"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

giovedì 18 novembre 2010

Sorensen Puddu - Replica (16)

non amarmi ti meno


Ardevo in la biemmevù benimboscata al buio a cm pochi dal mio malassortito e non corrisposto ammòre (io nella mia fase Jane, lui sempre Tarzan, ma meno sofisticato e istruito, più trinariciuto, più Cito imburgnito, e pure maledettamente cocciuto) quandecco telefonò l’intempestivo Ezequiel
Aló, como va?
Bene, grazie, e tu?
Bene, grazie, e tu?
Bene, grazie, e tu?
Bene, grazie, e tu?
Chiedigli come sta, s’intromise il mio malassortito ammòre
Il mio malassortito ammòre mi chiede di chiederti come tu stai, o intempestivo Ezequiel
Bene, grazie, e lui?
Bene, grazie, e tu?
Bene, grazie, e lui?
Lo so che repetita scassant, ma del resto riattaccare in faccia a un amico è cosa che a livello galateiale non si fa, linasotis stradocet
Laocoonte per cui spensi

Ti dissi ti amo e tu rimanesti esterrefatto come uno stronzo uscito di bocca, cioè col permesso di linasotis cagato contromano. Poi arrivò la tua risposta e io rimasi tume fatto. Ti dissi ti odio e tu mi dicesti OK, questo è accettabile. Eppure credevi nell’amore universale e ti piaceva quel signor cristo. Ti diedi un bacetto piccino e lieve sul labbrotto e tu con un pugno mi facesti volare quattro denti dei più belli tra cui proprio il mio preferito contro il parabrezza interno della biemmevù. T’appioppai una pappina spaccanaso e tu dicesti OK, questo è già più normalino-omologatino, finalmente un gesto schietto da ometto perfetto – che ce l’avresti un fazzoletto por la sangria nasàl?
Ma de nuevo, mierda y vacca merenda, l’intempestivo Ezequiel
Ola, cioè s-ciaos, como vas?
Mira che il movìl es spentolinos!
Bene, grazie, e tu?
Aggia skassat’a miinkya!
Bene, grazie, e tu?
Simulai un ictus alle batterie.

Eravamo sempre lì, mi sdentàt, yu epistàss (ma come ci eravamo arrivati a imboscarci così bene? allora inconsciamente ci stavi, brutta checca repressa?) me Yanez corretto Marian, tu Sandokaz, ma più bruto, più rude, più puzzolente, atto a difendere la tua macha pisellonità anacronistica a colpi di scimitarra scorbutika e fetente
Mi vuoi un po’ di bene?
Boh
Un po’ di pene?
Passo
Bacino?
Ti ammazzo
Cazzotto in testa?
Yess
Ma di che segno sei?
Lattuga
Questo spiega tutto
Cioè?
Che ne so. Mai stato attento, alle spiegazioni

Provai con una carezzuola, e mi ammollasti una cazzuolata di quelle che arrivano di taglio nelle balle, frastagliandole. Ti assestai un bel calcione nel culo che così da seduti non so come ci ebbi riusciuto e tu mi dicesti OK, finalmente un comportamento non dico da maschio ma almeno, perdiana, da uommmo. Eppure credevi n’il dolce clito universale e nella bellezza senza pari dell’amore. Ti regalai una rosa e tu mi denunciasti delatore al telefono macho. Eppure pergabbana avevi sempre detto di non sapere il numero. Ti dissi Guarda che meraviglioso planar di gabbiani nel crepuscolo e tu mi sputasti in bocca. Ti dissi Fffiuuuuu, ardakeffffffiiga! mentre passava la tua mamma, e tu mi dicesti Forse non sei del tutto senza speranza, ex amico mio, e comunque vaffanculo e beccati ‘sto gancio alla bocca dello stomaco e non farti più vedere, brutto finocchio. (Hai ragione, scusa: tua mamma non è figa. È un cesso umano che mollami, anzi, scrofigno. Altri due denti). Ma perché rifiuti di godere assai mediante stimolazione digitale del tuo perineo sulla biemmevù benimboscata al buio che non ci vede nessuno, per colpa di uno stolto pregiudizio viriloide? Se il tuo dio non avesse voluto farci godere non avrebbe dato un punto G financo ai cazzoncelli, o quantomeno non lo avrebbe piazzato da quelle parti lì!, postulai. Allora tu come risposta volesti stimolarmi un’altra settina di piccole ossa gengivali, e quella mi conveniva considerarla oltre che un uppercut una risposta definitiva, giacché i dentini cominciavan a scarseggiare, e l’effetto di tanto affetto a influire su certe consonanti della mia dizione

Sulla biemmevù si creò un grandevuoto, riempito solo dalla scoreggia di cui mi omaggiasti prima di scendere furibondo e petente. Incisivi e premolari a parte, non una grandeperdita per me, ma una doppia perdita (di Me e di gas) for you
Ti consigliai una visitina da mio cugino, il famoso gastropetologo (vetero etero, vai tra)
Ti chiesi anche perché diavolo scendevi e te ne andavi, visto che la biemmevù era la tua, ma tu non volesti sentir ragioni e io pensai di correre a rivendermela
Tornatore indietro ti facesti per dirmi una robina
Stavi forse insinuando che il mio subconscio è frocio, visto che la macchina era mia e guidavo io e son venuto a imboscarmi con te?!!
Che ne so
Allora tienti il mio subconscio e la biemmevù e andatevene affanguglia tutti e tre
Posso rivenderla?
No, mangiala
E con cosa la mastico?

A quel punto ero talmente ferito e contuso e sballottato e sanculotto da non capirci più un cristo, e allora in quella mi apparve un tizio e disse Vedo che la mia storia non ti ha insegnato proprio nulla
Ma come, non capisco
Dico, sapevi di giovanni e ci provi lo stesso con diegubaldo? Se è andata male a me, come speravi andasse a tu, che sei fetecchia di polvere e polvere tornerai, e scaracchio di cenere nel mio portacenere?
Non capisco.
Vedi di svegliarti!
Cioè?
Ti sto chiedendo, sapevi di giovanni?
Diciamo di sì, lo assecondai.
E per cosa credi che mi abbiano appeso?
Va bene, ma tu chi cavolo sei, che non capisco più un cristo?
Sono per l’appunto l’invan summenzionato unto e non caputo
Presi uno spillo e feci scoppiare l’apparizione

Mentre cercavo denti sul tappetino ritelefonò l’intempestivo Ezequiel
Uélla, come va?
Egne, accie, e u?
Bene, grazie, e tu?
Egne, accie, e u?
Bene, grazie, e tu?
Sfanculai e riagganciai (cara linasotis, quando ci vuole ci vuole) ma poi tu ti rifacesti tornatore indietro (2 maroni) e mi dicequi Va bene mi hai convinto sono tuo baciami carezzami proteggimi sposami riempimi di coccole leccami succhiottami penetrami sfondami sgonfiami fammi, fammi di tutto e fallo presto che più non resisto ammoremmìo!
Spiacente, risposi, tempo scaduto, è orora terminata la mia fase Jane, ho giustappunto appuntamento fra due minuti e un quarto con tua sorella per una trombatella regular vaginella
Fin troppo prevedibboli la tua reazzzione:
denti finiti, storiella pure

fimmafo: foenfen fuffu


44 commenti:

  1. Politically correct in atmosfera neo-futurista? Comunque, valida partitura di bello scrivere!

    RispondiElimina
  2. ...macché politico?! macché corretto?!

    te sei figo e basta!...non ci credi?...dai! leggimi l'elenco del telefono (non le cagate che leggono da fazio)...e vedrai come parte la mod!

    :))) love always, funny face, mod

    RispondiElimina
  3. Con te ci si sganascia, te l'ho detto e a rischio di un vaffa te lo ripeto ancora.
    Ti garantisco che è 100.000 volte meglio leggere cose tue scritte magari poco prima che vai a dormire, che ascoltare le stronzate che adesso va spargendo Morattone dopo tre ore di tiro incorociato a colpire la bidella grassa e stronza senza peraltro coglierla, purtroppo.

    RispondiElimina
  4. ahah! ma... quanti denti gli son rimasti alla fine?
    bellissimo :)

    RispondiElimina
  5. * Adriano

    No, no, corretto mai: sono antiomofobo, gay onorario e cantore della bisessualità, ma piuttosto che la lagnosa melassa politically correct preferisco le barzellette sui "ricchioni" (se fanno ridere; e se non le racconta un primo ministro in carica...) :D

    * mod

    Quello era Gassman, che poteva leggere anche il biglietto del tram...
    Comunque GRAZIE!

    love, nick

    * Vincenzo

    Mi sa che più che un vaffa sparerò un "grazie" pure a te... Sull'altra cosa è stato illuminante leggere che il "vertice" con la pupazza è stato fatto dall'asino branca e moratti JUNIOR: probabilmente il morattone sta abdicando, ma il morattino, da bravo delfino-trotino, non è all'altezza. O comunque non è ancora pronto. E si vede.

    RispondiElimina
  6. * robidick

    dal modo in cui pronunciava il proprio nome direi più o meno quasi... zero. :-))

    RispondiElimina
  7. p.s. io in compenso ho sbagliato a scrivere il tuo, robydick: mi sa che mi sono rimasti zero neuroni... :D

    RispondiElimina
  8. Zione, ti porto i complimenti di un paio di colleghi d'ufficio... Anche loro drogati del tuo Blog ti leggono sempre ma hanno vergogna a scrivere, quindi tocca a me fare il lavoro sporco. :P

    Per l'altro discorso, se a Tokyo dovessimo andare male (toccata di palle con strizzata) forse è la volta buona che ci leviamo dai coglioni il "Pùpaz".

    Un abbraccio.

    LeNny

    RispondiElimina
  9. * LeNny

    Be', se sono drogati tu ricattali dicendo che se non vengono almeno a farmi un salutino io chiudo tutto: voglio vedere, poi, la crisi d'astinenza... :D
    Scherzi a parte, salutali e ringraziali!
    (Vedo con piacere che Pùpaz ti è piaciuto...)
    Un abbraccione

    * patèd'animo

    E a te uno speciale abbraccissimo stritoloso, per la fantastica squisitezza con cui mi tratti sempre. :-))

    RispondiElimina
  10. @Zione:

    Tranquillo domani riferisco. :)

    Sisi "Pùpaz" l'ho gradito. :P

    Ciauz. :)

    RispondiElimina
  11. Frastagliare le palle è da pochissimi.
    Ma il gastropetologo è unico.
    Omaggi viverrimi!

    RispondiElimina
  12. Ma è geniale, strageniale, e carica di perle, grazie! Sei anche riuscito a farmi ridere, nella complessità del testo! Sarà costata una protesi dentaria, ma ne è valsa la pena! Bella storiella :D

    RispondiElimina
  13. Fantastico. Stimo il tuo pusher ancor di piu' di te.
    L'escalation baciami carezzami proteggimi sposami riempimi di coccole leccami succhiottami penetrami sfondami sgonfiami fammi, fammi di tutto e fallo presto che più non resisto ammoremmìo! mi ha fatto letteralmente crepare :D
    E io, che sono nella fase Cheetah della mia vita, non posso fare altro che levarmi il cappello (stavo per scrivere "scappellarmi" ma poteva essere frainteso) davanti a un genio creativo invidiabile.

    RispondiElimina
  14. Ma dietro l'intempestivo Ezequiel si nasconde forse la sorella di cui alla trombatella regular vaginella?
    Ma come fai a scrivere e a ridere contemporaneamente? Mi fai un'invidia...

    RispondiElimina
  15. Colonna sonora: Edith Piaf - Mon Manège À Moi (Tu Me Fais Tourner La Tête)? :D

    p.s. http://www.interfans.org/forum/showthread.php?t=127407

    RispondiElimina
  16. bella lì... soprattutto il finale alla Jannacci!
    :))

    RispondiElimina
  17. * web runner
    viverrimi ringraziamenti, mon ami!

    * Andrea
    non finirò mai di stupirmi, io stesso, di come la scrittura più iperbolica e demenziale sia debitrice della stretta realtà. Una volta ricevetti la telefonata della persona sbagliata nel momento sbagliato, quindi l'affrontai a cervello spento (o acceso ma sintonizzato su altre cose) e dopo il mio Come va? e il suo Bene, grazie, e tu? mi toccò con sgomento sentire la mia stessa voce che di nuovo, meccanicamente, diceva Bene, grazie, e tu?... Da lì mi venne l'idea-vertigine del Bene grazie e tu potenzialmente INFINITO... :D

    * il Socio
    con lo scappellamento a destra come foss'Antani?
    In verità il pusher involontario dev'essere stata mia madre: anche se era una brava casalinga anni Sessanta, deve aver ingerito a sua insaputa qualche sostanza strana mentre era in attesa di me, perché sono nato già così, e sono perennemente "fuori" senza assumere niente... :-))

    RispondiElimina
  18. * Tullix
    no, no, ch'io sappia sono due entità separate...
    In effetti la mia scrittura è per me un formidabile antidepressivo (ma lo è anche, se non soprattutto, quando scrivo cose tristi...)

    * Reverend Emi
    gustata la colonna sonora e letto l'ennesimo capitolo della pupazzeide. Grazie.

    * unwise
    un omaggio a Silvano, una delle canzoni più divertenti di sempre... bello il nuovo avatar guerresco, anche se preferivo il ragazzo con chitarra... :D

    RispondiElimina
  19. spontaneo, interessante, curioso, avvincente, improbabile, folle e a tratti anche un po' schifoso... :) insomma praticamente reale.
    bello. ciao
    p.s. ma alla fine quale è stata la dinamica del calcione nel culo da seduti in macchina... non mi do' pace!!! ;)

    RispondiElimina
  20. * elena
    in effetti tale dinamica continua a risultare misteriosa pure a me... ma se consideri che in quel luogo magico squillavano telefonini spenti e apparivano divinità poi fatte scoppiare con uno spillo...
    Grazie, e ciao!
    Un abbraccio. :D

    RispondiElimina
  21. Ho dovuto leggere e rileggere per assaporare la tua scrittura. Particolare, graffiante, difficile, avvincente.

    RispondiElimina
  22. * Luz
    Intanto grazie per avermi letto e riletto!
    Facendo il verso al modo di esprimersi dei critici da sussidiario, potrei dire che questi pezzi sono più "zioscribeschi" che non "pezzoliani" (brrr come suona male, ma quelli parlano proprio così...)
    Diciamo che questa è la variante sperimental-pirotecnica della mia scrittura...

    RispondiElimina
  23. Sempre grandissimo Zio! Il tuo grottesco è più vero del vero.

    RispondiElimina
  24. Splendido. Meraviglioso. FANTASTICO.
    Prendo appunti..certe espressioni, sicuro, le riciclo.
    Citando la fonte,eh!
    Mi ci volevano queste risate in questa giornata di lutto furente :(
    Grazie zio :)

    RispondiElimina
  25. * Ale
    Già, nel grottesco c'è sempre più verità di quanta non se ne vorrebbe. Basti pensare alla verità, in teoria sconcertante, cui si accenna nella parte iniziale a proposito di "ti amo" e "ti odio": dal primo, se detto alla persona sbagliata, possono nascere guai e tragedie; dal secondo, di solito, tutt'al più un'alzata di spalle.

    * Grace
    Con questi cambiamenti di look mi fai morire... così il tuo lutto rischia di essere doppio... :D

    RispondiElimina
  26. Questo è Nicola Pezzoli, grandioso!
    :D

    RispondiElimina
  27. * Stefy
    Uno dei 14 autori di questo blog mattacchione e schizzatello... :D
    Ciao, da tutta questa folla che affolla la mia testa! :D

    RispondiElimina
  28. questo pezzo l'avrò letto cinquanta volte( fa parte delle stampe clandestine) e ogni volta mi fa allocchire.Sei bravo zio,tienti bene abbi cura di te,ho voglia di abbracciarti.

    RispondiElimina
  29. * fizzi
    Grazie, carissima amica. Per quel che può valere un abbraccio virtuale, io ti abbraccio adesso!

    RispondiElimina
  30. Stavo guardando Genoa - Juve, è entrato un certo Sorensen. Al che mi è venuta spontanea la domanda: Sorensen Puddu è gobbo, per caso? Così a sensazione, potrebbe anche essere...

    RispondiElimina
  31. * Reverend Emi
    se scopro che è gobbo gli sottraggo un altro paio di denti anche se li ha finiti... totalino denti da zero a MENO DUE... :D

    RispondiElimina
  32. Bellissimi i complessi e sofisticati dialoghi, dimostrazione inconfutabile dell'esistenza dell'anima.
    Grazie Nicola!

    RispondiElimina
  33. Non so che cosa penserà e dirà adesso il delfino-trotino. il Morattino prence ereditario. Non so cosa dirà adesso il vecchio Morattone delfone-trotone. Ho paura che non succederà niente e il dopo Verona sarà come il prima Verona, cioè un sacco di balle e di stronzate, dette in assoluta libertà, tipo "fiducia illimitata in Bernitez" roba così.
    Aspettiamo ancora tre sere, arriviamo compatti a mercoledì sera, quando entrerà in campo il Twente. Aspettiamo e vediamo cosa succederà.
    Se si perdesse -come temo- e il ciccione lardoso e bavoso rimessee sulla nostra panchina, sarebbe da fare la marcia su Milano per la rimozione forzata di tutto il gruppo dirigente.
    Ad majora gente, ad majora.

    RispondiElimina
  34. * giacynta
    Sono io che ti ringrazio, cara amica: senza persone come te, noi scrittori ci saremmo estinti già da qualche anno... (e proprio oggi riflettevo su una piccola, curiosa, coincidenza: il commento più bello e più generoso, su ibs, a proposito del mio romanzo, è firmato da un certo Giacinto...)

    * Vincenzo
    ad malora, temo...

    RispondiElimina
  35. Guarda un pò questi fiori! Vado a vedere il commento, è davvero una curiosa coincidenza. Ciao!:-)

    RispondiElimina
  36. * giacynta
    scoprirai una vertigine da Paul Auster allo stato puro, nel senso che lo stile del più recente, carinissimo commento puzza di Canalina lontano un miglio: fosse davvero lei, avremmo forse il primo esempio al mondo di protagonista di un romanzo che si vendica dell'autore dandogli un brutto votarello su internet... :-))))

    RispondiElimina
  37. Bello bello bello bello bello bello bello (tanti bello per tutti i denti lasciati nell'abitacolo, e anche di più). Pirotecnico è aggettivo giusto anche se non bastevole. Bella l'onda continua che si alza e che decresce e che si alza ancora e che alla fine si infrange ridendo. Un grande abbraccio. Cristiana

    RispondiElimina
  38. * Cristiana Curti
    grazie grazie grazie grazie....
    abbraccio gigante ricambiato!

    RispondiElimina
  39. L'ho letto due volte. A tratti, nell'andamento delle parole e del ritmo mi ricorda il Verga. E' da pochi scrivere così.

    RispondiElimina
  40. Ho letto! E' sufficientemente rabbioso. Può essere come dici tu. Certo, bisogna riconoscerle la conoscenza dei classici!
    Bacio.

    RispondiElimina
  41. * Alberto
    Anche se citi un nome un po' troppo grosso (che in parte mi lusinga e in parte mi imbarazza) sono sempre più felice di averti fra i miei lettori. Merci!

    * giacynta
    Già: chissà che frecciata intelligentona credeva di tirarmi, la pseudo valentina. Secondo me non ha nemmeno letto il libro... :D
    Bacio.

    RispondiElimina
  42. ahahahahaha zio mi è "venutO" di leggerlo "alla Fo"...ahahahah ,un bacio sul dente che jerimasto :) e un abbraccio al neurone ;)

    RispondiElimina
  43. Ma guarda chi è rispuntato!!!!
    Ciaoooo, supermitico Paul!!!!!! :)

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)