"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

sabato 10 agosto 2019

Altre letture estive (1)


Walter Tevis – L’UOMO CHE CADDE SULLA TERRA.

Voto: 8

Chi come me si sente un po’ alieno in mezzo ai terrestri non dovrebbe perdersi per niente al mondo questa piccola gemma narrativa.
Un romanzo originale, avvincente, acuto, struggente, scritto bene: vivamente consigliato da Zio Scriba.



16 commenti:

  1. Dello stesso Walter Tevis mi è piaciuto un sacco "La regina degli scacchi". E' il suo penultimo romanzo del 1983, veramente appassionante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo già messo in lista, ma se così non fosse stato ce l'avrei messo ora grazie a te.
      Un abbraccio, e buon fine settimana.

      Elimina
  2. Questo ce l'ho in lista da tempo... volevo anche indagare un po' facendo un'inchiesta sul mio blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per smascherare gli alieni fra noi? Io confesso apertamente di esserlo... :-))))
      Ciao Ferruccio!

      Elimina
  3. Credo di esserlo anch'io...altrimenti non mi saprei spiegare la mia costante attrazione per tutto ciò che li riguarda.
    Quante volte da piccola mi ritrovavo da sola in mezzo al cortile a guardare all'insù, sperando che venissero a prendermi che io quì non ci volevo stare..
    Ciao Nik, grazie per il tuo cosiglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come il Corradino di Quattro soli, che più conosceva gli uomini più sperava negli extraterrestri. E nel frattempo amava i gatti.
      Un abbraccione, cara Maura. Ciao!

      Elimina
  4. E' davvero una "piccola gemma narrativa", come tu scrivi, caro Nicola, il libro di Tevis. Un romanzo malinconico e molto delicato. Ne posseggo una copia, in edizione scolastica Mondadori, molto vecchia, trovata nei mercatini dell'usato. Memorabile anche la versione cinematografica con David Bowie. Ho letto altri testi di Tevis, sempre belli e appassionati, pubblicati da Urania.
    Grazie per questo tuo ulteriore e prezioso contributo offerto alla letteratura! Un abbraccio,
    Gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene: malinconico e delicato. E delicatamente t'invidio per quella tua rara antica copia... :)
      Il film mi manca, e m'incuriosisce, anche per la presenza del grande David, pur sapendo bene che la parola scritta rimane sempre una magia difficilmente superabile.
      Un grande abbraccio anche a te, caro amico.

      Elimina
    2. Siccome sono momentaneamente lontano da casa e dai miei libri (e lontano oggi anche da angurie e riso al forno...), andavo a memoria. Quindi un paio di precisazioni, dopo breve gironzolare e controllo in Rete:
      l'edizione scolastica è del 1977 ed è sì dell'editore Mondadori, ma esattamente di Bruno Mondadori. Inoltre, tra i libri di Tevis che ho letto, c'è (coincidenza!) la raccolta di racconti intitolata "Lontano da casa", di cui ricordo gli umori favolistici e di dolce tristezza. Lessi il libro nel 1991, appena uscito con Urania.
      Grazie ancora, Nicola, e abbracci bis!
      Gaetano

      Elimina
    3. Autore sicuramente meritevole di approfondimento e più assidua frequentazione, come ho detto più sopra anche a Lucien.
      Grazie a te per il contributo!

      Elimina
  5. Guardai il film tempo fa, ripromettendomi di recuperare il libro. Poi, tra una cosa e l'altra, mi sono accorto di essermene scordato. Fino ad ora. Ecco, è arrivato il momento di recuperarlo per davvero ;) Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, confermo che merita veramente. Anche se il problema di aver visto prima il film è che esso agirà con violenza sulla tua mente, obbligandoti a rivedere i personaggi allo stesso modo (David Bowie era un artista meraviglioso, un mito, un'incarnazione della parola androginia, davvero perfetto per un alieno, ma il protagonista che ricreavo leggendo il romanzo non gli somigliava per niente...)
      Un saluto anche a te!

      Elimina
  6. Io (come mi succede quasi sempre) ho letto il libro e poi ho visto il film - giudicando, come avviene nel 100% dei casi, che nessun film tratto da un libro renderà mai giustizia al libro stesso. Quindi, sappi che se faranno un film su Corradino o su Paolo Lizzenci io NON andrò a guardarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che non corri il rischio: ultimamente i nostri registi sono così pigri che trasformano in film (con pedante puntualità) solo i "capolavori" alla rovescia che vincono premi o dominano classifiche...

      Elimina
  7. Romanzo che mi commosse tantissimo quando lo lessi la prima volta. Ha ragione Lucien, La regina degli scacchi è altrettanto bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se già era in lista, con questa ulteriore nomination balza ai primissimi posti.

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)