"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

lunedì 12 dicembre 2016

Come vi racconta i film Corradino non ve li racconta nessuno...

"Cazzo di film era Tuzzi?"

«... la mamma telefonò al cinema di Castelprete per sapere che film avessero in programma. 
Ci scompisciammo al ricordo di quando, qualche anno prima, aveva telefonato e dopo mi aveva mostrato il pezzo di carta col titolo che aveva scritto. Sul fogliettino c’era scritto TUZZI. Cazzo di film era Tuzzi? Naturalmente si trattava di Tootsie, con Dustin Hoffman che impersona un attore fallito che si veste da cessa per trovare lavoro in una serie tv. Sul set s’innamora di una figonji (Jessica Lange) che sotto sotto per l’amica cessa prova affetto, e ancor più sotto addirittura attizzamento, ma quando Tuzzi goffamente ci prova (perché sotto la sottana è ommo) la figonji va in crisi (crede che Tuzzi sia omo) e la sua intelligenza da contadinotta non accetta la possibile avventura. Alla fine è Dustin a chiarire tutto, anche per arginare la complicazione del padre vedovo della figonji che s’è innamorato di lei (di lui) [di lei] e lo/la vorrebbe sposare, e si giunge al finalino rassicurante per il popolo ciulapassere, con la figonji che dopo il prevedibile intermezzo di isterismo e schiaffoni lo perdona e gliela dà per sempre, felice e contenta che lui abbia l’attrezzatura giusta al posto giusto, anche se poi confessa che Tuzzi “le mancherà da morire”. (E te credo: vuoi mettere il brivido lesbico, rispetto al diventare mogliettina di un nanerottolo fallito che tuo padre si voleva ingroppare?)»

("Mailand", Neo Edizioni, pagina 108)


Per Natale, regala il bel romanzo di un outsider! Farai contente due persone: l'autore e il nuovo lettore. Se invece regali la fetecchia di una vecchia zia da classifica, la vecchia zia, che vende migliaia di copie, nemmeno se ne accorgerà... Mentre se ne accorgerà (purtroppo e fin troppo) il povero ricevente-fetecchia.




12 commenti:

  1. Ma tu sei pazzo, ma che razza di recensione è? A questo punto non mi resta che volerti ancora più bene. Dal ridere mi è pure passato il mal di schiena. Grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azz... dovrò brevettare i poteri curativi della cose e procurarmi un brevetto di guaritore... :-))
      Lieto dell'effetto lenitivo, caro amico!
      In fondo l'ho sempre saputo, che la Scrittura è Magia.
      Grazie!!

      Elimina
  2. Ahaha sai che quando ho letto quel pezzettino di Tuzzi ho riso davvero?
    Cooomunque, in settimana arriva la spietata rece by Moz :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avverto Corradino, e avverto pure Tuzzi: verremo a leggerla tutti e tre! :)

      Elimina
  3. Dobbiamo assumere Corradino come recensore di film! Unico problema: Corradino è un personaggio altrettanto immaginario di "Tuzzi"... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Problema aggirabile: con tutti i ghostwriter che girano, potrebbero cominciare ad avercelo pure i critici cinematografici...:)

      Elimina
  4. Recensione ridanciana ma carica di significato.
    L'amore è amore!

    RispondiElimina
  5. Il succo è proprio come lo hai descritto includendo la reazione del pubblico..ah ah ah ben detto!

    RispondiElimina
  6. Confermo le due cose: bel modo di raccontare film e perfetti regali di natale, libri come questi, con Corradino protagonista ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie: sei un vero amico, oltre che un vero buongustaio artistico. :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)