Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

giovedì 16 marzo 2017

MANIFESTO (personalissimo!) ANTI COPROFAGIA LETTERARIA

I CANI MORTI 
NON CAGANO
MA A QUANTO PARE 
SCRIVONO

Soggetti (e stili) da scegliere per essere certi che NON sarò un lettore di quel libro:

1 indagini del duecentomiliardesimo commissario del put;

2 amori adolescenziali di Piercazzillo e Mariavulvetta, scritti in telefonese cerebrolesso;

3 operai innamorati della fabbrica che sta chiudendo perché cancerogena e assassina [gli scrittori italiani non vogliono che le fabbriche cancerogene e assassine chiudano, perché incredibilmente convinti che tenerle aperte sia “di sinistra”, oltre che romantico da morire];

4 storie di giovani segretarie in fregola che s’invaghiscono, ricambiatissime, del capo milionario e sposato, scritte in gossippese rosa pallido (color pelle di natica);

5 rutti intellettualoidi talmente politicizzati che invece del libro facevano prima a vendere una busta con dentro una scheda elettorale già scrocettata;

6 sbrodolate di banal saggezza cosmica e spiegazioncine su cosa sia il vero amore (con massime da cioccolatino rancido e scaduto), di autori che dovrebbero avere almeno il coraggio autoironico di definirsi furbacchioni, paraculi e impostori;

7 furbe situazioni modajole (matrimoni di campionesse olimpiche, comunioni di baby rockstar, top model che fanno la cresima, feste da sballo con “genòria” ricca e famosa che assume cocaina pure dalle orecchie…)

8 stucchevoli e arzigogolate baroccherie accademiche e prolissi virtuosismi sul Nulla, come se l’autore giocasse a nascondino e ogni tanto mollasse una scorreggia profumata come indizio;

9 ogni cosa scritta coi piedi con la scusa di farla sembrare “più vera”;

10 stronzatine di “comici” più o meno televisivi, incapaci di divertire il loro stesso cane;

11 sagajoli del (poco) fantasy copia, frulla & incolla: un trancio di guerre stellari, due tranci di signore degli anelli, un nome esotico per il nuovo eroe fighetto e via che si va [al cesso];

12 in generale, ogni scrittura insulsa, debole, sciatta, mediocre, superflua, senza sugo, ruffianamente spacciata per “raffinata” (insomma ogni libro che avrebbe potuto rinfocolare l’invettiva bukowskiana “altri sbadigli e merda di cane morto sulla povera anima già in frantumi”)

L'effetto che mi fanno è più o meno questo:



12 commenti:

  1. To', guarda, hai descritto in dodici punti l'essenza delle sceneggiature delle fic-scion di quella cosa che ci estorce il canone tutti i mesi. Non sono romanzi, quelli, ma per ognuna di esse ci siamo almeno per due o tre punti contemporanei! Anche se la vedo dura aderire a tutti e 12 insieme... il giorno che lo faranno, ecco, quella sarà una serie da premiare per la spettacolarità del peggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte le serie del tubo (l'ex tubo catodico) che sinceramente mi interessano zero, qualcuno potrebbe obiettare che tolta tutta questa roba non rimane più niente da leggere. Sbagliato: per fortuna rimangono decine di meravigliosi scrittori e centinaia di meravigliosi libri. Potrebbe non bastare una vita per leggerli tutti.

      Elimina
    2. Dal mare di ciarmame emerge sempre qualche perla: basta saperle cercare. Un Nicola Pezzoli a caso... ;) Ma anche altri, ovviamente. Sulle serie del tubo (vabbe', delle TV digitali LED di oggi) non le cago quasi mai di striscio, ma a volte mi trovo in qualche ambiente dove le stanno guardando e non posso certo trovare una scusa per andarmene, quindi mi tocca di subirmi i ragli asinini di "attori" al cui confronto un robot è umano e "trame" di amori, corna, puttanate pseudoprofonde da fessobukko e altra rumenta del genere. Le sceneggiature possono benissimo essere tratte da libercoli come quelli che hai citato nei 12 punti!

      Elimina
    3. Verissimo: è questo problema dell'"esposizione" agli Altri (a loro volta esposti al processo teleguidato di inferiorizzazione dei gusti) a rendermi sempre più eremita, malgrado creda ancora tantissimo nell'Amicizia e nei contatti umani. Perché a casa tua puoi ancora (fino a quando?) essere iperselettivo, ma basta essere costretti a frequentare un luogo pubblico, o una di quelle case con la tv sempre accesa, e la merda ti assale da tutti i lati, senza pietà!

      Elimina
  2. I libri di cucina alla benedettaparodi, i libri di ex calciatori, i libri di fabio volo e bruno vespa, i libri dei politici moderni... se mi viene in mente altro te lo vom... te lo scrivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh... hai ragionissima, ma io quella roba lì non l'ho messa perché per me è come se non esistesse: sta ancora più sotto a quella elencata, talmente sotto che per tirarla su mi ci vorrebbe una ruspa, di quelle da attrezzature speciali militari... :)

      Elimina
  3. Forse la mia è una constatazione vecchie e un po' trita e ritrita ma il guaio di questa nostra epoca sta nel fatto che c'è troppa gente che pretende di scrivere e poca che legge. Ecco perchè poi si cade in quel mare di ciarpame che tu giustamente evidenzi. Saludos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'epoca bisogna aggiungere, purtroppo, il triste contesto italico: siamo ultimi in Europa per acquisti di libri (ma primissimi per telefonuzzi pro capite, naturalmente), ma non c'è bipede che non abbia scritto un romanzone e non sia disposto a tutto pur di pubblicarlo. Più (sedicenti) scrittori che lettori sembra un paradosso, e invece è la nostra realtà!
      Ciao! :)

      Elimina
  4. Concordo, ed aggiungo saggistica sociopolitica scritta da certi giornalisti

    RispondiElimina
  5. A causa del punto 1 ti sei perso un romanzo squisito e veraMonte ben scritto :D (qualcosa mi dice che ti giocherai la Juve contro il Barca così in un caso o nell'altro hai vinto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhuh... è dall'inizio della stagione che punto deciso sulla Pupù de Turìn (triplete compreso...) Di qui alla fine mi toccherà tifare per i gobbi (quasi) come se fossi un gobbetto anch'io. Mal che vada gli avrò tirato una gufata portentosa. :-))))

      p.s. e come l'hai chiamato il tuo Kommissar? (Secondo me il genere è talmente inflazionato da lasciare qualche spazio solo per la parodia: commissario Petagna sarebbe perfetto :D)

      p.p.s. comunque col Barcellona il passaggio turno è sicuro: la banda del buco Ter Seghen-Shakiro ne ha beccati 5 dal PSG, figuriamoci se non li becca dalla Pupù... e a Muflòn non ne fanno certo 6!!

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)