"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

giovedì 4 aprile 2013

ERESIA FLASH - lobotom-italY: una testa, un vuoto.


Essendo gli anovotanti lobotomitalici il popolo più sensibile alle personalità mediatiche, l'unica possibilità per la sinistra di spuntarla sul berlusconismo e sul grillismo è candidare a Premier direttamente Benigni. Non lo dico perché lo auspico. Lo dico perché lo temo.
Una cosa è certa: se si ritornerà a votare con l'assurdo Porcellum, col rischio di un risultato identico all'ultimo, se non peggiore, io non mi renderò complice dell'ennesimo sperpero di milioni. Se vogliono il mio parere, mi chiamino come undicesimo saggio, ma non si aspettino di vedermi al seggio.
Che poi, diamo tutti per scontato che se cambieranno la legge la faranno davvero migliore... 
e invece, chissà cosa sono capaci di tirare fuori dal cilindro: un triplo turno carpiato alla coreana con presidenzialismo congo-bulgaro e superpremio di minoranza per chi arriva terzo ad Abbiategrasso...




65 commenti:

  1. Ormai c'è una frenesia di candidati fuori dagli schemi, Muti lo hanno proposto sul serio, della serie se sai esperto di musica per quale strano motivo non dovresti anche essere un esperto di politica? Quelli che invece pensano che la politica è roba per politici propongono Renzi (!?), novello Nembo Kid, con lui si vince tutto, elezioni, superenalotto, totip e persino la riffa di quartiere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tragedia è che Renzi, rispetto alle altre possibilità, si profila come l'ennesimo "meno peggio", e magari sarebbe pure davvero una soluzione "di buon senso". Ma a me il buon senso non basta più. Pretendo un po' d'intelligenza. Renzi blatera le stesse cose dei montiani: correre, crescere, competere. E non sono - non lo sono più da un bel pezzo - cose intelligenti.

      Elimina
  2. Nick...che dire... poche parole ma di più efficaci non potevi trovarne!!!!!
    E' la sintesi di quello che ho scritto io nel mio ultimo post, quello su cui rifletto, quasi inutilmente, in questo periodo!
    Ineleggibilità sì, ineleggibiltà no, ma quando mai!?
    Vedi quanto può essere liberatorio dire con Grillo..."Tutti a casa" il ragionamento un poco più complesso e raffinato non è di questo paese.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le persone che conosco che han votato 5 stelle mi dicono tutte la stessa cosa: che pensavano (ingenuamente) di ottenere un 10-12%, per mandare a Roma una pattuglia di persone oneste che vegliassero sui potenziali ladrones, e portassero qualche proposta nuova e costruttiva. Quando hanno visto il risultato, e intuito la conseguente paralisi, si sono messi le mani nei capelli. Grillo è convinto che la prossima volta vincerà a mani basse? Fossi in lui qualche dubbietto me lo farei venire... Quando dice "allora non dovevate votarci" crede di fare una semplice sparata, o di rivolgersi a cinque o sei persone. Invece si rivolge a più di metà del suo elettorato, quello proveniente da sinistra. Spero tanto che lo prendano in parola. Peccato, perché idee giuste ne aveva pure (dalla Decrescita al farla finita con certe caste parassitarie sovvenzionate dallo stato). Ma alla prova dei fatti, il suo modo di fare mette solo i brividi. Adesso ce l'ha pure con gli intellettuali. Dove vuole metterli? In campi di rieducazione?

      Elimina
  3. Nik, cosa dire.
    Mi sembra di essere da tempo piombata all'interno di un paradosso.
    Una cosa è certa, in ogni caso di questa rovina siamo i primi colpevoli.
    Poi possiamo anche puntare il ditino contro questo e quello.
    Però per quasi vent'anni e forse da prima siamo sempre stati zitti.
    Anche se non ci piaceva il governo in carica, qualche rimbotto e si andava avanti.
    A noi italiani la cosa che piace maggiormente e parlare, parlare, parlare.
    Invece, ovunque in Europa, ci si rimbocca le maniche e si costruisce.
    Ora non c'è più nemmeno il tempo per la parola.
    Si è passati ad urlare, e a concludere ancora meno di prima.
    Non so bene che cosa farò se non si cambia e di corsa la legge elettorale.
    Non avevo mai pensato ad andarmene dalla mia terra così frequentemente come negli ultimi tempi.
    Solo che mi parrebbe da vigliacchi.
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te tranne sull'ultima frase: io rimango qui perchè sono pigro e vile, non ho il coraggio di rifarmi una vita in un posto che sarebbe di sicuro migliore, ma in cui dovrei cominciare da meno di zero, sopratutto per quanto riguarda la lingua. Non ho facilità con le lingue, ADORO l'italiano fino al punto di averne fatto la mia vita, la mia professione, la mia vocazione, e a 46 anni non posso certo pensare di mettermi a scrivere romanzi (l'unica cosa che so e voglio fare!) in inglese. Tornassi indietro, pretenderei un'insegnante madrelingua d'inglese già da dentro la culla.

      Elimina
    2. Sono d'accordo con te. Ho l'impressione che molti parlino di emigrazione con troppa facilità. E ingenuità. O forse, come te, anche io sono semplicemente troppo vile per andarmene e ricominciare da zero, nonostante tutti mi dicano che a 28 anni non è poi così tardi.
      Nelle ultime elezioni ho votato. Sebbene nessuno dei partiti, compreso quello che si è beccato la mia ics, mi rappresentasse a pieno. Onestamente se dovessimo tornare alle urne, stavolta, non so cosa farei.

      Elimina
    3. Siamo il paese della "Fuga dei cervelli" e lo consideriamo normale. Un giorno dovrò fare un discorsetto a quel rincoglionito del mio: "Che ci fai ancora qui? Forse ti diverti, a farti prendere per il culo dall'editoRAGLIA meritofobica che ci ritroviamo?"

      Elimina
  4. ma perchè? secondo te la sinistra (termine quanto mai appropriato) vuole governare? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che vogliano governare mi pare fin troppo ovvio. Il punto è se ne siano in grado.
      Poi, naturalmente, continuo a usare "destra" e "sinistra" per pura facilità convenzionale. Forse dopo le prossime elezioni governerà davvero Renzi. Cioè un democristiano.

      Elimina
    2. sono più che sicuro che abbiano perso intenzionalmente. perfino il manifesto, con bersni di 3/4 alla Lilli Gruber, faceva venir voglia di tutto, fuorchè di votarlo...
      io il termine l'ho usato nel suo senso "horror" (in inglese si direbbe "creepy") :)

      Elimina
    3. Perfettamente d'accordo. A patto di aggiungere che i manifesti con l'unto del signore, un duecentenne truccato da culo di neonato, o a volte addirittura col lifting da feto, di paura ne metteva pure un po' di più... bersanetto è horror da vietare ai minori, ma la visione di berlu e di alfanuccio la vieterei, per sicurezza, pure a Dario Argento in persona... :)

      Elimina
  5. è tragicamente vero quello che dici Zio, ciò che mi spaventa di più è che si continua a non parlare dei problemi reali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessero un minimo di dignità, sarebbero barricati nel parlamento, senza mangiare né bere, per partorire una legge elettorale decente. Ogni bestialità in italiA genera assuefazione e finisce con l'essere considerata normale o comunque accettabile, ma ci rendiamo conto che, di fronte al mondo, siamo un paese che da anni vota con una legge elettorale definita PORCATA da TUTTI, a partire da chi l'ha concepita giù giù fino all'ultimo dei giornalisti, e che rischiamo di andarci a votare anche la prossima volta?!

      Elimina
  6. Qui è una tragedia..davvero si sta perdendo ogni giorno di più il senso delle cose ! Ma il buonsenso, dov'è andato a finire ? Ma è possibile che queste teste di caz2o, debbano condizionare la nostra esistenza ?? Il nostro presente e il nostro futuro ?? Giuro che ormai non vedo più nemmeno uno spiraglio di luce..sono seriamente preoccupata..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mò vedremo i dieci saggi... quando ho visto le facce sul giornale, ho pensato a uno scherzo crudele...

      Elimina
    2. Ahahahaha..è vero..sembrano quelli del gioco : "INDOVINA CHI" !
      Buona giornata :*

      Elimina
    3. cheppaura...
      buona giornata anche a te! :)

      Elimina
  7. a ma al seggio è un po' che non mi vedono.
    mi spiace ma non ci credo più.

    RispondiElimina
  8. Nico' se ben ricordi questa porcata di legge calderoli poteva essere cambiata anni fa, tutti l'avevano promesso sia il berlufolle, sia il centro-sinistra e sia infine monti. Il guaio è che se non la cambieranno - e al riguardo ho dei seri dubbi - ci ritroveremo voto più voto meno con la medesima porcata e allora saranno guai seri.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che ogni patetica conventicola di bambocci furbetti vorrebbe la legge su misura per la propria vittoria assoluta nel giochino di Poltronopoli... adesso che ci sono tre forze date quasi alla pari, c'è la possibilità che si azzardino a mettersi d'accordo, pensando, ognuna, di poter vincere allo sprint...
      Ciao Aldo!

      Elimina
  9. Non mi voglio allungare in commenti caro Nicola.
    Questa è una grande tragedia italiana di politica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beato te che te ne stai all'estero... :)
      Ciao carissimo!

      Elimina
  10. Sarò un'ingenua, ma sono quasi sicura che Grillo e i suoi non potranno bissare.
    In ogni caso se devo andare di nuovo a votare, voglio votare chi voglio io non chi vuole qualcun altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se votassi chi voglio io voterei un socialdemocratico scandinavo. Ma... ghè minga! :)

      Elimina
  11. Grande Zio....anche con qualsiasi legge non soffocherò mai le mie idee e i miei sogni dentro un'urna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai come in questi momenti la parola urna mi ricorda quelle in cui si raccolgono le ceneri...

      Elimina
  12. Io ho evitato di votare già a febbraio. E mi auguro che alle prossime elezioni l'astensione sia almeno del quaranta per cento. Ma ne dubito. Gli italioti sono facilmente condizionabili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, io stavolta ci sono andato, a farmi prendere per il cu**...

      Elimina
  13. anche io voterei un socialdemocratico scandinavo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dovessero "aprire" agli stranieri come nel calcio, potremmo fondare un partito e provare a contattarne qualcuno... ma temo che non sarebbero così pazzi e suicidi da dire di sì...

      Elimina
  14. Invece tu andrai perchè questo è il tuo dovere e in momenti critici come questi che viviamo è indispenzabile che si faccia sentire la propria voce alle elezioni e in particolar modo in presenza di "porcellum".
    Poi ora che il Corso Donati, l'estromissore
    s'è messo a pontificare idiozie, diventa ancor più indispensabile il voto di ciascuno di noi, TUO COMPRESO, e non dubito che ci sarà.
    Ciao (che vuol dire anche con immutata stima)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel caso, spero che la data coincida con un mio tour in Australia o Nuova Zelanda, così taglierei la testa al topo... già è seccante farsi prendere per i fondelli gratis, ma spendere pure soldi per rientrare e poi ripartire direi proprio di no....

      Elimina
  15. Grillo dice: "A noi!".
    Al di là del ricordo di un "a noi!" d'infausta memoria, se fossi napolitanO, oggi non ci penserei due volte a dargli il bastone del comando.
    A seguire, le carote e poi l'olio extravergine di ricino.
    Forse hai ragione sul fatto che il potere (assolutamente inatteso) logora, ma visto che, da virtuoso, Grillo non beve Cynar, tanto varrebbe metterlo alla prova e, in omaggio a Jannacci, vedere l'effetto che fa.
    Rovinati per rovinati...
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema dei duri e puri (veri o presunti) è che per governare con o senza olio di ricino gli serve il 51%... e visto come si sta comportando credo sarà molto difficile... anche se, come ammonisce il mio titolo, siamo pur sempre in lobotom-italY...
      Ciao carissimo!

      Elimina
  16. Non ho votato Grillo, ma alla fine il parlamento che ne era uscito mi lasciava qualche speranza: un governo (anche temporaneo) PD tenuto per le palle dai grillini mi pareva una grande occasione per rinnovare le regole elettorali, i principi di ineleggibilità, il conflitto di interessi, la riduzione del numero dei parlamentari, qualche provvedimento economico urgente (almeno per correggere gli errori più gravi di Monti & The Teachers), magari anche gli affossamenti definitivi di della TAV e dei ponti sugli stretti.
    Un'occasione sprecata. Una delusione enorme. Il comportamento grillesco mi pare della più pura e stolida imbecillità. Il voler spingere a tutti i costi Bersani tra le braccia (tentacoli ?) di Berlusconi una colpa di cui dovrà rendere conto alla storia del paese. Mai voterò questa specie di clownesco caudillo che anela al consenso plebiscitario farneticando di web-crazia (che mi ricorda tanto Orwell). Vorrei tanto che le nuove elezioni (se ci saranno) andassero deserte. Come nel "Saggio sulla lucidità" di Saramago.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te su ogni singola parola e ogni singola virgola. E quanto alla web-crazia, non saprei dire se la trovo più stupida o più pericolosa... mi riporta dritto dritto a quando diffidavo di internet in generale chiamandolo interfess... (ma il bello è che diffidava pure "lui", e lo chiamava infernet... :D)

      Elimina
  17. Se si dovesse ritornare alle preferenze potresti farci un pensierino. Se ti presenti nel mio collegio, il mio voto è con te. Grande Zio, meno male che certe vergogne ancora non ci hanno tolto il gusto per l'ironia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un voto senza preferenze è un voto monco, fasullo e vergognoso. Anche se fa tristezza pensare a come venivano usate in questo paese escrementizio e malavitoso. Ricordi il film "Il portaborse"? Particolari combinazioni di numeri per controllare l'effettiva fedeltà dei voti clientelari. Se il padrone di duecento schiavetti prometteva duecento voti, tutti quei duecento, come prova e riconoscimento, dovevano indicare la stessa terna di preferenze. Che tristezza...

      Ma il gusto dell'ironia è nella testa dei veri nobili: devono ghigliottinarci, se ce lo vogliono togliere! :)

      Elimina
  18. Io a votare non ci torno, nemmeno se mi trascinano con le catene. Tutto sommato il voto che è uscito dalle urne poteva anche essere un'occasione per rinnovare alcune cose e cambiarne altre: macchè, occasione sprecata! Non sia mai che a qualcuno passi per la testa di darsi da fare per cambiare questa porcata di legge elettorale....ma la prossima volta non mi avranno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi, diamo tutti per scontato che se cambieranno la legge la faranno davvero migliore... e invece, chissà cosa sono capaci di tirare fuori dal cilindro: un triplo turno carpiato alla coreana con presidenzialismo congo-bulgaro e superpremio di minoranza per chi arriva terzo ad Abbiategrasso...

      Elimina
    2. p.s. questa mi è piaciuta troppo: vado ad aggiungerla al post... :-))))

      Elimina
  19. D'accordo con te su tutto quello che hai scritto, anche nei commenti! :)
    E l'aggiunta finale fa morire!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero solo che non mi prendano in parola: te l'immagini una campagna elettorale tutta basata sull'obiettivo di arrivare TERZI ad Abbiategrasso? Dovrebbero andare a far comizi in quel paese inventando castronerie assurde per non rischiare di arrivare primi: restituzione dell'Imu, uscita dall'Euro... ah no, mi sto confondendo, quelle cose lì le hanno dette davvero, ed erano seri...

      Elimina
  20. Lo sai Nicola che davvero non so cosa scrivere in questo commento?
    E allora non scriverci nulla, dirai.
    No, è che posso solo scrivere la mia pena per l'enorme potenziale umano che viene gettato nel cesso ellettorale.
    Io continuerò a votare proprio come continuerò ad andare al cesso, mi è fisiologico (anche se ammicco pure io alla soluzione di Saggio sulla lucidità).
    Spero solo che in un futuro, aimè sempre più lontano, si possa andare a votare non come se andassimo al cesso ma come se andassimo a letto, ossia per sognare o, meglio ancora, per scopare.

    P.S. Da fiorentino inorridisco solo a sentire il nome di Renzi, ciellino che bazzicò Arcore e che aprirebbe ad un governo col PDL: ma siamo matti?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È veramente il colmo che delle due componenti della vatikalia a rivelarsi peggiore rischi di essere non il vatikano, ma proprio l'italia! Loro il papa ciellino l'hanno scampato, e noi ci becchiamo il premier?

      Elimina
  21. ... peccato che tra un carpiato e l'altro cio siamo noi che affoghiamo .... ggggrrrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Propongo un bel Miagolamento: un parlamento di gatti... più danni di così non potrebbero fare, e mangiano pure un po' di meno...
      Ciao e Miao!

      Elimina
  22. Direi che concordo in buona parte con il tuo post e i commenti inkazzati. Io aggiungerei che i guasti della democrazia (mai compiuta, ma mai così malridotta), sono cominciati non con il porcellum (questa è stata la tragedia finale), ma con le leggi del maggioritario, che promettevano stabilità e un paese normale. In verità hanno creato più caos e un paese normalizzato. Insomma, lo dico chiaro, voglio una nuova legge elettorale, e la voglio proporzionale, il resto è truffa...
    p.s. non sarà miracolosa, ma sarà una testa un voto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, anche se forse si rischierebbe ancor più instabilità e difficoltà a formare le coalizioni, tipo i governi andreotti che duravano 15 giorni...
      Il problema del maggioritario è che nei paesi civili esiste una quasi naturale alternanza, mentre da noi esistono i ventennii...

      Elimina
  23. Ottimo post, ottimi commenti. A me pareva evidente da anni che Grillo fosse più un destabilizzatore che una risorsa: proprio stamane ho rivisto la cartolina che gli dedicò Barbato nel 1994. E' una questione, come del resto per il berlusca, culturale e psicologica, prima ancora che politica. Ti ho adorato per aver chiamato le cose col loro nome, e cioè Renzi coll'appellativo di democristiano. Aggiungo solo che di democristiano ha solo la mentalità parrocchiesca, incline all'inciucio coi poteri, la voglia di maneggiare per festeggiare e l'opportunismo, ma nessuna delle qualità che certi democristiani del dopoguerra avevano mostrato. E' un democristo di plastica, senza residui di dignità, un pupazzetto che è brutta e vuota copia di cose già brutte della prima repubblica, come e più di tutti gli altri. O tempora, o mores. Se si va a votare e io devo scegliere tra Grillo, Renzi e Berlusca, ribadisco ciò che dissi ai tempi delle primarie: abbandono la contesa. Muoia Sansone con tutti i filistei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla parte conclusiva vorrei darti torto, ma non ci riesco: perché una cosa è turarsi il naso, ben altra è doverlo lasciare a casa dopo esserselo strappato via a tenagliate!
      E d'altra parte sono anche stanco di voti ultraminoritari di testimonianza e di protesta, o di puro orgoglio. Già troppi ne ho dati, come quando da ragazzino esordiente ai seggi votai radicale, perché a quei tempi le battaglie civili di Pannella erano (quasi) tutte condivisibili, e "radical chic" non era un insulto ma (per me) il più magnifico dei Complimenti.

      Elimina
  24. Guarda Nick, io ho sempre votato da quando ho raggiunto la maggiore età, ma adesso mi sta passando la voglia. Andrò a votare, perché c'è gente che è morta perché lo potessimo fare, ma ho tanta nausea per questo Paese, proprio tanta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. italnausea? a chi lo dici, cara amica...

      Elimina
  25. E dietro questo teatrino ci sono cose che noi umani...
    credo che non ci lasceranno decidere nulla, per questo sono d'accordo con te a proposito dei cambiamenti, non necessariamente fausti, della legge elettorale. Si deve seguire uno schema ben preciso all'interno della zona euro... d'altra parte l'unica cosa chiara di queste elezioni è stata che nessuno vuole più monti tra i piedi, eppure abbiamo un presidente della repubblica che tira fuori dal cilindro ben 10 saggi (tutti maschi s'intende)e dice che non è vero che l'Italia non ha un governo, perché ha monti appunto, ovvero un governo dimissionario e senza la fiducia del parlamento. Alla faccia della democrazia...
    a proposito del super premio alla fine del tuo
    post suggerirei un bel casco di banane... dal momento che viviamo già in un clima surreale, il passo è breve per avvicinarci a "il dittatore dello stato libero di Bananas", Woody Allen docet...
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unica, per non deprimersi, è proprio prenderla "alla Woody". Potrei provare a buttar giù una sceneggiatura... Sì, ma poi mi toccherebbe diventare pure regista: ormai quelli italiani sono stati fagocitati dal mercatino delle pulci cul-turale. Appena il romanzuccio-prodottino-pacco entra in classifica parte in automatico il triste progetto-filmuccio. Non sia mai che uno abbia la genialità e il coraggio di voler mettere in scena "Quattro soli a motore"...

      Un abbraccio anche a te!

      Elimina
  26. No, la politica non é il settore dove ti esprimi al meglio! :))))

    RispondiElimina
  27. Più tento di farmi un simulacro di cultura politica più ho tanta voglia di unirmi per sempre a qualche centro sociale indipendente ed iniziare a gridare alla più violenta rivoluzione...
    Sorry...

    Non so cosa scrivere, davvero. E ho letto anche di non essere l'unico...Prima liberiamoci di Grillo comunque, poi rispolveriamo il buon vecchio idealismo e vaafffanculo a tutti...
    Oppure speriamo che la Korea dichiari guerra a tutti creando una sorta di super-romanzesca situazione filo-apocalittica in cui tutti combattiamo contro il cattivone raggiungendo infine una incredibile, palingenetica unità. Ed ovviamente io sono l'eroe che salva tutti, perché la fantasia è mia...

    Vabbuò, un saluto carissimo!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avendo un dna non violento (purtroppo, finisco col dire a volte...) non riesco a darmi neppure quella valvola di sfogo, anche se la stragrande maggioranza degli ominidi che ci ammorbano la meriterebbe eccome...
      Abbraccio e saluto anche a te, carissimo!

      Elimina
    2. Ohhh anche io...tendenzialmente. E' che l'influenza di centinaia di videogiochi, manga, fumetti e libri d'avventura prima o poi si fa sentire XD

      Elimina
    3. Eh sì, questo mondo tecnobastardo ed e-porco ne somministra a tonnellate, di violenza ai ragazzi. Ma è sempre stato così, anche se con differenti modelli. Alle medie certi miei compagni passavano l'intervallo a simulare combattimenti, imitando brucelee... A me veniva da vomitare. Eppure posseggo un forte spirito da highlander... Il protagonista di gigolo per cliente unica si definisce "Guerriero pacifico accarezzatrice di gatti". Il cozzare di maschile-femminile è ovviamente voluto. Forse la violenza finirà quando finiranno il machismo e lo sturavaginismo obbligatorio. :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)