Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 22 marzo 2013

Assaggi di romanzi inediti - da "GIGOLÓ PER CLIENTE UNICA": prima metà del capitolo 3



3.

Gli incisivi della Jena



Ho avuto sedicianni, e ne sono uscito vivo. 
Il calendario diceva 1983, ed eravamo noi la fauna tracimata dagli steccati del liceo di Cuviate all’una meno venti, noi la sfilacciata e indolente processione che traversava i binari un quarto d’ora più tardi, come giocando alla roulette russa col sopraggiungere del treno. Non ci si crederebbe: già stanco di tutto, della vita avevo piene le tasche, ma ero solo un ragazzino. 
L’83, e ogni giorno feriale messo lì per dispetto dagli dèi dispettosi ci si trascinava placidi e afflitti lungo quell’ultimo tratto in pavé. Ci si inerpicava soppesando la sete e le borse di merda su per la scala col corrimano roso dalla ruggine. Ci si piegava per sgusciar sotto alla sbarra biancorossa del passaggio a livello. E ci si avventurava in apnea nell’approssimarsi di un brivido che non diventava paura, o forse sì: la curva era cieca e muta, e a vomitare la motrice dalle fauci d’acciaio sarebbe stata, da un momento all’altro, una tetra galleria. 
Abitudine pericolosa ma obbligata, tutt’altro che smargiassa: il treno proveniente da Varese fermava sul lato opposto, non esistevano sottopassaggi, e rimanerci non c’era ancora rimasto nessuno.

Sedicianni: ne sono uscito senza suicidarmi, e ancora non ci credo.
Settembre, e il branco che siamo, a prima vista uniforme, è quanto di più variegato si possa immaginare. 
Bambini sciamano spintonandosi allegri nella brezza di soffi lacustri al profumo d’uva: sono quelli del primo anno. I secondini li riconosci subito. Volendo sembrare grandi e seriosi, è facile coglierli a coppie filosofeggianti o a coppiette sospiranti. Queste ultime solo etero, come si conviene – stucchevoli, nella loro pedissequa obbedienza, e rese più pacchiane dall’essere teenagers: con tanta dovizia di assaggi e brividi omoerotici a portata di cuore, per la riproduzione animale c’è tempo. O no? Quelli di quarta e di quinta sembrano già uomini fottuti dalla vita. Tra loro c’è gente con la barba, e c’è perfino un tale, patetico e buffo, che per darsi un tono fuma la pipa. Fa parte di un quartetto che chiamiamo “i segalitici”. Noi che facciamo la terza siamo i più pecorecci e compatti. Più spossati dei primini, più numerosi dei quintini. È stata la nostra classe, due anni fa, a inaugurare una monca e derelitta sezione C. 
L’unica commistione di gruppi è data dalla presenza fra noi del quattordicenne Alessandro. Gliel’ho concesso io, il diritto di cittadinanza. La cosa è sotterraneamente malvista: sono ancora tempi di moderato nonnismo, e “far saltare” quei primini del cazzo continua a essere, specie nei giorni inaugurali, qualcosa più di un modo di dire. Ma posseggo quel non so che chiamato carisma, e aiuto troppa gente in certe ostili prove scritte, perché mi si possa rinfacciare a brutto muso la protezione del fanciullo. Più o meno tutti lasciano correre. L’unico che si sia provato a obiettare qualcosa è stato Jekko Macho Col Cappellino Americano Da Pirla. Dagli altri, di tanto in tanto, un timido insinuare ("Ma... quel primino...?") o una debole tirata d'orecchie ("Dovresti stare di più con noi, con quelli della tua età").

Chi sembra poco intenzionato a correre, per il momento, è il treno. Il suo ritardo è regola. Forse è per via del ritardo che sui binari non è stato ancora maciullato nessuno. La puntualità può uccidere. Oggi il mio protetto è furibondo per un compito in classe andato a ramengo. Si aspettava un 7. Si è beccato un 2. «Jena puttana», borbotta con quelle labbra che dovrebbero solo dar baci, o al massimo lasciarsi un po’ infiammare dalla polpa dei fichi stramaturi. «Dice che ho copiato l’articolo di un giornale».
«E invece?»
«Invece… boh… sì, l’ho un po’ scopiazzato. Ma quella zoccola mi ha dato 2 perché le sto indigesto».

Alessandro ce l’ha con Federica Sarti di Italiano. Unica insegnante su livelli di decenza di tutto l’ignorantificio, è stata a malincuore battezzata “Jena” dalla Commissione Soprannomi. Cioè da me. Sono io che appioppo ‘sti nomignoli, veri marchi indelebili. Appena arriva un prof nuovo, tac!, mi riunisco, mi consulto con me stesso e delibero. Le mie decisioni sono legge. A detta di tutti, il mio capolavoro è il Visòdano di storia dell’arte: grazie all’accento ingannevole, sulle prime non lo capisci, che vuol dire faccia di culo. La Jena è Jena per quel sorrisetto sardonico che le screpola il volto quando sta per stangar duro. Ogni volta, prima di stampare sul registro un 4, o di elargire un Impreparato, la Jena sghignazza, beffarda e carogna. Sghignazza e trema. Non può evitarlo. È più forte di lei. Con me non ci prova nemmeno. Scelto lo scientifico per diventare ingegnere come lo zio Oswald di Brema, ti arrivo in terza e l’Italiano è l’unica materia che riesca a sopportare. Se c’è una cosa che ho capito è che piuttosto che fare ingegneria preferirei buttarmi sotto quel treno, e sul conto della Jena non ho niente da ridire. Solo questione professionale se ho marchiato anche lei. Ed è solo perché sono innamorato stracotto degli occhi neri di Alessandro se resisto qui, mansueto, ad ascoltare i suoi insulti che durano ormai dalla fuga dalle aule, mentre un soffio appena percettibile sembra adesso scaturire dai solchi delle traversine, e sfrusciare via poco più che rasoterra in un turbinio riavvolto su sé stesso, quasi fosse il respiro mandato avanti dal treno ancor lontano. Qua e là, manifesti pubblicitari strappati o scarabocchiati raccontano di una stazione frequentata pressoché in esclusiva da questa irrequieta fauna che siamo noi.

Federica Sarti doveva aver girato da non molto la boa dei quaranta, ma dimostrava l’età di una nonna. Non aveva cura del suo aspetto. Non le importava. Spendeva nulla in cosmetici e messimpiega, poco più in abbigliamento da upim, e quasi tutto il resto in libri di narrativa. Che amava poi recensire per noi in chiusura di lezione. Non doveva comprare meno di tre romanzi nuovi a settimana. Ripensandoci adesso, più che Jena avrei dovuto chiamarla Erasma, in onore di Erasmo da Rotterdam, le cui priorità di spesa somigliavano molto alle sue. Per i miei compagni era solo una zitella inacidita, una tardona che leggeva per l’incapacità di vivere, che stangava duro per l’impossibilità di scopare. Io ero uno dei due o tre della classe interessati ai suoi consigli, sempre sommersi dal montante brusio pre-campanella (non sgridava mai nessuno ma era vendicativa, chi faceva più casino se lo segnava, e lo stangava il giorno dopo), e per afferrarli dovevi drizzar bene le antenne. Venne da lì una delle mie prime letture adolescenziali, spassosissima. Esercizi di stile, di Raymond Queneau. Dicevano tutti che portasse la dentiera. La Sarti, non Queneau. Aveva il tic di questa smorfia molto larga, a denti serrati, e nel farla si passava il pollice e l’indice distesi ai lati della bocca, dall’alto verso il basso, come un uomo che si alliscia il pizzetto, e in questa smorfia digrignava denti troppo bianchi e troppo uguali, secondo alcuni, per essere veri, e inoltre si diceva che il tic, la smorfia, originasse proprio da un senso di fastidio per l’ingombro della protesi.
Se devo dirla tutta, a me già fin da allora la Jena m’intrigava. Sul serio. Avevo certe fantasie sulla Jena Federica che non avrei ammesso nemmeno sotto tortura. Non che fossi un gerontofilo, non lo ero proprio per niente, e in genere sfogavo le mie intemperanze ormonali pensando quello a cui pensavano tutti – pensavo a Heater Parisi, a Sukia, a Zora la Vampira, pensavo ad Alessandro, a mia cugina Gloria, visualizzavo Carriolina di Monaco, Rita Dalla In Chiesa, la sorella del compagno di banco, le amichette delle medie, e poi Tina Turner, Nadia Cassini, Lilly Carati, il compagno di banco, Minni Tettaporca, me stesso vestito da troia, il/la cantante degli Sweets. 
Eppure quella donna non so come mi attizzava.

88 commenti:

  1. Lo confesso, attizza pure a me ;)
    Mi sono ritrovato, a parte qualche annetto di meno (ero alle medie io, credo in prima...), dal profumo d'uva su sui soffi lacustri in poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un attimo sei riuscito a farmi sentire vecchio... :) Poi mi sono ricordato di non essere mai cresciuto da allora: sono solo un po' migliorato, grazie al leggere e allo scrivere... e grazie ai tanti amici che sto incontrando per strada...

      Elimina
  2. Io per ovvi motivi anagrafici ho apprezzato Sukia, Zora, Lilli Carati (e pure Gloria Guida) solo più in là del 1983, che è in realtà l'anno in cui sono nato.

    Comunque molto figo questo brano! Essì, scrivi proprio bene, coinvolgi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà Sukia la sentivo solo nominare, mentre i fumetti di Zora furono, parecchio tempo prima, una specie di iniziazione...
      Felice di coinvolgere!! :)

      Elimina
    2. Io ho recuperato qualcosa di Jacula e Biancaneve ù__ù

      Chissà chi ci si è fatto le seghe, sugli albi che ora sono impilati nella mia libreria XD

      Moz-

      Elimina
    3. Io purtroppo non ho conservato nessun reperto. Anche perché non erano mai "miei": ragazzino troppo timido per andare a comprarli... Ricordo anche un divertentissimo "Corna Vissute"... :)

      Elimina
    4. Oddio, Corna Vissute lo leggevo (semi)nascosto in edicola!! LOOOL
      Era proprio un giornale da camionisti XD

      Non ne fanno più, ma è ovvio, ormai puoi vedere video (veri) gratis... a chi potrebbero interessare i fumetti erotici? ;__;

      Moz-

      Elimina
    5. Non so, per me la magia dell'eccitazione, specie in quell'età di scoperte, risiedeva moltissimo anche nella fantasia, nell'immaginazione, e in quelle parti che rimanevano misteriose, da scoprire poco alla volta... Sotto questo aspetto i ragazzini di adesso mi fanno pena: gli hanno rubato anche le seghe.

      Elimina
    6. Su questo sono d'accordo con te, non 'è più niente di PRO-PRO- PROIBITO! (citando i Litfiba)

      Moz-

      Elimina
    7. Oddio, qualcosa resta proibito anche più di allora, specie nelle lande più cavernicole d'Europa (quella dell'est e quella... a forma di stivale...) Anche per questo urge lo sbarco in libreria di questo romanzo, il cui sottotitolo è "Elogio della bisessualità e della prostituzione". (Naturalmente il presente pensiero si riferisce alla bisessualità: di prostituzione ce n'è in giro fin troppa...)

      Elimina
  3. Beh...mio caro Zio... che dire? Che è proprio vero che la tua mamma t'ha fatto per scrivere. E si vede, eccome che si vede, quanto godi a darci giù di penna!!!
    Affezionatissima Dany.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Friedrich Nietzsche, con amara ironia, diceva: "Non basta avere un talento, se ne deve avere anche il permesso da parte vostra!" Se quel "vostra" lo riferiamo ai lettori, direi che ci siamo. Ne sto conquistando pochi ma buoni. Molto, molto buoni! Se lo riferiamo ai critici, direi che portano un pochettino di ritardo. Ma io porto pazienza. Io sono una quercia e loro il vento: prima o poi soffierà. E se non dovesse soffiare, sai che ti dico? Andrà bene lo stesso!

      Sulla mamma hai ragione: non smetterò mai di esserle grato per come mi ha fatto, con tutti i miei difetti e la mia pazzia. :)
      Ciao Dany, e grazie!

      Elimina
  4. Bel post. Ah, i sedici anni! Quanto ci siamo divertite noi ragazze al liceo...

    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata per me un'età sconvolgente, di crisi profonda, però mentirei se dicessi che non mi sono anche divertito come un matto, e che non tornerei volentieri indietro. Magari portandomi appresso un po' di serenità e di malizia, per prendere certe cose con più distacco, più coraggio, meno inibizioni, meno cupo romanticismo.

      Baci!

      Elimina
  5. In effetti a sedici anni mediti il suicidio, ma nel frattempo vivi tutto a duecento all'ora, ti stordisci di seghe, speri ogni giorno andando a scuola di trovarla chiusa, confondi fumetti con persone, amore con sesso, e non conosci nè l'uno nè l'altro.Insomma, una fantastica età. Grazie caro amico per questa ennesima intrigante, divertente cronaca di quei giorni, raccontata con il tuo inimitabile, insuperabile stile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per questo splendido commento: sembra pronto per entrare a far parte del risvolto di copertina del libro... :D

      Elimina
    2. ..la lettura di 'Quattro soli a motore mi ha ispirato profondamente!

      Elimina
    3. Sei sorretto da buone letture, come si suol dire... :-))))

      Elimina
  6. Per me caro Nicola i 16'anni erano solo preoccupazioni... Ma già erano altri tempi.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì: ci sono stati (e ci sono) sedicenni in lotta per la vera sopravvivenza, e al loro confronto le nostre paturnie esistenziali impallidiscono, o meglio arrossiscono di vergogna. Ma ognuno è figlio del suo tempo (e dei suoi luoghi).

      Elimina
  7. Nico' a me nei tempi andati, quando m'attizzava qualcuna non mi facevo tante domande, m'attizzava e basta anche se poi mi arrivavano delusioni a non finire.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Birbantello... :)
      Ma tu, caro Aldo, sei stato e sempre resterai un Mito!
      Un caro saluto pure a te.

      Elimina
  8. Questo pezzo è perfetto, veloce come i sedici anni, veloce come un'esplosione ormonale, veloce e diretto più di un treno. Denso, concentrato, spietato, come si è a sedici anni, quando il mondo intorno è così lento e ottuso, così vecchio e chiuso da ispirarti quasi il suicidio.
    Per fortuna esistono alcune prof per le quali vale la pena studiare e all'occorrenza tirarcisi anche qualche sega, perché in mancanza d'altro è sempre meglio pensare ad una prof in carne ed ossa che a un fumetto!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se della mia scrittura, pur migliorabile, penso già tutto il bene possibile, quando arrivano commenti così va a finire che me li rileggo tre o quattro volte... :)
      Grazie!

      Elimina
  9. Bello, bello, bello. M'hai riportata indietro, ai miei sedici anni, alla fiumana che scendeva dal liceo, saliva sull'autobus, e poi giù, ancora, chi sul treno, chi sul pullman che raggiungeva il paesello di provincia. Piegati di lato sotto il peso delle sacche chè nessuno ancora ci aveva avvisati della scoliosi incombente. I primini timidi, i navigati di quinta. L'insegnante per cui attizzarmi no, quello non c'era.
    Toglimi una curiosità: Cuviate sarebbe Laveno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra l'altro non si usavano ancora gli zainetti, o comparivano allora i primi, per cui avevamo davvero queste assurde borse di tipo sportivo zavorrate di libri pesantissimi, e si camminava pendendo dalla parte della borsa...

      No, a Laveno non esistevano licei (e ch'io sappia nemmeno adesso)... Anche se non autorizzo nessuna location precisa, direi che leggendolo possa essere più giusto pensare a... Gavirate (e al vecchio liceo che stava sul lago, e oggi è diventato un albergo).

      Elimina
    2. Ho messo insieme lago e treno da Varese...
      Non sapevo che a Gavirate ci fosse il liceo.
      Io ho frequentato il Galileo Ferraris di Varese. Praticamente di fronte al palazzetto dello sport. Lo costruirono quando andai in terza. Prima era in zona Casbeno.

      Elimina
    3. Mi pare che dove dici tu ci sia anche l'Artistico. Adesso frequentato da una mia nipotina. Come volano gli anni... :)

      Elimina
  10. Io avevo un grande amore: il mio prof di storia dell'arte che riuscì perfino a convincermi dell'assoluta veridicità del labirinto di Cnosso. Potere dell'infatuazione. Io i miei sedici anni li ho odiati con tutte le forze. Avevo lasciato il conservatorio per un porco di un professore di violino e arrancavo disperatamente in algebra. Una sfilza di quattro che solo nel secondo quadrimestre diventavano sei stentati, quando il prof doveva arrendersi alla commissione e ai miei voti in latino,greco e letteratura. No me l'ha mai perdonata. Sei bravo amico mio. Ho risentito addosso l'odore del mio liceo classico in una botta sola. A quando il resto? Mariella che sta scrivendo da iPhone

    RispondiElimina
  11. È comunque mai portato zaini, ma libri legati con cinghie colorate. I libri si dividevano sempre con i compagni off course. Sempre la Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. iCiao, iCara iMari! :-)))
      Evidentemente il tuo prof di storia dell'arte non era il visòdano facciadìculo del mio protagonista...

      Elimina
  12. No, direi di no. Tutte innamorate del professorino giovane giovane. Peccato non essere stata più ardita, ma la timidezza mi bloccava al banco.
    E pensare che da grande volevo fare l'archeologa.
    Io comunque non tornerei indietro, nemmeno se mi pagassero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Archeologa? Passione per la materia o avevi visto Indiana Jones? :)

      Elimina
    2. No no, le intenzioni erano serissime, leggi qui:
      http://acquamari.blogspot.it/search/label/Machu%20Picchu

      Elimina
    3. Affascinante... Ma hai già deciso quando andare, come dicevano in quel film, "in i Pperù?" :)

      Elimina
    4. No, resta un sogno nel cassetto.
      Per ora delle "Americhe" ho visto solo NYC,e a seconda dei punti di vista può essere tanto o davvero troppo poco.
      Tendenzialmente direi poco.
      Un bacio.

      Elimina
  13. Scorre a meraviglia, ci si sente lì, con il narratore ad ascoltare racconti comuni, vissuti da molti di noi... - "vecchi o giovani non importa" -, cito a memoria due versi da Antologia di Spoon River, "è sempre sangue che fa appello al sangue"... anche se non so se c'entrino molto, me li hai fatti ricordare. Strana questa vita, che pare aiutare solo pochi...ma che poi, a volte, per gli "aiutati" va pure peggio che per gli abbandonati! :-) Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Sangue che fa appello al sangue": bellissimo, potrebbe far da titolo a un seminario sulla scrittura, o a un manifesto della scrittura, meraviglia che da sempre mi scorre nelle vene...
      Baci anche a te! :)

      Elimina
  14. Bentornato, Nick, sulle verdi praterie asolescenziali, con un personaggio un po' più grande di Corradino, forse più carismatico e apparentemente più sicuro, ma al contempo fragile e tormentato.
    Un inizio folgorante che cattura dalla prima riga, una lettura in cui immergersi spaziando nelle variegate geografie dell'anima e rimbalzando tra gli attraversamenti rischiosi e gli echi delle rimembranze proprie.
    Aspetto con ansia...
    Un grazie e un abbraccio da Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle mie intenzioni è il prossimo da pubblicare. Vedremo... :-))
      Un abbraccio enorme a te, cara amica!

      Elimina
  15. La Commissione Soprannomi è favolosa! d'altra parte avere 16 anni è una tortura tale che è meglio trovarsi un diversivo innocuo... (salvo poi innamorarsi della prof e accorgersi all'improvviso che la vita è sempre da un'altra parte...)
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì: l'imparare a essere ironico, autoironico, a non prendermi troppo sul serio, e il cominciare a praticare la scrittura umoristica (e le "strissie", e tutto ciò che gli andava dietro) sono stati probabilmente antidoti decisivi contro il suicidio...
      Bacioni!

      Elimina
    2. Anch'io facevo le "strissie"... ho cominciato alle medie (manie suicide precoci...)
      Essere autoironici e non prendersi troppo sul serio sono sintomi di una malattia gravissima di questi tempi, l'intelligenza!
      un altro bacio

      Elimina
    3. In lobotom-italy è stata quasi debellata... ma noi malati volontari resisteremo! :D
      Altro bacio ricambiato.

      Elimina
  16. non mi ci far neanche pensare ai 16 anni, tutto troppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "tutto troppo" è una sintesi folgorante e geniale!
      o ti è cascata la linea mentre scrivevi? :-)

      Elimina
    2. no no tutto troppo e basta :)

      Elimina
    3. grandiosa nipotina, allora, degna dello zio :)

      Elimina
  17. Quello patetico e buffo che fumava la pipa ero io.
    Segalitico, eh ? In effetti di seghe ....
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari tu la fumavi perché ti piaceva, e non per darti un tono (eheh... guarda come divento acrobaticamente diplomatico coi miei amati Lettori... :D)

      Elimina
  18. Sulla tua creatività di scrittore sai benissimo che ho un opinione altissima, sai ricreare le situazioni e farcene vivamente partecipi, torni ad avere come qui 16 anni e a maledirli - io non ci stavo così male, ma non li rimpiango e non li rivorrei mai anche se devo a loro due amiche per sempre - però molto di quello che siamo ha anche radici in quel periodo, che siano idee o paure, si trasformano eppure qualcuna resta lì, e basta una canzone a farti fare un salto all'indietro. E forse un po' di quella confusione è salutare se ci resta attaccata, e riviverla con la tua scrittura ci può aiutare. Miaoooooùùùùùù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Incanto della scrittura è questo: puoi offrire il punto di vista più strano, insolito, obliquo e dissociato possibile, e i lettori ci si riconosceranno lo stesso: scatteranno immedesimazione, emozione, umano imprinting!
      Per questo non sopporto certi scribacchini (e certi loro editorucoli) convinti che per realizzare il "riconoscersi" da parte del lettore la scrittura vada per forza appiattita, banalizzata, immiserita, resa povera, insipida, sciocca e nazionalpopolare. Costoro offendono i lettori prima ancora che la narrativa!!

      Ciao e Miao. :D

      Elimina
  19. Non ci crederai ma io la trovo eccitate questa insegnate.

    RispondiElimina
  20. Sinceramente, un racconto che volevo continuasse ancora. Cercando di evitare maldestri svolazzi, sostengo che hai uno stile superbo nel racconto di botte di vita, come queste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da un fine intenditore come te, ha il valore di una medaglia!

      Elimina
  21. Hace tiempo que te sigo, y estoy de celebración en mi blog, porque somos 200 seguidores, es por eso que he venido a invitarte a celebrar conmigo, y os he dejado un regalito a los que siempre estáis a mi lado.

    Pásate a buscarlo, encontrarás muchas sorpresas.

    http://relatosfantasiaelfos.blogspot.com.es/2013/03/estamos-de-celebracion.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena posso faccio un salto, oppure mando il gatto... :)
      Saludos!

      Elimina
  22. Interessante come da adolescenti possiamo sentirci affascinati da insospettabili adulti e specialmente dagli insegnanti. In modo speculare anch'io mi sentivo affascinata da alcuni insegnanti di certo non belli e per nulla giovani: però avevano un particolare magnetismo i motivi sono tanti e non li scambierei per attrazione erotica (ovviamente parlo per me). Quello che trovo divertente è che guardando la storia dal punto di vista adolescenziale , essendo sotto tempesta ormonale, si può interpretare come "attizzante" qualsiasi cosa e la meno ovvia anzi più ci intriga;-) Che è scritto in modo bello e interessante te lo dico.... ma chetelodicoaffà? Già lo sai !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo una frase di Eco su quelle predisposizioni all'innamoramento simili a filtri d'amore: ti innamorerai della prima cosa che vedi, potrebbe essere un ornitorinco. Se vale per l'amore, figurarsi per ogni singolo momentaneo eccitarsi, specie a quell'età.
      Vorrei però tranquillizzare eventuali ex compagni in lettura: la Jena non era cosa, piuttosto l'ornitorinco... :D

      Elimina
  23. Ah volevo aggiungere: bello il nuovo fumetto di intestazione !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà sono più o meno gli stessi che girano. Ho tante idee nuove ma non trovo mai il tempo, e così rimango fedele alle "strissie" liceali, che sono anche un simpatico ricordo...
      Ciao! :)

      Elimina
  24. Penso di aver anch'io un soprannome, è letterario, c'entra qualcosa Joyce ( vediamo se indovini ).:)

    p.s.
    scoperto qualche anno fa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dev'essere traumatizzante, per una prof, scoprire il proprio soprannome... E se il tuo fosse particolarmente cattivello, non lo vorrei mai indovinare... :)
      Baci8

      Elimina
  25. ehi zio ma lo sai che proprio mi piace qui! Sempre attuale e preciso nelle indicazioni! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così preciso che consiglio già i bestsellers futuri... :-))
      Segnatevillo...

      Elimina
  26. Serata pesante, come molte ultimamente, sono depressa, di cattivo umore, preoccupata, stanca. Per fortuna ho deciso di fare un po' di zapping sui blog e così mi sono letta questo post che mi ha restituito qualche minuto di vero relaz per il mio cervello bollente.
    Grazie, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Luz, che m'illumini il blog a quest'ora della sera, e riscaldi quest'inverno che non finisce mai... :)

      Elimina
  27. Mi hai fatto tornare indietro nel tempo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre bello vederti passare di qui. A presto, mon chevalier.

      Elimina
  28. Tanti Auguroni per una Pasqua Serena, Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, caro amico. Altrettanto a te!

      Elimina
  29. L'importante è che, nei tuoi attizzamenti adolescenziali, la presunta dentatura mobile della Jena sia sempre rimasta incastrata per bene nelle gengive. ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella questa sana spruzzata di... horrrrore! :)

      Elimina
    2. l'idea ti fa rabbrividire? anche me. Magari con una bevuta alla Billy Monk :)

      Elimina
    3. qui però siamo all'incubo castrante, a metà fra Bobbitt e le cesoie del Grande Lebowski... :-)
      meglio berci sopra...

      Elimina
    4. Cin! Ti auguro Buona Pasqua

      Elimina
    5. Grazie carissima! Tanti auguri anche a te!

      Elimina
  30. Letture così ne vorrei ogni giorno...Il giorno trascorrerebbe lieto dietro ogni rigo e si fermerebbe su ogni frase e gli occhi,sì,si stancherebbero,perchè incollati senza la voglia di staccarsi..ma ci son le lacrime artificiali per umettarli..il guaio è che libri così vorresti che non avessero fine. Come le puntate di Beautiful. Che però, tortura per i nostri occhi e orecchi, continua imperterrito da oltre vent'anni...Bello Scribo:-)Letto d'un fiato e riletto..tanto per gustarmelo un pò. Hai rievocato molti ricordi.Ps: penso di essere la perfetta aspirante Jena2, non spendo nulla in estetica e compro solo libri..Però per i quaranta ho ancora tempo!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora più che Jena2 possiamo fare "Erasma", visto che è rimasto libero... :)
      In realtà esse sono (siete) le persone migliori: avercene!
      Grazie.

      Elimina
  31. Che bello, leggendolo mi sembrava di essere tornata lì (c'ero anch'io, da quelle parti...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo quasi chiamarla agnizione... :)
      Ti ringrazio, carissima. E ti abbraccio.

      Elimina
  32. Ciao scrittore! Ho spesso visto di te in commenti da Giacynta, oggi ti ho trovato dalla prof di mate amica di Renata... e mi sono presa il tempo per farti una visita: non posso non lasciarti un saluto e un WOW com'è facile leggerti, pare di viverci dentro!
    C'è voluto tempo anche a leggere la quantità di commenti, tutti così precisi e ben formulati. Bravi a tutti dunque per quel che conta il mio punto di vista. ;)
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questa tua graditissima visita, e per le tue parole.
      Benvenuta a bordo!
      Verrò anch'io a leggerti con molto piacere.
      Ciao! :)

      Elimina
  33. hi sembra poco intenzionato a correre, per il momento, è il treno. Il suo ritardo è regola. "Forse è per via del ritardo che sui binari non è stato ancora maciullato nessuno. La puntualità può uccidere. Oggi il mio protetto è furibondo per un compito in classe andato a ramengo. Si aspettava un 7. Si è beccato un 2. «Jena puttana», borbotta con quelle labbra che dovrebbero solo dar baci, o al massimo lasciarsi un po’ infiammare dalla polpa dei fichi stramaturi. "

    Ma è tipo... geniale! D: Ed il bello è che non ho neanche bisogno di ricordare dato che sono ancora un povero adolescente arrapato e perseguitato dall'odio e dai capricci dei professori ( che poi è dalle elementari che mi masturbo pensando alle maestre )!! Oltre all'evidente capacità descrittiva mi colpisce moltissimo la tua abilità nel rendere non solo narrativamente, ma soprattutto stilisticamente la potenza primigenia e impetuosa della giovinezza...
    Eppoi Erasma è mortale XD

    Un saluto, e scusami se in questo periodo mi connetterò raramente!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ci tenevo in modo particolare alle tue impressioni. Sia per una questione di età, sia per il tuo modo di essere e di scrivere.
      Abbraccio ricambiatissimo! :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)