"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

martedì 2 febbraio 2016

Dopo l’Omophobic Taleban Day. ADÈSS PARLI ANCA MI (considerazioni sparse di un lombardo dissociato, perplesso e leggermente indignato)

Egoisticamente potrei sbattermene le palle, visto che non sposerei mai né una femmina né un maschio, e che non ho nessuna intenzione di riprodurmi in un mondo sovrappopolato, né tantomeno di adottare alcunchì. Ma lo spettacolo offerto da vatikalia lobotomitaly sulle unioni civili è a dir poco ripugnante. Ci siamo fatti bagnare il naso persino da un paese notoriamente religiosissimo come l’Irlanda, e ancora perseveriamo nell’offrire al mondo un’immagine da recalcitranti somarelli!

BACK TO THE FUTURE
FORWARD TO THE PAST

Immagine presa dal web

Il penultimo sabato di gennaio era il 2016 perfino in Italia.
Ma sette giorni dopo: Medioevo.
(O forse un po’ più indietro…)

Io ho un meraviglioso gatto. Mi piacciono da impazzire, i gatti.
Ma non mi sognerei mai di organizzare manifestazioni becere e bullesche contro chi preferisce i cani o le tartarughe.
Né tantomeno contro ipotesi di leggi civili volte a tutelare sia i gatti che i criceti, agitando davanti al popolino lo spettro di una “minaccia” per i Valori del Gattismo.
E non la chiamo neanche tolleranza. 
La chiamo intelligenza.

Manifestare a favore della famiglia ha un po’ lo stesso senso che manifestare a favore della lavastoviglie.
Ne hai una? Buon per te.
Ma che bisogno c’è di rompere i c******i?
Ma soprattutto: non ne possiedi l’esclusiva, né il copyright, né puoi pretendere che non ne esistano altre marche e altri modelli diversi dal tuo. E neanche si tratta di cancellarne i progetti: esistono GIÀ!
[che poi è un FAR FINTA di farlo “per la famiglia”, mentre in realtà si strepita contro i diritti di altre persone che non minacciano affatto nessuna “famiglia”!!]

Se tu mi dicessi;
“Non si danno bambini in adozione ai gay”.
E se io ti dicessi:
“Massì! Diamoli a quelle madri etero che li uccidono! Diamoli a quei padri etero ubriaconi, picchiatori e stupratori di bambine! O a quei mentecatti che li faranno crescere nel continuo terrore del castigo divino!”
Tu allora, di sicuro, mi risponderesti:
“Maddài, bisogna valutare caso per caso, singola persona per singola persona”.
E io ti risponderei:
“APPUNTO”.

Da nemico dichiarato delle pecorscimmie omofobe, sono convinto che un certo tipo di disonestà intellettuale sia molto peggio degli insulti omofobi diretti. Ho sentito dire che questo Omophobic Day non sarebbe stato altro che (fate attenzione alle parole!) “L’occasione di spiegare le ragioni di chi non vuole rinunciare ai suoi valori”. La frase corretta e sincera sarebbe stata ovviamente: “L’occasione di spiegare le ragioni di chi non vuole rinunciare AD IMPORRE a tutti i suoi [presunti e cosiddetti] valori”.

Direi che come figura di mer** internazionale, in settimana, bastava e avanzava quella delle statue nascoste…

Ma di cosa hanno paura, i talebani omofobi? Di non riuscire più a condizionare i PROPRI figli per farli diventare talebani omofobi come loro? Perché su una cosa devono mettersi il cuore in pace: i figli delle menti aperte, dei sensibili, degli autopensanti, degli spiriti liberi, leggi o non leggi, civiltà o non civiltà, cresceranno comunque intelligenti, sensibili, autopensanti e liberi. Alla facciazza loro.
Il mio Amico e Collega Paolo Zardi raccontava di aver provato a domandare ai suoi due bambini maschi (piuttosto svegli, simpatici e precoci) se pensassero fosse giusto riconoscere pari dignità e diritti a tutti i generi di Amore. Loro faticavano a capire il senso e la necessità della domanda: gli pareva così ovvia e scontata una risposta affermativa…
Ciò significa speranza per il futuro, persino nella sventurata e arretrata vatikalia-lobotomitaly, ostaggio delle proprie retroguardie e fanalino di coda d’Europa (non solo su questo argomento: vogliamo parlare di terapia del dolore o di testamento biologico?).
Quanto a voialtri là sul pulpito, io ringrazio solo di non essere vostro figlio, perché voi siete, molto semplicemente, persone cattive.

E a chi ragiona solo per citazioni bibliche (magari di terza mano, perché non sa leggere) andrebbe ricordato che in uno dei Vangeli, parlando di Gesù e Giovanni, ricorre più volte l’espressione “il discepolo che lui AMAVA”. Sta’ a vedere che i loro “testi sacri” li conosco meglio io che sono agnostico tendente all’ateo…

Ma lo slogan più viscido che ho visto è stato “QUI PER AMORE DEI NOSTRI FIGLI”. 
Primo, perché per amore dei vostri figli ve ne stavate a casa a giocare con loro, invece di farvi aizzare da porporati e politici bigotti.
Secondo, perché la scritta sincera, vera e onesta sarebbe stata semmai “QUI PER IMPEDIRE IL LIBERO AMARSI DI ALTRE PERSONE” (compresi, in futuro, quei vostri stessi figli a cui non doveste riuscire a fare il lavaggio del cervello…)

Osservazione acuta e intelligente del mio collega scrittore Alessandro Turati: i cripto-omofobi ripetono sempre la stucchevole frasetta “ho anche AMICI gay”. Solo al plurale! Perché le loro povere testoline bigotte hanno orrore del malinteso che potrebbe generare il dire “ho anche UN amico gay”…

Parole papestri (e fortuna che questo è uno “bono”): “… persone che vivono in uno stato oggettivo di errore”. E chi mai saranno? Forse i tre volte divorziati che ne hanno già trovata una quarta, in attesa della quinta, e nel frattempo si riproducono a raffica, incuranti di mettere al mondo degli sballottati infelici?

E comunque, la barzelletta dell’anno l’ha detta un arciporporozzo: “La Chiesa non ignora il condizionamento dell’UE sulla politica italiana”.
Eh??!! Chi condiziona COSA??!!

Possibile che la vescovaglia non si renda conto che tutta ‘sta prepotenza in Italia (e sempre solo QUI!) non fa che dimostrare la loro IMPOTENZA? Si considerano una forza “universale”, ma riescono a mantenere arretrato e troglodita solo questo povero, sventurato paesucolo. 

Eviterò di fare della (pur meritata) ironia sul presunto e molto pompato numero di queste belle persone. Perché il punto è che mi sarei vergognato di essere italiano (anzi, di essere UMANO) anche se fossero state solo sette o otto.

Ho quasi finito. Però alcune verità vanno, giustamente, ribadite:
la Terra è piatta, è stata creata QUATTROMILA anni fa con un colpo di bacchetta magica, e il sole è una ca**o di lampada che le gira disciplinatamente attorno.
Si è sempre detto così!
Ah, e chi mangia crostacei commette un abominio, e secondo il levitico dev’essere messo a morte.
Amen.
(AMENocché… non accendiamo, magari, i cervelli. Ad averceli, s’intende).

p.s. pare che nel vademecum con le istruzioni per i partecipanti all’Omophobic Day vi fosse l’invito a NON RISPONDERE AI GIORNALISTI. Precauzione comprensibile: meglio evitare che il grettume ignorante e la cattiveria bigotta venissero allo scoperto troppo ingenuamente, dopo una così grande fatica per mascherare il tutto da “spontanea festa delle belle famigliuole sante”…

Ultima ora: leggo che persino i Capi Scout cattolici, educatori dalla mente più aperta, moderna e civile di quanto non credessi, hanno disertato (spiegandolo in una nota ufficiale) l’Omophobic Day. Ma allora, di quali assurde cariatidi, rappresentanti di sé stesse o poco più, continuiamo a essere ostaggi?


36 commenti:

  1. Non ce la possiamo fare, vien da scrivere sempre più spesso.
    E invece no.
    Non può essere.
    'Sto macigno chiamato vaticano (minuscolo) che di fatto pesa sulle italiche schiene da sempre, va limato e picconato .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una vera e propria pustola geografica. E pensare che se n'era pure andato ad Avignone... :-(

      Elimina
  2. Questo post merita un applauso, condivido tutto di quello che hai scritto.
    Ci sono troppi italioti che vivono infaciti di luoghi comuni e frasi fatte, incapaci di pensare con la propria testa, pecoroni che seguono la scia di merda del momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivendo, ogni tanto ti pensavo. E pensavo all'immagine che girava su Fb tempo fa, di una povera, misera suora ignorante secondo cui i gay dovevano essere "atterrati" (intendeva rasi al suolo dai fulmini del suo simpatico dio...). Stranamente, nessuno propose di "dissuorarla" e mandarla a lavorare nei campi, visto che il suo essere "cristiana" configurava, come minimo, un Falso Ideologico...

      Elimina
  3. Spettacolo orribile...soprattutto perché la stragrande maggioranza delle persone che erano al family day, a mio avviso, non erano capaci nemmeno di fare la "O" con il bicchiere ! Come ho già scritto altrove ( e anche nel mio blog), io non potrei mai scendere in piazza per protestare contro i diritti di qualcun altro. Abbiamo assistito allo stesso scempio quando un gruppo di bigotti ha impedito per anni di poter ricorrere alla fecondazione assistita eterologa qui in Italia, e ancora prima, quando si era tentato in tutti i modi di ostacolare l'introduzione delle leggi sull'aborto e divorzio. E' vergognoso come l'Italia, quando si tratta di diritti sociali, finisca per essere sempre il fanalino di coda dell'Europa e del mondo. Ed è vergognoso come a voler decidere per gli altri siano sempre quelli che il problema non ce l'hanno e non lo vivono. Io detesto i pregiudizi e le discriminazioni. E detesto chi parla per frasi fatte e clichè. E penso che non sia l'essere etero e fertile che ti rende automaticamente un buon genitore. Piuttosto è la consapevolezza che fa tanto, così come il dover lottare per raggiungere un obiettivo. Siamo praticamente tutti frutto della famiglia "tradizionale" e francamente, non mi sembra di vedere in giro chissà che qualità umana. Ecco, ho scritto un tema, ma certe cose mi fanno davvero incazzare. Ma tanto. Eppure sono etero e sono anche sposata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfettamente d'accordo con te, Mary: sono parole simili a quelle che ha scritto il grande Paolo Zardi (etero, sposato e padre) quando ha detto che vedere persone sfilare CONTRO i diritti di altre persone diverse da loro è semplicemente ABOMINEVOLE.

      Elimina
  4. Per fortuna la cifra reale di partecipanti è MOOOOLTO lontana dai due milioni vantati dagli omofobi. Sempre troppi, comunque; e sempre troppi in posizione di potere e capaci di farsi seguire dal popolo di pecoroni. E come dice m4ry, i più scaldati sono sempre coloro che non hanno il... problema (!!!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente l'uso del termine "problema" era riferito in senso lato a tutte le situazioni che ciascuno di noi si trova a vivere.

      Elimina
    2. Infatti; nel caso specifico questi talebani dell'omofobia NON hanno QUESTO problema in particolare. Sono quelli che hanno "amici gay", non "un amico gay", come ha detto Zio Scriba. Quanto al resto, s'inquadrano perfettamente nel novero di quelli che vogliono negare ad altri un diritto che si arrogano per sé, qualunque esso sia.

      Elimina
    3. Questa storia del numero, poi: raro caso di zavorra che si VANTA del proprio peso... :)

      Elimina
  5. E' stato lo spettacolo dell'impotenza, indipendentemente dal numero dei partecipanti. Diffido sempre delle adunate, oceaniche quanto vuoi e non era questo il caso. Saranno comunques sepolti dalla storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti: di zavorra bigotta, e tanta, ce n'è pure in quegli altri Paesi che si sono dati leggi civili e moderne, ma una delle poche tendenze positive della nostra era è proprio la forza di questa svolta intelligente, voluta da un Occidente che ha da farsi perdonare l'indiretto (indiretto si fa per dire) assassinio di Uomini come Alan Turing, uno che con la sua genialità nel decifrare codici permise di sconfiggere i nazifascisti, e poi venne condannato alla persecuzione e alla disperazione perché "diverso"! (E ne ho detto uno famoso per rappresentarne migliaia e migliaia, ovviamente)

      Elimina
  6. Quello che hai scritto Zio sarebbe da incorniciare e far leggere a quelle persone che erano in piazza... a me francamente non me ne frega nemmeno dei numeri perché poi è possibile che gli scemi siano ancora di più di 2 milioni, il problema è proprio quello che dici te... giudicare persona per persona nessuna etichetta punto. Ma non ci arriveranno mai
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci arriveranno mai, perché prima dovrebbero arrivare a pensare con la PROPRIA testa: troppo difficile, troppo pericoloso, e a volte persino svantaggioso, in un mondo in cui è il branco a darti vantaggi e opportunità...
      A presto, carissimo! :)

      Elimina
  7. Come ha scritto con mirabile sintesi Stefano Disegni: "Io mica vado da due che si sposano in chiesa e gli dico "Non lo potete fare perché io sono ateo". E' tutto li'."
    Che pena... io per la pensione (se mai ci andrò) sto valutando Uruguay, Canarie, Durazzo in ordine di preferenza. Non voglio lasciare un centesimo a questi omofobi, parassiti e ipocriti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello fondare un villaggetto di esuli volontari. :)

      Elimina
    2. Da prendere seriamente in considerazione! Saresti il mio vicino di casa ideale :)

      Elimina
    3. Se poi ci si può aggiungere uno spazietto per giocare a racchettoni... :)

      Elimina
  8. Aggiornamento sul cartello più schifoso. Ne ho appena visto uno che diceva “sbagliato è sbagliato anche se dovesse diventare legge” (e per renderlo ancora più stucchevole e meno intelligente, per chiarire l’ottuso koncetto venivano usati, naturalmente, il rosa e l’azzurro!!). Be’, direi proprio che essere “sbagliati” sia come minimo una Onorificenza, in un paese in cui il “giusto” lo decidono i clericofascisti.

    RispondiElimina
  9. Caro Nicola, ce ne sarebbe tanto da dire, credo che abbiano detto anche quello che pure io penso!!!
    Ciao e buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non "loro" mi auguro... :-)
      Buona serata anche a te!

      Elimina
  10. Vedi Lincazzo (o l'Incazzo)se domani un tribunale pazzo decidesse di dare in affido un figlio a me e mia moglie mi sentirei di rispondere "datelo a una coppia gay che lo tirano su certo meglio di noi che litighiamo per una cazzata e non ci sopportiamo più, ci mandiamo a cagare per decidere cosa mangiare a pranzo e ci insultiamo per una luce rimasta accesa"
    Eppure quando usciamo ci dicono tutti che siamo una bella coppia affiatata affabile, colta e pensante in proprio (praticamente è come avere un pensiero libero professionista). Ai miei figli non ho chiesto come la pensano, non mi va di farmi mandare a quel paese da loro.
    Buonanotte Lincazzo, salutami il Scritore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonanotte, carissimo. :)

      p.s. Credo che la splendida e spietata autoironia con cui descrivi la coppia di cui fai parte faccia capire che in realtà non siete poi così male, e che un figlio adottivo ve lo si potrebbe pure affidare: come siete lontani da coloro che si ritengono tanto perfettini: gente pericolosa nella peggiore delle ipotesi, e noiosa nella migliore! :D
      Ciao, e grazie per il contributo.

      Elimina
  11. Quel che accade in Italia e sembra anomalo, è semplicemente spiegabile, come hai già fatto notare, con un'ovvietà (ma proprio quel che è ovvio sfugge generalmente allo sguardo): l'Italia ha conficcato nel proprio cuore uno Stato, il Vaticano, che ha come forma di governo una "monarchia assoluta teocratica elettiva" (non è un'iperbole, è quel che scrive banalmente wikipedia). Tale teocrazia ha da sempre fortemente interferito - politicamente, economicamente, ideologicamente, culturalmente, spiritualmente - con tutto quel che accade in Italia, condizionando profondamente TUTTI i suoi abitanti, come in una sorta di inquinamento dell'atmosfera(in tal senso Nietzsche purtroppo ancora non ci ha insegnato nulla). E anche in questo caso, sfugge l'ovvio: si vedono facilmente gli stati teocratici distanti, ma sfugge alla vista proprio lo stato teocratico che abbiamo davanti al naso. La parola "democrazia" è sempre presente nelle retoriche dei politici d'ogni risma, da sinistra a destra, e gli stessi politici blandiscono in mille modi uno Stato, il Vaticano, senza democrazia. Inoltre: dal 1929 al 1969 il Vaticano ha avuto nella propria giurisdizione penale la pena di morte, rimossa completamente soltanto nel 2001. Però il Vaticano è stato tempestivo nelle riabilitazioni, come nel caso di Galileo: è stato riabilitato nel 1992... Con Giordano Bruno, forse perchè più cattivello (e infiammabile), ci stanno ancora pensando. Per il resto, comunque, a distanza di secoli e in altre forme, l'atteggiamento è sempre lo stesso: meglio non guardare nel cannocchiale, noto strumento del diavolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto, questo tuo contributo! Grazie!
      E a proposito di Giordano Bruno e company, devo dire che io sono sempre a mia volta in attesa, in quanto agnostico tendente all'ateo dichiarato, nonché sostenitore della bisessualità, nonché sostenitore dell'Eresia dell'Amore fra Gesù e Giovanni, di una certa Onorificenza che mi spetta e che vorrei incorniciare e appendere al muro: la Scomunica! :)

      Elimina
  12. Che aggiunge? Saramago mi osserva da lato destro del blog e sembra onorato di essere qui... non solo lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh... mi fai ripensare a quell'articolo maramaldo sull'osservatore RUMENO in occasione della sua morte: una roba del tipo "Adesso te ne andrai all'Inferno, cicca cicca, e ben ti sta". QUESTO è il livello!!

      Elimina
  13. Mio caro Zio Scriba, è molto che non ci " scribiamo"..ma oltre a non aggiungere una riga a ciò che hai scritto perchè rovinerei il tutto pensandola esattamente come te , ho commentato per scusarmi su dure cose. La prima non aver ricordato il tuo compleanno il 30 gennaio e quindi dai giù con gli auguri tardivi spero tu voglia accettarli con tutto il mio cuore. Secondo non sapevo dell'uscita dell'ultimo tuo libro stampato e di un 'altra creatura che non possedevo e metterò subito su quel povero martoriato mio blog. L'elettronico per me diventerà cartaceo , perchè " godo" al solo fatto di sentire frusciare la carta sotto le dita e sentire l'odore della stampa!
    Ti ricordo che ti voglio sempre bene, poco o tanto ti importi, anche se presa da mille e mille problemi, ma senza nessuna scusante questa è la verità!
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi importa moltissimo, mia cara Amica, per il semplice motivo che ti voglio bene pure io! (E a mia volta sono spesso imperdonabilmente assente, specie in questo periodo di gran lavoro per l'imminente uscita del... Corradino3!!!) :D
      Grazie per gli auguri e... rimani nei paraggi per le grandi novità!
      Ti abbraccio forte anch'io.
      Ciao!

      Elimina
    2. Mi sono permessa di inserire nel blog i tuoi ultimi lavori penso di averti fatto cosa gradita!
      Bacio della buona notte!

      Elimina
    3. Graditissima, direi! :)
      Grazie davvero, carissima. Bacio della buona notte pure a te.

      Elimina
  14. Sei grande! condivido in toto e mi hai fatto morire dal ridere con i cani, gatti e tartarughe!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bestiole fra l'altro intelligentissime, che mai si sognerebbero di prendere alla lettera l'anticotestamento nel 2016, come pare abbia osato fare qualcuno nelle aule del (povero) Senato Italiano!!!!
      Un abbraccio enorme anche a te! :)

      Elimina
  15. Ho letto sul trimestrale di Amnesty International che persino Cipro ha una legge (approvata il 26 novembre) che regola le unioni civili tra persone dello stesso sesso. Noi abbiamo il Vaticano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ci starebbe benissimo una sacrosanta bestemmiola, ma siccome odio essere prevedibile non ce la metto... :-))))

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)