l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 8 luglio 2011

Il nuovo pazzesco record di Nicola Pezzoli: IL TACCUINO ROSSO DI WOLFSBURG recensito da INEDITO!!


ECCE

SCRIBA

Per uno come me, abituato a strabiliare e a essere strabiliato, può anche sembrare una cosa normale, ma non lo è. Sto parlando del mio ennesimo primato come autore incompreso, e destinato, oramai lo si sarà capito, a far la fine di Guido Morselli (nella foto in alto, scattata ai tempi del mio primo romanzo, l’immagine di eterna giovinezza che ho scelto per la lapide: vi piace?).

Dopo che il mio primo libro pubblicato, censurato e fatto passare sotto silenzio da mezza italiA, ebbe a stabilire il record galattico di avere la sua prima recensione in Spagna (!!), ecco che al Taccuino rosso di Wolfsburg tocca in sorte una bellissima recensione da inedito (!!!). E oltretutto firmata da un fior di scrittore: Paolo Zardi, brillante autore di Antropometria, che ne parla nel suo splendido blog Grafemi e lo definisce “un capolavoro”. Una cosa che al tempo stesso mi esalta e mi amareggia, mi gratifica e mi umilia. Se vi interessasse, cliccate sulla paroletta blu e fateci un salto. Se non per me, per conoscere Paolo, che lo stramerita.

p.s. quella della lapide è ovviamente una battuta: le mie ceneri verranno sparse in natura. Ma con calma: prima, ho ancora qualcosolina da raccontarvi…

46 commenti:

  1. Grande Zio! ehehehehe, da non credere... La lapide è furiosamente angelica, dai! ;-P
    "Taccuino Rosso"....uhm...mi dice qualcosa... ^__*

    Come stai? A poi!

    RispondiElimina
  2. Ciao Zio! Passo di qui e cosa vedo: la foto che vuoi mettere sulla lapide. Gnooo!

    Ho letto la recensione, mi dispiace molto per il tuo povero libro. Ma non è possibile davvero fare niente?

    Un abbraccione.
    ps: scusa se non sono passata spesso da queste parti ultimamente..!

    RispondiElimina
  3. Una recensione con i controfiocchi, ma come fare a leggerlo Zio? Io sono a metà di "Tutta colpa di Tondelli": come faccio a procurarmi il "Taccuino"?

    RispondiElimina
  4. manca solo di sapere come e dove acquistare il libro. facci sapere, zio.

    RispondiElimina
  5. meglio essere apprezzati da pochi ma competenti che inneggiati da masse di ignoranti.
    Io sono cmq un'eccezione a questa regola perchè non sono competente ma ti apprezzo tantissimo.

    RispondiElimina
  6. Grandissimo! Per il discorso della lapide, be', alla foto non ho ancora pensato ma all'epigrafe sì: "è stato uno stronzo in vita e anche da morto"

    E.

    RispondiElimina
  7. Bella la foto, ottima scelta :)
    se tutto fosse passato sotto completo silenzio sarebbe stato molto più deprimente, non trovi? Invece così sei uno dei tanti cervelli apprezzati fuori dallo stivaletto ed ignorati in patria, sei in ottima compagnia mi pare non ti amareggiare

    felicitazioni!

    RispondiElimina
  8. Dio bono che recensione! Mi aggiungo a quelli che vogliono (assolutamente) leggere il Taccuino rosso di Wolfsburg!!!!

    RispondiElimina
  9. FINALMENTE! son contenta, che qualcuno smuova i neuroni addormentati di qualcunooooooooo alle alte sfere! //// ha ragione Ale, come si fa a godere anche noi come lo Zardi? *****

    RispondiElimina
  10. Sono contenta per te Zio! Questa si che è una bella recensione e soprattutto una bella soddisfazione! :) Grandissimo come sempre! :)

    RispondiElimina
  11. ne hai da raccontare grande zio!

    RispondiElimina
  12. Quoto Goccia di Neve: non si può davvero fare niente? Noi lettori ed amici cosa possiamo fare di concreto per darti una mano? Magari usando anche i nostri rispettivi Blogs?

    La stupenda recensione te la meriti tutta; complimenti. Bravo!

    Ciao grande.

    LeNny.

    RispondiElimina
  13. ECCE SCRIBA è superbo! Nessuno potrà mai "condannarti ad un silenzio perpetuo"!! ...In vita s'intende! ;) Mi sono venuti i brividi leggendo quell'ultima parola, che chiude la recensione e risuona come un campanello in tutto il suo corso: SUBLIME. Vorrebbero farci pensare che quel che viene pubblicato in Italia è ciò che l'Italia può offrire, ma sono gli scrittori come te, che potrebbero apportare il vero cambiamento, eppure dobbiamo accorgercene dalle grida d'indignazione. Quindi lunga vita al tuo capolavoro e che riesca presto a muovere i primi passi verso una sua degna divulgazione. :)

    RispondiElimina
  14. Grande recensione,da parte di qualcuno che sa quello che dice, e come lo dice.....
    Resto in attesa!
    Cristiana

    RispondiElimina
  15. Beh, complimenti (Questa recensione è già qualcosa... Lo so, tu meriti di più, vero... :))!!
    Lo Zio capellone!!! ... Ahahah... Grande!! ;)

    RispondiElimina
  16. una recensione che m'ha fatto venire voglia di leggerlo, questo taccuino.
    pubblicate zio scriba!!!

    RispondiElimina
  17. zio, se non hai parenti a cui tieni, fammi erede. di solito questi incompresi in vita diventano autori di culto in morte. in cambio prometto di conservare le ceneri in una latta di pelati, ahah!

    RispondiElimina
  18. Come da te suggerito ho fatto una visitina al blog di Grafemi e ho lasciato un commento.
    Quella recensione del tuo libro la meriti tutta.Complimenti,
    aldo.

    RispondiElimina
  19. amo scrivere sul blog mi da la libertà che nessun editore di nessuna latitudine mi lascerebbe mai respirare è limitativo..non so meglio qualche lettore attento che dover far il comico a zelig per farmi editare, preferisco farmi evitare da quelle faccende..non trovi Zio?

    RispondiElimina
  20. Gran bella recensione... ho già espresso il mio parere di là. Cacchio adesso lo voglio proprio leggere questo romanzo!!
    P.S. bella la foto, fa molto scrittore... e quanti capelli! :DDD
    ciaooooooo baci!

    RispondiElimina
  21. Devo averlo anche perché amo farmi autografare i tuoi libri!
    ;-)
    A presto Zio Nick.

    RispondiElimina
  22. Complimenti sinceri, Zio! E ... continua a scrivere!

    RispondiElimina
  23. hahahahahha
    lo zì...
    ma come ti vestivi a vent'anni?

    bè, paolo fa una recensione bellissima e fa venire voglia di leggere il "taccuino", insomma già ti vuole bene, come noi!


    anch'io ho già scritto il mio epitaffio, ma lo pubblicherò solo postmortem
    :-))))

    RispondiElimina
  24. La Rete, la Rete senza censure e senza paure... difficile fermarla.

    RispondiElimina
  25. Ciao Zio! Io come al solito non so farmi gli affari miei...
    La conosci questa casa editrice?
    http://www.valjean.it/manoscritti-2/

    RispondiElimina
  26. Che recensionessa!
    Zio, ti ho già riservato il posto migliore in vetrina e quello più strategico sul banco. Ho pure già pronte due o tre frasi sottilmente culturalmente ricattatorie per "spingerlo" nei confronti dei clienti (tipo "se poi vogliamo salire a un altro livello... ").

    RispondiElimina
  27. replico qui quello che ho scritto sotto la recensione:

    Pub-bli-ca-te-lo!!!
    Pub-bli-ca-te-lo!!!
    Pub-bli-ca-te-lo!!!

    :D

    RispondiElimina
  28. Minchia che recensione!! *__* scusa il francesismo ma quando ci vuole, ci vuole! complimenti Zio... tu per me sei il migliore lo sai! :) quando ti leggo imparo sempre qualcosa di nuovo... :D ahahahah bella la foto della lapide! allora un giorno ci incontreremo nel mezzo della natura... ;) ti mando un grande abbraccio!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  29. Come vedi non sei INcompreso, sono i recensori che sono OUT.

    Magretto eri magretto :-)

    RispondiElimina
  30. Caro Zio, sei un vero Mandrakone. Riesci nell'incredibile impresa di farti recensire in Spagna prima che in Italia per un libro "mai pubblicato". Io questa la chiamo genialità (e ha anche un po' del paranormale, ti dirò).
    Quanto alla recensione su Grafemi è davvero bella e, per quanto ne so io, meritatissima.
    Saluti paperi

    RispondiElimina
  31. Seguo il tuo consiglio e passo immediatamente a vedere.
    Dici che la recensione è bella,
    io aggiungo un "pienamente meritata",perchè scrivi cose che valgono la pena di essere pubblicate e lette.

    RispondiElimina
  32. Questo taccuino mi incuriosisce:)

    a quando?

    RispondiElimina
  33. Un'emozione dietro l'altra amico mio! Andare nel blog di Paolo, che ho assolutamente e immediatamente incluso nei miei "piedi non spot", ha fatto commuovere anche me, te lo meriti tutto quello che ha scritto. Questo taccuino dev'essere mio il prima possibile, ma non dattiloscritto! Lo voglio ACQUISTARE come ho fatto con il precedente, voglio PAGARE le mille aggiute a tutte le anticipazioni che ho letto! Non so perché, ma qualcosa mi dice che troverò molto me stesso in questo taccuino :-)
    Comunque, come sempre sei riuscito a far ridere anche durante un post che dovrebbe solo commuovere... infatti quella foto che hai messo è superlativa! Ueh amico, non vedo l'ora di rivederti! E sappi che se e quanso verrai a Roma, potrai stare da me tutte le volte che vorrai! Non come ospite, ma come fratello! Un abbraccio

    RispondiElimina
  34. Ho letto l'entusiastica recensione di cui vai giustamente fiero. E allora se non si avviano le macchine da stampa mettiamo su un movimento di protesta. Ciao zio.

    RispondiElimina
  35. Espero que continues sempre a escrever, isso é fundamental.

    Linda foto :)

    Um grande abraço
    oa.s

    RispondiElimina
  36. Grande Zio...
    Ma non mi dire che dobbiamo aspettare qualche pazzo che ti pubblica il taccuino per leggerlo...visto che gli intelligenti scappano tutti !!!!
    Un abbraccio !

    RispondiElimina
  37. Ebbene si... ti seguo da un po..ed oggi volevo farlo ufficialmente... ma... come si fa?
    ne mi accetta ne vedo nel mio blog le persone che mi seguono....
    Mi piace quello che crivi e come lo scrivi....
    per l'epitaffio ne parliamo dopo,
    la strega bugiarda ma sincera!!

    RispondiElimina
  38. Continuo ad avere pochi minuti di connessione ballerina, quindi mi limito per adesso a dare il benvenuto alle nuove arrivate, ma soprattutto a promettere che, a questo punto, raddoppierò i miei sforzi per trovare un editore a questo romanzo. Lo devo a me stesso, ma ancor di più sento di doverlo a voi!

    Grazie a tutti: lettori, amiche, fratelli.

    RispondiElimina
  39. Carissimo Nicola, ero passata per un saluto e...che bella sorpresa!
    Ti meriti tutto e...di più! So che la tua ironia non ti farà peccare di vanità.
    Un abbraccio, Nou.

    RispondiElimina
  40. Ho letto in cinque giorni "Tutta colpa di Tondelli" (non ti faccio i complimenti perchè te ne sarai rotte le palle) che mi lasciato una grossa incazzatura per tutto il tempo che ti hanno fatto perdere..Meno male che nel frattempo hai scritto altro..Ho letto la entusiastica recensione del Taccuino...come si puo' fare per leggerlo?
    Ti mando un caro saluto.

    RispondiElimina
  41. lasòlita storia: sembra kesòlo i posteri abbiano il potere di rendere immortale il valore di un'opera e ilsùo autore.
    io konserverei lafòto per lalàpide.

    RispondiElimina
  42. E' umiliante sapere che in questo paese si pubblica di tutto e non ciò che vale la pena di pubblicare....
    Letto la recensione ...ti faccio i miei complimenti e...mi piacerebbe leggerlo....

    RispondiElimina
  43. Non ho tue notizie da tempo, un po' perché mi sono oberato di un lavoro cane, un quadro grandissimo e di difficoltà tipo "mare forza otto", da confezionare per il figliolino dal nome glorioso Alessandro e la sua compagna infinita coscia lunga, un po' perché prima di andare in vacanza abbisognamo noi vecchietti di una serie completa di controlli medici, e di soldi sborzati. e un po' perché anche tu sei sparito, certamente risucchiato dalle vacanze.
    Ho letto la recensione -favolosa- e vorrei leggere sto inedito. Come fare amico mio?
    Io sono in attesa di risposta -vedi un po' tu- da un paio di Case editrici non a pagamento per la pubblicazione del mio secondo romanzo, con la erre piccolina, ma che appunto perché ci mettono i soldi loro si fanno tirare le calze.
    Sempre che poi arrivi una buona notizia.
    Sei in buona compagnia, Nick, almeno ho la presunzione di considerarmi un buon scrittore, se non di capolavori almeno di libri con le palle.
    Non ti farà star meglio sta notizia, ma almeno hai un amico che ti pensa anche quando sei in vacanza e quando lui è in procinto di andarci.
    Ciao, fratellone.

    RispondiElimina
  44. è una recensione così entusiastica da sembrare...autoprodotta!
    sto scherzando naturalmente, e soprattutto sarebbe bello leggere il taccuino: sperem!

    RispondiElimina
  45. Da una vita... bella la fotina, sembra un dagherrotipo inglese del terzo quarto dell' '800. Magnifico: sembri già morto e bellissimo. E' una fortuna immensa essere entrambi.
    Da troppo sono via e chiedo scusa. Mi manchi molto e non so che dire... ora riprendo. Benché, credi, mai ti persi. E non so che altro fare se non congratularmi di cuore. Perdonami, Cristiana

    RispondiElimina
  46. * Cristiana!!

    Ma carissima!!
    Non sai che felicità mi sta dando ritrovarti qui, e proprio per questo post sul Taccuino Rosso...
    Non avendo modo di essere io a contattarti mi stavo preoccupando: le sarà successo qualcosa? L'avrò offesa senza volerlo con qualche mia risposta?
    E invece che bello, rieccoti qui!
    Perdonatissima, naturalmente...
    Un superabbraccio, ma davvero colossale, a una delle mie Lettrici storiche e preferite! :D

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)