Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 16 dicembre 2015

Pro-pro... PROIBITO!

Il vostro zio Nick... più o meno l'altroieri. :)

L’intelligenza (l’arroganza?) iperlegiferoide non conosce pace: in arrivo il divieto di fumare in macchina se ci sono a bordo bambini o donne incinte. Cioè: nessuno riesce o nessuno vuole far rispettare il divieto di sbocchinare telefonuzzi e uazzappeggiare al volante, che provoca incidenti mortali, e si spreca tempo a cagar fuori norme scopiazza-america? Ma là se si fa una legge poi la si fa rispettare! Non rendiamoci ridicoli! O vogliono farci credere che poi qualcuno controllerà se la donna accanto al guidatore (o la stessa guidatrice che fuma!) non sia per caso incinta di due o tre mesi, anche se guardandola non si vede? A ‘sto punto, non sarebbe più logico e meno stupido vietare del tutto il fumo al volante? La sigaretta mentre sei al volante andrebbe vietata non perché fa male alle donne incinte, ma perché, esattamente come i merdosi telefonuzzi, DISTRAE dalla guida. Siamo sempre lì: ci vorrebbero meno crociate, e più cervello. Ma giusto un pizzico, neh. Facile a dirsi…

Naturalmente, le sole leggi che gli iperlegiferoidi nostrani non fanno sono quelle che servono: Testamento Biologico, Eutanasia, Unioni Civili, Norme Antiomofobia, Antitrust Mediatico-Editoriale, Norme più Restrittive in materia di Pubblicità e Violazione Privacy (quella del cittadino a casa sua, non quella del mascalzone intercettato), Pene Decuplicate Per Amministratori Pubblici Ladri. 
Sì, domani.
Ma che futuro può avere un paese in cui il presidente del consiglio è costretto a dire “Chi ruba va cacciato!”, come se si trattasse di una proposta rivoluzionaria e geniale?
Ma non è OVVIO, che chi ruba (o intrallazza illegalmente) debba essere cacciato?
Non è ancora più ovvio che chi ruba (o intrallazza illegalmente) debba andare IN GALERA?
E non è ancora-ancora più superovvio che a chi ruba (o intrallazza illegalmente) profittando di posizioni di Responsabilità Pubblica dovrebbe essere applicata la legge marziale dell’Alto Tradimento?

E a proposito di troppe leggi inutili e di zero leggi utili: quando se ne farà una per stabilire che l’obsolescenza programmata è un reato grave, cioè una schifosa truffa? Non parlo solo di tecnologie sofisticate: una volta gli spazzolini da denti, anche i più economici, duravano mesi. Adesso dopo due giorni spuntano già quelle due-tre setoline storte laterali ferisci-gengive. Capita solo a me?
(Per non parlare di calze, mutande, e persino pigiami che si avviano a diventare… monouso!)

Ma torniamo ai tabacchi. Il luogo comune secondo cui se fumi una sigaretta devi esserne per forza schiavo-dipendente, ha pure fatto sì che si potesse decidere l’eliminazione delle sigarette più buone e aromatizzate (col pretesto cretino che darebbero più dipendenza) e che si potesse usare (apparentemente a ragione) la parola “scemo” in uno spot istituzionale, cioè di quello Stato che sul tabacco ci lucra (mi è stato riferito, io per mia fortuna lo spottino non l’ho visto mai). Ma io dico che anche se le persone come me, capaci di fumarsi una sigaretta ogni due mesi perché hanno voglia di gustarsela, senza mai aver sviluppato nessun “vizio” e nessuna dipendenza, fossero solo due o tre in tutto il paese, quella parola andrebbe ricacciata in gola a chi si è permesso di concepirla. Perché allora, a ben vedere, la logica è la stessa che vedere automaticamente un ubriacone alcolizzato in chiunque si gusti mezzo bicchiere di vino a tavola: i paternalisti fanatici chiameranno “scemo” pure lui? Per non parlare del terrorismo di certe immagini sui pacchetti di sigarette: giustissime le avvertenze, ma le foto di organi putrefatti hanno lo stesso senso che far scorrere filmati di gente che schiatta d’infarto sopra gli scompartimenti del burro al supermercato, oppure obbligare le compagnie aeree a dipingere a caratteri cubitali, sulla fiancata di ogni aeroplano, la scritta SI POTREBBE SCHIANTARE (con relative foto di cadaveri carbonizzati). Così si rischia di stomacare la gente, e di provocare repulsione non per il fumo ma soltanto per… i pacchetti! 
Incrementando il commercio di portasigarette.


16 commenti:

  1. Quello del fumo, è uno dei pochi vizi che non ho (non sono mai riuscito a prenderlo, non so perché), ma certe stupide campagne , ogni tanto mi fanno venire voglia di provare: mi vedrei bene con un bel sigaro in bocca, di quelli ben puzzolenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La stessa voglia che viene a me ogni 31 maggio, in quella stupida giornata mondiale contro il fumo... Ormai ci sono giornate mondiali contro TUTTO. Tranne quella contro l'imbecillità... :)

      Elimina
  2. Ho fumato per qualche anno. Poi ho deciso di smettere ed è stata terribilmente dura. Ormai sono cinque anni che non tocco una sigaretta ma ci sono momenti in cui non so cosa darei per fumarmene una. Mi manca anche il solo gesto di prendere l'accendino e accenderla. Tutto questo mi fa pensare a quali dannate porcherie chimiche infilano dentro la miscela se a distanza di anni si ha ancora una sorta di lieve crisi d'astinenza. Pensavo di essere un caso patologico, invece parlandone con altri ex fumatori ho constatato che è abbastanza comune.
    Riguardo all'obsolescenza programmata è sì un crimine ma è perfettamente in linea con la politica del consumo. Dobbiamo "consumare" per permettere a questa finta economia di poter galleggiare. Se un televisore durasse vent'anni sarebbe un problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto a bordo!
      Sì, un difetto del mio pezzo è di essere calibrato sulla rarissima eccezione che io rappresento (mai "cominciato", mai "smesso", fumo ogni tanto se mi va e poi me ne dimentico anche per mesi!)
      Mi rendo conto che per altri la dipendenza può essere un terribile fattore. Anche se insisto nel vederla più psicologica che chimica, o comunque sia psicologica che chimica (non bisogna sottovalutare la mancanza dei "gesti" di cui parli: prenderla, accenderla, tenerla fra le labbra ecc)
      Grazie per il contributo!

      Elimina
  3. Le leggi vengono fatte dai burocrati, mica da chi ci capisce qualcosa. Sulle campagne di "sensibilizzazione" poste sul prodotto stesso contro il quale si vorrebbe sensibilizzare... mah. Tutte quelle belle scritte e foto di organi distrutti sui pacchetti di sigarette ci sono state messe proprio perché sapevano perfettamente che nessuno se le sarebbe filate di striscio; altrimenti il monopolio di stato si sarebbe dato di sua mano una bella mazzata sui cojones. La legge nazistoide sul vietare il fumo alla guida in presenza di... bla bla bla: l'Italia è famosa per inventarsi le leggi più nazifasciste che esistano e non avere un cane che le rispetti. Il nostro codice della strada consiste di circa 200 articoli, più altri 300 nel regolamento di esecuzione; alla fin fine, se si mette insieme tutto quanto, la stessa esistenza di un veicolo in una maniera o nell'altra costituisce reato. C'è qualcuno che si preoccupa anche solo di far rispettare alla gente quel bel segnale ottagonale rosso con la scritta STOP a caratteri cubitali? Nisba. E quello è davvero un reato, perché uscire sui denti a un automobilista che teoricamente ha il diritto di precedenza equivale a rischiare di ammazzarlo, e ci starebbe una denuncia per tentato (e a volte nemmeno tentato) omicidio volontario aggravato. Ma, come ho detto, NESSUNO se ne preoccupa. Divieti di fumo? Pfui: in fumo, ecco dove vanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: mi viene da pensare a quell'assurda leggiucchia delle catene obbligatorie a bordo in posti dove magari non nevica mai, e che devi avere anche se esci in un giorno di sole per fare due chilometri e tornare subito a casa. Non ho ancora visto un vigile o un poliziotto col coraggio di controllare una sciocchezza simile, ma intanto, per essere in regola, i cittadini hanno sperperato milioni in catene inutili, che tengono a bordo per il capriccio del legislatore e che magari non sono neppure capaci di montare!

      Elimina
  4. Non hai neppure la minima idea di quanto sia d'accordo con te per tutto quello che hai scritto.
    Un salutone,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un salutone e un abbraccio anche a te, mio caro amico!

      Elimina
  5. d'accordo su tutto.
    Però nessuno ti ha detto nulla della foto...che figo!
    ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Danke!! :-))))
      (Sono anche lievemente arrossito...)

      Elimina
  6. Far nuove leggi è lo sport nazionale (e mi pare cominci a diventare pure europeo). Poi di farle rispettare chissenefrega. Anzi, se succede qualche casino che si sarebbe potuto prevenire facendo rispettare le leggi vigenti, si parla subito invece di farne di nuove :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche guadagnassero un tot a sillaba su ogni legge che fanno. O forse è davvero così?

      Elimina
  7. Non l'ho vista in tv ma l'ho sentita in radio, guidando, mentre fumavo una sigaretta. Che gioia.

    Al di là di tutto ciò che hai scritto e che condivido in pieno, trovo molto carino il messaggio del nonno che insegna al nipotino a insultare a destra e manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo sono perso, ma insegnare le parolacce ai bambini (vedi il brano di Richler più sotto) è sempre altamente meritorio... :-))
      Ciao carissima!

      Elimina
  8. Concordo.....fa più morti il cibo-spazzatura del tabacco eppure si guardano bene del segnalarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già: se volessi suicidarmi non mi fumerei un pacchetto, ma andrei a mangiare in certi posticini... O a fare la spesa in certi altri...

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)