l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 14 marzo 2012

REPLICOZZE SCELTE - "suggerire agli iraniani di aumentare la gittata"


suggerire agli iraniani di aumentare la gittata


Cioè voglio dire hai capito, dovrebbimo avere più rispetto, noi gggiovani. Sì, dovrebbimo. Ciè, accapito, credo proppio che dovrebbimo. Portare molto più rispetto, ogliodire. A chi? Cè. Glioìre: a tutti. Alle persone tipo rincoglionite, ad esempio, acapitto. O che ne so, cioè, dentro il metró tanfolante d’ascelle oiodire, se c’è una scrofa tipo gravida che proprio sta lì che, tipo, sviene, oglioìre, convincere tipo a calci un qualche afghano (sempre con rispetto calciando, haicapito?) dimmodo che si alza e la facci sedere. Ciè, oglioìre cioè, accapito, io gliodire l’avevo visto il neonato che stava per essere travolto dal filobus, cioè, giuro su quanto ho di più caro accapito sulla testa di britnispirs che stavo per chinarmi a toglierlo e salvarlo, cioè, accapito, mica mi sarebbe dispiaciuto fare l’eroa e finire alla tele a farmi chiedere Cosàiprovato e Cosavesti e Acchiladài e sui giornali anche se voglio dire non li legge nessuno. Cioè stavo per salvarlo il bambino, anche se le due borsate di scarpe tod’s e di modellini krizia in saldo che sono un amore ciè accapito non è che mi concedessero glioìre grandi margini di manovra e col cazzo che le mollavo lì alla mercè del primo albanese, ma poi, mica è colpa mia, vogliodire, chi non ti vedo sul marciapiede dall’altra parte? La divina modella sonna purcella! Ciè, non so se vi rendete conto, accapito oglioìre-uau: la divina modella sonna purcella! Il mio mito, accapito, il mio modello di modella, il mio sogno a culo aperto di vita uau miliardaria e sporcaccioncella! Ciè, accapito, tu cos’avresti fatto? Avresti fatto come me, ogliodire. Ho piantato lì tutto tranne le borse e mi sono messa a correre gridando. divina divina divina!, ‘ioìre. autografo autografo autografo! Sembravo pazza! Inciamponavo nelle borse ricolme! E intanto quello stronzo del filobus splat! Ciè accapitto, che colpa ne ho io se lasciano i bambini magari pure negri per terra? E pensa ogliodire cioè ce l’ho fatta! Uauu! Ciè, non era proprio la divina modella sonna purcella, alla fin fine, era la sosia di abbiategrasso, massì, quella che fa la televendita del rassodacu** interno su tele88. Però l’autografo me l’ha fatto lostesso! Ho il cuore che mi scoppia dalla gioia come un’anguria col timer piantata in gola. Uauu! La sosia di sonna purcella! Dal vero! Dal vivo! Volente o nolente! Acapitto! Per strada! Che camminava coi piedi! Come se era una comune mortale!



55 commenti:

  1. Aaaaarrrggghhh!!! M'hai annodato l'intestino! E non ho parole adeguate a commentare la tua grazia pure nel raccontare di tali scarafaggi umani! Buona giornata :-)

    RispondiElimina
  2. Dopo aver letto e riletto mi sono detto, il caro Nicola si fa spiegare per bene cosa sta succedendo in Tv nella stampa ecc. ecc.
    Buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Sto ridendo di gusto, oglioire. Non ho, tipo capito il nesso col titolo, ma lo approvo, cioè, capito?

    RispondiElimina
  4. ho riso due volte perchè proprio ieri sera chiacchieravo con una ragazza che fa la barista in un noto locale di Milano Marittima e sono stata deliziata da svariati aneddoti sui vip che lo frequentano e la fauna che li circonda. insomma, mi si sono rimescolate le varie immagini, tue e sue, in un delirio di umana bassezza.

    RispondiElimina
  5. * Minerva
    Con certi personaggi soffro e mi diverto come un matto al tempo stesso... la tragedia è che esistono davvero... Buona giornata anche a te. :)

    * Tomaso
    Un caro saluto pure a te, caro amico e fedele lettore!

    * El Gae
    Il titolo si ricollega al precedente ("l'atomica iraniana è il meno"), come a dire: se siamo ridotti così, eutanasizzateci nuclearmente e buonanotte...

    RispondiElimina
  6. * Guchi
    mmm... i Very Important Pirla di Milano Marittima, inferno modaiolo e puzzonasale della riviera, di sicuro possono fare concorrenza a questa mia decerebrata personaggia... :-))

    RispondiElimina
  7. mi piace un sacco quell'oglioìre-uau che funge da chiave di tutto!

    RispondiElimina
  8. "che camminava coi piedi"...genio puro! :)

    RispondiElimina
  9. gente così esiste sul serio... anzi, esiste anche di peggio, ma purtroppo non posso assolutamente pubblicarlo

    RispondiElimina
  10. Scritto è una cosa, mai dovessimo incontrarci, se preavvisato, mi pannolinerei a dovere; altrimenti dove fossi bagnerei in terra, direttamente.
    Forte, ancora più forte quando scritto da una persona fondamentalmente seria, quale sei tu.
    Ciao.

    RispondiElimina
  11. Quando la caricatura si ritrova surclassata, ed è la realtà che fa la caricatura alla fantasia, allora scende la malinconia nel cuore. Post estremamente malinconico, ...

    RispondiElimina
  12. * Reverend Emi
    Il difetto è che qua e là mi scappa qualche espressione "intelligente": lei non direbbe mai "non è che mi concedessero", direbbe "concedevano" (se non "concederebbero"... :D)

    * Ale
    Vi adoro quando fate vostre le mie espressioni: Lobotom-italy è (tristemente) perfetta... :-(

    * unwise
    Mi piace assai l'effetto comico della ridondanza: come quando il telecronista riferisce che un calciatore ha guardato un avversario "con gli occhi"... :)

    * Tartarugola
    Non stento a crederti...
    Ciao!

    * gattonero
    No, niente pannolino: se ci incontreremo, vedrai che di persona sono tutt'altro che un "animatore di compagnie": sono più il tipo che se ne sta zitto e ascolta, per imparare dagli altri... :)

    (il che non significa star sempre muto e in disparte, naturalmente, questo no...)

    RispondiElimina
  13. * Xtc
    Sì: un altro raccontino di questa serie si intitola proprio: "Quando la realtà STUPRA la fantasia ci restano maluccio tutte e due"...

    RispondiElimina
  14. Mappensa te come siamo ridotti!:-)))
    Mi fai morire dal ridere e questo mi piace tantissimo!!!
    Mitico Zionick!!!

    RispondiElimina
  15. esco di casa e mi sembra di stare in un reality show....

    RispondiElimina
  16. Se scrivo che riesci a riscattare l'irriscattabile ti arrabbi? Il contrappunto tra i diversi elementi dello scarno repertorio da reality ( dice bene Harmonica )è così ben studiato, da offrire ritmo e apparenza di varietà e colore al cerebrostrikelanguage.
    Baci8

    RispondiElimina
  17. * cristina
    Piace tanto pure a me far morire dal ridere chi mi legge... anche se siamo davvero ridotti male...
    Ciao! :)

    * Harmonica
    Oggi ho provato ad annotare su un taccuino i frammenti di conversazione che mi toccava sentire durante la mia passeggiata... non ci sarebbe nemmeno bisogno di lavorarci sopra...

    * giacynta
    Arrabbiarmi con te? Impossibile.
    Baci8 :)

    RispondiElimina
  18. E tu sei un genio, originale, non sosia!
    Cristiana

    RispondiElimina
  19. come ha detto qualcuno, nella comicità, questo post è molto malinconico... mi associo al commento di cristiana qua sopra! :)

    RispondiElimina
  20. Qui non c'era niente da ridere..c'era da deprimersi perchè un buona percentuale di gente che ci circonda è come quella cosa che descrivi quassopra...
    Non hai avuto alcuna pietà..e si avverte!

    RispondiElimina
  21. Io volevo complimentarmi per l'AUDIO di questo racconto.
    L'ho ascoltato in cuffia e giuro ho pianto dal ridere :D

    RispondiElimina
  22. Da Standing Ovation, da Grammy Awards, da Oscar, da Premio Campiello e chi più ne ha più ne metta...Uno spaccato così reale che pensavo di esserci dentro... Inimitabile!

    RispondiElimina
  23. * Carolina
    Grazie!
    (Stavo per rispondere uau, dopodiché mi toccava autogiustiziarmi... :D)

    * cristiana2011
    originalmente e genialmente ti ringrazio :)

    * Fra
    Facciamo malinCOMICO?

    * mr.Hyde
    In questi casi la pietas è mancanza di talento e di midollo... e infatti l'odierna narrativa italiana di successo spurga (finta) pietas da ogni pustolosa pagina...

    * Grace
    Mò me lo riascolto pure io... :-))))

    RispondiElimina
  24. * nella
    se comincio a inchinarmi per ognuno di questi premi, finirò domani mattina... :-))
    un abbraccio, carissima!

    RispondiElimina
  25. L'ho letto,ho sorriso,ho riso,e alla fine sono tornato alla realtà.Quella di un mondo in cui questo personaggio non è affatto una caricatura,è la normalità,ogliodire..
    Grande Zio ! :)

    RispondiElimina
  26. Tu sei meravigliosamente bravo, ma la moltitudine di gente così se lo scrive da sola il pezzo .....
    Miagolii sorridenti fffffrrrrrr

    RispondiElimina
  27. Cavolo, ma come fai?
    Sei davvero grandioso a scrivere così, perché sono certa che non sia così semplice, oglioìre accapito? :D
    Zietto sei unico!!! :*

    RispondiElimina
  28. Nel 1983 mio marito ed io abbiamo aperto un pub in una cittadina romagnola e l'abbiamo tenuto aperto per venti lunghi anni. Di queste/i persoinagge/i ce ne sono sempre stati e ne ho visto una grande varietà. L'ignoranza cè sempre stata e solo pochi personaggi come te riescono a farne motivo d'ilarità ...ma solo tu riesci a scriverlo! Sei unico aNCHE IN QUESTO GENERE!! Un abbraccio Nick.

    RispondiElimina
  29. * Blackswan
    Forse è anche per questo che "normalità" è sempre più, per me, la parolaccia assoluta! Sto guardando il bel video svefn g englar dei sigur ros, pensando a una ragazza down che non c'è più, e nella commozione penso che sceglierei adesso, ora, di essere down piuttosto che uno squallido normalozzo di destra che dice le squallide parole sul "pericolo gay" veicolate oggi dalle personcine del giornalE... Quando poi penso che fra queste personcine ce n'è uno che tanti anni fa avevo ingenuamente ammirato, perché l'avevo sentito dire "la normalità fa schifo", e adesso eccolo lì in trincea per la più gretta normalozzità cazzona veteroconformista e vatikaliota... che pena l'italiA...
    Meno male che ci siete Voi, amici miei!

    RispondiElimina
  30. * Ally
    acapitto :)

    * Felinità
    Grazie per le tue sempre meravigliose parole, e per il bene che mi fanno...
    Ciao e Miao!

    * Melinda
    Direi che di pazzoidi come me uno basta e avanza (anzi, per qualcuno mi sa che sono già di troppo... :D)... Grazie anche a te, carissima, ti abbraccio!

    * Galadriel
    Ti sono grato sia per la testimonianza diretta che per le parole, a loro volta splendide, che anche tu mi dedichi... Finirò col sentirne la responsabilità, ma non mi pesa: non vi voglio deludere mai! :)
    Abbraccio grande!

    RispondiElimina
  31. "cioè, oglioire, vedi, aicapito, cioè, giuro"

    ziooooo, hai dimenticato questa:

    PRATICAMENTE

    :-)))

    RispondiElimina
  32. Tu non mi crederai, ma io qui in doiccelandia l'ho conosciuta una tipa proprio così capace di sparare cazzate di mezzora senza un nesso qualsiasi, ridacchiando giuliva. Non era una sprovveduta ma la referente pubblicitaria degli Hilton Hotel. Non diceva "oiodire" perché parlava in crucco, ma il suo intercalare era "wie gesagt", come detto cioè, che ripeteva come la poesiola di natale sotto l'albero: due parole e Wie gesagt, tre parole e wie gesagt, una parola e wie gesagt, tre wie gesagt e una mezza parola.
    Quindi non ti adirare troppo: in tutto il pianeta trovi tipi del genere.
    Ciao Nik.

    RispondiElimina
  33. * Rita
    C'erano anche "ah, okèi", e il monoaggettivo jolly "importante", e tante altre fetecchie espressive, ma non ho voluto saturare troppo il testo... :-))

    * Enzo
    Noi abbiamo avuto una "colta" ministrozza che ogni mezza parola diceva "voglio dire". E ovviamente non diceva mai un caz**... :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  34. Zio! Standing ovation... ogliodire!

    RispondiElimina
  35. Una pellicola del Verdone degli anni '80 sferzava i giovani hippies italiani dal linguaggio sincopato e farcito di 'cioè' o roba simile. 30 anni e si parla dello stesso, identico, che a me sembra di stare a sparare, oggi, nel bosco, vale a dire la viziosa società, a delle bottiglie di vetro, i giovani dal linguaggio svelto, inermi, vuote, vetro innocuo. Le serpi nel bel bosco sono altre e scaltre. Insomma 'sti ragazzi li si ritrova in qualche fogna, al massimo appartati nello studio di un avvocato a prendere appuntamenti e cristo, di certo non staranno a sedere vicino al Draghi nella BCE. Ci vedo il disagio, il pericolo nella gente col colletto bianco, la gente 'tecnica' che piange e incula altra gente o i pennivendoli che si prestano ad essere al servizio del partito, che si scelga pure quale partito, uno vale l'altro. Insomma oggi chi ci ha la laurea è quella più pericolosa poiché mossa dagli istinti più viscidi, conscia d'avere un potere sia pure minimo. Il mio dito, io, lo punto verso coloro che hanno l'età del mio babbo, quella mandria putrescente di gente col pezzo di carta e con la lingua sottile e suadente, una parlata ch'addorme come quella del Monti o di Prodi, loro sono ex colleghi se qualcuno non lo sa hanno lavorato entrambi per Goldman Sachs.
    E quindi il petardo sotto al culo glielo metterei ai signori coi capelli bianchi o non ai loro figli che sono quei poveri stronzi che balbettano frasi sgrammaticate e con le cascate di cioè e gliodire in bocca. 'Sti stronzetti analfabeti sono il frutto marcio, paradossalmente, di mio 'padre'.
    I nostri vecchi hanno il potere, gente con le rughe. Trovo decisamente provocatorio ma nel senso opposto, all'incontrario, sprecare, sia pure a parole, un'atomica per questi ragazzi, poveracci, dei perdenti che quasi mi fanno simpatia. Il futuro, si sa, mica è nelle loro mani e per questo sono nati perdenti e ci moriranno.
    Me ne ritorno nel mio antro, nel mio buco di c... che mi sono esposto troppo.

    RispondiElimina
  36. Parole che fanno scintille, annodate in maniera tale da generare altre scintille in realtà metropolitane non proprio scintillanti.

    RispondiElimina
  37. * Ernest
    Muchas gracias, hermano... :)

    * Discepolo
    Anzitutto ti do non solo il benvenuto, ma ti invito a tornare qui ogni volta che ne avrai voglia.
    Sono molto più in sintonia con te di quanto tu non possa pensare, giudicando da questo semidemenziale raccontino: penso anch’io che questi ragazzi (che spesso parlano così anche quando hanno due lauree!) siano il frutto di una strategia perversa e ben precisa, che incarnino il vuoto, la banalità e l’ignoranza fortemente voluta da grigi orchi figli d’una zoccola che così li hanno voluti, vuoti banali e ignoranti, per poterli meglio sfruttare, manipolare, inchiappettare. I brufolosi inventori di Fessobukko sono solo un’eccezione (abilissimamente sbandierata), ma la regola è ben altra: chi si nasconde dietro televisioni che inferiorizzano, discoteche che rincoglioniscono, editoria che disinforma e deforma, telefonia che lobotomizza, società che cominciano dai bambini di 2 anni per rovinare generazioni a suon di videogiochi, spot e fast food? quanti anni avranno le merdacce che troveremo dietro quelle scrivanie ai piani altissimi? Sessanta, settanta, ottanta, proprio come dici tu… (le stesse età dei pagliacci della krescitA, dei criminali dello sfruttamento risorse – vedi post più sotto.) Il presunto guru visionario jobs, fascistoide filobush e mercante di fumo e di schiavi, era forse uno dei più sbarbatelli. Quindi, davanti allo scenario demenziale di certi gggiovani, posso avere la reazione di provare schifo e pena, magari anche rabbia (quando la notizia principale dell’ansa, mentre in siria si massacrano ragazzini, è il successo del video “che spopola” di due idioti che ballano la macarena in classe, mi prudono i calcinculo, non solo per loro ma anche per chi il video lo guarda e condivide e ci aggiunge “i like”), ma stai tranquillo che non commetterò mai l’errore di dare A LORO la colpa. O comunque non soltanto a loro.
    Grazie per il contributo.

    * Alberto
    Raro caso di scintille che producono tenebra... Heart of darkness come (splendido!) titolo è stato speso troppo presto: sarebbe stato perfetto per la nostra epoca.

    RispondiElimina
  38. E pensare che ho fatto in tempo a vedere, o a sentire di riporto di, milanesi al mare che già tanti, tanti anni fa cercavano di parlare come il tuo personaggio. Quelli facevano gli altezzosi. Tu, invece, fissi in maniera indimenticabile gli archetipi di persone che proprio i miei "bauscia" d'antan hanno anticipatamente cercato, riuscendoci, di rovinare.

    RispondiElimina
  39. Ma chi parla così? Quasi incomprensibile.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  40. * Adriano
    Ti sei beccato gli antenati di questa qua: preziosa esperienza antropologica (di cui immagino avresti fatto volentieri a meno)... :D

    * Kylie
    Naturalmente questa è un'esagerazione caricaturale ma, almeno per quanto mi riguarda, basta un po' d'orecchio per sentirne decine al giorno, di persone conciate così... :)

    Buona giornata anche a te!

    RispondiElimina
  41. "Ce n'è, ce n'è (mammina se permetti)" ce n'è a bizzeffe di questi prodotti della fabbrica di grandi fratelli, veline ecc., che farebbero di tutto pur di strusciarsi con l'odore della notorietà, anche quella taroccata. La tua scrittura prende, fa torcere le budella, fa ridere fino alle lacrime (cito dai commenti), fa pensare: la lettura dei tuoi post è un efficace antidoto contro la stupidità.
    Felicitazioni!

    RispondiElimina
  42. ehi zietto (anche se secondo me siamo coetanei) come te la passi? Ovviamente quando scrivi c'è sempre da apprendere! :)

    RispondiElimina
  43. * nina
    eheh... non ho ancora un ufficio stampa ma è come se avessi già l'addetta-stampa... nemmeno scrittori da un milione di copie si sentono rivolgere molto spesso parole così... eppure queste felicitazioni le percepisco talmente sincere che mi gonfiano il cuore di orgoglio, e di gratitudine. :)

    * Stefania
    Quando scrivo qualcuno apprende e qualcun altro se l'apprende nel... :-))))
    Diciamo che me la passo benino, grazie. Quanto all'età, non chiederò gli anni a una Signora, ma (siccome io non sono una Signora) posso dirti che ne ho 45... :)

    RispondiElimina
  44. In maniera ironica, hai ripreso in modo superlativo una triste realtà.

    RispondiElimina
  45. Che umorismo pirandelliano...un testo che fa sorridere ma al tempo stesso riflettere! Geniale come sempre!

    RispondiElimina
  46. ** Cavaliere oscuro e davidombra
    Presenze sempre luminosissime a dispetto dei nicknames... :)
    Grazie a entrambi!

    RispondiElimina
  47. Un ritratto della odierna società, ogliodire.

    RispondiElimina
  48. * Valente
    Ciè, acapitto, tipo quasi una fo(t)tografia, tipo... :)

    RispondiElimina
  49. vorrei avere un ottavo della tua brillante parlantina!:)

    RispondiElimina
  50. * mandorla
    Grazie, carissima. Anche se purtroppo è solo parlantina scritta: dal vivo non ho la lingua molto sciolta (a meno di non scioglierla preventivamente con un pochetto d'alcool... :D)
    Ciao!

    RispondiElimina
  51. m...chia che truculenza!!!molto azzeccato tuttavia!!!

    RispondiElimina
  52. * Marina
    Sì, il fatto del bambino e del filobus è un po' troppo splatter, ma rende bene l'idea del vertiginoso vuoto regnante in certe testoline...
    Ciao!!

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)