"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

giovedì 4 giugno 2015

Il mio “Quelli che” 2012-2015 [rinnovando le mie più affettuose scuse a Beppe Viola e a Enzo Jannacci]


AVANZI PERPLESSI DI NATURA COTTA - Klas Pedersen, 1995

Quelli che prima di farsi apparire la madonna si assicurano che l’area sia edificabile
Quelli che non votano ai referendum per non dare pareri gratis
Quelli che beato chi ti vede (ma vai a cagare)
Quelli che Dante vorrebbero leggerlo da tempo, ma aspettano di scroccare l’ebook pirata
Quelli che trattano mezz’ora con un poveraccio sul prezzo del braccialettino, e se ne vantano pure
Quelli che non capiranno mai che un abbraccio silenzioso è meglio di “Condoglianze”
Quelli che ammazzano per un parcheggio, però in fondo non sono cattivi (nooo)
Quelli che perdonano al volo il killer, e ti viene il dubbio che l’abbiano ingaggiato loro
Quelli che virgolette

Quelli che sentono le voci, e vigliacca ne avessero mai sentita una intelligente
Quelli che l’Inglese è più pratico e conciso, sempre
Quelli che quindi anche “the day after tomorrow” è più pratico e conciso di “dopodomani”
Quelli che l’ha detto il prete in chiesa
Quelli che fichissima quella pubblicità, ma come, non l’hai vista?!
Quelli che “ci vorrebbe una bella dittatura”
Quelli che sparano cazzate in latino per far vedere che hanno studiato
Quelli che il vescovo la pensa come me quindi sono nel giusto
Quelli che “R.I.P.”

Quelli che si torturano le chiappe col cilicio e poi dicono che i malati sono i gay
Quelli che vanno a letto con la figlia per sbaglio
Quelli che mantengo una caterva di troiette per colpa vostra
Quelli che la narrativa non serve
Quelli che si ritrovano due yacht e una villa in più per distrazione
Quelli che cliccano sulla pubblicità truffaldina convinti di essere davvero il milionesimo visitatore
Quelli che bisogna pensare di meno e lavorare di più
Quelli che i miliardi ai partiti sono indispensabili alla democrazia
Quelli che Uau

Quelli che lavorano in tv e se non sanno più come far soldi cagano fuori un libro
Quelli che corrono a comprarlo
Quelli che lei è un Genio, tuttavia…
Quelli che siccome l’Africa aveva pochi problemi sono andati a portargli i monoteismi sanguinari
Quelli che si prendono sul serio anche quando scorreggiano
Quelli che non hanno mai scorreggiato in vita loro (sostengono)
Quelli che ci lasciano stuprare dalla pubblicità e poi accusano di cookie aggravato il blogghettino di mia nonna morta
Quelli che dicono porcozio per non beztemmiare
Quelli che assolutamente

Quelli che sostituiscono terzino e mezzala perché lo stadio cantava “fuori i coglioni!”
Quelli che temono il calo del desiderio
Quelli che le fabbriche d’armi concorrono alla Crescita (dei bambini bombardati?)
Quelli che si credono intelligenti a scrivere “nn” invece di “non”
Quelli che un pelo di figa tira più pensieri del loro cervello
Quelli che sparano agli elefanti
Quelli che bisogna aprire un tavolo
Quelli che senza se e senza ma
Quelli che “ah, okèi”

Quelli che se ti confessi e ti comunichi sei a posto
Quelli che non siamo mica grulli da chiudere i negozi alla festa
Quelli che non hanno mica ben capito che poi alla fine si crepa
Quelli che fanno lo stage ma te lo chiamano stéigg
Quelli che se vanno all’estero per lavoro ti dicono che vanno “a chiavare delle fighe”
Quelli che alla moglie dicono solo vado all’estero per lavoro (che è meglio)
Quelli che al giorno d’oggi la trama è tutto
Quelli che la canzone è troppo orecchiabile
Quelli che il film è lento

Quelli che non offenderti se te lo dico ma sei uno stronzo
Quelli che bipartisan
Quelli che ma a parte questo vezzo di scrivere, che cazzo di lavoro fai?
Quelli che “non è il suo piede”
Quelli che il colesterolo bisogna andare a misurarlo almeno settimanalmente, finché una mattina si schiantano mentre ci vanno
Quelli che comprano la laurea
Quelli che per lasciare traccia nel mondo sputano per terra
Quelli che in fondo ti si chiede solo di andare a messa
Quelli che “tipo”

Quelli che ordinano sei lavastoviglie credendo di firmare una petizione
Quelli che smettetela di nutrire cani e gatti che c’è la fame nel mondo
Quelli che i videogiochi fanno bene
Quelli che stravolti resistono in rincoteca dal sabato sera alla domenica mattina convinti che ciò faccia di loro degli eroici figaccioni
Quelli che “adrenalina”
Quelli che però i vignettisti se la sono cercata (ma vaffanculo!)
Quelli che viva la foca
Quelli che invece di fare il tifo per l’Inter o per la Juve fanno il tifo per il papa
Quelli che ridono in fiducia perché gli han detto che quel noioso pirla lì è un comico

Quelli che a minacciare la pace sono i gay, mica gli imbecilli
Quelli che hanno la colf, la piscina e il Suv, e ancora blaterano “morte ai borghesi” (ma spàrati)
Quelli che son più brutti di uno scorfano morto, ma pensano che ogni gay se li voglia ingroppare
Quelli che l’ignoranza ha bisogno di Sentinelle (visto mai che qualcuno la rubi…)
Quelli che vanno al salone del mobile convinti che sia una roba di telefonini
Quelli che mobàil
Quelli che i cancri dei bambini (altrui) sono un tributo necessario alla Crescita
Quelli che inqualchemmodo
Quelli che due punto zero

Quelli che venderebbero l’anima per farsi insultare da un cuocibietole in tv
Quelli che al cuocibietole gli pubblicano il romanzo
Quelli che non lo comprano perché si sono cotti il razzo
Quelli che il dolore è salvifico
Quelli che ve ne auguro tanta, di “salvezza”
Quelli che annunciano un minuto di silenzio per Mandela e poi lo fanno durare 8 secondi
Quelli che non si vergognano
Quelli che al massimo farà due gocce, perché ho pregato padreppìo per la grigliata all’aperto
Quelli che po*codi* grandina sulle costine


21 commenti:

  1. mi piace un casino fra tutti "Quelli che ridono in fiducia perché gli han detto che quel noioso pirla lì è un comico "

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Conosco gente che appena vede apparire in tv un “comico”, foss’anche una mezzasega raccomandata che campa su tormentoni ideati (da altri) nel 1954, si mette a BARRIRE di divertimento. Per anni ho creduto fosse un diabolico psicomeccanismo che chiamavo “inferiorizzazione del pubblico e dei gusti”. Poi mi hanno spiegato che semplicemente il pubblico più stupido e becero proietta se stesso nei personaggi pubblici – che è poi il motivo per cui quasi mai le persone davvero intelligenti conseguono un successo straripante…
      E una volta effettuata la proiezione, basterà che un solo imbecille dica a tutti gli altri imbecilli presenti: "Ehi, c'è quello CHE FA RIDERE!", e tutti cominceranno a sbellicarsi...

      Elimina
  2. Ehi, e quelli che "con 12.000 euro al mese a Roma non si vive"? Non dimentichiamoci di questi poveretti che non hanno mai provato a vivere con uno zero in meno in zone come la Valle d'Aosta (regione più cara d'Italia, secondo gli ultimi dati).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli che No comment (o mi tocca dire un sacco di parulàsh...)

      Elimina
  3. Quelli che l’ignoranza ha bisogno di Sentinelle (visto mai che qualcuno la rubi…)
    Ti adoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io al massimo assumerei delle sentinelle per impedire che qualcuno mi rubi le lettrici e le amiche come te... :D
      Ciao!

      Elimina
  4. io sono una di quelle che " teme il calo del desiderio" ebbene lo confesso...(intendendo per desiderio non solo quello sessuale) e la cosa mi terrorizza perché penso che, a quel punto potrei pure morire....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco cosa intendi e in parte lo condivido (non sono il tipo orientaleggiante che predica la “liberazione” da ogni desiderio, curiosità, emozione, piacere, anzi!) però qui il mio bersaglio era proprio quella squallida concezione di sesso come prestazionalità, “dovere” coniugale, punto d’onore o dimostrazione di non si sa cosa, che ha portato la gente a parlare pappagallescamente di “calo del desiderio” come fosse una terrificante malattia… se il desiderio c’è si fa sesso, se non c’è chi se ne frega? E invece pur di vendere pericolosi stimolanti ai novantenni li hanno convinti che la “pace dei sensi” sia una bruttissima cosa!

      Elimina
    2. be' qui ci starebbe bene, in tutta la sua bellezza alcuni fotogrammi del film di Sorrentino...
      sopratutto quando gli anziani protagonisti ironizzano sulla loro "vecchiaia"
      Cmq si, avevo capito cosa tu intendessi, sono stata io che ho voluto "forzare" :)
      ciao Zio

      Elimina
    3. Hai fatto benissimo a forzare: è bello quando il discorrere produce ramificazioni, e non sopporto quelli che ti dicono "E questo che c'entra?", oppure ti accusano di andare "fuori tema"... :)
      Ciao carissima!

      Elimina
  5. Quelli che ammazzano per un parcheggio, però in fondo non sono cattivi ... nooo, nooo, può capitare a tutti di avere le balle girate ... oh yeah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbero almeno avere un adesivo in bella vista sulla macchina: "attenzione, il conducente è una pericolosissima testa di cazzo"... ma forse questo non piacerebbe allo pseudogarante della (sempre malintesa) privacy...
      oh yeah! :)

      Elimina
  6. ...Quelli che "detto questo".
    E' una cosa che proprio non sopporto.
    Ciao Zio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo al mio radar per stronzate, pappagallate e tic verbali non era ancora pervenuto... :)
      Ciao Remigio!

      Elimina
  7. Quelli che leggono un brano del genere e si tolgono il cappello!
    ( e non scrivono chapeau).
    Ciao Nicola

    RispondiElimina
  8. Quelli che coi "piuttosto che" ci vanno avanti tre minuti... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... durante i quali mi prudono le mani... (e sono un non violento...) :D

      Elimina
  9. Quelli che... ti leggono, beati.
    Ciao Zio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beati i RICCHI di spirito.
      Ciao carissima! :)

      Elimina
  10. Quelli che invece di fare il tifo per l’Inter o per la Juve fanno il tifo per il papa. Questa non l'ho capita, sarò stupido ma quelli li sono tutti uguali, fanno il tifo hahahhaha....

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)