Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

giovedì 10 novembre 2016

Alessandro Turati - BRICIOLE DAI PICCIONI


Alessandro Turati si definisce “un folle che scrive perché ha il Gesù Cristo negli occhi e ogni tanto sbrocca e dice cazzate”, e già questo basterebbe a farmelo sentire fratello, o almeno cugino.
Se proprio dobbiamo applicargli un’etichetta, Turati è un outsider. (Superfluo dire che per me, nel ramo letteratura contemporanea, outsider più che un’etichetta è una onorificenza).
Gli outsider stranieri più importanti li conosciamo (quasi) tutti: Charles Bukowski, John Fante, Dan Fante, J.P Donleavy, Edgar Hilsenrath, Donald Ray Pollock, Hubert Selby junior, Scott Heim, Gary Shteyngart (e chi più ne ha, più sia benedetto se me li vorrà segnalare!) 
Però ci sono anche talentuosi outsider italici, perbacco. Per lo più, per misteriosi e autolesionistici motivi, cercano di non farveli vedere, ma grazie all’editoria indipendente è ancora possibile andarli a scovare. Uno di loro è appunto Alessandro Turati, trentacinquenne lombardo che ha esordito nel 2012 col romanzo breve Le 13 cose, sempre per i tipi di Neo Edizioni (“per i tipi” è un’espressione che mi è sempre stata sul cazzo, ma fa tanto recensione chic, e siccome a dirvi quanto mi sia piaciuto questo libro di Alessandro ci tengo davvero ho deciso per una volta di abusarne pure io…). 

Ci sono libri che leggi con un tale gusto che ti viene da consigliarli al volo agli amici intelligenti per far loro un favore. 
E questo è uno di quelli.
Briciole dai piccioni è un tragicomico (o tristesilarante) romanzo di de-formazione, dove la vita umana viene spassosamente (e causticamente) ricondotta alle tappe Infanzia, Adolescenza, Alcolismo e Disoccupazione. E cosa c’è di più consolatorio di un libro che sa farti ridere del male di vivere, che quasi sempre, con differenti angolazioni e dosaggi, è anche il tuo male di vivere?
È un romanzo mai banale che a ogni paragrafo ti spiazza, ti fa pensare, ti fa rimettere tutto in discussione, ti fa sorridere amaro e poi d’improvviso ti fa scoppiare in risate irrefrenabili. 
E soprattutto ti fa sentire ancora una volta contento di essere uno capace di farsi del bene regalandosi LIBRI. A patto che siano libri belli, originali e onesti come questo, e non l’ennesima superflua sbrodolata di qualche comatoso timbra-cartellini per inerzia contrattuale, di quelli che a volte non si capisce come facciano a non essere in imbarazzo e a non chiedere scusa, come facciano, già mentre scrivono, a non rotolargli via per protesta sei o sette coglioni di due che ne hanno (se li hanno).
Non un attimo di noia, leggendo, assaporando Briciole dai piccioni, ma questo è scontato, questo è ovvio, altrimenti avrei interrotto e lasciato perdere, e non sarei qui a parlarne: lo sapete, è un mio pallino, una mia debolezza, io al cospetto dei nocivi noiosi mi metterei a spruzzare insetticida, che ci posso fare. E anzi, come sempre mi capita con quelli bravi, ogni tanto mi fermavo per godermi la stessa frase un paio di volte, o anche più, in preda alla gratitudine e alla gongolanza.
Serve qualche piccolo assaggio per i più malfidenti? Sentite qua:

“La cucina è il posto più caldo della casa. Iniziamo a mangiare lì, tutti insieme, poi mamma e papà litigano e uno dei due finisce il pasto fuori, sul pianerottolo o addirittura sulle panchine attorno al giardino condominiale, al freddo. In genere ci va papà, che non gli piace sentire urlare e non è molto abile a schivare oggetti. Io non li capisco, sembra che qualcuno o qualcosa li stia obbligando a vivere insieme e penso che il matrimonio, questo strano sacramento, ben che vada, si conclude senza omicidi.”

“Lui cammina spavaldo, come se prima o poi dovessero ficcargli un cavallo tra le gambe, oppure un missile per andare diritto affanculo nello spazio. Lei invece sembra avere un problema proprio lì, proprio lì che non so come si chiama, tiene sempre le gambe strette anche quando dorme, forse perché allargandole uscirebbe un altro me, per giunta vestito uguale, così da andare in giro per il paese a fare i gemelli stronzi da prendere a calci.”

“Il sacerdote che officia la messa esequiale ha occhi piccoli come un cinghiale che caga e guarda fisso verso di me”.

“Mi piacciono il grottesco e l’assurdo, seppure fino a un certo punto, cioè fino a quando le vicende non si allontanano troppo dalla realtà. Per esempio, potrei leggere di un uomo che si accovaccia su un marciapiede e fa un uovo, ma non potrei mai leggere di un uomo che, dopo aver fatto l’uovo, si mette a volare”.

“Le statistiche sostengono che solo una donna su cinque ha raggiunto l’orgasmo nella vita. Queste statistiche, inoltre, lo sostengono come fosse colpa mia, che invece non mi lasciano neanche tentare”.

“Mi faccio la barba e preparo il curriculum vitae. Quattro pagine di parole ma basterebbe una sola frase: NON SO FARE UNA MINCHIA”.

“Sara termina le sue faccende e si tira su i pantaloni. Una vecchia di passaggio vede la scena e ci guarda disgustata. Sostengo il suo sguardo finché non lo abbassa, roba di qualche secondo. Queste vecchie vanno trattate male, sempre, altrimenti è un attimo che ti rubano l’anima e ne fanno uno scialle ai ferri”.

“Dovrei prendermi l’autoradio, penso, almeno potrei ascoltare Carla Bruni che quando canta sembra fare condoglianze e pompini nello stesso momento”.

Insomma non fate i piccioni, amici miei, e stragodetevi queste briciole di talento!
E soprattutto, come sempre, non fatemi incazzare.
Parola di Scriba.

12 commenti:

  1. Caro Nicola, ti auguro una buona e serena giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. "Il sacerdote che officia la messa esequiale ha occhi piccoli come un cinghiale che caga e guarda fisso verso di me" Ah, ah, ah, geniale, ma anche quella su Carla Bruni, che quando canta sembra fare condoglianze e pompini nello stesso momento", mi fa morire (me la segno per qualche mia rece, nel caso mi servise, ah, ah, ah).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa incredibile è che più certe annotazioni paiono strane e ardite e più ti vien da pensare a come siano vere: hai notato anche tu come gli occhi delle persone molto bigotte siano quasi sempre degli occhiettini avari, delle fessure, delle feritoie da cui ti spiano?
      Come se confondessero la luce con Lucifero? :-))))

      Elimina
  3. Io ho amato molto, parlo al passato perchè in questo periodo riesco a leggere veramente poco e tutto mi sembra passato, William S. Burroughs. Non è facile e tu lo sai/vivi meglio e più di me essere veramente veri e saperlo descrivere. Confidiamo in voi :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercheremo di non deludere le aspettative... :)
      Ciao carissima!!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Ne sono felice per Alessandro, e ancor di più per te. ;)
      Ciao!

      Elimina
  5. Letto l'antipasto, colgo l'occasione e lo vado a prendere al volo. Anche per non essere per te ulteriore motivo di incazzatura.
    Ho ricevuto sul telefonino un messaggio con l'elenco di recenti post tuoi. Scorrendo mi sono soffermato su uno che parla(va) della Svissera; in uno di quei rari lampi di genio che una volta ogni lustro mi illuminano, avevo fatto la bella pensata di tornare, dopo un secolo circa, sul tuo blog, per godermelo in "tipi" umanamente leggibili senza cavarmi l'occhi. Col culo che mi ritrovo qui non c'è, e dall'accidente portatile mi è sparito. È mai possibile che mi sia arrivata un'anteprima a tempo, che se non cogli l'attimo fuggente ti fotti?
    Se da una parte ci perdo dall'altra ci guadagno: sia coi piccioni sponsorizzati che con la lettura dei post, rimasta incolpevolmente ferma, appunto da un secolo circa.
    Te saludi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto un abbraccio di Bentornato, carissimo amico!!
      Per quanto riguarda la Svizzera, mi vengono in mente due soli post, che puoi ricercare digitando nello spazio in cima a sinistra del blog le parole chiave che adesso ti dirò-
      Uno è un esilarante racconto demenziale tutto dedicato alla Svizzera della serie Sorensen Puddu (chiave di ricerca da usare: european geographic)
      L'altro, più recente, è un pezzo tagliato da "Mailand", e parla della disavventura alla frontiera con un doganiere sosia di Abatantuono (chiave di ricerca: Mapporo soldiers)
      A presto! :)

      Elimina
    2. European: trovato, letto, gustato. Il Mapporo ce l'ho nel mio Mailand, e lo rileggerò in vecchiaia.
      Ordinate le Briciole, per dargliene di più (povere bestie) ci ho messo anche Chiudi gli occhi che non avevo. All'arrivo per un po' avrò di che nutrirmi.
      Ciao.

      Elimina
    3. Un Grazie al cubo a te, allora: hai appena fatto del bene a due scrittori, ma sono sicuro, lo dico con la solita spavalderia e mancanza di falsa modestia, anche a te stesso! :-))

      p.s. Precisazione sul Mapporo: lo trovi solo qui, perché trattasi proprio di taglio totale in fase di editing :D

      Buona lettura, e ri-ciao!

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)