l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 16 gennaio 2015

Eresia flash: FERMI CON LE MANI

A sostegno delle mie tesi sulla religio, ieri il più buono dei religiosi buoni ha detto che se un amico gli offende la madre lui gli dà un pugno. ("Se dice una parolaccia contro la mia mamma gli aspetta un pugno, ma è NORMALE!")
Guardando il video mi sono preso paura.
Chissà quelli cattivi!
(“Chissà” per modo di dire: lo vediamo, cosa fanno quelli cattivi…)
Mah!
No, amico mio, no. No.
Io, da agnostico antireligioso, ma ammiratore commosso del messaggio di Non Violenza di Gesù Cristo (do you know?!), se uno mi offende la madre, al massimo gli offendo la sua, ma di manacce addosso non ne metto a nessuno.
Perché alla violenza, specie di questi tempi, non si strizza l'occhiolino. LA VIOLENZA, specie contro chi violenza non usa, SI CONDANNA SEMPRE E COMUNQUE!
Ma forse, la triste parola chiave dell’esternazione papestre è proprio quel "normale".
Che brutta cosa, la normalozzità!
E com'era meravigliosamente ANORMALE, quel Gesù! 
Sicuri, voi che vi dite “cristiani”, di volerlo seguire? Di volerci almeno provare?


42 commenti:

  1. Può dirsi progressista finché vuole, ma continua a far parte di un'organizzazione reazionaria che se ne avesse la minima possibilità tornerebbe a instaurare l'inquisizione.
    (Io normalmente rispondo alle offese nei confronti dei miei familiari in proporzione all'offesa subita; se mi danno del figlio di puttana, replico con un "Parla uno la cui madre si è portata a letto mezza città"; se però attaccano fisicamente i miei familiari, a me scatta la modalità "belva primordiale".)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che è poi la "superiorità" dell'Occhioperocchio di cui parlavo l'altra volta (almeno nella simpatica e libera interpretazione di uno spettacolo del grande Gioele Dix): Se mi dici scemotto ti dico scemotto, non ti massacro di botte!

      Elimina
  2. Si, l'avevo notata anch'io questa cosa.E' stupida veramente stupida.Anche i termini di paragone sono sbagliati.Sono d'accordo con te:Violenza, impotenza e stupidità viaggiano a braccetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle prime pensavo a una bufala: questo qui parla di PUGNO A UN AMICO, quando Gesù diceva AMA IL TUO NEMICO!

      E in ogni caso, visto che il suo predecessore riuscì a dire cose come "I gay sono una minaccia per la pace" (?!?!) molto meglio tenersi questo...

      Elimina
    2. Come diceva un personaggio di un film di Verdone rivolgendosi a un pretonzolo: "Neanche le basi del mestiere!!" (scena cult di "Un sacco bello")

      Elimina
  3. Quoto il tuo pensiero, non pago mai con la stessa moneta (ciò sottintende che in qualche misura faccio pagare) e non porgo nemmeno l'altra guancia!
    Buon fine settimana ;-)
    ps
    io non sono "normale"...

    RispondiElimina
  4. Blogger ha attivato a tua insaputa "l'approvazione ai commenti"?
    Te lo chiedo perchè vedo che da te non è riuscito l'attacco del captcha che noi mortali ci siamo ritrovato tra i piedi.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, l'ho messa io provvisoriamente e ve ne chiedo scusa, ma è che sono così preso con un ulteriore Romanzo da scrivere che rischio di stare ore e ore lontano dal blog, e non vorrei che qualche anonimo considerasse la mia eresia come istigazione all'insulto o peggio e mi mettesse in imbarazzo... Ma poi torneremo alla normalità... :-))

      Elimina
  5. Predicano bene e razzolano male... Jesus viveva fuori dagli schemi, predicava amore, pace e tolleranza, concetti difficili da capire e assimilari per molti.
    Se offendono mia mamma, mia nonna o me, io rispondo con il linguaggio dei segni, mi da grande soddisfazione vedere su certe facce di cazzo lo sbigottimento di non capire cosa ho detto.
    Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo fare tutti come te, ma ciò richiede molta intelligenza.
      E in questi giorni, passata la commozione iniziale, i giornali vengono presi d'assalto da posizioni assai poco intelligenti.
      A chi si permette di dire che una vignetta può essere "istigazione alla violenza" bisognerebbe sempre rispondere che ciò EQUIVALE a dire che una donna a volto scoperto è istigazione allo stupro.
      Siamo matti o cosa?
      Tenessero accesi i cervelli, please!
      Ciao carissimo amico!

      Elimina
  6. Ma poi 'sti cattolici non erano quelli del "porgi l'altra guancia"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fossi un vignettista, ne sfornerei una bellissima: il papa coi guantoni che ha appena mollato un papuzzone a un tizio spaccandogli mezza faccia, dopodiché gli ordina: "Adesso l'altra guancia!" :)

      Elimina
    2. E il bello è che le reazioni sui media sono un coro quasi unanime: positive, elogiative, entusiastiche.
      Quanti bei pecoroni boxeur!
      Beeeeeeeeeeeehlli!

      Elimina
  7. Sì, in effetti in una battuta ha mandato in malora il discorso del perdono, dell'altra guancia, dell'odio chiama odio ecc. ecc.! Vero però che anche Gesù in qualche occasione ha perso le staffe, mercanti nel tempio, ricordi? Non entro nel merito di ciò che è normale e no, se per normale si intende la scarica di adrenalina che le surrenali producono quando uno stimolo eccita il sistema limbico che a sua volta produce acetilcolina che va ad agire ecc. ecc. allora diciamo che è normale, ma quello che mi spaventa di questa faccenda è che si tratta di una misera pezza per dire che di alcune cose (religiose in particolare) non se ne deve parlare se non con rispetto. Pensiero che posso anche condividere, soprassedendo a mille caveat che mi farebbero dilungare troppo, ma qui si sta parlando della suscettibilità di quanti vedono offese dappertutto, qui si parla di gente che ha un Dio piccolo piccolo e che considerano anche un po’ coglione visto che si prendono la briga di proteggerlo da ogni bava di vento. Se si crede in Dio non serve un fine teologo per capire che pensare di poter offendere Dio è già un pensiero blasfemo. E’ stata una pessima battuta quella del papa, una battuta che avrà offeso molti cattolici, chissà quanti sentono l’impulso di dargli un pugno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma è quello che dico sempre anch'io: ponendo che questo essere perfetto e onnipotente esista, anche ipotizzando che si possa offendere (difficilino, essendo così perfetto!) non ci penserebbe poi lui (essendo onnipotente) a vendicarsi?
      E invece c'è chi definisce "vigliacca" l'offesa agli Dèi. Vigliacca? Semmai temeraria! Ma forse è che non ci credono del tutto neanche loro. E quindi a essere considerata cattiva e dolorosa, è l'offesa alle loro flebili speranze di vivere in eterno come individui...

      La verità è che sono tutti pretesti per aggredire e castigare, per fare del male sostenendo che è un male legittimo, che chi lo riceve se l'è cercato.
      Questa “fregola del castigo” è una delle cose più schifose e più abiette dell’animo umano! Ma non si riesce a rimuoverla, neppure in tanti miti e amorevoli cristiani, che invece di porgere l’altra guancia preferirebbero porgere… il rogo. Ma (quasi) tutti continuano imperterriti a chiamare “sentimenti” quella che è solo “prepotenza del numero”: come dico sempre, se io dicessi di credere nell’asino che vola, tutti mi prenderebbero per i fondelli, ma se gli Asinovolisti diventassero un miliardo…

      Alla fine, posso perfino concordare sul non parlar male di cose religiose. Anzi, sul non parlarne del tutto. Ma solo perché è un argomento che ci ha stancato, che non è più, da secoli, all'altezza di meritare la nostra attenzione.

      Elimina
    2. p.s.
      Comunque 'sto Gesù mi sta sempre più simpatico: anch'io sono un non violento come lui, ma pure io sarei piuttosto risoluto contro certi... mercanti nel Tempio dell'Arte! :)

      Elimina
  8. Sottoscrivo tutto ciò che hai scritto caro Nicola.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tomaso. Sapendo come la pensi, il tuo sostegno fa particolarmente piacere, e ti fa particolarmente onore.

      Elimina
  9. Anche io mi son chiesto "ma non era 'porgi l'altra guancia'"?
    E invece pare che le cose, nella Chiesa, con Francesco... stiano cambiando davvero :)
    Per fortuna sua Dio ci ha fornito solo due guance da poter porgere o prendere a pugni ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Porgi l'altra guancia, Ama il tuo nemico, Perdona, Chi di spada ferisce di spada perisce... c'è solo l'imbarazzo della scelta... e l'imbarazzo davanti a chi giustifica una scelta violenta... Che san Tyson abbia pietà di noi...

      Elimina
  10. Non cambieranno mai. Rimarranno sempre quelli di "occhio per occhio", anzi...peggio! Altro che porgere l'altra guancia e perdonare il prossimo... E' stato un messaggio agghiacciante... adesso chiunque si sentirà moralmente autorizzato a usare la violenza ogni qual volta si sentirà offeso! Per tacere della velata minaccia... "non si offendono le religioni"... Perché? Altrimenti? Non cambieranno mai, sono sempre quelli dell'Inquisizione e delle Crociate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'occhio per occhio, come detto, stava persino, secondo me, qualche passo più avanti...
      Che delusione, che tristezza, che paura!
      Si parla tanto di responsabilità, e poi si aizza così il popolino superstizioso?

      Elimina
  11. Preferisco l'anormalità del Cristo.
    Un salutone,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anormalità sempre e comunque!
      Con tante carezze e niente papagne!
      Ciao Aldo! :)

      Elimina
  12. Sono d'accordo con te!
    E sappiamo tutti che la chiesa cattolica non vanta un passato di pace, fratellanza e amore :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quel poco di Buono che almeno a livello teorico c'era (l'amore, il perdono, la non violenza) è stato cancellato con una sola frase, che miliardi di sempliciotti faranno propria. Pazzesco.

      Elimina
  13. Ti ricordi la testata di Zidane a Materazzi? Bergoglio potrebbe canonizzarlo per quel gesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da Giovanni XXIII che diceva di andare a casa a dare una carezza ai figli a uno che predica la libera papagna... Mala tempora...

      Elimina
  14. il credere che è normale è proprio l'assurdità della questione!!! ho sentito fare lo stesso discorso anche in altri contesti e resto allibita ogni volta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimango incredulo e allibito anch'io... avesse almeno evocato uno schiaffetto, ma proprio il pugno, il simbolo della violenza che più mi ri-pugna... No, non ci siamo proprio...

      Ma allora quando i tifosi avversari cantano spiritosamente "Ciailamammamaiala", secondo i "cristiani" è lecito attaccarli con violenza? Non ci capisco più niente, guarda.

      Elimina
  15. Penso che i cristiani più che Gesù seguono il messaggio distorto degli uomini che in secoli e secoli di rimaneggiamenti della parola divina lo hanno distrutto.
    Hai sentito l'ultimo discorso del Papa?
    Non so, non riesco a capire perchè ogni volta noi omosessuali siamo quelli sbagliati... illuminami!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quanto saprò essere illuminante, ma in verità ti dico (:D) che la parola chiave è proprio DISTORSIONE.
      Come ho detto in un commento dall'amico Xavier, qualcuno dovrebbe spiegare a questi poveri invasati che mettono sempre "Cristo" e "famiglia" nella stessa frase che Gesù non ebbe né mogliettina né bambini, che disse di essere venuto per mettere i figli contro i padri (vogliamo chiamarlo "dare un bel calcio in culo alle ammuffite "tradizioni" di cui i bigotti si riempiono la bocca?), e che stava sempre circondato da maschi, uno dei quali si dice addirittura AMASSE, e il suo nome era Giovanni.
      Eppure loro, nel dirsi "seguaci del Suo Esempio", si comportano come se Lui avesse sposato una Giovanna, o una Gesualda, e le avesse fatto sfornare sei o sette marmocchi...

      Baci anche a te!

      Elimina
    2. Ma in fondo di distorsioni simili potremmo scovarne a bizzeffe... "Ama il tuo nemico", "Porgi l'altra guancia", "Chi di spada ferisce di spada perisce", e poi c'è gente che si dice "cristiana" e benedice cannoni... è come se io mi definissi "nabokoviano" e poi scrivessi come l'autrice delle 50 sfumature vaginali... :)

      Elimina
  16. Infatti quando il papa ha detto questa cosa ho pensato: "Io al massimo lo denuncerei qualcuno che offende mia madre, ma non penserei neanche per un secondo a dargli un pugno!"
    mah... forse solo i "veri fedeli" capiscono il profondo messaggio che il papa voleva dare, porgendo l'altra nocca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dirti che io odio anche il vizio molto italiano di cercar di ricavare soldi da una parolaccia... i Tribunali sono già sovraccarichi di lavoro, e andrebbero rispettati. Certo, sempre meglio della violenza. Niente è più ripugnante della violenza fisica, niente!

      Elimina
  17. Infatti mi ha stupito il silenzio/assenso di molti media.. della serie: e che mi metto contro il Papa? Mi piace sempre meno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci fu silenzio-assenso anche quando il predecessore disse che i gay erano una minaccia PER LA PACE (!?!?!). Siamo in vatikalia, unico dei paesi sé dicenti "civili" a non avere una legge decente sul Testamento Biologico...

      Elimina
  18. 2 Timoteo 4:3,4 "Perché ci sarà un tempo nel quale gli uomini non vorranno più ascoltare la sana dottrina, ma seguiranno le loro voglie: si procureranno molti nuovi maestri, i quali insegneranno le cose che essi avranno voglia di ascoltare. 4 Non daranno più ascolto alla verità e andranno dietro alle favole".
    Mi sa mi sa che ci siamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarò malizioso o sarò un "cattivo maestro" ( o un cattivo allievo?) ma a me in questo brano vien proprio voglia di scambiare fra loro le parole "sana dottrina" e "favole", e le parole "verità" e sempre "favole"... Ne verrebbe fuori una curiosa prefigurazione dell'Illuminismo scritta proprio da uno come Saulo di Tarso che tutto voleva tranne far pensare gli uomini con la loro testa...
      Ma ripeto, lancio questa peregrina intuizione col beneficio del dubbio. Evviva sempre il Dubbio, che tutti ci assista! :)

      Elimina
  19. Ho ascoltato anche io quella intervista volante, nel senso che si travavano il Primo Pastore e i giornalisti sopra l'aereo che li portava nelle Filippine (o al ritorno, non ricordo ma non importa) e confesso che ci sono rimasto perplesso. Mi aspettavo la famosa offerta dell'altra guancia, che poi non doveva non essendo stato colpito da alcuno, e non il cazzotto. Insomma una gaffe. Ma proprio per questo mi è piaciuta: per la semplicità e la fragilità di una gaffe. Il tizio biancovestito -questo tizio biancovestito- mi è simpatico proprio per la mancanza di pomposità, per il suo alloggio fuori del Palazzo, per le sue scarpe nere, per la sua vecchia croce e non quella dorata, perché va tranquillo in mezzo alla gente come un parroco di campagna, perché non sproloquia con teorie altoecclesiastiche, insomma per la sue estrema semplicità, quindi anche le gaffe ne fanno parte.
    Nel mio caso, come nel tuo, se qualcuno offendesse mia madre, già morta come purtroppo la tua e quindi intangibile se non dal mio amore e dalla mai gelosa memoria (vale lo stesso per te) io gli darei del figlio di puttana, replicando con l'insulto all'insulto. Le mani addosso le metterei solo a chi le mettesse addosso a mia moglie o alle mie figlie. Allora saprebbe come picchiano le carogne incallite e gli scaricatori di porto.
    Ciao Nick.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa in sé potrei considerarla pittoresca, e perfino simpatica, pure io. Ma non dimentichiamo i milioni di milioni di pecore che pendono dalle labbra di questo personaggio! Una frase così rischia di fare danni di portata storica. Un minimo di prudenza e di responsabilità sarebbero state preferibili, visto che poi l'argomento era proprio l'essere responsabili.
      Ciao Enzo! :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)