"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 27 gennaio 2017

Racconto per la Giornata della Memoria

HYPNOTIZED

L’esperimento di ipnosi dice che nella precedente vita fui condotto dai tedeschi in un lager in Polonia, dentro un carro bestiame. 
L’esperimento di ipnosi dice che non fui deportato dall’Italia, ma dalla Danimarca. L’esperimento di ipnosi non dice se tutto questo mi successe in quanto ebreo, deviato sessuale o artista scomodo (magari tutti e tre). L’esperimento di ipnosi dice che le persone attorno a me morivano già sul treno, per la fame o la sete o le percosse ricevute. L’esperimento di ipnosi non dice se ero giovane o molto vecchio, e neppure se ero maschio o femmina. L’esperimento di ipnosi dice che il mio gruppo venne mandato subito alle docce. L’esperimento di ipnosi dice che appena vidi uscire il gas non cercai scampo urlando e calpestando gli altri. L’esperimento di ipnosi dice che mi precipitai deciso sotto il getto per inalarlo e farla finita. 
L’esperimento di ipnosi mi fa capire cose della mia personalità di adesso: la nostalgia per la Danimarca, dove non sono mai stato; l’istinto di andare sempre e comunque controcorrente; il forte disagio al pensiero di mettermi in viaggio; il preferire l’idea di una morte veloce a quella di un insostenibile, protratto e insensato dolore; e più di ogni altra cosa il mio odio per TUTTI i dittatori, i loro sgherri violenti, e le loro maledette teste foderate di piombo e piene zeppe di null’altro che feci di ratto. 
L’esperimento di ipnosi non riesce però a spiegarmi la cosa più importante: perché mai io abbia voluto/dovuto rinascere ancora sotto forma di essere umano, anziché di Sequoia, Aquila di Mare o Gru della Manciuria.


21 commenti:

  1. Perfetto racconto, per niente retorico (e, in giornate come queste, il pericolo è sempre dietro l'angolo). Del resto, da te non ci aspettiamo cose merdamente celebrative ... meglio sequia, meglio sequoia, sì ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fatto così, è un mio pregio e forse anche difetto: anche se è un ricordo che mi sconvolge (e mi sconvolge il fatto che vi sia chi lo nega davanti a testimoni ancora in vita, figuriamoci quando non ci saranno più!) se non mi viene niente di originale preferisco tacere. Credo di aver fatto solo un altro post sull'argomento, anni fa, sulle ali dell'emozione di un film sugli ebrei francesi: postai una gigantesca Stella di David, con la scritta "Juif pour un jour".

      Elimina
  2. Letto.
    Mi è piaciuto mentre continua a non piacermi ciò che accadde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neppure a me. E ancor meno mi piace il fatto che ancor oggi vi siano bestie infami a cui invece piace, e che lo rifarebbero, o imbecilli che provano fastidio per la sola esistenza di questa giornata.
      Ieri ho visto la foto di una lapide di ebrei uccisi: riguardava "soltanto" ebrei parigini, eppure ce n'erano abbastanza perché uno stesso cognome si ripetesse decine e decine di volte. Poi guardavi le date di nascita, e vedevi che molti erano bambini o ragazzini.

      Elimina
  3. L'esperimento di ipnosi spiega, invece, in maniera esemplare, come in guisa di gru della Manciuria, difficilmente avresti potuto tenere un blog, e scrivere un raccontino così tenero da far rattrappire il cuore e i terminali nervosi tutti attorno... ;) Grazie Zio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua risposta è così bella che mi fa quasi sentire in colpa: nel senso che fa sembrare l'ultima parte del racconto una domanda retorica, studiata apposta per farmi rispondere così... Grazie, comunque!

      Elimina
  4. Lo smistatore di anime ha capito Sequoyah, il famoso cherokee che diede una lingua scritta al suo popolo. Non è appropriato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Mi hai regalato una storia che non conoscevo, e il nome bellissimo di un personaggio bellissimo. D'ora in avanti Sequoyah sarà uno dei nomi simbolici che terrò sempre con me, come quello di Akhenaton, il faraone individualista eretico androgino, nemico della sporca cricca dei sacerdoti, sospettato da alcuni di essere un extraterrestre...

      Elimina
  5. Il dispensatore di anime sapeva che tu dovevi rinascere con il dono della parola.
    Grazie amico carissimo per aver ricordato le vittime della follia umana con questa delicatezza d'animo e di cuore.
    Un abbraccio, Nou.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora spero di essere in grado di mettere a frutto questo Dono sempre meglio, se mi serve a comunicare con persone eccezionali e dal grande animo come Te.
      Un abbraccio, cara Amica.

      Elimina
  6. L'esperimento di ipnosi non può tenere conto della legge imperscrutabile della reincarnazione, perché appunto imperscrutabile. E forse è per questo che dalla Storia non abbiamo mai imparato niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stasera sono tornato a vedere il tuo meraviglioso post sulle Pietre d'Inciampo, e mi è venuto un brivido di tristezza e raccapriccio nel costatare che c'erano solo altri quattro commenti oltre al mio. Qualcuno impara, ma chi è cattivo, vuoto, superficiale, meschino, imbecille, potrà solo imparare a essere ancora più cattivo, vuoto, superficiale, meschino, imbecille.
      E magari domani, come dice quella stupida canzoncina, "andrà a comandare". :-(

      Elimina
  7. Bello il tuo racconto, Nicola, asciutto e al contempo pieno di passione.
    Questa mattina, a proposito, ho visto il film "The Eichmann show".
    Per me, a proposito dei dittatori, rimane fondamentale la riflessione sul retroterra che costruisce e sostiene poi i dittatori stessi, sulle masse amorfe e in cerca d'un leader, per deresposnsabilizzarsi, per affidare al Capo la propria libertà, e liberarsi così, illusoriamente, della paura di vivere.
    Due o tre, in tal senso, i testi per me di riferimento, tutti di Wilhelm Reich: "Psicologia di massa del fascismo", "L'assassinio di Cristo", "Ascolta piccolo uomo". E naturalmente anche il libro di Hannah Arendt dal titolo "La banalità del male".
    Buona serata e un abbraccio,
    Gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle masse amorfe la penso come te: oggi ho visto un documentario (History Channel) sul famoso dittatore italiota che non voglio nemmeno nominare: ne emerge una figura ovviamente schifosa, che arrivò a far assassinare un figlio, ma emerge altrettanto chiaro che quell"uno" da solo non avrebbe potuto causare le tragedie che ha causato, senza il sostegno degli schifosi ZERI belanti che lo osannavano.
      Grazie ancora una volta per il tuo squisito contributo (titoli di Libri compresi!)
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  8. Capisco che, da spirito libero quale sei, ti piacerebbe volare come un'aquila ; invece sei stato destinato ad allietare i tuoi lettori con i tuoi libri e le tue storie, come questa.
    Io ho guardato, per l'ennesima volta, " Il Pianista" di Polanski e,scrivendo il mio post per la Giornata della memoria, ho appreso che nel ghetto di Cracovia si trovava un bambino diventato famoso: Roman Polanski. Sua madre faceva la donna delle pulizie al Castello dove viveva Hans Frank il responsabile del Lager di Cracovia . È stata assassinata ad Auschwitz, in una camera a gas, mentre era incinta.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo adesso mi sovviene un libro dal titolo bellissimo: "La lingua perduta delle gru". Chissà, forse un giorno mi esprimerò e racconterò storie usando quella.
      Ciao cara amica!

      Elimina
  9. Molto bello! Oltretutto mi sembra anche molto vero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, vuole sembrare vero. Non tanto per sponsorizzare l'ipnosi, ma per far veramente capire come certe cose avrebbero potuto (e possono, e potranno!) capitare a CHIUNQUE di noi.

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)