"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 4 aprile 2012

Micropièce (tanto per non farmi mancare nessun “genere”…)


CORTOCIRCUITO


MARCO Ciao! Come va?
MARA Bene, grazie, e tu?
MARCO Bene. Grazie. E tu?
MARA Bene grazie, e tu?
MARCO Bene! Grazie! E tu?
CEFFO O la borsa o la vita! (Puntando una pistola)
MARCO Hey, amico, non puntarmela addosso!
CEFFO O la borsa o la vita!
MARCO Hey, amico, non puntarmela addosso
CEFFO O la borsa o la vita!
(Suona il cellulare di Mara) MARA Ciao! Come va? (pausa) Bene! Grazie! E tu?! (pausa) Bene! Grazie! E tu?! (pausa) Bene! Grazie! E tu? (Avanti così sino alla fine, ma abbassando la voce, come a protezione della privacy)
(Arriva Sara)
SARA Ciao! Come va?
MARCO Bene, grazie, e tu?
SARA Bene, grazie, e tu?
CEFFO O la borsa o la vita! (minacciando Marco)
MARCO Hey, amico non puntarmela addosso!
CEFFO O la borsa o la vita!
SARA Hey, amico, non puntargliela addosso.
CEFFO O la borsa o la vita! (minacciando Sara)
SARA Hey, amico, ripuntala addosso a lui!
(Suona il cellulare di Marco) MARCO Ciao! Come va!
(Suona il cellulare di Sara) SARA Ciao! Come va!
MARCO Bene, grazie! E tu?
(Suona il cellulare del Ceffo) CEFFO (al telefono) O la borsa o la vita!
PASSANTE (rivolto a Marco) Scusi, per la stazione?
MARCO Non sono di qui. (riprende al cellulare) Bene! Grazie! E tu!?
PASSANTE (rivolto a Mara) Scusi, per la stazione?
MARA Grazie, e tu? (poi al passante) Non sono di qui. (riprende al cellulare) Bene! Grazie!
PASSANTE (rivolto al Ceffo) Scusi, per la stazione?
CEFFO (al cellulare, scandisce) O-la-bor-sa o-la-vi-ta! (gesticolando con la pistola in mano)
PASSANTE Ma vaffanculo.
MARCO, MARA, SARA (continuano, non in coro ma sfalsati) Bene! Grazie! E tu?
CEFFO (grida al cellulare) O la borsa o la vita!
PASSANTE (rivolto a Sara) Scusi, per la stazione?
VOCE CHE ESCE DAL CELLULARE DEL CEFFO Hey, amico, non puntarmela addosso!
SARA Bene! Grazie! (poi al passante) Non sono di qui. (riprende al cellulare) E tu?
MARCO, MARA, SARA continuano come prima CEFFO continua come prima
Il passante, incazzato, si guarda attorno come per scegliere un bersaglio. Poi estrae una pistola e fa secca Mara con un colpo al basso ventre.
MARCO, SARA, CEFFO continuano al telefono come niente fosse. Il passante raccoglie il cellulare caduto a Mara colpita a morte. Se lo accosta all’orecchio sinistro.
PASSANTE (al cellulare) Scusi, per la stazione?


SOKKIA. CONNECTING IDIOTS !
                                          

69 commenti:

  1. un vero e proprio corto circuito, nessuno è consapevole del proprio centro di gravità o viceversa ognuno è rinchiuso dentro la propria prigione di automatismi...vabbè...sono andata un po' in confusione! :-)))
    un caro abbraccio! Felice giornata!:-) <3

    RispondiElimina
  2. MI ERO DIMENTICATA una cosa...il ritratto che hai ricevuto è stupendo! Complimenti all'artista...e anche al soggetto! :-)

    RispondiElimina
  3. pazzesco!!! Ma mi piace proprio, rende bene l'idea di come siamo avulsi dalla realtà pur essendovi immersi

    RispondiElimina
  4. Un corto circuito divertente che subito non viene notato e fa veramente divertire, caro Nicola.
    Buona Pasqua amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. anche io avrei fatto fuori Mara.

    RispondiElimina
  6. alla fine, pensavo ci sarebbero stati più spari... non male! Hai reso l'idea.
    E' molto bello il ritratto che hai ricevuto, non conoscendo il nome dell'artista ti incarico di fargli/le tu i complimenti da parte mia!!
    A presto :)

    RispondiElimina
  7. * cristina
    Auguriamoci che il cortocircuito non sia contagioso... :)
    Ciao, e grazie!

    * Marco
    Sperando di non diventare troppo micro nei generi più grandi...

    * Tartarugola
    Hai detto bene. E' un microtesto che parla (vorrebbe parlare) anche di alienazione e incomunicabilità. I bersagli principali erano due: la cosiddetta società della comunicazione, in cui sempre meno persone hanno qualcosa da DIRE (rammento sempre una splendida frase che dice: "Comunicare è degli insetti - Esprimerci ci riguarda!") e i "ruoli" marionettistici a cui sempre più persone accettano di conformarsi (come le tanto inflazionate "figura maschile" e "figura femminile") qui simboleggiate dal ripetere per tutta la scena (per tutta la vita?) poco più che una stessa, unica frase.

    * Tomaso
    Tanti Auguri anche a te, caro amico!

    RispondiElimina
  8. * alpexex
    Confessa: il Passante eri tu! :)
    (L'hai poi trovata la stazione?)

    * Giada
    I complimenti all'Artista cominciano a essere tanti, e glieli giro più che volentieri! (Quello di una disegnatrice-pittrice come te, poi, giungeranno ancora più graditi) :D

    RispondiElimina
  9. ah ah, a te Ionesco ti fa una sega :D

    RispondiElimina
  10. però io lo capisco quel povero passante, che se perdi il treno è un problema...

    RispondiElimina
  11. * El Gae
    ahah... no, dai, lo zio Ion è un grande... col Rinoceronte aveva capito TUTTO... :D

    RispondiElimina
  12. * Guchi
    E il bello è che Marco era il capostazione... (quel soldato in borghese col cappello in divisa, direbbe Totò...)
    No, scherzavo, sto andando in corto anch'io con tutta questa umidità... :-))

    RispondiElimina
  13. ci dormo, ormai. sono uno di quelli sui cartoni.

    RispondiElimina
  14. Ciao amico, come v...mi sono incartato..Certo che il linguaggio diventa cosi', perchè devi 'comunicare' per spendere, - non viceversa - per 'sfruttare le offerte', un tot di SMS e tutte le altre inutilità..
    Piu' in generale, non si parla per comunicare: si parla per riempire imbarazzanti silenzi..

    RispondiElimina
  15. Subito avevo pensato che si concludesse con: Sara era più alta di Marco, che era piu grosso del ceffo, che era più scuro di Mara, e il passante che non era scuro e neanche grosso e neanche alto com'era? Chi era il passante? ...Bhè circa così...e invece!
    SOKKIA. CONNECTING IDIOTS !
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Ps. Dimenticata!! Il tuo rittratto. Complimenti all'artista e al suo buon cuore! e per te " Ti propri un bel fiol."

    RispondiElimina
  17. Ciao Zio.
    Mi si infastidiva il cervello ad un certo punto della lettura e mi veniva da gridare...devo preoccuparmi?!
    Avrei voluto averla io la pistola dalla parte del manico!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Elettroshock ...pre-pasquale?
    Maccca
    :o)
    P.S.: GRANDE ALDO.

    RispondiElimina
  19. Ciao Zio, datato il ritratto, per altro espressivo...e gradevolissimo. Per tutto il resto quanta amara ironia nella nostra Assenza/presenza demenziale.
    forse fra cellulari, frasi fatte, e premura, siamo tutti così.
    grande zio, ed un agnostico ugurio per una pasqua senza spari!
    gingi

    RispondiElimina
  20. l'incomuinicabilità è un tema importante nella letteratura, qui l'hai reso bene, non mi sono dilungata ma erano chiarissimi gli spunti che hai offerto :-)

    per inciso lo sapevi che Kawabata ha vinto il nobel con una serie di racconti sull'incomunicabilità? Prima neve sul monte fuji. Molto diversi dal tuo genere, ma che giravano sempre attorno allo stesso perno scelto anche da te

    RispondiElimina
  21. * il monticiano
    Grazie, ma quella è inarrivabile... :)

    * alpexex
    Tienimi un posto...

    * mr.Hyde
    Parole (purtroppo) sacrosante, le tue
    Ciao!

    * Galadriel
    Lo slogan "connecting people" mi fu subito, istintivamente, antipatico (al punto che abbozzai un raccontino con personaggetti omologati e comunicherecci intitolato Sconnecting Pippo)...

    * Marina Salomone
    Grazie, carissima :D

    * Andrea
    Bene, grazie, e tu? :-))))

    * maura
    In effetti, a pensarci bene, certe pubblicità di telefonia & affini rischiano di essere più efficaci per incrementare la vendita di... armi da fuoco... :)
    Ti abbraccio anch'io.

    * Sandra
    Grande Aldo e grande tu.
    Ciao!

    RispondiElimina
  22. * strega bugiarda
    Agnostico e pacifico Augurio anche a te, carissima!!

    * Tartarugola
    Grazie: prendo nota e alla prima pausa corro a web-documentarmi!
    Ciao! :D

    RispondiElimina
  23. ci voleva...
    grazie zio
    un saluto

    RispondiElimina
  24. Caro il mio blogger preferito, ma ciao! Un abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  25. Ho avuto un attimo di smarrimento...

    Un bacione

    RispondiElimina
  26. Dialoghi surreali portati all'estremo!
    Ognuno è imprigionato nel proprio ruolo?

    Sei bellissimo nel ritratto!
    Un abbraccio
    Teresa

    RispondiElimina
  27. Non dovrebbe essere difficile trovare i personaggi adatti, metterlo in scena rappresenterebbe l'idiozia allo stato puro, purtroppo irreversibile.
    Ciao, ziotto.

    RispondiElimina
  28. Chi gioca in prima base? :)
    anche a me piace il ritratto che ti hanno fatto...!

    RispondiElimina
  29. Da uscire fuori di testa. Grande.

    RispondiElimina
  30. * Ernest
    Grazie a te.
    Ciao.

    * Stefania
    Forte abbraccio ricambiato. E grazie per la preferenza... :)

    * Cavaliere oscuro
    Thanks :)

    * Kylie
    Io ne ho mille al giorno, di quegli attimi... L'importante è smarrirsi e ritrovarsi...
    Bacione anche a te!

    * Teresa
    La mia bellezza nel ritratto è merito del buon pennello... :)
    Ti abbraccio forte, amica mia.

    * gattonero
    Ho provato a immaginarlo ben recitato (col giusto fondale e un piccolo prologo) e in effetti viene bene... :)

    * Fra
    Ho fatto proprio bene a condividerlo con voi: giusto premio per l'Artista.

    Chi, gioca in prima base. :)

    * Gap
    Grazie, caro amico.

    E buonanotte a tutti.

    RispondiElimina
  31. Ciao, come va?
    ... non mi rispondere bene grazie e tu?

    Mi hai fatto venire in mente una famosa e simpatica gag di Uccio De Santis, un comico barese che sta al cellulare e non fa altro che ripetere, con varie intonazioni: "non me lo dire"... noooo, non me lo dire, non me lo dire... davvero? nooo, non me lo diiiire... non me lo dire!!

    ahahahahah e allora perchè non chiudi il telefono???
    altro esempio di connectin idiots! Sei forte, zio, non ti fai mancare nessun genere, sei molto acuto e grande osservatore, fai trasparire tra il divertimento l'amarezza del nulla di certi protagonisti della nostra contemporaneità.

    RispondiElimina
  32. Solo tu potevi riuscire a dare ritmo al vuoto. Magnifico pezzo rap a cui unisco un ... clap clap :)
    baci8

    RispondiElimina
  33. * Rita
    Ti ringrazio, ma posso fare di meglio... :)

    (e invece di Bene grazie e tu?, ti dirò: "O la borsa o la RITA!" :D)

    * giacynta
    Non li considero applausi da platea, ma da palco d'onore...
    Baci8

    * Adriano
    Talmente conciso e perfetto che potrei usarlo al posto del titolo...
    Ciao!

    RispondiElimina
  34. ciao! come va?
    ahahah :D
    Sei troppo avanti (nel leggere mi sono chiesta se c'era qualche errore del post e di battitura.. ;-)
    Vaty

    RispondiElimina
  35. Come al solito hai proposto una riflessione dietro una scena surreale e divertente! Bellissimo il ritratto!

    RispondiElimina
  36. La prossima piece telefonica può iniziare con un altro incubo che si tinge però di toni gialli :
    " Ciao, dove sei ? " al chè l'altro si è già scocciato della telefonata, risponde immancabilmente " sono qui, dove vuoi che sia ? " , si può movimentare con gli interlocutori che mentre parlano - si fa per dire - si dimenano su e giù, si grattano, cercano nelle tasche, e chi più ne ha ce ne metta.
    Un bacione felinosissimo

    RispondiElimina
  37. Zio sei formidabile.
    Ho riso da matti...ahahaha!
    "Bene grazie e tu" ce l'avrò in testa per tutta la serata ahaha!
    Baciotto :D

    RispondiElimina
  38. * Vaty
    Sì, c'è un po' il vecchio effetto del disco in vinile quando si incantava, ma un orecchio allenato si accorge che oggi molta, troppa gente, parla proprio così... :)
    Ciao carissima!

    * davidombra
    Grazie per entrambi gli apprezzamenti.
    Un abbraccio.

    * Felinità
    In effetti le possibili varianti sono infinite...
    Ciao e Miao!! :D

    * Melinda
    Non te la caverai con la sola serata: te li sognerai anche di notte! :-))
    Baciotto anche a te.

    RispondiElimina
  39. bellissimo ! bellissimo,adorabile testo

    RispondiElimina
  40. Hai scritto il pezzetto per me?
    Lo sapevi che mi piacciono da matti questi gargarismi del cervello:))
    È l'invasione del melenso quotidiano fatto di frasi fatte, come tanti stronzucoli defecati in fretta in attesa dei prossimi del giorno dopo.
    Speravo continuasse, ma lo sparo ci stava tutto, dopo lo sventolio di pistole.
    Ciao, alla prossima:))

    RispondiElimina
  41. silvia16
    Grazie, carissima! Un grande abbraccio per te!

    * Enzo
    Quando l'ho scritto non ti conoscevo ancora, ma te lo dedico molto volentieri.
    Ciao! :)

    RispondiElimina
  42. Un assurdo crescendo di insensata incomunicabilità fino all'epilogo, che diventerà forse il prologo per un prosieguo?

    RispondiElimina
  43. Spassoso!
    Buon weekend rinforzato, caro Zio.

    RispondiElimina
  44. Grazie della dedica, così siamo in parità, ma io penso di doverti parecchio di più:)))

    Ciao, amico mio, un abbraccio pasquale.

    RispondiElimina
  45. haahahahahah spettacolo, solo la tua mente poteva partorire un incontro/scontro/non incontro come questo! Sei un mito!

    RispondiElimina
  46. * Alberto
    In effetti un seguito ci fu, ma io l'ho pubblicato molto, molto prima: le variazioni sul tema della stazione, che se non sbaglio postai, più o meno, a inizio 2011... :)

    * Tarkus
    Buon Weekend Rinforzato anche a te, carissimo!
    (Sagace definizione... :D)

    * Enzo
    Non mi deve niente nessuno, e men che meno gli amici... :)
    Abbraccio pasquale anche a te (e meno male che pasquale è minuscolo, o poteva sembrare un mio nuovo cambio di nome... :D)

    * TuristadiMestiere
    Con una mente così... un Mito o un Matto? Facciamo un MITTO, vah... :-))
    Ciaoo!!

    RispondiElimina
  47. Ciao Nicola,non so se domani riuscirò ad avere un po' di tempo per il computer quindi gli auguri di Pasqua te li faccio così...clicca qui

    RispondiElimina
  48. * erborista1
    Grazie del pensiero! Tanti Auguri anche a te, caro amico!

    RispondiElimina
  49. E' sempre un piacere rileggerti, e dopo questo corto mi son fatto una lunga risata. A buon rendere. ^_^

    RispondiElimina
  50. Con tutto il cuore ti ringraziamo per ritenerci "preziosi" amici. Ce lo terremo caro e speriamo di esserne all'altezza. Un abbraccio forte e Buona Pasqua

    RispondiElimina
  51. * mark
    Piacere sempre reciproco, lo sai. :)

    * Galdriel
    Un grandissimo abbraccio anche da parte mia, e di nuovo tanti auguri!


    E TANTISSIMI AUGURI A CHI ANCORA SI TROVASSE A PASSARE DI QUI!

    RispondiElimina
  52. Prima di andare alla stazione...una serena Pasqua a te , amico mio!

    RispondiElimina
  53. Semplicemente geniale ! A proposito: Come va ? :)

    RispondiElimina
  54. Ciao Zio Nick, passavo prima di tutto per augurarti Buona Pasqua.
    Il pezzo rende l'idea di come siano messi certi soggetti ...
    Infine complimenti al/alla artista, il quadro è bellissimo.
    Un abbraccio.
    :)

    RispondiElimina
  55. con un forte e gioioso abbraccio ti auguro una felicissima Pasqua!
    Smack!!

    RispondiElimina
  56. ...perchè non ti manchi il baci8 di cioccolato :))

    RispondiElimina
  57. Sembra un film demenziale, tipo "Hellzapoppin" (per chi non lo conosce, non è quello che pensate voi, nonstante il titolo invitante, è un vecchio classico in b/n ...).

    RispondiElimina
  58. Meravigliosamente demenziale.
    Forse tremendamente vero...
    Dannatamente vero!
    Un bacio amico bello.

    RispondiElimina
  59. Che geni... :)
    Auguri un pò in ritardo Zione!

    RispondiElimina
  60. E' un canone a cinque voci + 1 fuori campo. Geniale - bisognerebbe trovare qualcuno che la mette in scena. A Torino, se tu stampi questo foglio e lo porti, io porto la telecamera e facciamo il video! ;)

    RispondiElimina
  61. * Paolo
    Se devo recitare anch'io faccio il Passante... :-))

    RispondiElimina
  62. Ciao Nick, riprendo con vero piacere (dagli arretrati) a leggere i tuoi scritti.
    Il primo commento a caldo su "Cortocircuito" è che sei come i migliori chef che con ingredienti comuni riescono a realizzare piatti fantastici. Tu, con poche parole di uso quotidiano che si ripetono e si rifrangono come in caleidoscopio, hai servito ai tuoi lettori una gustosa pièce degna del miglior teatro dell'assurdo. (Anch'io apprezzo Jonesco e l'ho anche interpretato, qualche anno fa, a teatro).
    Ciao Nina

    RispondiElimina
  63. Grazie, carissima: la tua attenzione e il tuo apprezzamento sono davvero, lo confermo, un piacere e un onore.

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)