"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

giovedì 14 settembre 2017

Nicola Pezzoli – IL BAMBINO CHE SBAGLIAVA LE PAROLACCE



ECCE BIMBO!

I miei 43 racconti più belli.

Grazie in anticipo a chi vorrà leggerli.

ORDINABILE SOLO SU AMAZON







20 commenti:

  1. Ma così ci vizi, Zio Scriba...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È inevitabile: scrittore vizioso, lettori viziati. :-)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Viva il lupo, amico Cavaliere!
      Grazie. E serena giornata pure a te!

      Elimina
  3. Alle parolacce non so resistere!
    Bella notizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speravo tanto che Lettori e Amici come te la considerassero bella. Grazie! E buona lettura!

      Elimina
  4. Adoro i racconti, e qui ben 43 di Zio Scriba. Come resistere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora 43 volte buona lettura!!
      (Anzi 86 volte, se a leggere sarete in due...) :)

      Elimina
    2. Certo, ora tornati dalle ferie, prenderemo il libro ;)

      Elimina
    3. Bentornati! E poi fatemi sapere... :)

      Elimina
  5. ..questi non me li lascio scappare!Ciao amico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti abbraccio forte, caro Amico di penna e di tastiera, e ti auguro una Goduriosa Lettura.
      Ciao!

      Elimina
  6. Ciao Nicola, ho comprato l'e-book e me lo sto già gustando...spero che la collana Irrenhaus abbia vita lunga, è bello leggerti senza filtri e freni. Era da un po' che non venivo sul blog, da quando l'anno scorso mi sono iscritto a fb, che sarà più pratico e veloce, ma anche più impersonale. Invece qui è come stare a casa tua, non so se mi spiego. Una curiosità(se puoi/vuoi rispondere): Per questi ultimi due libri hai tentato di trovare un editore oppure hai deciso subito per l'autopubblicazione?

    Un caro saluto, Allen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che voglio rispondere: quelle che per certi intellettualini ipocriti sono domande scomode per me sono invece inviti a nozze per esercitare la mia schiettezza e sincerità, e allora volentieri ti dico che per questo libro il progetto è stato subito ed esclusivamente quello dell'autoproduzione, perché una certa rigidità editoriale nostrana porta o a non pubblicare le raccolte di racconti o a pubblicarle alle loro condizioni, sempre troppo restrittive e omologatrici, e quindi non ho nemmeno voluto provarci. (Il materiale della Pazzoteca La Paz l'avevo invece proposto anni fa al mio editore, ma persino lui che è molto più coraggioso e illuminato della media me lo rifiutò).
      Buon proseguimento di degustazione, caro Allen, e torna quando vuoi in questa mia casa-zattera, dove le persone intelligenti e buongustaie sono sempre benvenute!!

      Elimina
  7. Risposte
    1. No, confermo: Grazie a Te e alle persone come Te!
      A presto!

      Elimina
  8. Eccoci qui con un nuovo libro che promette faville...
    Ma quel bel bambino dall'aria furbina, sei tu?
    Lo ordino subito perchè con questo virus eterno che mi ritrovo, di tempo ne ho di più dipende tutto dagli effetti collaterali o le medicine se le carissime non mi fanno girare i fondelli , e mi permettono di far cio' che più o meno limitatamente desidero fare.
    Ti stringo forte, anzi di più...quando vieni ad Imperia, in questa magnifica cittadina dai tratti feudali compresi gli abitanti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per queste tue parole, mia dolcissima Amica.
      Sì, il bambino in copertina sono proprio io.
      Ultimamente, piccole e grandi incombenze spiacevoli (salute del babbo in primis) mi legano al mio eremo ancor più di quanto io già non vorrei per il mio carattere, ma venire a Imperia è una cosa a cui penso e che prima o poi potrei anche riuscire a fare.
      Nel frattempo ti abbraccio fortissimo e ti auguro il meglio del meglio, amica mia. E buona lettura!!

      Elimina
  9. Risposte
    1. Be'... grazie! Di quella c'è sempre bisogno. Buona fortuna anche a te. :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)