Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 23 aprile 2014

Eresia Flash: Non sparate sull'omino Michelin!

XXL IS NOT A KILLER

Il sensodicolpismo antioccidentale sta perdendo ogni ritegno. In preparazione della melassa terzomondista e pauperista che ci sommergerà in occasione di expo 2015, qualcuno è arrivato a veicolare messaggi di puro terrorismo morale del tipo “per ogni persona obesa ce n’è una che muore di fame”. Detto così, papale papale (papestre papestre). Uno slogan che mi è toccato vedere anche su riviste intelligenti come Internazionale.
Un modo decisamente brutale, irresponsabile e superficiale di far sentire in colpa delle persone innocenti, facendo addirittura balenare (ma guarda un po' che verbo grasso ho scelto) una relazione di causa-effetto.
Come se ogni obeso (che magari ha già problemi di salute suoi, e non sempre è obeso perché si abbuffi) fosse direttamente e automaticamente un assassino!  
Per non parlare della piaga dei bambini sovrappeso, vittime precoci di un sistema iperconsumistico e pubblicitario, vero DOPPIO killer degli obesi e degli affamati (e dei tecnoglioniti in fasce: i Dead Digital).
E nessuno che abbia il coraggio di far passare messaggi meno boldrineschi, più corretti e quindi più scomodi. Del tipo: se muori di fame e hai 42 fratelli, probabilmente l’assassino è tuo padre. (Magari in concorso con chi ha deciso che munirlo di smartphone fosse più urgente e più vantaggioso che munirlo di Preservativi).

Ma del resto è una strategia, un meccanismo perverso, che già conosciamo, lo stesso della "beneficenza" ricattatoria e dell'accat-tonaggio aggressivo, lo stesso della politica populistico-pauperista: gli straricchi (con gran faccia tosta) fanno il lavaggio del cervello ai poveri e ai semipoveri, per farli sentire in colpa nei confronti dei poverissimi. Così loro possono lavarsene le mani e la coscienza: da fautori dello scempio si trasformano in capoclasse.

Parliamoci chiaro: se il pianeta fosse all'insegna della cooperazione e della fratellanza, nessuno morirebbe di fame. Ma proprio per questo, perché scassare la minchia ai fratelli obesi, facendo incazzare anche me che sono magrissimo?

E adesso, come antidoto al dilagare del politistronzocally correct, gustiamoci un po’ di buon vecchio Totò. Buon appetito.







32 commenti:

  1. Ho smesso di sentirmi in colpa per qualcosa tanto tempo fa. Ne parlavo con mia mamma di recente e forse siamo entrambe diventate un po' ciniche, ma alla fine ci si deve pur difendere no?

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il senso di colpa, insieme alla sessuofobia, è una delle tante piaghe regalateci dal (malinteso) cristianesimo.

      Elimina
  2. Sono molto di più quelli che muoiono di fame degli obesi, comunque. Ed ancor di più quelli che se ne fregano a cominciare da certi tipi che si affacciano la domenica dispensando la propria "vicinanza" a chi non lavora, a chi affoga, a chi schiatta, a chi non ha casa, a chi viene sparato, a chi gli rubano la casa da sotto il culo. Vabbè.. mo' che me so' sfogato.. annamo a fa' colazione va..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho subito pensato anch'io che gli affamati fossero assai più degli obesi. Ma lo slogan, e la mentalità che ci sta dietro, rimane subdolo e inaccettabile. La struttura su cui si regge il mondo andrebbe cambiata radicalmente, anzi probabilmente capovolta, ma non puoi permetterti di dire alle persone che ogni volta che mangi ammazzi qualcuno. Fra l'altro, la direzione di questa retorica violenta è sempre nord-sud: mai nessuno che dica all'africano obeso che per colpa sua i bambini lapponi fanno la fame...

      Elimina
  3. Partiamo dal concetto che non si può fare di ogni erba un cannone (ops, un fascio!): l'obesità è una malattia ed è molto grave, poi c'è quella che viene perchè si mangia come maialotti ma non bisogna metterle sullo stesso piano.
    Per quanto riguarda il morire di fame, so di essere un pò stronza ma sine offensa nessuno ha mai detto "scopate come ricci e mettete al mondo 10 figli".
    Pensa che una volta in un discorso fra amici ho proposto "perchè non imporre la sterilizzazione nei paesi del Terzo Mondo o almeno una legge dura come quella imposta dalla Cina?": me ne hanno dette di tutti i colori, ma non cambio idea, mettere al mondo 10 figli in un paese privo di risorse dove la popolazione non fa niente per cambiare le cose è da coglioni.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta facendo dietrofront anche la Cina: per secoli si sono salvati dagli assurdi Dèi del "crescete e moltiplicatevi", ma adesso stanno capitolando al cospetto del Dio Denaro. E il Dio Denaro ha bisogno di schiavi. Ma tanti.
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. ciao Zio
    battono questa strada perché è la più facile, far sentire in colpa gli altri invece di agire su altre cose. Ultimamente mi è capitato di partecipare ad un torneo di bambini e indovina un po' cosa c'era in premio per ogni miglior giocatore di ogni partita... un buono da McDonald.
    Credo che tutto passa anche dalla nostra educazione e da quello che vogliamo fare... logicamente il resto dipende dagli interessi di chi sappiamo noi.
    un saluto zio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo alle solite: la limousine con scorta motorizzata del potente miliardario sfreccia col semaforo rosso, ma se poi quello fermo al semaforo col pandino del '79 si lamenta perché il lavavetri al servizio del racket gli ha sputato sul parabrezza, quello della limousine si permette di fare il predicozzo moralistico a quello del pandino!!!!
      Un saluto anche a te, carissimo.

      Elimina
  5. "messaggi meno boldrineschi" peccato che non puoi vedermi perché quando l'ho letto ho applaudito.

    T'immagini se scrivessero nelle riviste "per ogni ninfomane c'è un eunuco"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che è poi il motivo per cui nei Paesi nordici riuscirei a essere di sinistra al 100%, mentre in italiA non riesco a spingermi oltre il 90: da noi si ritiene obbligatorio che per essere "di sinistra" si debbano avere queste deliranti idee boldrinesche e manconiane, del tipo "accogliamoli TUTTI". E se ne arrivano cento milioni al giorno? Ci spostiamo?

      Elimina
    2. se ne arrivano 100 al giorno facciamo come i noti quattro elefanti nella 500: due avanti e due dietro!

      Elimina
    3. Però che razzistaccio specista questo della 500: venir fuori a dire che sulla sua macchina gli elefanti non ci stanno... :-)

      Elimina
  6. Quando a novembre del 12 ho subito l'alluvione da tubo rotto sono dimagrito otto chili in poco meno di due mesi. Effetto acciuga in scatola. Cambiata casa un anno fa ho continuato a mangiare le stesse quantità di cibo che mangio da una vita e ho recuperato cinque chili in un anno. L'obesità non è dovuta all'abbuffarsi, forse inizialmente ma poi intervengono altri fattori, quali disfunzioni renali ed epatiche, pessimo funzionamento del pancreas, sangue povero di eritrociti, eccetera.
    L'unico complesso di colpa è verso me stesso: non avere dato ascolto a chi mi diceva -una sessantina di anni fa- di frequentare un'accademia d'arte, specificamente quella di Venezia, dove ho seguito solamente i corsi di nudo. Ma io rispondevo: "Pittori si nasce e non si diventa in un'accademia"
    Stronzate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando qualcuno cerca di farti sentire in colpa, di solito l'unica vera colpa è perdere tempo per stare ad ascoltarlo!

      Elimina
  7. Avrei molto da dire sull'argomento. Tra le tante cose, per esempio, che l'obesità così come l'anoressia spesso nasconde un disturbo di tipo psicologico. E' una patologia o, meglio, un suo sintomo che viene sempre sottovalutato. Come al solito proviamo un gusto perverso nell'additare "il diverso", sia esso grasso, magro, nero, gay. Ora ci mancava pure l'associazione obeso=assassino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Loro" ti risponderanno che sono solo dati statistici usati per sensibilizzare. Ma non è quello il modo. Decisamente non lo è. Ma non esistono talent scout per autori di slogan? Se penso agli slogan intelligenti che mi è capitato di leggere in vita mia, arrivano forse a tre o quattro in tutto. Se ci arrivano.

      Elimina
  8. Mi attirerò gli strali di qualche cattobigottosavonarola ma continuare a mettere al mondo figli su figli come conigli senza preoccuparsi minimamente di come mantenerli è da coglioni.
    Non c'è lavoro, la popolazione mondiale aumenta di giorno in giorno, le risorse del pianeta si stanno esaurendo per colpa di scelte scellerate da parte di chi si crede un unto del Signore, i ricchi che diventano sempre più ricchi sventolano sotto il naso di chi della miseria è diventato schiavo il loro "modello" di vita, la televisione ti convince che se vai a sparare due minchiate ti porti a casa tanti soldoni.
    E allora ecco che il mare viene solcato dai barconi della "speranza" pieni disperati che per arrivare sulle nostre coste (sempre che non muoino durante il viaggio) hanno dovuto pagare in soldoni sonanti questi Caronti.
    Al che io m i chiedo, perchè non usano quei soldi per crearsi un'attività nel loro paese invece di regalarli ai Caronti?
    E che colpa hanno gli obesi in tutto questo? La fame nel mondo non è certo colpa loro!
    Ciao ciao
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è uno scherzo del cazzo, ma certi cazzi hanno un po' troppa voglia di scherzare. E non se ne assumono la responsabilità.
      Ciao! :)

      Elimina
  9. ci sarebbe da risponder loro: per ogni politico che percepisce uno stipendio, 10 lavoratori lo perdono. ..cifre alla mano è più o meno così. e soprattutto il parametro è quello delle fosse ardeatine. Herr Goebbels continua a fare scuola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mai stato un bel mondo, ma pochi si rendono conto che sta peggiorando a vista d'occhio. Credono che la fine dell'Austerity sia una buona notizia per il futuro dei loro figli. Se ne accorgeranno.

      Elimina
  10. Musica per le mie orecchie..Sottoscrivo tutto quello che dici.Bisogna diffonderlo come una nuova Verità, comprese le risposte ai commenti.Un grande abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Verità rischiamo tutti di non scoprirne nemmeno una nel corso di un'intera vita, ma l'essenziale è non mettersi a belare inginocchiati davanti alle Bugie (e alle fregnacce ideo-illogiche) degli altri.
      Un grande abbraccio anche a te!

      Elimina
  11. Hai presente AA ( alcolisti anonimi) ?
    Bisognerebbe creare qualcosa del genere, che insegni a stare lontani dalle coercizioni, di qualsiasi genere.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basterebbe insegnare a pensare "in proprio": sembrerebbe una facoltà naturale, e invece si perderà nel giro di pochi decenni...

      Elimina
  12. Ma è il solito vecchio gioco dello scarica barile: non si sanno come risolvere i problemi, allora bisogna trovare qualcuno a cui.
    dare la colpa.
    Piuttosto che affrontare il problema della sovrapopolazione, del fatto che i paesi "civili" traggano benefici dallo schiavizzare quelli "non civilizzati" meglio dare la colpa agli obesi...
    Vorrei un corso accelerato di intelligenza per idioti.
    Un abbraccio, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: servono miliardi di schiavi, e quindi invece di pensare al controllo intelligente delle nascite si pensa a sfamare settanta miliardi di umani "grazie" agli ogm. Poi, se mentre li sfami si beccano qualche nuovo tipo di cancretto, che importa? Ci saranno sempre pezzi di ricambio pronti. Chi ha imposto al coro di giornalistozzi di passare disciplinatamente dalla parola "clandestini" alla deificazione del "migrante"? Non certo quattro invasati antioccidentali. È stato il Sistema schiavistico.

      Elimina
  13. niente sensi di colpa almeno su queste cose, inutili e dannose e sterili, meglio godersi un po' la vita e aiutare a renderla piacevole, gioiosa, dolce, bella, sorridente, etcetctec. anche al prossimo chiunque esso sia proprio perchè si è meno infelici e si ha più voglia di condividere, anche un buon gelato, anzi andrò a sbaffarmene uno miao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo gusterò idealmente insieme a te. Sperando non ci sia nessuno a farmici sentire idealmente in colpa. Nel qual caso lo manderemo idealmente a...
      Ciao e Miao! :)

      Elimina
  14. Colpevolmente, la categoria degli straricchi non l'avevo, finora, considerata. Felice, quindi, di averti letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commento un po' ermetico-sibillino. Ma il Benvenuto a bordo te lo do in ogni caso... :)

      Elimina
  15. Secondo me il punto è che la questione è molto più complessa. Da un lato milioni di persone non hanno di che sfamarsi, dall'altro altrettanti milioni si abboffano, mangiano schifezze e spendono soldi per curarsi da malattie dovute alla cattiva alimentazione. Ma dire per che per ogni obeso c'è un bambino che muore di fame è a dir poco riduttivo e fuorviante. E soprattutto inesatto. Perchè io posso decidere di mangiare sano, non diventare obesa e non spendere soldi in medicine, posso boicottare la Nestlè ma non posso obbligare la Nestlè a spendere i suoi soldi per sfamare le popolazioni più povere anzichè schiavizzarle e distruggere i loro territori.
    Ciao zio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo. Soprattutto con le ultime righe del tuo commento, che chiudono un cerchio e riportano al mio post: a salire in cattedra nel 2015 saranno proprio le simpatiche multinazionali, e i simpatici slogan di questi giorni sono soltanto l'antipasto...
      Ciao carissima! :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)