Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 4 dicembre 2013

Eresia flash - SCEMOCAZZIC BOMB


“L'aspirazione a disfarsi di questo sistema spietato per sostituirlo con uno nuovo (e magari, lavorandoci molto, anche migliore) non è più questione di orientamento ideologico, ma piuttosto una necessità per la sopravvivenza della specie umana".
(Naomi Klein, da un articolo su New Statesman)

Le menti ristrette e irresponsabili (o in malafede) che ancora predicano il disastro della Krescita infinita, ne risponderanno ai posteri. Se ci saranno posteri.

Io posso modestamente vantarmi di esserci arrivato da adolescente, ben prima degli attuali guru della Decrescita. 
Quasi trent’anni fa scrivevo:
“Se qualcuno vi parla con insistenza di Crescita & Sviluppo, assicuratevi che si stia riferendo a crescita di alberelli e sviluppo di pellicole fotografiche. Altrimenti spernacchiatelo, o prendetelo un po’ a calci”.

Non c’era bisogno di essere economisti o climatologi, basta-va l’intuito di un ragazzino per avere in sana antipatia certe deliranti sciocchezze.

Ancora prima, da bambino, mi illuminò un racconto di Zio Paperone sugli “scompensi della Terra” provocati da sfrutta-menti, cementificazioni e bombe demografiche: tifoni al posto del vento, alluvioni al posto della pioggia, deserti al posto dei boschi, piantagioni pietrificate, alberi da frutto sterili, grandine extra large al posto della neve. Più profetico di un trattato catastrofista. Direi che adesso ci siamo.

Oggi, le sole cose NON in aumento sulla Terra sembrano essere la libertà, l’intelligenza e l’aria respirabile. 
(Se l'Intelligenza è una malattia, sta per essere debellata!)
Probabilmente è già troppo tardi.

Ma intanto, prepariamoci al rito dei dati istat di fine anno, che i giornalistozzi titoleranno, pappagallescamente giulivi: “il numero degli italiani aumenta ancora GRAZIE agli immigrati”.
Grazie al cazzo. (In tutti i sensi).


21 commenti:

  1. No, forse non ci siamo ancora.
    Intendo a livello fumettoso-apocalittico.
    Ma ci si può arrivare, dopotutto l'intelligenza sta per scomparire.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Io sono contenta di essere nata ieri e non oggi.
    Un caro saluto.
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. E già...l'intuito fa parte dell'intelligenza, credo, o no? Mancanza di intuito...
    Comunque... coltiviamoci, ascoltiamoci e scambiamoci idee e parole, perché questa follia del sistema economico-finanziario attuale sia, almeno... ostacolata!

    RispondiElimina
  4. intanto siamo lì col paraocchi e nessuna volontà di guardare a 1 cm dal proprio naso

    RispondiElimina
  5. Avresti dovuto ascoltare i discorsi di due italiane medie sedute dietro di me sul bus. La prova inconfutabile che l'intelligenza ma anche il semplice buon senso sono in via d'estinzione.
    Il finale del tuo post m'ha fatto morire :)

    RispondiElimina
  6. I dati istatdistaminchiazza! Auspico un modo ricoperto di dubbi e di erbacce.Dove qualsiasi cosa abbia a che fare con la burocrazia e con i satelliti artificiali salti in aria.Dove i conti se ne vadano e non tornino più. Quant'è bella lì'incertezza che si fugge tuttavia!! I tuoi post mi fanno questo (meraviglioso) effetto..

    RispondiElimina
  7. prepariamoci ai dati istat sul pranzo di natale "quest'anno sempre più italiani hanno scelto di risparmiare" grazie al piffero

    RispondiElimina
  8. dal giorno che ho sentito il detto "poca brigata, vita beata", è diventato un mio principio fondamentale.... con un'unica eccezione: un locale pieno quando sto suonando :)

    RispondiElimina
  9. Son contenta anch'io d'essere ormai vecchia...il che è tutto dire!

    RispondiElimina
  10. Forse è nella nostra specie un istinto all'autodistruzione, forse, e spero di no. Comunque dobbiamo arrivare sempre sull'orlo dell'abisso per cambiare rotta.

    RispondiElimina
  11. Tristemente, o saggiamente, anche io faccio parte della schiera felice di essere ormai oltre la gioventù!

    RispondiElimina
  12. Io no, non sono affatto vecchia, ma concordo sull'intelligenza che scompare sempre più. Che grande onere sulle nostre spalle, ma va beh, con il cervello ce la si fa, basta trovarle le persone che ce l'hanno!

    RispondiElimina
  13. Sibillino il post!!... ti hanno letto, approvato e subito provveduto ad incasinare l'Italia (se possibile) ancor di più...

    RispondiElimina
  14. Oh le statistiche! Sembrano realizzate apposta per nascondere nel mucchio i veri problemi. Spesso sono un alibi, un modo per "far finta che tutto va ben" e, alla fine, non cambiar niente, non impegnarsi ... evitare, come al solito, di guardarsi allo specchio, per continuare a logorare chi il potere non ce l'ha e tutti i giorni lo deve subire.

    RispondiElimina
  15. appena fai un discorso che esce dalle convenzioni comuni, anche di pochissimo, sei un anomalia da evitare e circoscrivere .....

    RispondiElimina
  16. Per colpa di pochi che non sanno accontentarsi del benessere e di un "bien vivir" ma devono accumulare ricchezze stratosferiche per illudersi di essere potenti e realizzati, alla maggior parte della popolazione mondiale tocca la fame e la negazione dei bisogni primari. Il comportamento di questi stronzi e la conseguente teorizzazione della natura umana come "naturalmente" avida e aggressiva, ci rinchiude in una prigione demenziale in cui la ragione e l'utile violentano le idee di solidarietà e di condivisione delle risorse. Verrà un giorno in cui, finalmente, l'identità umana si ribellerà alla dittatura nazista della razionalità e del profitto e spenderà i soldi per la vita e non la vita per i soldi.

    RispondiElimina
  17. Grazie infinite del passaggio e degli auguri...
    Sono d'accordo al 100% con questo post. Mille volte meglio una decrescita riscoprendo i veri valori della vita che una crescita continua consumistica e ossessiva. Ormai il nostro pianeta ha esaurito le risorse. Noi esseri umani, che siamo davvero dei microbi in confronto all'immensita' della nostra terra siamo riusciti a rovinarla. Ma prima o poi la natura si rivolta sempre quando viene maltrattata...basta vedere i disastri prodotti dai mutamenti climatici. :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l’organismo Terra siamo molto peggio che microbi: siamo cellule cancerogene. Ma secondo i cretini dobbiamo AUMENTARE, proprio per continuare a sostenere quel devastante modello economico che oltre a distruggere la Terra sta uccidendo anche noi, nella psiche e nel fisico. Siamo l’unico tipo di cancro consapevolmente suicida.

      Ciao carissima!
      E un abbraccio anche a tutti gli altri. :)

      Elimina
  18. ESATTO!!!!! non si poteva dire meglio!!!

    RispondiElimina
  19. Ciao Nicola, ho "schisciato" per andare sul blog dove c'era il tuo racconto, ed ho lasciato un commento, ma per qualche motivo, è ancora in fase di moderazione... nel dubbio comunque, ti scrivo anche qui: anch'io preferisco la versione dello zio Clemente Zancopé! Ed è sempre un piacere leggerti. Ciaooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte, commentando su wordpress, capitano piccoli inconvenienti. In ogni caso, grazie di cuore per avermi letto: sei una di quelle meravigliose persone per cui vale la pena continuare a scrivere!
      Ciao! :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)