l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 14 dicembre 2011

“AGONIA DI UNA FATA E ALTRI SFACELI” – tre altri maledetti giorni di quel maledetto 2003.



“Io sono come una rana in uno stagno asciutto”.
(MaitU I, 4)


2 giugno (lunedì)

Bellissima mattina.
In cucina, beviamo insieme un caffè, parliamo di libri (le faccio vedere una doppia recensione allettante) giochiamo una partita (la prima nostra) a cinquecentouno. Lo trova un gioco divertente.

Stanotte ho dimenticato il telefonino in sala, acceso. Fortuna che non ci sono stati squilli pubblicitari o di coglioni sbaglianumero. Sto andando un po’ via di testa.

La Lidia si sistema fuori, sul dondolo all’ombra, con una sedia per alzare le gambe, i cuscini, un bicchiere di tè, il suo libro.
Telefona col cellulare a T. per dire che ha giocato e vinto a quel nuovo gioco che ci ha insegnato lui: è tutto contento. Dopo le porto la felpa grigia perché c’è fin troppo venticello. Pagherei miliardi per altre mattine così tanto serene. La vedo leggere rilassata, tranquilla, seduta sul dondolo. Mi ricorda quando ascoltava il walkman, convalescente (lei, non il walkman) dal laser alla rétina. Soltanto due anni fa.

Arrivano Simona e frugoli. Invento un gioco con la palla da tirare dentro un portavasi di plastica, che tengo fra le mani trasformandomi in canestro vivente, una specie di babybasket molto baby, ci divertiamo.
Mangiamo, a pranzo, riso in insalata fatto in società, e delle ciliegie.

Si riparla di quanto è stata assurda sua madre – e assente suo padre (peggio della favola di Cenerentola) negandole perfino la possibilità (questa non la sapevo ancora) di frequentare le scuole serali quando faceva la baby schiava in sartoria!

Chiede del cotone con qualche goccia di acqua di rose perché dice, piangendo, che gli odori la torturano. In compenso, gustose ghignate per il libro che “è tornato dentro con le zampette” (suo marito Piermetapòst). Poi deve andare un po’ a letto.
Scrivo una lettera per conto di mio fratello. Adesso si mette a darmi problemi pure la stampante. Ma quanto le odio, le stampanti?

La lavanda è diventata stupenda. Era una minuscola piantina comprata al supermarket, di quelle che di solito durano due giorni, è diventata un cespuglio rigoglioso. Quell’angolo di guardino è il suo posto ideale.

Pomeriggio ancora fuori sul dondolo. Telefona il dottore per informarsi sulla prima visita oncologica, e resta interdetto per l’appuntamento del giorno 11. Insiste col consiglio di andare domani per averlo prima col dannato bollino verde. (Bisogna però sentire anche la L., che pasticcio!) Poi dice senza febbre alta sospendere il cortisonico, cosa che si rivelerà una colossale boiata. Il resto va bene.

Si parla un po’ lì alla rete coi P. Per la prima volta vedo lui sorridente appoggiarsi alla moglie. Ce l’ha ancora con le stramaledette lumache mangiatageti. Dice che se riescono a fiorire a quel punto sono salvi e si difendono da soli, perché il fiore puzza.

Stiamo tutti in giardino in attesa del temporale.
Farà solo due gocce.

Dopo cena scrivo un po’. Poi dovremmo vedere Uomini e topi. Sembra che l’idea di mettere il televisorino e il vhs in camera le vada.

Per stanotte, quando veglierò in gran segreto, terrò sulla scrivania vecchia solo un bicchier d’acqua, una candela, i testi Vedici, libri, appunti e l’articolo su Raimon Panikkar con la sua foto. Spero che per leggere, sussurrare le parole che ho scelto per Lei basti la luce della candela. Coprirò le cifre luminose dell’orologio.

Vengono Alberto e Marta. Chiama la L. Spiega che il giorno 11 era il primo buco per emergenze col dottor B. Cinque giorni prima c’era il dottor M., che sconsiglia sul piano umano avendolo avuto il suo defunto suocero: pare sia uno che ti tratta male, che non ti risponde se gli fai una domanda, che ti deprime. Il fattore umano è importante, decisivo, visto che quello sarà poi il medico che ti segue per tutto il tempo. La mamma è d’accordissimo. Comunque, domani prova a vedere se si può anticipare anche con B., poi ci telefona.


3 giugno

Apprendo di una notte di dolori e insonnia.
Le faccio bere la “pozione magica” senza dirle di cosa si tratta.
“Perché mi dai quest’acqua?”.

Papà in farmacia-coop-farmacia (sembra tarantolato, poi vuole reinformarmi su tutto, So già, dico, Non mi angustiare.)

Compriamo il contramal.
Telefono al dottore per sapere tempi e modi di somministrazione, lunga telefonata, non chiede più dell’oncologo e io non gliene parlo.

Sfumano 380 euro per colpa del maledetto Helsingborg. Colpa mia. Avevo azzeccato due pareggi spagnoli, quello del Varese, il primo tempo dell’Atalanta, un paio di Finlandesi facili. Ero stato praticamente un genio. Che bisogno c’era di aggiungere questa merdina quotata 1.20? Perché sembrava una vittoria scontata, per arrotondare! E invece mi va a finire 0-4. Così assurdo che per tutto il giorno lo vado a ricontrollare, sperando in un errore del televideo.

Mentre telefono al dottore, la mamma trova un quadrifoglio sotto il dondolo. Buon segno, o ci si prende anche per il culo?! Io in compenso mi ritrovo, in camera, una vespa sul collo, meno male che non mi punge. Poi la mamma si mette a rompere di brutto per i pavimenti sporchi, e io non ci capisco più niente.

Contrordine: telefona la L., appuntamento domani alle 15, però con M. Non per fare la volpe e l’uva, ma mi sento sollevato. Una settimana poteva essere troppo decisiva! E poi il lato umano è così soggettivo… magari la mamma si sarebbe trovata peggio con l’altro. Oggi andrò dalla L. per riprendere il nostro materiale.
Incredibile: sarà la prima volta che andrò a casa di questa mia cugina, inseparabile compagna di giochi nei primi anni della mia vita (era quella da cui le suore volevano separarmi nel cortile dell’asilo, i maschi di qua, le femmine di là, schifose arpie).

Mentre sono fuori a fumarmi una sigaretta, telefona, per interessarsi alla mamma, la dottoressa Z.! È davvero un’ottima cosa, e la Lidia ne viene molto rincuorata. (Ha confessato sia a lei adesso che alla L. prima tutta la sua paura. Paura cui si aggiungeva l’ansia per l’attesa: è davvero molto meglio che si cominci subito, domani).
Chiamerà anche la parrucchiera per una messa in piega domattina. Vogliano gli Dèi che sia tutt’altro che l’ultima.

Oggi Marta e Alice (aspettando il pulmino parlo con C. dei miei progressi culinari). Giochiamo e merendiamo. Poi il marròfolo fa un bel disegno, due fiori, per la nonna, e li ritaglia. Quando la nonna si alza, l’aiuta a sbucciare i fagioli. Do alla Lidia il numero della S., ma non la trova (faccio un po’ da agente telefonico, sollecitandola a parlare con quelle persone che le farebbe bene sentire).

Poco dopo le sei vado dalla cugina L. Trovo quasi subito. La casa è in una posizione bellissima, le tre bambine adorabili (non le avrei mai riconosciute). Hanno un bel cane, un coniglio, un acquario con pesciolini piccolissimi, e due mini pesci rossi hanno fatto pure un piccolo, microscopico. Le dico di venirci a trovare con le bambine, qualche giorno.

Dopo aver cenato papà va a coprire un buco di qualche minuto con le nipotine. Io esco ad annaffiare, e nonno e bambine mi guardano dal finestrone lassù. Partono saluti e scariche di baci. L’Alice si sbraccia, la Marta manda più che altro i bacini.

Quest’anno il nostro giardino pare magico: oltre alla zucca spuntata da sola non si sa come, alla lavanda, e alla piccola felce, adesso vicino alla siepe abbiamo pure le fragoline matte.

Mi fumo un sigarillo alla vaniglia sul dondolo, poi entro a dare un’occhiata a Italia-Irlanda del Nord già cominciata (frega un cazzo).


4 giugno

La mattina presto piove a dirotto. Stanotte ha dormito benissimo. In compenso, ha appena vomitato. Teme di aver rigettato gli antidolorifici prima di assimilarli. Vomitare pochi giorni prima della prima chemio. Non è un buon segnale. Non è incoraggiante.

Dopo colazione, mio padre viene a informarmi. Con gentilezza gli rispiego che appena mi alzo chiedo sempre alla mamma, e che dirmi le cose due volte serve solo ad angosciarmi. Ma so già che domani sarà di nuovo così: sono uno che quando parla non viene ascoltato.

È sempre stato un padre ossessivo, maniacale, opprimente, pignolo, meticoloso, assente dal reparto “giochi e divertimenti” e presentissimo nel reparto “raccogli subito quella cosa che è andata per terra e mettila al suo posto”. Mai violento, però iracondo sì. Una volta, da piccolissimo, restai impressionato da una sua scenata bestemmiosa, ne chiesi il motivo alla mamma, e lei mi spiegò che papà aveva rotto una bottiglia di birra. La sera dopo, altra scenata per chissà quale altra sciocchezza, e io che collegandola al precedente della birra rotta chiedevo: “Oto bìa, papà?”.

Alle dieci vado a portare la mamma dalla parrucchiera. Appena sul rettilineo (sono già sui sessanta, non sto intralciando), arriva un’autobotte a duecento all’ora. Il prepotente che la guida mi alza i fari più volte. Suona. Allora io rallento apposta, tipo safety-car. Quello si sbraccia, si agita, si contorce, di continuo alza i fari e strombazza, impazzisce, m’insulta, mi spaventa la mamma. Rallento ancora di più, abbasso il finestrino e gli faccio tutti i gesti che merita, gridando “Schiavo di merda, spezza le catene!” (forse la spavento più io, la mamma…)
Poi, quando giro al rondò, accelero e gli faccio ciao ciao.
Se potesse, lui mi ammazzerebbe. Roba da matti. Peggio di Duel.

Meravigliose le rose davanti alla parrucchiera. Non piove più, ma quando la mamma scende le porgo l’ombrellino. Al mio ritorno a casa, all’incrocio qui sotto, l’Alberto e papà stanno giusto uscendo, stanno tentando con pazienza di uscire, verso Varese, per andare a comprare i materassi nuovi.

Vado a riprenderla. Ripiove. Dolcemente.
Coi capelli corti sembra quarantacinquenne. E sana.

Il ragazzo accoltellato l’altra notte a Varese per aver chiesto una sigaretta era un compagno di scuola del figlio della parrucchiera. Viviamo in una piccola giungla di merda.

In sala, lunga chiacchierata sulla vita e sulla morte, e sulle mentalità un po’ di cacca (papà che la riprendeva se ci baciava da piccoli, dicendo cattiverie sulla mamma dell’A., zimbello del parentame perché troppo affettuosa, lui che adesso si attacca alle nipotine per sbaciucchiarle come uno sturalavandino di gomma. Ma forse è solo coi maschi, che non andava bene?)
Le dico quel mio struggente pensiero dell’altro giorno in giardino, di come dopo la sua morte, sperando sia tra vent’anni, ogni volta che succederà qualcosa di bello, di strano, di curioso, mi verrà l’impulso di dirlo a lei (ad esempio, un’ormai inaspettata fioritura della tulipifera).
Lei mi risponde Me lo potrai dire lo stesso.

I materassi li consegneranno venerdì. L’Alberto riferisce un’idea della Simona: per quando farà più caldo e lei sarà a casa dal lavoro, cioè dalla prossima settimana, ci offrono la loro macchina che ha il climatizzatore, per andare a Varese. Pensiero davvero gentile.
Preparo zucchine con lo scalogno.

Varese. Ospedale di Circolo. Padiglione di oncologia.
Dopo la visita, la mamma è enormemente sollevata. L’impressione del dottore è ottima. Molto giovane, della mia statura, persona carina, gentile e rassicurante. Tornati a casa, lei ancora dubita che sia “quel” M. Proprio vero, mai fidarsi quando qualcuno ti parla male di qualcun altro. Sollevata anche per quello che lui dice: nuovo tipo di chemio che non fa vomitare e non fa perdere i capelli. Anche lui ha visionato i chili di scartoffie che mi son portato dietro, e che alla fine non riuscivo quasi più a rimettere in ordine, anche lui conferma le cose dette dalla Z., di cui ha letto attentamente la lettera (ripeto, gentilissimo, come la sua assistente che trascrive l’anamnesi al computer): obiettivo far regredire il tumore, o al peggio arrestarlo com’è [patetica bugia, questo devo aggiungerlo, ma allora me la bevvi: mi attaccai al fatto che in sala d’attesa si vedevano donne molto anziane che col tumore – evidentemente di tipo diverso – ci “convivevano” da anni e anni.]. La chemio sarà una volta alla settimana per tre settimane, poi una di riposo, poi di nuovo.
Ad agosto, rifare tac o eco ed esami del sangue per vedere l’evolversi della situazione. (Esami del sangue, per averli recenti, da rifare anche adesso, scrive la richiesta, andremo domani a Cittiglio).

Utilissimo il foglietto che ho preparato con tutte le medicine che prende la mamma: per la trombosi fraxiparina due iniezioni, per la pressione combisartan una compressa, per il dolore tora-dol dieci gocce tre o quattro volte e contramal due capsule, per lo stomaco omeprazen due capsule e peridon una compressa, per la febbre soldesam sedici gocce (cortisonico), per la tosse levo tuss venti gocce due volte. Le danno già un cartoncino coi primi tre appuntamenti: venerdì 13 alle 12.15, venerdì 20 alle 8.30, venerdì 27 non ricordo a che ora.

Uscendo, lei mi aspetta su una panchina, perché entrando abbiamo dovuto camminare per l’impossibilità di parcheggiare vicino, e adesso è troppo stanca per rifarlo. Un vero manicomio, viabilità e parcheggi lì dentro. Oltretutto fa un caldo pazzesco.

L’unica cosa che mi ha lasciato perplesso è stata la povertà dell’anamnesi.
A parte le solite domande su ereditarietà e precedenti patologie, l’anamnesi di un malato di tumore al pancreas praticamente si limita a questo: Fuma? No. Ma in passato fumava? Sì.
Basterà per includere anche la mamma nella disonesta e facilona e superficiale statistica degli assassinati dalla sigaretta?
Nessuno le chiede se la sua vita è o è stata stressante, quanti gas di scarico di automobili respira, se ha sofferto di depressione, se vive vicino a cementifici o fabbricacce inquinanti, non le chiedono le abitudini alimentari, se faceva uso di dolcificanti chimici, quali carni mangiava, se esagerava con patatine o dolciumi o grassi animali, non le chiedono quanti rifiuti radioattivi siano stoccati nella vicina Ispra, all’azione di quali campi magnetici sia stata sottoposta, o quante decine di aerei le caghino in testa ogni giorno nell’avvicinarsi alla fottuta Malpensa.

Al parcheggio, trovo sotto il tergilunotto un altro opuscolo di finanziaria. Era già successo a Cittiglio, ma si trattava di un’organizzazione diversa. Sanno bene, i maiali, che in un ospedale si può trovare un sacco di gente disperata, che ha bisogno di soldi subito per pagare interventi o medicine o ricoveri in cliniche private. Sottouomini spregevoli, gli usurai, anche se legalizzati.
Strozza lo strozzino pare un giusto e sacrosanto slogan anche a un non violento come me.
E se esistesse un Inferno di tipo dantesco, mi dico, gli strozzini starebbero giù in fondo, con la testa conficcata nella roccia ghiacciata e le gambe all’insù, e Satana che gli infila nel culo miliardi e miliardi di dobloni roventi, come nella fessura di una stronza slot machine.

In macchina al ritorno faccio una sauna. Appena a casa, doccia salvavita. Prima mando baci alla mamma come faccio sempre con le bambine, e lei ricambia. Poi Alberto e Marta portano un po’ di felicità. La mamma sta sulla poltrona. Esco e parlo con l’Alberto, gli dico anche della mia idea del lettore dvd, lui dice che non saranno necessarie nuove casse, e se il nostro vecchio stereo ha una presa esterna useremo quello, come amplificatore. Andremo da B. appena incasserò la piccola vincita dell’altra settimana.
Propongo di andare io e lui a Gavirate a prendere granite e gelato. (Mi cambio, calzoni blu corti multitasca e maglietta color senape, lui scendendo le scale della cantina mi dice Ti sei vestito da spiaggia, mi volto ed è uguale, anzi, io almeno ho i mocassini, e lui dei sandalacci aperti. Ridiamo).

Alice sempre più triste per via della malattia della sua dolcissima nonna, il cui protrarsi non riesce a capire. Andiamo dove c’è la loro sabbia, bagnata per la pioggia, e facciamo un bel castello con torri, finestre, bandiere, fossato, coccodrilli (fatti con aghi di pino) e ponte levatoio. Poi arriva l’Enrica. Foto con tutti loro e papà. Dico alla zia quanto la mia Fujica sia un carissimo ricordo, perché comprata vent’anni fa coi soldi che mi diede la nonna.

A cena mangiamo pasta e fagioli. Buona ma non ottima come al solito. Dice Con lo stato d’animo in cui l’ho preparata ieri, alla brutto cane… Idea di mettere proprio sul menu “fagioli alla bruttocane”. Stasera la febbre è a 38, prende anche il cortisonico, che comunque il dottor M. ha consigliato di assumere in ogni caso.
Io e papà guardiamo in tv un poliziesco abbastanza deludente.

Il nome della speranza è (trascrivo dalla lettera della dottoressa Z.): GEMCITABINA.

47 commenti:

  1. Eccomi cara Nicola dopo la mia assenza forzata, per ora ti lascio un caro saluto.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Leggere queste pagine mi intristisce moltissimo.
    Tutti gi organi vigliaccamente si assopiscono, soltanto il cuore ha coraggio e coraggiosamente PIANGE.
    Un abbraccio zione, altro non riesco a scrivere :(

    RispondiElimina
  3. la citazione su Raimon Panikkar mi ha molto emozionato ricordandomi gli anni da obiettore di coscienza.

    RispondiElimina
  4. Voglio solo dirti che mi dispiace tantissimo.
    Teresa

    RispondiElimina
  5. Quanta tristezza. E la sensazione di solitudine, di fronte alla superficialità dei medici e alle diagnosi approssimative. Sei sempre bello e dolce nel tuo seguire passo passo la tua mamma. Sei stato grande. Davvero.

    RispondiElimina
  6. lo dico sinceramente: non saprei cosa scrivere senza che risulti una banalità, una forzatura o una cagata. Ma giusto per farti sapere che sono passato di qua e ho letto col magone questo tuo post.

    RispondiElimina
  7. Sei riuscito a farmi entrare nei tuoi pensieri ed ho provato tristezza, ma anche tanta ammirazione!
    Un abbraccio forte forte Zio!

    RispondiElimina
  8. Passo per un salutone per un grazie e per un'altro invito a cena . Prometto che ti leggerò al fine settimana .Un abbraccio. Presto presto che è tardi.

    RispondiElimina
  9. Un'esperienza che ho vissuto dall'inizio alla fine.So cos'è.Non scrivo altro per non rovinare le tue parole con delle banalità.

    RispondiElimina
  10. - Quest’anno il nostro giardino pare magico: oltre alla zucca spuntata da sola non si sa come, alla lavanda, e alla piccola felce, adesso vicino alla siepe abbiamo pure le fragoline matte. -
    Uno sguardo fuori dove qualcosa di inaspettatamente meraviglioso, addolcisce il dolore senza fine che si ha dentro, giorno dopo giorno, dopo giorno.
    Queste pagine sono così toccanti e vere che è difficile anche commentarle. Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  11. Il punto è che non basteranno mille semafori rossi a farci sostare "emozionalmente" se il sole non decide di sorgere per noi nelle nebbiose e inquinate albe lombarde
    e, con questo,.... intendo commentare anche la tua emozionante storia.
    Un saluto,
    Francesca

    RispondiElimina
  12. So che hai scritto un racconto egregio, ma l'unica cosa che riesco a sottolineare é la mia rinnovata affettuosa vicinanza.

    RispondiElimina
  13. Altri momenti tuoi che mi avvicinano di più a te. Un passato che rendi presente così come il legame, indissolubile con lei. E mi sembra di vederti.

    RispondiElimina
  14. Leggo questo diario e ricordo..E pensieri e sensazioni vengono rivissute in maniere impressionante..
    Un sola conclusione ho tratto da quella esperienza: stare vicino e fare sentire il proprio amore, ridere e abbracciarsi..Le medicine non servono(in certi casi)...
    Un caro saluto, amico.

    RispondiElimina
  15. mi fai piangere... e sono ogni volta che ti leggo un pezzettino più vicina a te!

    RispondiElimina
  16. Grandi emozioni e riflessioni trasmette questo post.

    RispondiElimina
  17. Ancora non l'ho letto, Zio, ma sono contento di avere qualcosa di originale da leggere nei giorni di vacanza :)

    RispondiElimina
  18. Caro Zio, oggi ti lascio un abbraccio affettuoso e non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  19. Tristemente dolce e tenero questo racconto. Esperienze vissute per mio padre e comprendo la rabbia verso i medici che trattano il tuo ammaalato come materiale di scarto, io presi per il collo un medico e lo minacciai di metterlo sotto le ruote della macchina se si fosse avvicinato di nuovo a mio padre, ma l'amaro in bocca rimane e ti senti calpestato da quella scienza che dovrebbe salvarti la vita. Una pacca sulla spalla Zio perchè la mamma è sempre la mamma.
    Se ti va di leggere la mia di esperienza trovi qui i due post dedicati a mio padre. Un abbraccio.

    http://ilpeccatoveniale.blogspot.com/search?q=addio+a+mio+padre

    RispondiElimina
  20. Questo tuo pezzo è un pellegrinaggio nel dolore, che adesso vuoi rifare per sentirti meno solo.
    Se non si sapesse come è andata alla protagonista ci sarebbe anche da divertirsi a vedere con quale meticolosità tu stai o stavi annotando lo scorrere delle ore di quei giorni; ma visto a posteriori senti dentro lo stillicidio del tempo e l'incombenza della morte.
    Questa è la tua prima natura, Nik; bada bene: non la seconda, la prima. Quella del motteggiatore dei tempi nostri, quella dal tono semiserio del tizio che tutto e tutti prende per il culo è la tua corazza per difendere pudicamente l'immensa -troppa- bontà e umanità che hai dentro, per non lasciarla intravedere dal prossimo tuo.
    L'avevo scoperta da tempo, ma questa volta ne ho avuta la palese conferma.
    Un abbraccio.
    Enzo

    RispondiElimina
  21. Di grande bellezza, di enorme tristezza, di struggente dolore. Fortunato chi non ha mai e ancora provato la morte di chi si ama.

    RispondiElimina
  22. Scrivi così bene che gli occhi volano sulle parole...

    RispondiElimina
  23. Sono scritti importanti questi in cui ci fai conoscere la tua mamma e il doloroso percorso attraversato da tutti voi. Mi lascia triste di una tristezza già conosciuta per la perdita di mio padre con il quale sapevo scambiare la gioia anche solo attreverso uno sguardo. Sarà contenta tua mamma di averti avuto, anche ora, ne sono convinta.
    Un abbraccio grande Nicola e grazie del tuo racconto .
    Nou

    RispondiElimina
  24. Bellissimo e struggente. Un abbraccio
    Danilo

    RispondiElimina
  25. Un bellissimo racconto,con emozioni,tristezza,ricordi,vita vissuta ciascun giorno,nel bene e nel male.

    RispondiElimina
  26. Sarebbe da leggere senza commentare, ma da blogger non resisto e dico la mia: bella questo modo di pensare "femminile", quindi libero e aperto, e poi è vero, sempre fumo (e alcool, aggiungo io) mettono in croce, e non tutte le altre cosette che hai detto tu. Non che fumo (e alcool), siano innocenti, ma questi uno è libero di prenderli, mentre il resto lo sorbiamo quasi come un obbligo imposto dai padroni del vapore.

    RispondiElimina
  27. Ecco vedi caro Nick questo è un post, il tuo, che lascia senza parole
    Che vale aggiungerne altre oltre quelle bellissime di chi mi ha preceduto? Io ho paura a farti un commento che potrebbe essere inadeguato a quanto da te scritto.
    Perdonami, un abbraccione,
    aldo.

    ps.Grazie per l'affettuoso commento al mio post di oggi.

    RispondiElimina
  28. E' la seconda volta che vengo a leggere.

    RispondiElimina
  29. Solo Grazie a tutte e tutti voi.
    Ma anche a quelli che non se la sono sentita di commentare, e a quelli che non se la sono sentita di leggere: queste cose non è facile dirle, ma, mi rendo conto, neppure ascoltarle.

    RispondiElimina
  30. OT: la SQHUOLASTRISSIE che leggo ora mi fa morir dal ridere. :)

    Ciao amico mio.

    LeNny.

    RispondiElimina
  31. Sei una persona speciale perchè ascoltando, le tue parole ci rendono migliori. Grazie.
    Psolo

    Dice a pag. 24 :"L'uomo moderno è un uomo secolare, il che non vuol dire che non sia religioso o che abbia perduto il senso del sacro. Questa affermazione significa solo che la sua religiosità, e perfino il senso di sacralità che egli possiede, sono entrambi improntati a un atteggiamento secolare."

    RispondiElimina
  32. Avevo saltato questo tuo post,scusa.
    Da questi tuoi scritti emerge sempre il tuo dolore e l'impotenza, ma soprattutto un amore grande che sempre ti arricchirà la vita.
    Cristiana

    RispondiElimina
  33. @ Lenny

    A me invece quella nota al fotofinish non è ancora andata giù. E nemmeno il 2 rimediato nella versione di latino.

    RispondiElimina
  34. * LeNny
    Un caro saluto anche a te :-)

    * PAOLO F.
    Se davvero le mia parole vi rendono migliori, spero tanto che migliorino pure me: perché ogni tanto ho il terribile sospetto che questa vita cerchi di rendermi giorno dopo giorno peggiore...

    (pag 24 del primo volume: bello scoprire di avere quella lettura in comune... :D)

    ** cristiana2011 e George
    Grazie di cuore anche a voi!

    RispondiElimina
  35. Sai com'è, dicono che il dolore ci renda più forti: giusto.
    Ma la libertà di esser deboli? a volte la vorrei, a volte.
    Vedo che hai persone, qua nel blog, che ti sanno stare vicine nella dovuta maniera: non è il mio campo umanistico, per nulla, quindi son solo felice che tragga rigenerazione dai tuoi eventi e dalle parole altrui.
    Felice settimana :)

    RispondiElimina
  36. Ciao...ti vorrei ringraziare vivamente per il bellissimo messaggio che hai lasciato sul mio blog...spero che tutti i miei lettori possano apprezzarlo come sicuramente ho fatto io!

    RispondiElimina
  37. L'ho letto tutto d'un fiato, mi ha commossa la tenerezza e la speranza.
    Uno scorcio di vita bello e doloroso allo stesso tempo.

    Ti vengo a trovare sull'altro blog
    che non conoscevo. E qui dolce amico mio ti faccio gli Auguri di Feste serene,piene di Amore e tanta prosperità.
    Ciao e a presto

    RispondiElimina
  38. * chaillrun
    "La libertà di esser deboli": per come sono io e per come la penso, hai detto una cosa bellissima, sai?
    Felice settimana anche a te!! :)

    * davidombra
    Era il tuo post a meritare commenti anche migliori di quello che ho potuto scrivere io... Ti conosco da così poco, ma sento già di volerti bene. Grazie di esserci. :D

    * I am
    Che tutta la dolcezza e l'amicizia che mi regali possano tornarti indietro centuplicate!
    Serenità, amore e prosperità anche a te, amica mia.
    Ciao!!

    RispondiElimina
  39. Questa volta il mio commento sarà un po' fuori tema.
    Ma mi ha colpito molto il fatto che tu abbia citato una tulipifera, che se è quella che intendo io (Liriodendron tulipifera, o Albero dei Tulipani)allora è una pianta (un albero, ormai) che ho anch'io nel mio giardino, piantata, neanche a dirlo, da mia mamma in persona.
    I fiori di quella pianta sono stupefacenti perchè sono tanti, meravigliosi, grandi e ciononostante, mimetizzati e difficili da scorgere.
    A volte vorrei veramente che mia mamma potesse vedere come sono diventati belli i fiori che aveva piantato.
    Restando invece più "a tema" (ma qui divento prevedibile) penso che questo pezzo sia scritto molto bene.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  40. * Giada
    Sì, la pianta è proprio quella!
    Fiorisce per la prima volta dopo parecchi anni, di solito 15 (la piantò mio fratello che era poco più di un fuscellino, tenuto in piedi da altri legni come si fa coi fagioli, nel 1989) e infatti fiorì proprio l'anno dopo la morte della mamma. Naturalmente provai a raccontarglielo...

    Un abbraccio grande grande grande!

    RispondiElimina
  41. Finalmente ho trovato il giusto tempo da dedicare a questo post. Non ti dirò che ho pianto, ma mi sono commossa moltissimo, soprattutto per quel "Me lo potrai dire lo stesso". Le tue parole invitano ad una riflessione davvero profonda che chi non ha passato il tuo stesso dolore forse non può capire fino in fondo!!! bello anche il pezzo sulle sigarette... come se fosse solo quello ad uccidere e ad inquadrare la malattia... senza appunto contare degli anni di inquinamento e stress psicofisico! Leggere questo pezzo è stato intenso... faticoso (non per la lettura ma per il climax di dolore) non poco... Posso solo dirti una cosa: e cioè che il mio cuore è virtualmente vicino al tuo!!! forse un giorno quando toccherà a me avrò bisogno di te...

    RispondiElimina
  42. Solo adesso, sto leggendo, quanto lasciato indietro in questi mesi, e venendo a trovarti mi sono bevuta questo tuo scritto, delicato e triste, in cui vi è la forza della vita di ogni giorno... e il dolore che accomuna molti di noi...
    Notevole e toccante
    Gingi

    RispondiElimina
  43. I have used Kaspersky protection for a couple of years now, I would recommend this anti virus to all of you.

    RispondiElimina
  44. Claim your 110 FREE REAL MONEY SPINS at Prime Slots.
    A credit card is not required.

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)