"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

lunedì 10 gennaio 2011

Intermezzo - Poesie del poeta pentito (3)

Fra una Mordilla e l'altra, nuova morsicatina di versi adolescenziali.



ALFABETO



Arriveremo
Bagnati
Correndo

Diremo
Eravamo
Fuggiti
Giurando

Ho
Intuito
La
Mia
Natura
Oramai

Piangerò
Quando
Resterò
Solo

Tu,
Unico
Vero
Zingaro





ESTASI E ABBANDONO



Adesso dimmi chi sei
Ragazza-Fata-Donna-Dea
Dolce illusione nel blu
Dimmi, sei solo un'idea?
Luce infinita per gli occhi miei
Saliamo ancora più su
Stringimi un poco di più
Sei forse un sogno anche tu?
Sei forse un sogno anche tu?





L'ULTIMA SOGLIA



Il tuo trucco leggero leggero
Simboleggia dei sensi l'impero
Forse al mondo cercavo davvero

Biglie di vetro nel solaio della nonna


26 commenti:

  1. Le tue poesie mi colpiscono al cuore in senso letterale. Sento i battiti. La seconda e la terza sono disarmanti, struggenti! Mi piace molto il modo in cui isoli l'immagine suggestiva del vetro. Come in una ricetta orientale accosti il caldo al freddo, il morbido al rigido, il colore vivo, alla trasparenza.

    RispondiElimina
  2. penso che...
    sì, è stato un pentimento opportuno, ahah!

    con affetto e stima :D

    RispondiElimina
  3. Io Correndo Arrivo Bollito, di solito.
    Comunque grazie, da un quarto d'ora non riesco a togliermi il sorrisino ebete da "biglia di vetro". :D

    RispondiElimina
  4. :)))) anch'io come WebRunner son rimasta colpita dalla biglia: ricordi d'infanzia ed ermetismo rotto… fanno male cazzo! ;)

    RispondiElimina
  5. sono rimasta particolarmente colpita dalla prima poesia "Alfabeto". Incredibile come si possa dare un senso alla vita attraverso poche semplici parole.. gli acronimi hanno sempre esercitato un certo fascino su di me! ;) COMPLIMENTI!!! :D

    RispondiElimina
  6. un alfabeto che bisognerebbe imparare a scuola...

    RispondiElimina
  7. Mi è venuto in mente John Fante, forse perchè ho visto in tv la versione del gigantesco "Chiedi alla polvere" (così così il film, a parte Salma Hayek che ... lasciamo stare), forse perchè "prove" adolescenziali.

    RispondiElimina
  8. ... sarebbero da musicare!
    ciao ciao.

    RispondiElimina
  9. La prima: Geniale!
    La seconda: Dolcissima ed elettrizzante!!
    La terza: ...emh.. non l'ho capita...

    Buona notte Zio!!

    RispondiElimina
  10. "Alfabeto" è semplicemente eccezionale... Bravo Zio! Complimenti davvero..

    RispondiElimina
  11. * Goccia di neve
    spiegazione pedestre, come tutte le spiegazioni di poesia: l'ultima soglia è la (mia) follia, in cui si viene precipitati dal cambio improvviso di rima, di ritmo, di metrica e di senso, anzi, di nonsenso. l'inizio è erotico-sentimentale, perché in fondo è da lì che nascono (quasi) tutte le forme di pazzia, mentre l'ultimo verso mi è stato ispirato in parte da vere bellissime biglie colorate che trovai da piccolo esplorando il solaio della nonna paterna, e in parte dal testo di una canzone che all'epoca ascoltavo, contenuta in The Wall dei Pink Floyd, che tradotta un po' malamente dice: "Pazzi giocattoli in soffitta, sono pazzo / Devono avermi rubato le biglie". Devo dunque qualcosa a Roger Waters, anche se ringrazio con un caldo abbraccio chi leggendo queste poesiole ha pensato al meraviglioso John Fante...
    e naturalmente già che ci sono vi ringrazio e abbraccio TUTTI. E' sempre bello scrivere per voi!

    RispondiElimina
  12. Riuscire ad interpretare non è mai facile, non mi considero cosi elevato...però è un piacere leggerti...le biglie di vetro sono state sempre il mio tesoro nascosto, uniche, colorate, con le bollicine immerse intrappolate per sempre, come quel sacchetto che le conteneva.
    Salutoni...:-)

    RispondiElimina
  13. Zione la finisce di "colpire" così tanta gente con i tuoi scritti? Come ti permetti? Ehhhh? Diccelo. :)))

    Complimentoni.

    Ciao MOSTRO DI GENIALITÀ. ;)

    RispondiElimina
  14. Tu,
    Unico
    Vero
    Zingaro

    Sei tu e i tuoi viaggi o IBra ? ahahhah
    Un abbraccio !

    RispondiElimina
  15. Complimenti, davvero particolari.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. E con la tua splendida inventiva poetica, non mi doni un haiku????
    Cristiana

    RispondiElimina
  17. * mark
    sì, il bello di quelle biglie è la stessa cosa che dici tu: la loro unicità, non ce n'era una uguale all'altra, anche se erano tante e alcune si somigliavano, se guardavi bene variavano le nervature o le sfumature di colore...

    * LeNny
    meno male che vi colpisco con gli scritti e non a bigliate in testa... :-))
    grazie carissimo, ciao!

    * 4EverInter
    per fortuna la poesia è troppo vecchia per riferirsi a Ibra, e poi se si riferisse a lui direbbe, per conservare la zeta:
    Tu,
    Unico
    Vero
    Zomaro... :D

    Abbraccio

    * Kylie
    e un abbraccio davvero particolarissimo a te, mia carissima amica: dopo quel post che tu sai continuo a pensarti, e ad augurarti ogni bene.

    * cristiana 2011
    hai ragionissima cristiana non più 70... :D però devi considerare che sono davvero un poeta pentito, e che non posso forzare un ritorno dell'ispirazione, tanto meno a fini competitivi di poetica sfida... Facciamo così: se frugando fra queste vecchie cose adolescenziali trovassi qualcosa dalla metrica adattabile te ne farò dono, ma fuori concorso... altrimenti verrò con piacere a leggere le proposte degli altri, e a dare il mio voto.

    RispondiElimina
  18. 1) Per fortuna era un alfabeto italiano. Sai doverci mettere anche JKXYW?

    2) Qui mi sa che c'era una che ti piaceva, ma (come al solito) nisba...

    3) Sei sicuro che fossero biglie di vetro e non gli occhi di riserva del nonno?

    Eri adolescente, ma si vedeva già la potenza dello Zio Scriba.

    RispondiElimina
  19. * Stefy
    tenera anche tu come sempre :D

    * Il grande marziano
    Il punto uno è una sfida: ci potrei provare... Sul 2 no comment. Sul 3 mi sto scompisciando di prima mattina...
    Grazie. Un abbraccio.

    E ora, chiedendo scusa al giovane Nick poeta, vado a postare un'Eresia flash, ché qualcuno sta martoriando i coyotes... :D

    RispondiElimina
  20. Nik- Le tue poesie sono così rare, che quando finalmente arrivano devi leggerle due o tre volte per assaporarle.
    IL ritmo parola-verso della prima mi ha ricordato il primo Ungaretti, veloce come un martello.
    "Piangerò
    quando
    resterò
    solo"
    avrei voluto scriverla io.
    "Sei forse un sogno anche tu?"
    la seconda, la ripetizione, la trovo geniale in quel fulmineo contesto.
    Forse anche io come te cercavo "biglie di vetro nel solaio della nonna".
    Sarà che io sono un tuo estimatore e un tuo amico, ma mi sembrano maledettamente buone.

    RispondiElimina
  21. * Enzo
    sì, forse c'entra molto l'essere estimatore e amico, però ti ringrazio maledettamente lo stesso!

    RispondiElimina
  22. Oooooh... adesso ho capito, almeno credo di avere capito :)
    La tua spiegazione ti fa quadagnare un'altro: Grande Ziooo! :)
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  23. * Goccia
    e io ti riabbraccio...

    * Ernest
    esagerato come sempre... ma comunque il mio ego artistico-creativo ringrazia... :D

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)