. Anche quelli che sguinzagliano venditori a suonare il campanello. A inizio estate, un ragazzotto maleducato pretendeva di andare a vedere il mio contatore del gas, senza neanche dirmi chi fosse e per quale cazzo di compagnia lavorasse. "Se ne ha diritto le applico lo sconto" non faceva che ripetere. E al mio opporre resistenza con domande del tipo "Ma lavori per il mio fornitore?" quello non faceva che spazientirsi e ripetere a memoria "Se ne ha diritto le applico lo sconto", come se le mie domande significassero che ero duro di comprendonio, o uno sprovveduto che non voleva risparmiare. Naturalmente non gli ho aperto e ho detto Grazie, non mi interessa. Ma ormai la tattica è questa: cercare aggressivamente di abbindolare le persone (con largo uso di parole come "sconto" e "gratis"), senza un minimo di correttezza né di educazione.

    Ciao caro amico!

    RispondiElimina
  55. Quello che dice Nirvana è vero, conosco una tipa che ci lavora in quei centri, come una schiava.
    Per questo non riattacco più.
    Rispondo sempre "Non sono Vincenzo, sono suo figlio Alessandro, dica pure a me"; così la carina parla due o tre minuti e dopo, per un paio di mesi non richiama più. Contenta lei, contento io.
    Dillo al tuo papà. A volte è divertente starli a sentire.

    RispondiElimina
  56. Ciao...che nervi i pubblicitari che non solo ti chiamano in un momento poco opportuno ma che insistono pure per venderti un prodotto che già a priori non ti interessa per il fastidio che ti ha procurato!

    RispondiElimina
  57. * davidombra
    Benvenuto... mi sono fatto anch'io un giretto da te, divertendomi da morire con quella collezione di scritte sballate... Ciao! :D

    RispondiElimina
  58. Eh infatti, quei poveretti che telefonano non c'entrano nulla. Anche io sono gentile e ascolto pure quello che mi devono dire, di norma (in alcuni casi, infatti, qualcosa la guadagnano anche se solo se riescono a tenerti al telefono per proporti la cosa)...
    Però, che rottura di balle!!

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)