Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

lunedì 23 dicembre 2013

I miei tagli da "gémenteseflentes": la cartolina del signor Vecchio nella primissima stesura.



"... e poi, la cosa forse di minor valore ma che consideravo più bella: una cartolina d’Auguri di Natale che mi aveva spedito il signor Vecchio, infilata in buca con sobrio svolazzo dal Nureyev ciclista in una mattina di lieve nevischio. Era stata indirizzata proprio a me, “al piccolo Corradino…”, da questo fantomatico signor Vecchio, che doveva essere una specie di amico di famiglia milanese, più amico di zia Trude e di nonna Corinna che non dei miei genitori, e che non ricordavo d’aver incontrato mai. Non era una cartolina di quelle lucide, plastificate, ma un cartoncino poroso e fragile come carta assorbente, con disegnata una piazzetta di città. C’erano la fontana e la neve e l’orologio su una torre, e tutt’intorno bambini, mamme, innamorati, cagnolini, in colori pastello delicati e vivaci, e tutto era curato nei minimi particolari, dalle sciarpe, ai guanti, ai berretti. Attraverso le finestre baluginavano luci arancioni, tiepidi fuochi di nidi felici dove nessuno picchiava nessuno. In mezzo alla fontana c’era un totem di pietra con un orso ritto sulla cima, e dietro il totem una grande casa verdolina col tetto spiovente come nei Paesi del nord – ma la cosa più emozionante, guardandola, era che la scena non era finita, non chiusa. Alla base della torre dell’orologio, con le lancette che segnavano le cinque di un sacro pomeriggio d’inverno, era incavato un arco di cui vedevi poco più di metà, e oltre l’arco potevi scorgere un vicolo fiancheggiato da tanti altri palazzi dai colori confetto, giallini, rosa, azzurri, violetti… Ti ci potevi perdere dentro, e fantasticare di storie, d’amori corrisposti, d’inaspettati incontri.
Sul retro, oltre all’indirizzo col mio nome e al francobollo da 25 lire, c’era, a sinistra, la scritta “S. Natale ‘70”, e un breve messaggio d’auguri più convenzionale, che affettuoso. Come se indirizzarlo al bambino fosse stato un garbato espediente, e il testo formalmente rivolto a conoscenti di poca o nulla importanza. Non ricordavo niente delle impressioni che poteva aver suscitato in me quando l’avevo ricevuta, e nemmeno il momento preciso in cui avevo deciso di sottrarla dal mucchietto di cartoline di famiglia, tenerla da parte e conservarla con cura. Sapevo solo che la trovavo commovente. Commovente che questa persona sconosciuta avesse fatto per me un gesto tanto gentile, anche se il messaggio freddo e striminzito smentiva un poco, in maniera incomprensibile, la dolcezza d’averla indirizzata “al piccolo Corradino”, e la struggente bellezza del disegno. Non mi era possibile stabilire neanche lontanamente che faccia potesse avere questo ignoto signore. Per quel che ne sapevo poteva essere un trentottenne calvo e sbarbato e dall’aspetto sgradevole, ma il fatto che si chiamasse “signor Vecchio”, e che mi avesse mandato una cartolina d’Auguri per le festività invernali, mi faceva pensare a lui come a un tenero Babbo Natale dalla barba bianca."


33 commenti:

  1. Corradino fa un piacere vieni a prenderti il tuo biglietto d'auguri da me :)

    RispondiElimina
  2. Caro Nicola, questi sono ricordi dei veri Natali!!!
    Oggi una grande festa commerciale.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. E comunque buone feste, se possibile.

    RispondiElimina
  4. Ecco come una cartolina, con i suoi e suoi personaggi, una semplice cartolina già ti fa subito viaggiare con la fantasia. Ecco come semplici gesti commuovono l'animo di un bambino ma anche di un adulto..

    RispondiElimina
  5. Piccoli gesti,arricchiti dai ricordi e dalla nostalgia,che fanno sembrare tutto più dolce,anche in tempi un po così come quelli che stiamo vivendo.Comunque auguri.

    RispondiElimina
  6. magari oggi un piccolo corradino riceverà un email d'auguri e la conserverà su una chiavetta usb per tutta la vita...mmm non sembra la stessa cosa, meglio le vecchie cartoline!

    RispondiElimina
  7. caro zio.....buone feste laiche e di pace...nuovi progetti letterari per il 2014?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena finito di scrivere il nuovo romanzo, ma non ne conosco ancora il destino. Spero di avere presto buone notizie per i miei meravigliosi lettori. Nel frattempo, tanto per cambiare, scriverò qualcos'altro... :D

      Elimina
  8. Zio.
    Buon Natale. E passalo come più ti piace.

    RispondiElimina
  9. in una cartolina illustrata c'è tutto un mondo dove potersi piacevolmente perdere a tempo indeterminato!!! Uno splendido Natale… anche io lo vivo in modo laico, ma di bello c'è il sincronismo di festeggiare insieme a tutti…in fondo tutte le feste sono sacre e pagane insieme…riti collettivi auguri di tanta fortuna e io te la auguro tutta !!!!

    RispondiElimina
  10. Buon Natale caro..non commento , ma ti leggo

    RispondiElimina
  11. Carissimo Nick ti auguro una cuffia, uno stereo, una poltrona un bel libro.... il tuo. e tanta serenità. Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  12. Questo periodo dell'anno è capace di tirar fuori i ricordi più belli da ognuno di noi ... (almeno credo) ... ci sono anche quelli che come me ... "ci provano" ... comunque auguro a te e a chi vuoi tu un felice e sereno Natale!

    RispondiElimina
  13. Già nato il terzogenito?
    Desidero anch'io farti i miei migliori AUGURI di Buone Fest e di un Buon 2014, tuuto all'insegga luminosa del tuo nuovo romanzo!
    Cristiana

    RispondiElimina
  14. Zietto carissimo,
    milioni di auguri per un Natale che ti porti sotto l'albero tutte le cose che desideri.
    Un abbraccione forte
    Bruna

    RispondiElimina
  15. Dolce e struggente questo ricordo...ci riporta ai tempi in cui le emozioni passavano anche da piccoli biglietti vergati a mano...ora tutto questo non esiste piu', sostituito da freddi bit di computer...Natale '70...io avevo allora ben...20 giorni! ^_^ Auguri affettuosi...

    RispondiElimina
  16. Corradino ti somiglia : chi se non lui poteva notare il vicolo dove la cartolina continua?
    Ciao, Nick, carissimo e Buon Natale!:)

    RispondiElimina
  17. E forse era lui, nessuno può saperlo.
    Tienitla cara quella cartolina,
    Un caro saluto,
    aldo.
    .

    RispondiElimina
  18. UN BACIO A TUTTI E A TUTTE!

    Siete la mia vera famiglia, perché avete voluto bene ai miei figli. Cioè ai miei romanzi.

    RispondiElimina
  19. La magia e i colori del natale, quella dei bimbi ... mai perderle. Buone Feste Zio ...

    RispondiElimina
  20. Gli editori attendono con ansia.. mi raccomando...

    RispondiElimina
  21. Anch'io mi ci sono persa dentro questo racconto, come Corradino in quel vicolo al di là dell'arco. Man mano che leggevo la descrizione di questa cartolina mi dicevo "ma sì, è proprio quella, è vera allora": quel particolare c'è, quest'altro anche...E' emozionante quando realtà e fantasia si mescolano così, non potevi farci un augurio più magico, Nicola. Buone rimanenti feste e soprattutto buon 2014!

    RispondiElimina
  22. Caro Nicola, credo che non ci sentiremo più per quest'anno!!!
    Dunque ti auguro un buon fine e un miglior principio.
    Che il nuovo anno porti ciò che tutti aspettiamo, la pace...
    Tomaso

    RispondiElimina
  23. è deliziosa questa cartolina, mi ricorda un po' le illustrazioni di Miroslav Sasek.
    Mi sono divertita a cercare i particolari!
    Grazie! questo post è stato uno dei più belli che ho letto in questi giorni di feste.
    Auguri di Buon Anno!

    RispondiElimina
  24. Ti auguro un felicissimo anno nuovo!!!! (nel post ultimo che ho gradito, non c'è lo spazio commenti :-)

    RispondiElimina
  25. Tanti auguri da parte mia e grazie per avermi consigliato i racconti di Zardi che insieme al tuo Quattro soli a motore è stato il più bel regalo abbia potuto fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per queste parole, e per avermi ascoltato. In fondo, consigliare bene gli Amici è un dovere. A darvi consigli cattivi, escrementizi e in malafede pensa già tanta ignobile genoria prezzolata (che se esistesse un Inferno dantesco all'insegna del contrappasso passerebbe l'eternità a rileggere i bei libri che "onestamente" loda... :D)

      Elimina
  26. Con quali parole farti gli Auguri per un Felice Anno Nuovo? Con un semplice caldo pensiero solidale, Zio Nick, sperando che io possa tornare presto ad una discreta presenza in blogosfera!

    RispondiElimina
  27. Zione Nick,
    ti auguro un felicissimo e splendido 2014! E, ricco di romanzi eh?! Che aspettiamo come regali!
    abbraccione
    g

    RispondiElimina
  28. Un altro dolce pensiero per tutti voi.
    Vi voglio bene! :)

    RispondiElimina
  29. quest'ultimo pensiero fa molto Renato Zero ;)
    Auguri

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)