l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 16 maggio 2012

REPLICOZZE SCELTE - "grisù superstar"


grisù superstar


Un giorno inqueltempo il Buondio Motta si accorgette che era diventato antipatico alli uommini (forse perché aveva accoppato qualche tonnellata di Gericani e Giziani, ehssìssì ehggià, credo proprio che aveva esagerato un po’ troppettino) e che tutti li dicevano le brutte parole, ma proprio di quelle proprio brutte brutte. Ma brutte.
   
Ineffetti ammemmipare che per essere un Buondio ce ne avesse mannate un potroppe di guerre, pestilenze, flatulenze e ucarestie.
Perché ma allora minchia i Dii cattivi che minchia spediscono, pacchi di namitardi per i neonati infantili?
Ci mannasse un po’ più di manna sto cornuto!

Allora per fare la pace il Buondio Motta mandò giù Grisù Superstar, il draghetto buono con l’alitosi che vuole fare dagrande il pompiere.
Solo che però a volte si dimentica di essere un drago, e allora presempio purtroppo ha seccato una pianta di fichi che passava di lì per caso.
E unaltra volta gli è scappato un rutto nell’aqua che è diventata tutta rossa e quegli imbecilli si credevano che era diventata vino e si scottarono come tordi alla fiamma e allora ci fu l’invenzione della lingua flambé.
Con l’alitosi soccazzi.
Unaltravolta poi basta la smetto seppellì vivo un certo Lazzaruzzo dicendo tranquillo che poi ti risorgo ma Lazzaruzzo morette, e quella fu invece l’invenzione del sceminterrato. 
(Approfondisci in classe: riflessioncina sull’estrema, drammatica transitorietà dell’espressione “sepolto vivo”.)

Da grande il Buon Grisù riuscì a coronare il suo sogno, ma siccome gli altri pompieri del Mapez Sció non si fidavano a lasciargli spegnere gli incendi, lui se ne stava tutto il giorno in caserma a raccontare parabole, che sono delle cose che si sa da dove partono ma non si sa mai dove ti arrivano sul grafico ascisso e delle volte puranco in culo, e gli altri pompieri gli dicevano che era molto meglio se raccontava qualche barzelletta zozza che almeno si capiva, oppure che stesse zitto e li lasciasse riposare in pace e la smettesse di rompere i cugliuna, solo che il problema è che se stava zitto sbadigliava e dava fuoco alla caserma, e allora gli altri presero l’abitudine di legarlo e imbavagliarlo e nel trambusto ci scappava anche qualche calcio e una qualche badilata ma non facevano apposta, e allora lui diceva padre perdonali perché non sanno quello che fanno e gli altri gli rispondevano senti chi parla brutto incendiario vaffanguglia.

Comunque tutte queste parabole non satellitari spaccano una volta per tutte una lancia in testa, aprendo breccia n’il cranietto stronzettino, a tutti quelli che dicevano che Grisù fusse comunista.
Ci sta la parabola padronale schiavista del vignaiuolo berlusconiano formigoniano (se lavori e produci bene altrimenti crepa), c’è quella capitalistica finanziaria dei talenti (se hai moneta da investire bene altrimenti schiatta) e c’è quella nobiliare classista del figliol stronz, pardòn, del figliol prodigo (se nasci nella famiglia giusta puoi combinare tutto sommato quel cribbio che vuoi, che tanto le chiappe ce le avrai sempre coperte).

Grisù Superstar perì a trentatré anni nell’incendio di un tronco a cui s’era legato per scherzo, poco prima di starnutire, ma ancora adesso, a distanza di duemila anni, milioni di piromani sperano nel suo magico ritorno, o che almeno si decidano finalmente a replicare il Mapez Sció, che di tutti questi cartoni giapponesi ne abbiamo francamente pieni i limoni. Nel frattempo qualche testa di cappero ci ha fatto pure un miùsicol, altri ci hanno speculato sopra con gadget macabri di ogni tipo, e li han saputi piazzare dappertutto, che al confronto quelli della banda di Guerrestellari sono poveri dilettantucoli senza fantasia (avete mai visto Obiuànkenobi appeso in qualche aula scolastica?!)



43 commenti:

  1. Il finale è da sballo!
    Cristiana

    RispondiElimina
  2. C'è dentro un gran bel lavoro. E' quasi un peccato che scorra via in modo così effervescente, perché si rischia di non accorgersene :-)
    Ciao Zio!

    RispondiElimina
  3. chiedo a vossignoria: siccome ho riso leggendo, andrò all'inferno? :(

    RispondiElimina
  4. ** cristiana e amanda
    Quotazioni da sballo? Sballi ad alta quota? Allora mi unisco anch'io... :)

    * Xtc
    In effetti son materie in cui "mi tocca" essere ferrato... con tutto il katekismo che mi è toccato mandar giù da piccolo...

    * Roby
    Eh, tutti che vogliono andare a divertirsi all'inferno, come se fosse facile... Se non hai prenotato, col cavolo che trovi posto... :D

    RispondiElimina
  5. Obiuankenobi non l'ho mai visto appeso in una classe, ma a fianco di Grisù ho visto spesso nustrunz'emmerda che parla per moniti ( mai con quelli giusti,però ). Vale lo stesso ? :)
    Ciao Zio :)

    RispondiElimina
  6. Ci vuole arte per ironizzare sul sacro senza s-cadere, e tu hai Arte. Baci, abbracci e miagolii

    RispondiElimina
  7. Io un vangelo così me lo imparasse a memoria, fusse il quinto o il decimo, mi paresse sempre buono, garantito.
    Abbruciava puro la croce co na fiatata se quellartro se ne fusse accorto e ce squaiava li chiodi e forse puro le budella.
    Non è imitazione, sei inimitabile, ma ero entrato in sintonia
    scusa.:)))

    RispondiElimina
  8. sacro e profano...ma gadget scrivilo gagget!!!

    RispondiElimina
  9. Divertentissimo questo post, a me Grisù è stato sempre simpatico proprio perché voleva fare il pompiere...come me che sono disordinata cronica e faccio un lavoro dove non faccio che mettere a posto! Buona serata

    RispondiElimina
  10. leggere questo post all'inizio è stato difficile, ma poi tutto è filato liscio... Come va?

    RispondiElimina
  11. Quanta amarezza Nick. C'è tutta la casistica delle ingiustizie e delle violenze, quelle ai danni di chi magari una fede ce l'ha davvero.
    Ciao, caro! Serena notte!:)

    RispondiElimina
  12. Bellissimo questo post. Un bacione

    RispondiElimina
  13. Uno di quei tuoi post ironico/ sferzanti/fantasiosi che a leggerlo di prima mattina, in ufficio, mi riaccende subito la giornata. Mi ripeterò, ma il tuo modo di scrivere mi entusiasma, mi corrisponde, mi fa sentire sulla stessa lunghezza d'onda. E quindi sorrido, rido, penso. E mi pare che tu abbia scritto per me: poi realizzo di essere in numerosa, buona compagnia.
    Felicitazioni ciao

    RispondiElimina
  14. * Blackswan
    Io in camera appendevo Rummenigge, Matthaus e Brehme (vivi)... e quando veniva mia nonna eran menate: "Non c'è neanche un crocifisso". :)

    * Felinità
    Evviva l'Arte. Ma anche i baci, gli abbracci e i miagolii. Che ricambio. Anche da parte dell'Isidoro.

    * Enzo
    Mai scusarsi della sintonia, amico caro. :D
    Grazie.

    * Cirano
    Non male come suggerimento: gagget è più sgarupposo, ne terrò conto in futuro... :)

    * writer
    Anch'io amo il disordine. Quello in cui trovi sempre le tue cose, però. Fossi un allenatore di calcio sarei come Fascetti, che insegnava il "casino organizzato".

    * Stefania
    In effetti, per chi ancora non conosce lo stile sgangherato dei miei raccontini semidemenziali, trovarseli davanti può essere disorientante. Potrebbe chiedersi: ma è impazzito 'sto qui? O ha disimparato a scrivere? :-))
    Ciao carissima!

    * Kylie
    Grazie! Un bacione e un abbraccio grande grande pure a te.

    * nina
    Buona e numerosa, davvero. E davvero io scrivo per te, per voi, che mi consolate di esistere. Il lato negativo della cosa è percepirvi come "rappresentanti" di altre centinaia di belle persone che da qualche parte devono pur esserci, ma non posso certo andarle a cercare porta a porta. L'unica è sperare nel vostro passaparola... :-))
    Ciao!

    RispondiElimina
  15. * giacynta
    Scusa, amica carissima, ti avevo saltata! Il bello è che quelle parabole hanno tutt'altro significato, ma quello che gli do io in questo pezzo demenziale è molto vicino a quello che gli danno i più bigotti. A cominciare da coloro che per "talenti" intendono davvero, alla lettera, le antiche monete, e non le doti interiori...
    Baci8

    RispondiElimina
  16. Ciao Zio! Bellissimo!
    PS Per caso ho riscoperto Grisù proprio in questi giorni. Mi sono visto un sacco di puntate su Youtube. Capolavoro!

    RispondiElimina
  17. Alle superiori c'era sempre qualcuno che faceva sparire il crocefisso e quelli di cielle lo ricompravano. Dopo un paio di mesi, stanchi di spender quattrini, lo disegnarono sul muro con l'indelebile. Bella rivisitazione, Zio Scriba!

    RispondiElimina
  18. * Danilo
    Uno dei miti della mia infanzia... Merito della genialità della Pagotfilm, se non ricordo male...

    * Tarkus
    Boni, quelli. Pensavo proprio a loro nel parlare di "Talenti presi alla lettera"...
    Grazie amico, e ciao! :)

    RispondiElimina
  19. Mi stanno sull'anima soprattutto quei musical!

    RispondiElimina
  20. ..l'avevo intravista stamattina, e l'ho messa da parte apposta perchè i tuoi racconti me gli voglio leggere con calma..E' devastante! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  21. sorrido molto e capita di rado thanks! :)

    RispondiElimina
  22. solo chi ha fatto il catechismo o il chirichetto da piccolo può avere delle idee così chiare su ogni minimo dettaglio! Ahahahah!!!
    Sei fortissimoo e unico!

    RispondiElimina
  23. Ciao Zio...sempre un'emozione estrosa venire a leggerti! Zio vita lunga e prospera!

    RispondiElimina
  24. Non ho una fede nè una religione, anche se voglio credere che qualcosa di onnipotente ci sia. Ho studiato tutte le religioni del mondo e tutte e dico tutte, sono buoni insegnamenti filosofici, di vita. L'uomo e soltanto lui, bestialmente è capace di travisare, sporcare buone regole vecchie come il mondo ed ammazzare e torturare in nome di Dio. Quello che manca, nelle religioni è il senso dell'umorismo che invece hai tu , caro Zio, i tuoi scritti sono per me un vero divertimento.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  25. Il buondio motta lo assimilo e lo colloco nella mia lista personale di imprecazioni fantasiose! te ne sono grato :D

    RispondiElimina
  26. Io che sono andata a scuola dalle suore, dalla terza in poi, mi ci ritrovo alla grande.
    Santa paletta che risate; sotto sotto anche un po' amarognole ma sempre risate sono.

    RispondiElimina
  27. Eh sì...chi se lo aspettava quel finale? concordo con Sandra: amare risate...
    Baci!!

    RispondiElimina
  28. * Adriano
    A chi lo dici... :)

    * mr.Hyde
    Come sempre con tali apprezzamenti mi incoraggi nell'andare avanti. Ti abbraccio anch'io.

    * listener
    Quanto è bello far sorridere gli amici che sorridono raramente!!
    Ciao!

    * cristina
    Già, sono quasi un teologo alla rovescia...
    Un bacio.

    * Legolas
    Grazie. Che sia molto lunga e molto prospera anche la tua!

    * Galadriel
    Pensa che ho un'amica religiosissima che è follemente innamorata della mia famosa battuta su dio che bestemmia. Perché umorismo e ironia potrebbero produrre fraternità, apertura mentale e tolleranza. E poi non si dice che è il diavolo, quello che non ride mai? :-))
    Un grande abbraccio anche a te

    RispondiElimina
  29. * Andrea
    Piacere mio... :)

    * Sandra
    Un po' di influsso suoresco pare essere rimasto: è la prima volta che sento "santa paletta" invece di "porca paletta"... :-))
    Ciao carissima!

    * Simona
    Grazie, amica mia.
    Baci anche a te!

    * Marina
    Ogni persona che si diverte con le mie parole mi rende felice.
    Ciao! :)

    RispondiElimina
  30. Zio Scriba lo sai, non capisco molto di cose di chiesa, ma tu sei davvero "troppo" per me. Grisù era un gran bravo draghetto, ma troppo ingenuo, infatti il suo " amico" Er Cariota per invidia e un pugno di dollari lo nominò e lui uscì dal Grandi fratelli,volemose bene,semo romani, e si ritrovò per l'eternità nel regno del " Più la monetina va giù, più l'anima sale su" .
    Ciao caro, buon sabato.

    RispondiElimina
  31. Volevo scrivere un altro tipo di commento ma dopo il misfatto di questa mattina a Brindisi passo soltanto per un saluto e per dirti che hai fatto bene a fare la striscia a lutto.

    RispondiElimina
  32. il tuo blog depretizzato richiama a gran voce le mie illustrazioni e quindi.. avvertito l'eco io accorro! :))))

    RispondiElimina
  33. I tuoi headers sulle scenette scolastiche sono sempre molto divertenti..
    Le due strisce che hai pubblicato oggi sono, (giustamente) tristi:nessuno l'avrebbe mai detto..nessuno..
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  34. Proprio mentre sto affogando un buondiomotta nel cappuccino, mentre spezzo il pane e ci spalmo sopra della marmellata, ti leggo e ti benedico.

    RispondiElimina
  35. Ah, ha, ha, questo tuo Grisù mi tira su, dallo spavento di questo cazzo di terremoto del cazzo ...qui se non si ride, non se ne esce più.

    RispondiElimina
  36. * keiko
    Ciao cara amica. Perdonami per il ritardo, a causa del quale trasformo il tuo "buon sabato" in un "buon lunedì"... :)

    * il monticiano
    Quella striscia in nero era il minimo da fare, e secondo me anche il commento ideale: mi ha permesso di dire il poco che andava detto, senza perdermi in sproloqui a nastro e dietrologie complottistiche come troppe persone fanno in questi casi (o nelle altrettanto stucchevoli melensaggini retoriche dei cordoglioni feisbuccàri)...

    * petrolio
    Ed è sempre bello accoglierti, quando accorri qui :D

    * mr.Hyde
    Un abbraccio grande grande anche a te, amico mio.

    * Amanita
    Amen. E un grande bacio alla mia fungotta preferita... :)

    * Ally
    E' forse l'unica uscita rimasta, anche se certi tristanzuoli preferirebbero murarla, per rimanere tutti chiusi in un mattatoio fisico e mentale.

    RispondiElimina
  37. Ciao Nick
    avevo letto qualche giorno fa un tuo racconto che oggi mi proponevo di rileggere con calma (dopo una settimana di fuoco tra lavoro e casa) ma non lo trovo più.
    Sarà il mio pc o sono io che non ci sto più con la cucuzza?
    Intanto ti mando un caro saluto
    Nina

    RispondiElimina
  38. * nina
    Sta proprio qua sopra, ma stai tranquilla: a me è successo di peggio... :D
    Un abbraccio enorme!

    RispondiElimina
  39. Ci credi se ti dico che mio padre c'ha Grisù a colori tatuato sul braccio?1 -.- No comment... oltre ogni racconto o fantasia ;)

    RispondiElimina
  40. * Maraptica
    Mitico padre... se un giorno capiterò dalle vostre parti lo voglio conoscere... (ma solo se è davvero Grisù il Draghetto: i tatuaggi religiosi mi piacciono poco) :)

    RispondiElimina
  41. E' proprio lui... il cartone animato :)

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)