l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 8 ottobre 2010

ANTROPOMETRIA - Il meritato esordio di Paolo Zardi


Oggi voglio concedermi una recensione come quelle che scriveva Bukowski: semplice e immediata, forse un poco ingenua, ma fatta con quel genuino, sincero entusiasmo che dovrebbe essere il succo di tutte le recensioni che abbiano lo scopo di mettersi al servizio dei lettori e della scrittura, e non di mettere in mostra la bravura del recensore.

E allora semplicemente vi dico, consiglio, ordino: leggete il bel libro d’esordio (l’atteso e promettente esordio) di Paolo Zardi intitolato Antropometria e appena pubblicato dalla Neo Edizioni (pagg 176, € 13), una giovane e appassionata casa editrice che oltre a fare libri originali e coraggiosi ha pure la prerogativa non da poco di fare bellissime copertine. Inutile dire che la Neo è piccola ma onesta: fossero imbroglioncelli a pagamento non ne parlerei. Siete ancora lì indecisi? Non fatemi incazzare.

Dopo tanto mio scrivere (giustamente) male di tutta quella schifosa feccia raccomandata o ben maritata che non merita un cazzo ma che a mafiopoli spopola, lasciatemi la soddisfazione di dirlo: Paolo Zardi è uno che ha talento, è uno senza peli (di nessuno!) sulla lingua, e merita che i miei amici divengano suoi lettori, e i miei lettori divengano suoi amici. I suoi racconti grondano umanità e vita vera. Ma non è la squallida, banale, deludente, rasoterra docufiction degli scrittori-magnetofono che vanno oggi tanto di moda: è la vita vera narrata da un vero artista. Ché la Narrativa è ancora un’Arte, checché ne pensino certi lobotomizzati editoriali e i loro spastici scolaretti.

Questi suoi racconti, ne sono sicuro, vi daranno qualcosa. Vi daranno molto. Se non vi dessero nulla, ci sarò qua io a rimborsarvi il prezzo del libro. Non lui: io.

Parola di Scriba.

60 commenti:

  1. p.s. per qualche notizia in più (non sono bravo coi link, e non mi piace annoiarvi con pallose note, noticine, approfondimenti e rimandi), per la quarta di copertina del libro, e per un piccolo assaggio di racconto vi rimando al blog di Paolo Zardi, GRAFEMI, che trovate nel mio blog roll qui accanto, e in particolare al suo post del 6 ottobre.

    RispondiElimina
  2. Accolgo con fiducia il tuo consiglio.Appena riesco a procurarmelo ti faccio sapere le mie impressini.Ho cmq troppo stima della tua capacità di giudizio per avere dei dubbi sulla qualità dell'opera in questione.

    RispondiElimina
  3. Non voglio farti arrabbiare...
    Ciao, Giacinta

    P.S. Bella la definizione di "scrittori-magnetofono"

    RispondiElimina
  4. Dopo aver letto (su tuo suggerimento) il mitico Fiaba a New York, mi fido di te. Dunque, come disse Troisi: mo' me lo segno. ;-)

    RispondiElimina
  5. ecco una bella recensione! mi piace! a me che normalmente aborro le recensioni (che fanno belli i recensori). bravo zio! vado a vedere il blog e poi penso al libro (giacchè mi tocca comprare con parsimonia).

    RispondiElimina
  6. Zio mi fido di te e vado in libreria...
    un saluto

    RispondiElimina
  7. Grazie del consiglio Zio. :)

    Ciao.

    RispondiElimina
  8. mi fido, appena avrò finito di pagare i testi scolastici di mia figlia..lo acquisterò ;o)

    RispondiElimina
  9. mi fido pure io!!! e ovviamente segno nella lista dei libri da comprare!

    RispondiElimina
  10. eh, sì, obbedisco! ho bisogno tanto che qualcuno mi dica, mi dia… grazie Zio! Bello zio! :****

    RispondiElimina
  11. Grazie della fiducia, cari amici e care amiche (ma vi assicuro che è ben riposta... :D)

    E un caloroso benvenuto a Enrico.

    RispondiElimina
  12. * Harmonica
    Un giorno (se non mi sparano prima) troverò il tempo di occuparmi dello sconcio (quasi solo italiano) dell'editoria scolastica: gli scuolabus pieni di bambini e zainetti con lo zainetto che pesa IL TRIPLO del bambino; la bufala degli "aggiornamenti" (o dell'adozione selvaggia e immotivata di testi sempre diversi) per impedire a famiglie con più figli di riciclare i libri del fratello maggiore; libri che dovrebbero insegnare ai bimbi a leggere e scrivere ma, per risparmiare sui correttori di bozze, sono infarciti di errori (nel libro di prima elementare di una mia nipotina, libro già mediocre di suo, trovai scritto "cavalllo", con 3 elle!); baroni universitari che invece di testi ben più validi "consigliano" il libriccino del cazzo scritto da loro, lasciando intendere che tanto le domande all'esame le prenderanno solo da lì (e che vorrebbero l'ergastolo per il Reato di Fotocopia, quando il vero reato, in molti casi, è che LORO siano titolari di una cattedra...

    RispondiElimina
  13. p.s.
    e visto che oggi ho usato più volte la parola "merito", permettetemi di esultare per IL NOBEL A MARIO VARGAS LLOSA, uno dei più meritati degli ultimi decenni!!

    RispondiElimina
  14. Grazie del consiglio, terrò presente.

    RispondiElimina
  15. Jovanotti - Mi fido di te.

    Poi ti faccio sapere.

    RispondiElimina
  16. perchè non leggi anche i miei?

    RispondiElimina
  17. * Tizyana
    Benvenuta anche a te!

    * Rospo
    Pensa che nel 1989, al Car di Albenga, il signor Jovanotti ebbe l'onore di dormire nella stessa branda in cui un mese dopo avrei dormito io... :D

    * Lorenzo
    Magari li leggerò, anche se sinceramente questo non mi sembra il miglior modo di proporli... Tieni conto che nelle scelte di lettura sono molto selettivo (dopo quello che ho visto e raccontato in Tutta colpa di Tondelli leggo praticamente solo stranieri, e bravissimi italiani come Zardi - di cui avevo già letto racconti su Grafemi - non sono che una felice eccezione) ma soprattutto tieni conto che io ho aspettato con pazienza di esordire a 41 anni con un editore vero, quindi, per dirla in maniera magari antipatica ma, come mio solito diretta e onesta, mi auguro che tu non sia un APS (autore a proprie spese) perché io personalmente (anche se rispetto le scelte altrui) ho sempre trovato più dignitoso stamparmi le mie cose, rilegarmele in formato A4 tipo copione cinematografico e farle leggere (ovviamente gratis) agli amici che me ne facevano richiesta, così come adesso gratis metto a disposizione di tutti sul mio blog battute, racconti e assaggi di romanzo...
    Scusa la rudezza, ma credo che per diventare amici si debbano evitare le ipocrisie e i giri di parole: magari un giorno scoprirò che sei un autore eccelso e ti chiederò scusa in ginocchio, ma oggi francamente non potevo che rispondere così... :D

    RispondiElimina
  18. * Ri-Euterpe
    scusa, mi ero da poco svegliato con l'acido lattico del calcetto (ripreso dopo anni e anni) salito fino al cervello, e non avevo capito che ti riferivi a Vargas Llosa... :-))
    (per un attimo avevo pensato a Mario Balotelli...)
    Mi unisco e confermo: Viva Mario!!!!

    RispondiElimina
  19. Mi sembra che hai "azzeccato un cavallo vincente" ... e tu sai di cosa parlo. ;)

    RispondiElimina
  20. * Ally Buk
    prima risposta: sembra anche a me;
    seconda risposta: sì, lo so. ;-)

    RispondiElimina
  21. Penserò al tuo consiglio, dato che tu scrivi bene, quindi te ne intendi di autori, e che hai fatto un'ottima parte iniziale, pienamente condivisibile, del tuo post!

    RispondiElimina
  22. * Adriano
    Grazie. E se intendevi dire che nella seconda parte mi sono lasciato un po' andare... hai pienamente ragione!

    RispondiElimina
  23. Abbiamo imparato a conoscerti su questi schermi , ci hai convinto dal primo istante e hai confermato la nostra sensazione commento dopo commento. Perchè mai non dovremmo accogliere il tuo consiglio, tanto più hai citato Bukowski quindi siamo sicuri saranno soldi ben spesi. Grazie

    RispondiElimina
  24. * Erotici Eretici
    lo zio Buk ne ha appena ordinata una copia dal Paradiso degli Scrittori (che si chiama così ma in realtà si trova, ovviamente, in uno scantinato-taverna di quello che i kattolici chiamano Inferno, dove spero un giorno di poterlo raggiungere per farmi una bella bevuta con lui...) :D

    RispondiElimina
  25. Appena passo in Italia lo compro, parola. Anche per venire in contatto con una Casa Editrice seria, che non chiede soldi.
    Hai ragione: la copertina è fantastica. A primo acchitto sembra un quadro di Francis Bacon, con quel rosso sangue di maiale scannato posto come fondale.
    Eh sì! Le copertine hanno la loro sacrosanta importanza. L'occhio vuole sempre la sua parte.

    RispondiElimina
  26. * Vincenzo
    siccome so che sei anche pittore, magari t'interessa sapere che il quadro in copertina è di Toni Alfano (sul quale non so dirti altro, essendo io, purtroppo, ignorantissimo in materia - ma credo abbia un suo sito ufficiale).

    RispondiElimina
  27. Grazie Nik.
    Ma lo sai che c'ero quasi arrivato da solo? Avevo visto una serie di questi suoi acrilici su cartone da "Zeppelin" dell'anno scorso, formidabili.
    Queste vite strapazzate, addormentate dentro scompartimenti di vecchie carrozze di un treno notturno che non sai da dove sia partito e dove diavolo sia diretto, seppure ce l'abbia un traguardo, una stazione d'arrivo che forse non esiste mi avevano fortemente colpito.
    Lo sapevo umorista, quasi caricaturista, provocatore e me lo trovo trageda, perché di drammi umani si tratta.
    Ricordo che mi colpì quel suo rosso sangue di maiale scannato. Come certi rossi di Francis Bacon, pensai.
    Ero a Udine, a casa di un vecchio amico, che aveva questa pubblicazione. Dentro una quarantina di lavori, cioè di immagini di lavori di Alfano.
    Hai fatto benissimo a ricordarmelo, ti ringrazio.

    RispondiElimina
  28. comprerò sicuramente, grazie :)

    RispondiElimina
  29. * Vincenzo
    finirò col volerla anch'io, una copertina di Alfano... questa è davvero un ottimo, splendido biglietto da visita per il libro di Paolo!

    * robydick
    come sempre, grazie a te per l'attenzione che mi dedichi. :D

    RispondiElimina
  30. Ciao zio, come vanno le cose? Ultimamente sto scrivendo pochissimo e leggendo ancora meno... però passo per un saluto! Scrivi... !

    RispondiElimina
  31. * Greg
    Ciao carissimo! Be', dire a me "scrivi" è come dirmi "respira"... Sarà fatto! :D

    RispondiElimina
  32. Accidenti, c'è però un piccolo problema di distribuzione. La Neo Edizioni non è distribuita in Piemonte e in alcune altre regioni. Certo, posso rivolgermi direttamente a loro o passare dalla distribuzione di un'altra regione, ma in conto assoluto, cioè pagando le copie subito e senza diritto di resa, il che per una libreria, per quanto attenta a nuovi scrittori e a editori coraggiosi, è un suicidio. Esiste la possibilità del conto vendita, ma pochi editori (e in genere quelli con produzione più scadente) lo praticano. Con una distribuzione nazionale centralizzata (Messaggerie) o con una che copre tutte le regioni (PDE) il discorso è diverso: all'interno di un rapporto di conto corrente puoi rischiare anche un approvvigionamento non simbolico, mal che vada dopo un po' di tempo rendi e ci rimetti pochi punti percentuali. D'altra parte tali distributori spesso applicano condizioni capestro ai piccoli editori. Occorrerebbe forse che i piccoli si consorziassero e stabilissero collettivamente dei rapporti diretti con le librerie interessate a non vendere solo pappette omogeneizzate e replicate.
    Quanto poi agli autori APS dovrebbero sapere che vengono considerati dai librai dei veri patetici flagelli: per carità umana i libri che portano direttamente in conto vendita vengono anche accettati, ma finiscono inesorabilmente, dopo le richieste di amici e parenti, a prendere giustamente polvere nel retro, schiacciati da immondizia venefica tipo Coelho, Pansa e vampiri vegetariani in crisi ormonale.

    RispondiElimina
  33. * Tullix
    Spero vivamente che, essendo nati da poco, riescano presto a risolvere il problema. Del resto, in questo deprimente panorama dominato da caimani e sciacalli più o meno mafiosi, interessati solo a fare grano facile vendendo pupù (gustosa la tua citazione di Coelho, la Tamaro Col Pizzetto) chi è onesto, originale, coraggioso non può non essere al tempo stesso piccolo e un po' isolato. (Che poi, io sono un fustigatore degli sconci italici, ma è probabile sia così un po' dappertutto: non credo che la mitica Black Sparrow che lanciò Bukowski fosse superdistribuita dal Pacifico all'Atlantico).

    Nel frattempo, colgo l'occasione per consigliare, a chi avesse difficoltà a reperire il libro, il sito di ibs.it, lì lo troverete di sicuro.

    Altro consiglio fuori tema: potendo, preferite SEMPRE i piccoli librai appassionati come il nostro Tullix: aiutiamoli a non chiudere!

    RispondiElimina
  34. * Tullix 2
    Capitolo APS. Da quando ho pubblicato avrò ricevuto 20 lettere di APS che proponevano uno scambio-ricatto: io compro il tuo se tu compri il mio, e facevano pure dello spirito sul fatto che ci avrei guadagnato, perché il mio costava 16 e il loro 12!! Peccato che gli autori veri incassino solo piccole percentuali: accettendo le 20 proposte, io avrei incassato la bellezza di 16 euro TOTALI (lordi e liquidati l'anno successivo) mentre avrei dovuto sganciarne, netti e subito, 240!! Questo per rimanere su un gretto e squallido piano economico. Ma su quello artistico? Magari uno di questi 20 era un Genio, ma sappiamo benissimo che figure potevano incarnare gli altri 19: il Mitomane, il Giallista Semianalfabeta, il Poeta del Pianerottolo, il temibile Filosofo Rionale... E allora cosa faccio, per trovare il Genio li leggo TUTTI? Non sono milionario, e se lo fossi troverei modi migliori per passare il mio tempo! Però, in fondo, vanno capiti: perché NON dovrebbero credersi tutti degli scrittori, visto l'esempio che danno le grosse case editrici? Se certe mezzeseghe escrementizie pubblicano libri, e ne vendono pure tanti, perché il filosofo rionale no?! Chi glielo spiega che la tale gallina pubblica solo perché è la moglie del Tal dei Tali, e che poi vende grazie alla leccaculaggine dei recensori, alla mafiosità di premiopoli, alla dabbenaggine di noi lettori?

    RispondiElimina
  35. Ho letto qualche pagina su Internet e sembra promettente anche se solo potró leggere questo libro solo nel mio prossimo viaggio in Italia l'anno prossimo.Comprarlo per Internet costa piú la spedizione del libro !!!!!
    A meno che qualche anima simpatica me lo regala a Natale :-)))

    RispondiElimina
  36. Domani devo andare in libreria, spero che ce l'abbiano. Mi hai incuriosito. Ciao.

    RispondiElimina
  37. Zio Scriba, non posso (parlo al singolare, anche se dovrei al plurale. mi riesce più facile) che ringraziarti per la bella e diretta recensione. e ringrazio tutti per aver alimentato la vita di questo post - non si ha mai un'idea precisa dell'origine delle energie.
    Non mi esprimo su "Antropometria", non avrebbe senso, ma vorrei intervenire sulla questione "distribuzione", dunque sulla reperibilità del libro.
    Il meccanismo della distribuzione è un meccanismo puramente economico e per quanto noi della Neo abbiamo difficoltà nello scalfire questo muro, questo grande ostacolo, non ci sentiamo nemmeno di biasimarlo troppo. Alla base di tutto resta la curiosità ed il fiuto del singolo (sia esso distributore, libraio o lettore), non ultimo, il coraggio e un'idea che vuoi portare avanti.

    Dirò cose pratiche: il libro può essere acquistato dal nostro sito www.neoedizioni.it (con vari metodi di pagamento, e, se non lo comprate in contrassegno, non ci sono spese di spedizione), ed è meglio che andare su IBS (il tempo di spedizione e di consegna è molto più breve); sempre sul nostro sito sono indicate le regioni in cui siamo distribuiti ma ciò non vuol dire che una data libreria sia già in contatto con quel distributore; ci sono poi delle librerie (poche, ma sempre in crescita) con cui abbiamo contatti diretti, lì lo troverete.

    La distribuzione è complessa, ma se c'è la curiosità e la voglia l'ostacolo si supera.

    @ Tullix: noi abbiamo contatti diretti con le librerie e con loro facciamo sempre un conte deposito, mai assoluto, purchè ci sia un minimo di copie ordinate. Se ti va a noi fa piacere. Il nostro catalogo è ricco, non tanto in quantità ma in qualità.

    Spero di aver detto cose sensate e se vi interessa approfondire i meandri della distribuzione, io son qua. Anche se Zio Scriba ne sa almeno quanto noi, se non di più.
    In ogni cado, se posso, consiglierei di approfondire "Antropometria" (ne vale la pena) e questo blog. Ma qui, sono io ad essere un pò a digiuno.

    Grande blog, complimenti.

    NEO. edizioni

    RispondiElimina
  38. * Neo
    Dire che il tuo intervento è una gradita sorpresa, che mi rende fiero e orgoglioso, è dire poco.

    Correggo volentieri il tiro per quanto riguarda il consiglio sul metodo d'acquisto: chi non trovasse il libro in libreria, PUO' ORDINARLO DIRETTAMENTE SUL SITO DELLA NEO EDIZIONI, cui si giunge cliccando su "Neo" all'inizio del precedente commento. (Vale comunque la pena di farci un giro, anche per vedere il modo innovativo, energico, originale e intelligente che hanno di presentarsi e di descrivere i loro potenziali autori)

    Per intanto ti ringrazio: per la tempestività dell'intervento, per i complimenti (sarebbe inutile e ipocrita negare il piacere che mi hanno fatto!), per le preziose informazioni.

    RispondiElimina
  39. * 4EverInter
    così rischi di ritrovarti con decine di copie, visto che i miei lettori sono tutti anime simpatiche... :D
    Più seriamente, consiglio anche a te di leggere l'intervento di Neo e di fare un giretto sul loro sito: immagino che per l'estero sarà più complicato, ma credo che anche per te, se vorrai, ci saranno condizioni più vantaggiose che non con ibs.

    * Alberto
    Grazie dell'attenzione, e benvenuto anche a te nel mio blog.

    RispondiElimina
  40. "Siete ancora lì indecisi?
    Non fatemi incazzare."

    Mi fai sempre ribaltare dalla sedia!
    Cmq, hai incuriosito anche me!
    Il signor Neo.Edizioni sappia che persino io son sceso dalla montagna in questa felice occasione. Augh!

    Ciao carissimo, sei sempre fenomenale!
    Lu

    RispondiElimina
  41. * Lu
    Amico carissimo! Che piacevole sorpresa questa tua ricomparsa! Mi mancavi, sai? L'avevi poi visto il mio ultimo accorr'uomo? (non è in fondo al tuo ultimissimo post, ma al penultimo, forse è stato stupido da parte mia, perché ho rischiato non lo leggessi mai...) Adesso non sparirmi di nuovo, eh. (L'hai presente la bellissima NON SPARIRE di Evtushenko?) Ciao e grazie della visita!! Augh!!

    RispondiElimina
  42. Che "foreta" ( spilorcio in portghese !) Zio !!!
    Speri nei tuoi lettori per evitare una brutta figura ??? ahahahahah
    Un abbraccio !

    RispondiElimina
  43. Quanto ti ha pagato per questa recensione. Mica è da Te.... ◕‿◕
    Cerco su Bol.it
    Buona serata ZIO

    RispondiElimina
  44. * 4EverInter
    La colonia genovese dei miei commentatori propone una colletta. Ti regaleremo una pagina per uno. Se farai il bravo, altrimenti carbone... :D :D
    Un GENEROSISSIMO abbraccio!!

    * Alive2
    In effetti, di solito amo essere cattivello, e parlar male di chi se lo merita, magari per bocca del mio vecchio alter ego liceale J. Stronkabook... Ma proprio per questo, poter ogni tanto parlare anche BENE è una soddisfazione, credimi, enorme... E poi Paolo è un ragazzo troppo onesto per fare cose simili, e se le facesse pagherebbe recensori un po' più bravi di me... :D
    Buona serata anche a te!

    RispondiElimina
  45. grazie per essere passato da me :) così io sono potuta venire da te e devo dire che mi sono subito lasciata convoincere dalla tua recensione.... appeno esaurisco l'ultima spesa di libri lo leggerò!! ciao
    p.s. te l'ho già detto da me... ma te lo ridico qua: per la copertina.... Magari!!!!! sarebbe bellissimo! ;) ciao

    RispondiElimina
  46. scusa per gli errori... a quest'ora ho difficoltà di coordinazione dita testa! ;)

    RispondiElimina
  47. * elena
    Grazie, e benvenutissima anche a te. Per i due piccoli refusi non era proprio il caso di scusarti, ne capitano di ben peggiori pure a me: diciamo che il poco tempo e queste maledette tastiere finiscono col movimentare creativamente i nostri commenti... :D
    Ciao!

    RispondiElimina
  48. Messo in lista! Appena approdo in Feltrinelli (o dove sono sicuro di trovare libri di piccoli editori che non stanno sugli scaffali delle librerie belli esposti in prima fila) lo compro! Promesso :)
    Grazie x il consiglio

    RispondiElimina
  49. * Andrea
    Grazie a te per averlo accettato! :)

    RispondiElimina
  50. Ho kerouac a mezzo e mi rendo conto di non avere il tempo materiale per leggere (e fare tante altre cose)... in quanto a letture faccio veramente schifo! Ciao Nik.
    :(

    RispondiElimina
  51. * Orietta-Stefy-PreferivoStefy (:D)
    il bello è che mi tocca pure considerarlo un complimento: non hai tempo, hai Kerouac a mezzo, ma ti sei letta il maledetto Pezzoli... :D
    Ciao!

    RispondiElimina
  52. Lo compro a occhi chiusi. (Poi li apro e lo leggo...)Mi fido ciecamente di zio!

    RispondiElimina
  53. * Simo
    Tanta fiducia è davvero gratificante, e persino commovente. Spero di poter continuare a meritarla, a esserne all'altezza!

    RispondiElimina
  54. comprato su amazon! vi segnalo una recensione qui http://totanisognanti.blogspot.com/2011/12/antropometria-di-paolo-zardi.html
    e' veramente notevole!
    Carlotta

    RispondiElimina
  55. preso su amazon it..
    vi segnalo anche la recensione dei totani qui http://totanisognanti.blogspot.com/2011/12/antropometria-di-paolo-zardi.html

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)