"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 25 settembre 2015

In arrivo per voi: L’AMORE AI TEMPI DELL’APOCALISSE



Per chi fra un romanzo e l’altro fosse in astinenza di me, segnalo la presenza di un mio racconto – sconvolgente, politicamente scorretto e vietatissimo ai minori – intitolato “Le scimmie che c’erano prima”, in questa bellissima antologia curata da Paolo Zardi per le edizioni Galaad.
(E per chi fosse zardiano come me, sono lieto di annunciare che c’è anche un SUO racconto, insieme a molti altri che – ne sono sicuro – vi piaceranno, vi sorprenderanno, vi faranno paura).


20 commenti:

  1. Grazie per la segnalazione, la crisi di astinenza si fa sentire davvero forte!
    Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti voglio bene, Xavi, e ti abbraccio anch'io. :)

      Elimina
  2. Bene bene, un buon titolo è sempre gradito e poi vuoi mettere un libro con dentro un racconto dello zio?
    E' anche una occasione per conoscere Zardi che non ho mai letto.
    Grazie
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antologia doppiamente benemerita, se servirà a farti conoscere e apprezzare anche Paolo! :D
      Grazie a te!

      Elimina
  3. E ce lo dici così? Sai che abbiamo il cuore debole (nei tuoi confronti) e siamo sempre in astinenza da te. Manchi tanto e ogni occasione è buona per parlare del tuo mondo da me. E c'è anche Zardi. Ottimo, si parte alla ricerca. Un bacio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta, non è ancora uscita... :D
      Però manca davvero poco poco. (Vi farò sapere).
      Bacio grandissimo anche a te!

      Elimina
  4. Ottimo suggerimento, perchè tu ci sai fare!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la fiducia e la stima, cara amica! :)

      Elimina
  5. Due ottimi motivi per non privarmene; la lettura dei tuoi scritti e di quelli di Paolo è l'unico imperativo a cui mi piego volentieri:)
    ( in realtà c'è un terzo motivo: sono curiosa di sapere come hai affrontato l'argomento: sapendo che per te i sentimenti sono tali se si mantengono integri, puri, mi chiedo cosa avrai inventato per garantirne la sopravvivenza in questa waste land.. )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detta così, ho paura che stavolta potrei rischiare di deluderti. Ma preferisco pensare che riuscirò a sorprenderti. In fondo forse è vero: in me i sentimenti e la tenerezza ci sono sempre, ma mai come stavolta bisognerà cercarli fra le righe, come perle purissime nascoste nel fango, o in qualcosa di peggio...
      Un abbraccio grande.
      E un baci8! :)

      Elimina
  6. Già il titolo è un invito, ma dovrò saper attendere... ahimè per un po'. Cercherò di fare il più in fretta possibile. Un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è fretta: tutte le mie cose diventeranno dei long seller... :-))
      Abbraccio grande anche a te!

      Elimina
  7. Sono molto curiosa, mi sconvolgerai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo di sì: è un racconto veramente estremo. E non per il puro gusto di scandalizzare, ma perché in quel momento sentivo l'urgenza di esprimere certe cose, belle e brutte, cioè di spingermi il più a fondo possibile negli abissi dell'animo umano, e l'argomento me ne dava l'opportunità, mi ci obbligava quasi...
      Ciao carissima! :)

      Elimina
  8. Terrò in conto il tuo suggerimento.
    E devo decidermi a prendere Zardi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes. :)
      E fra i tanti suoi bellissimi libri, consiglio di cominciare da ANTROPOMETRIA.

      Elimina
  9. Great blog!!

    If you like, come back and visit mine:
    http://albumdeestampillas.blogspot.com

    Thanks,
    Pablo from Argentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dall'Argentina mi spammi in angloide? :)
      Mah... Ancora un po' di tempo e lo faranno in CINESE...

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)