"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 22 gennaio 2020

Maiale (NON) lo dici a tuo nonno! (Breve riflessione su uno stupido coro natalizio ragliato alla tv tedesca).


Insegnare ai bambini a cantare “Mio nonno è un maiale inquinatore” è inquinamento della mente, del cuore e dell’anima. In confronto, i porci inquinatori dell’aria diventano quasi dei Santi. I tedeschi, appena usciti dal nazismo della razza stanno forse inventando il nazismo dell’età (altrettanto pericoloso e persino più imbecille, come dimostrato nel secolo scorso da certe teste di cazzo asiatiche, che ti mandavano in un lager se eri over 30 e un po’ istruito)? E poi, perché mai vostro nonno sarebbe più inquinatore dei vostri genitori coi loro Suv diesel-camere a gas ambulanti, di vostro zio che prende l’aereo anche per andare dal barbiere, o della vostra sorellina che cambia smerdofono ogni sei mesi, e scarpe ogni due giorni? Forse perché fuma la pipa?

14 commenti:

  1. La questione è che TUTTI siamo dei maiali inquinatori. Anche il più virtuoso ambientalista che ci sia ha qualche comportamento da inquinatore - tipo che va in giro con una vecchia carretta classe Euro -32, o con il pirlofono del famoso marchio con la mela morsicata che viene prodotto in Cina con processi iperinquinanti, roba del genere. Quindi che i krukki discriminino sull'età è una bastardata senza senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancor più assurdo prendersela coi nonni, che fanno parte di una generazione abituata a non sprecare una briciola di pane, mentre le generazioni successive sono piene d'imbecilli che se sono in tre cucinano per otto, e poi invece di riutilizzare gli avanzi li buttano nel cesso... :-(

      Elimina
    2. Con quest'ultima casistica me la scampo, fiuuuu! È vero che anche in famiglia da me cuciniamo roba in abbondanza; ma quel cibo il giorno dopo è ancora buono, così com'è (semplicemente riscaldato) o trasformato in qualche altro manicaretto.

      Elimina
    3. Così fanno tutte le persone intelligenti. (Che purtroppo, notoriamente, son pochine).

      In un ristorante ho visto un marmocchio viziato sprecare un intero piattone di ottima pasta, solo perché la trovava troppo salata, o troppo al dente.
      La mammina, modajola e telefonuta, non gli ha dato uno scapaccione: ha ordinato un'altra pietanza.
      Andata sprecata pure quella!
      Poi il problema sono i nonni...

      Elimina
    4. esatto, ad inquinare siamo tutti, compresi i giovani che adulano Greta (o i meno giovani)

      Elimina
    5. Diciamo con diverse gradazioni e differenti responsabilità.
      Grazie, Francesco. E benvenuto a bordo.

      Elimina
  2. Ingiusto e crudele additare una generazione come responsabile dell'inquinamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ingiusto, crudele e anche molto stupido. Tipico del Secolo Cretino in cui viviamo.

      Elimina
  3. Appena mettiamo i piedi giù dal letto inquiniamo, tutti.
    Quindi assurdo dare la colpa a qualcuno in particolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resto dell’idea che alcuni inquinino molto più di altri. Concordo sul fatto che sia sbagliato andare grossolanamente per categorie. E, in ogni caso, se c’è una categoria sbagliata da additare e da incolpare, quelli sono proprio i “vecchi”.

      Elimina
  4. ...e pensare che il maiale è l'animale più "riciclone"!

    RispondiElimina
  5. E come si fa a non inquinare? Con tutti i rifiuti che facciamo, già solo con la spesa, imballaggi, buste, cartoni.
    Io ho provato tempo fa con i negozi leggeri (così li chiamano, mi sembra) dove la spesa è alla spina, ma sono molto cari...
    Abbraccio siempre <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’ironia è che l’azione di gran lunga più inquinante di quei nonni è sicuramente stata… riprodursi.
      Un abbraccione a te!

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)