Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!

Un Corradino tira l'altro... E l'appetito vien leggendo!
«Pezzoli evolution... tre libri per un solo grande, toccante e indimenticabile romanzo di formazione.»
"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

venerdì 14 febbraio 2014

Nuova infornata di racconti - Aggiornamenti di meccanica popolare

AGGIORNAMENTI 
DI MECCANICA 
POPOLARE


I preparativi per il matrimonio si stavano rivelando più stressanti del previsto. 
Chi gliel’aveva fatto fare, dopo tre anni di consolidata convivenza? Il solito ricatto degli aspiranti suoceri. I genitori di lui li avrebbero fatti uscire da quel buco di merda, regalandogli la villetta con piscina e angolo barbecue. A patto di sottoporsi alla farsa di un “Sì” davanti a un prete. La madre di lei, dal canto suo, era vedova, povera, calabrese e religiosa, e si sarebbe limitata a smettere di piagnucolare. E pure quella non era mica una cosa da poco.
Noiosi e sfiancanti, quei giorni, fra ristoratori e sarti, chiesaioli e fioristi, fotografi e burocrati, confettari e cartolai, calzolai e autisti. E il ridicolo oltraggio del “corso prematrimoniale”, con quel corvaccio untuoso e celibe a insegnare a loro come si vive da coniugi. Ma non era quello il motivo per cui Mikaela aveva messo di nascosto venticinque gocce di valium nell’aranciata di Maicol.
“È meglio che ti siedi, a bere” gli disse. “Ti devo parlare”.
Lui le obbedì, per stanchezza e per sete. Scostò una sedia dal tavolo della cucina, sedette, prese il bicchiere e diede un primo lungo sorso.
“Ho delle cose tremende da dirti, amore. Ma non posso più tacere”.
“Ti han cannato la taglia dell’abito bianco?”
“Non scherzare, Maicol! Rendi tutto più difficile, così!”
“Sì, ma perché hai comprato l’aranciata amara? Lo sai che non la sopporto”.
“Devo aver fatto confusione… ma adesso, ti prego, ascoltami”.
Maicol ingollò in un soffio tutta la bibita, anche se il gusto non gli piaceva. Tornava sempre con la gola riarsa, da quel dannato cantiere. “Dimmi”, le disse.
Vederlo trangugiare così tutto il valium la tranquillizzò. Forse non aveva letto, sul bugiardino, che l’effetto può richiedere parecchi minuti.
“Siccome che… Cioè”, attaccò lei.
Cominciamo bene, pensò lui.
“Aspetto un bambino” disse lei.
“Bene!” disse lui.
“Non è tuo” disse lei.
“Ah” disse lui.
Pareva già calmissimo, e ciò le infuse ulteriore coraggio. “Ma non era questa la cosa peggiore”.
“Cazzo”, protestò lui. “Mi stai dicendo che mi hai cornificato. E che ti avrò di fianco sull’altare con un figlio non mio nella panza. Cosa può esserci di peggio, a parte il fatto che mi hanno chiamato Maicol?”
Il televisore piccolo della cucina trasmetteva da sopra il frigorifero la scena di un energumeno e una donna minuta ma risoluta che si scannano in tribunale per l’affidamento dei figli. Nessuno dei due li voleva. E il giudice aveva la faccia di uno che sta per estrarre una bella pistola. Dal televisore grande, acceso a volume alto in salotto, arrivava la voce petulante di una dodicenne che accusava un avarognolo quattordicenne di averle regalato un anello da due soldi per San Valentino.
“Siccome che… Voglio dire… È di tuo fratello, ecco” disse Mikaela guardandosi le unghie smaltate dei piedi, e arrossendo. (Le unghie invece erano verdi).
Nessuna esplosione.
Nessun accesso di follia da parte di Maicol.
“Dio cocker”, si limitò a sussurrare, pensieroso, aggrottando le sopracciglia.
“E adesso cacciami pure a calci”, disse Mikaela. “È stata una volta sola. Una debolezza. Una follia. Ma non ti sto chiedendo perdono, né di sposarmi lo stesso e far finta di nulla. Lo so che non me lo merito.”

“Potresti sposare mio fratello”, bisbigliò lui con tono assente e remotamente ironico, quasi catatonico, dopo una pausa infinita.
“Quello non ci pensa nemmeno. Tuo fratello tromba troppo bene, per essere tipo da sposarsi. Non glielo voglio neanche dire, che il bambino è suo, a quel farfallone.”
Ecco, anche se lui era affievolito, abbacchiato, afflosciato, e lei sempre più sicura di sé, forse quello sarebbe stato meglio non dirlo. Mikaela era stata onesta e coraggiosa, in fondo. Gli aveva confessato la sua colpa quando avrebbe potuto tacere, sposarsi quel danaroso compagno e continuare a vivere nella menzogna. Tuo fratello tromba troppo bene. No, quello decisamente sarebbe stato meglio non dirlo. E sarebbe stato meglio non accompagnare le parole con quel mezzo sorrisino, e col gesto volgare del pugno e dell’avambraccio. Anche se lui pareva già più addormentato, che sedato. Che avesse esagerato con la dose?
Non solo Maicol si era appena sentito dire che la sua compagna gli aveva messo le corna. Non solo si era appena sentito dire che nel mettergli le corna si era fatta mettere incinta. Si era pure sentito dire che stava per diventare lo zio di suo figlio. O il padre di suo nipote. E adesso quella cosa odiosa. Tuo fratello tromba troppo bene. Cioè tu trombi peggio di lui. Cioè tu, scusami tanto amore se già che ci sono te lo dico, mi hai sempre trombata maluccio. Tu sì che sarai un perfetto scopamoglie pocosessuale, pronto a collezio-nare altre corna e bicorna.
Il vero Tabù: la prestazionalità sminuita, il voto basso in ginnasti-ca. L’offesa all’onore del Pene. Il vilipendio salsicciottistico. Questo sì è insostenibile, per uno stantuffo umano che si rispetti, e voglia essere rispettato.
Dal televisorino sopra il frigo, spurgava fuori la pubblicità semiporno di un profumo. Di là, imperversava a tutto volume una compagnia di magnaccia telefonici, che faceva venir voglia di tornare, e di corsa, ai piccioni viaggiatori e ai segnali di fumo.
Maicol scadregò piano all’indietro. Si alzò in piedi. Barcollò un po’. Rimise a posto la sedia sotto il tavolo, delicatamente e senza fare rumore. Dando le spalle a Mikaela, si avvicinò alla credenza. Si appoggiò al ripiano con entrambi i pugni chiusi, come uno malsicuro sulle gambe. Respirò. Aprì il secondo cassetto. Esitò. Afferrò il coltello più lungo su cui riuscì a mettere mano. E con un unico secco fendente infilzò la promessa sposa e quell’oltraggiosa ipotesi di nipotastro.
Poi si calmò tantissimo.

34 commenti:

  1. Al "Dio cocker" il voto era già dieci.. ;)

    RispondiElimina
  2. Non giustifico il finale, perchè mister Maicol (ma che diamone, potevano chiamarlo Michael!)poteva benissimo mollare la futura sposa piuttosto che ammazzarla ma il resto della storia mi è piaciuto, soprattutto tutta la riflessione sul fratello e sull'ipocrisia del matrimonio che non era stato deciso per amore, ma per costrizione.
    Dai, per la serie amare risate, posso dire che di questi problemi non ne avrò mai: infatti in Italia noi gay non possiamo sposarci :-(
    Tristezza...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà i finali cruenti non sono tanto nelle mie corde (nessuna nostalgia dei cosiddetti "cannibali"), ma questo racconto doveva per forza essere cattivo e cinico, essendo una parodia (la seconda che scrivo) di "Meccanica popolare" di Raymond Carver (già cattivello di suo, se non peggio: due genitori deficienti si contendono un neonato, tirandolo ognuno verso di sé, fino ad arrivare letteralmente a... romperlo).

      Se desideri sposarti ti converrà emigrare in un Paese Civile. Oggi se ne trovano parecchi nel quadrante Nord Occidentale del nostro tanto vituperato Continente.

      Ti abbraccio anch'io!

      Elimina
  3. Evidentemente venticinque gocce di valium avevano avuto sì effetto ma un pochino diverso dal solito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, solo un effetto ritardato.
      Ciao caro Aldo! :)

      Elimina
  4. ci voleva di mattina presto! grazie zio

    RispondiElimina
  5. Buon San Valentino anche a te zio!!
    Il racconto perfetto da leggere oggi per chi trova questa ricorrenza così squalificante per l'Amore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto commentando altrove, io festeggerei l'Amore tutti i giorni, per 364 giorni all'anno, tranne oggi. Oggi, per dispetto, pausa! :)
      (Che poi mi dispiace, perché Valentino e Valentina sono meravigliosi nomi, e il 14 e il 2 sono fra i miei numeri preferiti, ma con la banale commercializzazione di questa ricorrenza ce li hanno veramente scassati!)

      Elimina
  6. Maicol ha ragionato con una parte del corpo che tanti uomini stupidi preferiscono al cervello e la cosa, per quello che si legge sui giornali, chissà perchè non mi stupisce.
    Molto bello come racconto, da proporre nelle scuole al posto di tante antologie superate.
    Un abbraccio
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue belle parole: è sempre una sensazione splendida la conquista di nuove Lettrici come te!

      Elimina
  7. Ciao Zio, ho letto il tuo racconto, hai descritto quella che purtroppo è diventata la realtà quotidiana, basta leggere i giornali o le notizie in rete per scoprire che è la "normalità".
    Non ci sono scusanti per chi arriva compiere un atto come questo, perchè ci sono sempre altre vie d'uscita.
    Maicol ad esempio poteva andarsene, poteva sputtanare il fratello e Mikaela, mandare a fanculo tutti e partire per un lungo viaggio, invece ha scelto di salvare l'onore del pene, dimostrando di essere una testa di cazzo...
    Ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già: è uno dei (troppi) casi in cui un racconto grottesco si rivela in fondo assai più verosimile di quanto l'autore non vorrebbe.
      Ciao carissimo!

      Elimina
  8. Quando ho visto che si chiamavano Maicol e Mikaela ho capito subito che andava a finir male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scoperto troppo presto le mie carte... :)

      Elimina
  9. Sono riuscita solo a pensare "va' che culo questa, è rimasta incinta con una botta". Scusa Zio, lo so. Sono inguaribile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco... però le è successo con la botta decisamente sbagliata... :D

      Elimina
  10. Tragicommedia: la tua cifra anche nella parodia di Carver.
    Sei unico, Nick!:)
    baci8

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello esserlo (unico), ma ancor più bello avere Lettrici che lo sanno apprezzare. :)
      Baci8

      Elimina
  11. Sì, vabbè, ma resta in famiglia ...

    RispondiElimina
  12. http://youtube.com/watch?v=s45-OrM4vWE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorni fa si discuteva di gusti personali. Ecco, questa videocanzoncina dura solo 1 minuto e 58 secondi, però è riuscita ad annoiarmi di brutto. Ma grazie lo stesso. :D

      Elimina
    2. Ma se è deliziosa! Per me non l'ha capita.

      Elimina
  13. Elogio del silenzio: la linguacciuta è stata zittita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che non tacciano le mie adorate lettrici...

      Elimina
  14. la parte più umoristica è per me "cosa può esserci di peggio a parte che mi hanno chiamato Maicol?"ah ah ah!!! il finale mi lascia un po' giù a dire il vero, anche se è coerente con tutto il racconto. Lo trovo comunque fantastico per come hai curato i dettagli!!!
    Ciao, buona settimana!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, con Maicol siamo un po' nel campo nomen omen... Non è un caso se una generazione di genitori che appioppa nomi di personaggi famosa stranieri soltanto "orecchiati" in tv finisca col produrre anche altri sfaceli...
      Buona settimana anche a te! :)

      Elimina
  15. Il finale l'hai scritto apposta così, sì insomma, credo di aver capito dove volevi arrivare, comunque non divaghiamo, ecco i motivo per cui ho adorato questo testo: Maicol (come sfottere gli italiani che chiamano i figli con nomi inglesi ahah), guardandosi le unghie smaltate dei piedi, Dio cocker, zio di suo figlio, scopamoglie pocosessuale. Piccoli dettagli geniali, geniali ti dico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finirò col credere davvero di essere Eugenio... :-))
      Grazie per il tuo apprezzamento, così delizioso e incoraggiante.
      Un abbraccio.

      Elimina
  16. Molto bello.

    Buona domenica.

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica, e soprattutto bacio, anche a te!
      Grazie. :)

      Elimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)