"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

lunedì 17 ottobre 2011

J. Stronkabook lancia il primo KILASCRITTU SQUIZZER TROPHY – in palio un viaggio in sella a un cane morto con pernottamento in piedi a Pian del Cuculo



Terzo premio: il bigliettino autografo col mio famoso ritornello incazzato (vedi sopra). Il secondo premio non c’è.

Attonsiòn, citassiòn:

A ogni occhiata una parte dell’eccitazione si disperdeva, come una pozzanghera d’acqua brillante che evapora sotto il sole d’agosto”.

Ora, dal momento che chiunque abbia una seppur minima e vaga dimestichezza con la meravigliosa Lingua Italiana ben difficilmente potrà evitare concatenazioni di idee del tipo “acqua brillante” – “Recoaro” – “acqua tonica” – “Schweppes”, la domanda è: queste due righe in cui compare la scompisciosa, esilarante, inqualificabile pozzanghera Schweppes

1 Sono volute, e son state scritte con ovvio intento umoristico: trattasi di geniale perla contenuta in qualche raccontino comico-demenziale di Zio Scriba, tipo quelli che compongono la saga di Sorensen Puddu. (Indovinare il titolo del raccontino).

2 Fanno parte di un romanzo straniero, e sono dovute alla fretta, alla negligenza o all’inettitudine di un traduttore negligente, frettoloso e inetto. (Indovinare il titolo del romanzo)

3 Per incredibile che possa sembrare, fanno parte di un premiatissimo e vendutissimo libro italiano, e nell’intenzione dell’autore dovevano configurare una similitudine seria, drammatica e/o poetica. (Indovinare il titolo del libro)

4 Me la sono inventata di sana pianta: una pozzanghera di acqua tonica sarebbe francamente troppo, sia per la demenzialità di Zio Scriba sia per l’inettitudine di un traduttore inetto, porka pozzanga! (Indovinare di che colore avevo le calze mentre me l’inventavo)




61 commenti:

  1. Caro Zio, è un quesito troppo semplice... Ricordo con grande sconcerto il momento in cui scoprii l'esistenza delle pozzanghere frizzanti con retrogusto di chinino... Forse l'autore aveva esagerato con il liquore Strega?

    RispondiElimina
  2. * Ale
    eheh, grazie per non aver bruciato completamente la soluzione... anzi, magari ti stai pure sbagliando... diciamo FUOCHINO?... No, ora vado a controllare, ma mi sa che il viaggio in sella al cane morto è già tuo... Te ne vai a Pian del Gufo, amico mio, anche se sarebbero ALTRI a doverci andare... :)

    RispondiElimina
  3. Rettifico, volevo dire Pian del Cuculo... :)

    RispondiElimina
  4. ORA ECCEZIONALMENTE
    INSERISCO LA MODERAZIONE
    COSI' NON VI INFLUENZATE A VICENDA...

    (anche se il quizzer è per scherzo, è giusto mantenere un minimo di suspence...)

    POI LA RITOLGO, TRANQUILLI

    RispondiElimina
  5. Zio, ma se c'era il sole d'agosto, magari a picco sul cervello, uno può pure...dare i numeri no?
    Lo confesso, ho googlato!
    :-)))

    RispondiElimina
  6. Caro Nicola io ti lascio solo un saluto con buona settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. La so la so!!! E' la numero tre... "La solitudine dei numeri primi".
    Che però non ho letto... e siccome per indovinare ho un po' truffato (perchè ho cercato la frase su google) rinuncio volentieri al primo premio! hahahah

    RispondiElimina
  8. Era meglio una pozzanghera di Crodino...
    allora, posto che le ipotesi 4 e 1 si elidono a vicenda, e che i traduttori italiani son meglio degli scrittori, rimane la scelta tra:
    - quella tutta-panna-acida che somiglia alla Bonino.
    - quello col berretto, che il cognome è una garanzia sul materiale con cui sforna i libri.
    - o magari quell'altro, coso lì... quello col cognome eccessivo, se fosse il nome. E altro proprio non mi viene.
    Una volta, lo offrivano a Tomasi, il liquore Strega.

    RispondiElimina
  9. Della frase e del libro che citi ho visto il film: mia figlia e mia moglie mi hanno trattenuto a stento dal lanciare il televisore dalla finestra.

    RispondiElimina
  10. non ne ho la più pallida idea, però la prossima volta potrebbe fare una pozzanghera con l'idrolitina, ahah!

    RispondiElimina
  11. sarà mica un grande scrittore italiano portato anche al cinema?

    RispondiElimina
  12. 1- Sorrensen Puddu la fa frizzante

    2- Alone in grey

    3- la melanconica vita del numero 3456700899

    4- grigio pozzanghera

    RispondiElimina
  13. Secondo Google (che sa sempre tutto) trattasi di Giordano Paolo, La solitudine dei numeri primi.

    Ovviamente ho vinto ma lascio il premio in beneficenza a chi vuoi tu!

    RispondiElimina
  14. Io mi accontento dell'autografo con ritornello incazzato... ricalcato. Suvvià sii buono zio :)

    RispondiElimina
  15. E pensare che l'ho pure letto. E non avevo registrato la magnificienza di tal espressione. Alle volte i meccanismi di difesa del nostro subconscio sono troppo selettivi.

    RispondiElimina
  16. Non voglio partecipare , non tanto per il cane,quanto per il pernottamento in piedi .

    RispondiElimina
  17. Uuuuu...la storia i Alice e Mattia...un ritratto di vite che chiudi l'ultima di copertina e pensi"mamma mia che concentrazione di sfighe"!

    RispondiElimina
  18. Secondo me, purtroppo, questa frase è scritta davvero su qualche libro vendutissimo, strapremiatissimo ecc ecc..
    Alla Giordano, per intenderci ;)

    RispondiElimina
  19. Mi sa che stanno in piedi tutte le ipotesi.

    RispondiElimina
  20. Ebbene sì, la pozzanghera Recoaro-Schweppes si trova a pagina 80 del romanzetto La solitudine dei numeri primi (voto 1+). E qui mi fermo, per non ritrovarmi come al solito iscritto nella lista infame degli “invidiosi” (o presunti tali…) :-)
    Ma se volete aggiungere qualcosa voi alla discussione fate pure. Mi farà solo piacere…

    RispondiElimina
  21. Ah: complimenti a chi ha indovinato, e a chi non ha voluto indovinare per “paura” dei premi, o per non dover confessare di aver letto quel libro (io l’ho fatto per dovere professionale, e non mi sono ancora ripreso dallo sconcerto…)

    Comunque, visto che le giurie dei premi devono essere precisine, il viaggio a Pian del Cuculo (in attesa di scoprire dove sia) lo vince la prima concorrente ad aver scritto per esteso il titolo in questione, e cioè Giada. L’altro premio, cioè il terzo in assenza del secondo, va invece a mia euridice: avrai il bigliettino autografato alla prima occasione tipo cena di blogger o simili… Ma in via eccezionale ne farò una copia anche per Maraptica! :D

    RispondiElimina
  22. Quindi l'hai letto per dovere professionale...
    oh, sono contento di non sorbirmi doveri simili.
    Di cagate, preferisco quelle dei miei pazienti.
    :D

    RispondiElimina
  23. Eh no eh...! Il premio no! Facciamo così, lo cedo all'autore :)

    RispondiElimina
  24. Buona la numero 3.Si tratta di un italiano e pluripremiato.Diciamo un Nagatomo della letteratura nostrana (Una roba così demenziale non può che ricordarmi la difesa dell'Inter delle ultime giornate...sigh ! ) .

    RispondiElimina
  25. aggiungo suBBBito.
    Non avevo riconosciuto la citazione anche se ho letto il libro, letto e tentato di dimenticare in fretta, bene faccio parte pure io del gruppo INVIDIA SI GRAZIE, uno dei libri + sopravvalutati degli ultimi tempi, un romanzetto come lo definisci tu osannato, e costruito a tavolino dagli editori, bel ragazzo che sa scrivere. Eh come no!
    Comunque io adoro l'acqua tonica, giuro ma giuro proprio che la sto bevendo ora, il mio devasto serale tonica+blog life (e marito al corso di fotografia, così poi mi mette le foto + belle nel blog!) Cosa vuoi di più dalla vita? Una tonica grazie. BACI

    RispondiElimina
  26. * web runner
    E il bello è che da bravo web-fiorentino nello scriverlo avrai mentalmente pronunciato: AATE... :D

    * Giada
    Allora per il premio, se ti accontenti, possiamo fare così: invece del viaggio, un abbraccio speciale dello Zio, tutto per te! :)

    * Blackswan
    Qualche giocatore della nostra rosa potremmo giusto mandarlo a scrivere per la grande editoria, tanto lì non sfigurerebbero di certo...

    * Ilaria Pedra
    BBBrindiamo insieme, allora, alla dimenticanza di chi merita di essere dimenticato, e a un futuro più tonico e più champagneggiante per chi semplicemente MERITA, malgrado noi si viva nella triste patria della MeritoFOBIA...
    Tanti baci anche a te! (sulle guanciotte, o il marito me la dà sulla capoccia, la macchina fotografica... e con questo sono riuscito a passare dalla meritofobia alla maritofobia) :-)

    RispondiElimina
  27. Ho saltato tutti i commenti, sia ben chiaro.
    Cristiana

    RispondiElimina
  28. La numero tre (ho copiato da Giada).

    RispondiElimina
  29. ** cristiana 2011 e Costantino

    Siete stati preceduti, ma prometto che avrete GLI autografi col mio prossimo libro (il mio, quello di Stronkabook, e se volete anche quello di Zio Scriba, crepi l'avarizia! :D)

    RispondiElimina
  30. Dimenticavo un'altra piccola cosa: quel mio premio è sì scherzoso e assurdo, ma è perfettamente in tema. In esso riecheggia infatti la sacrosanta invettiva di Bukowski: "ALTRI SBADIGLI E MERDA DI CANE MORTO SULLA POVERA ANIMA GIA' IN FRANTUMI".

    RispondiElimina
  31. Sarà che ho letto di fretta oggi, ma non ho capito!!! Sob! Beh dai, ti lascio un saluto! Abbraccione!!! Nora*

    RispondiElimina
  32. Io l'ho letto su consiglio di un amico: "È BELLIIIIISSIMO!!!!". Sono io che ho gusti troppo difficili, o è lui ad avere una strana idea delle cose bellissime?

    RispondiElimina
  33. ditemi chi è questo:

    Per quante donne senza nome avessero scopato su tele assicurate al pavimento o pennelli portato a girovagare su una superficie disposta ad accoglierli e per quanto colore avessero fuso o sparso, ci sarebbe sempre stata un'opera a cui anelavano e che era sparita dalle mente senza lasciare traccia di sé dopo una breve fugace apparizione, il lampo subliminale di un'idea subito oscurata dalle immagini false e reali che la vita obbligava a portare negli occhi. Non poteva esistere l'uomo nel cerchio e nel quadrato perché non esistevano né il cerchio né il quadrato, ma soprattutto non esisteva l'uomo...

    G.Monte.

    RispondiElimina
  34. * G. Monte

    Eheh, ottima idea questa di rilanciare il gioco... si faccia avanti chi ha la soluzione (io su questa mi arrendo) ma anche chi volesse proporre ulteriori quiz: avete la mia autorizzazione! :-))

    RispondiElimina
  35. * Ale
    Temo (ma è un discorso che ho già affrontato fin troppe volte) che il gusto dei lettori italiani sia stato sistematicamente DEMOLITO (analogamente a quanto accaduto in campo televisivo, cinematografico e artistico in generale) a colpi di classifiche, pubblicità e recensioni marchettare e serve... Quello che non si capisce è come mai questo apparato debba sempre mettersi al servizio della mediocrità, mentre lo si potrebbe usare più onestamente e intelligentemente in favore della vera qualità... Lasciando per un attimo da parte il capitolo raccomandazioni, favoritismi, nepotismi, mafie e meritofobie, sembra quasi che la grande editoria sforni romanzi per DISPETTO nei confronti della Narrativa - né più e né meno che PER DISPETTO!!

    RispondiElimina
  36. Se penso che con queste stronzate e con la merda attaccata alle mutande -e al culo, visto che le mutande se le teneva su- questo carciofo rimpecorito ha vinto uno Strega e un Campiello, mi viene il vomito nel gargarozzo.
    Bravo Nik, lo hai pescato bene il que-sito.

    RispondiElimina
  37. Ormai è tardi... Mi limito a salutarti amico. :)

    RispondiElimina
  38. E daje Nicò ... sei troppo in gamba per non riconoscere una similitudine:
    ovviamente l'acqua brillante fa scopa:-) con eccitazione!
    la pozzanghera che evapora con la finitezza e la dispersione dell'ecitazione ad ogni occhiata aggiuntiva ... il libro non l'ho letto a dire il vero, non saprei dirti altro riguardo il contesto ... non so mi immagino due che hanno vinto il Super Enalotto, per poi pian piano prendere coscienza che proprio quella settimana si son scordati di giocare i soliti numeri che giocano da una Vita:-)))

    altro che pozzanghera brillante, quelli se buttano come minimo in un fiume opaco

    RispondiElimina
  39. Passo per augurarti una serena notte.

    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  40. Eh, ovviamente sono bravi tutti a dire la cosa giusta quando tutto è stato svelato. Però io, lo giuro, lo giuro, avevo pensato a quella roba lì anche se non l'ho letta e dunque l'ho pensato spinta unicamente dai miei preconcetti e pregiudizi (che ogni tanto, evidentemente, ci imbroccano).
    Però il colore dei calzini lo voglio sapere lo stesso.
    Saluti paperi

    RispondiElimina
  41. Non avrei mai indovinato, anche perché non ho letto il libro...però, il terzo premio lo vorrei.
    Oppure la versione B) che ho letto su qualche blog, lasciata da te..."m'hanno cotto il razzo"...forse era un food-blog?!?

    RispondiElimina
  42. * Duck
    Preconcetti e pregiudizi c'imbroccano MOLTO spesso, anche perché in casi come questo, a ben vedere, sono in realtà (come io sempre rivendico) dei POSTgiudizi, abbondantemente fondati e giustificati!!

    Mi sa che i calzini del vostro Peter Pan preferito erano a strisce orizzontali multicolor... :-))

    * Simo
    eheh, mi sa che se avessi il senso del marketing di mister Giòbbs potrei farla diventare una moda, quella dei bigliettini dello Zio e/o di Stronkabook... :)
    (anche perché il razzo ce l'hanno cotto davvero, e pure in tanti!)

    RispondiElimina
  43. DITEMI CHI è QUESTO...
    primo aiuto: vende più di Giordano...

    "Per quante donne senza nome avessero scopato su tele assicurate al pavimento o pennelli portato a girovagare su una superficie disposta ad accoglierli e per quanto colore avessero fuso o sparso, ci sarebbe sempre stata un'opera a cui anelavano e che era sparita dalle mente senza lasciare traccia di sé dopo una breve fugace apparizione, il lampo subliminale di un'idea subito oscurata dalle immagini false e reali che la vita obbligava a portare negli occhi. Non poteva esistere l'uomo nel cerchio e nel quadrato perché non esistevano né il cerchio né il quadrato, ma soprattutto non esisteva l'uomo"

    RispondiElimina
  44. mmmm, se vende più di giordano ben difficilmente sarà il mio genere di lettura... sarà mica faletti? o carrisi?

    o, conoscendoti, sarà una tua burla? :-))))

    RispondiElimina
  45. Non so chi abbia scritto questa ulteriore perla (ma ho fondati sospetti), però mi ricorda la storiella del numero infinito di scimmie che battono sui tasti di un numero infinito di macchine da scrivere, qualcuna della quali produrrà sicuramente un capolavoro si Shakespeare o Tolstoj.
    Una scimmia sola in un tempo finito invece, se molto ignorante e con un pessimo editor produrrà un testo del genere.

    RispondiElimina
  46. E comunque l'autore ha visto troppe volte Tognazzi in Amici Miei, ma lo imita in modo pessimo.

    RispondiElimina
  47. yes, Faletti.
    "Niente di vero tranne gli occhi".

    Ricordo.. qualche anno fa. Faletti in TV. Gli chiesero: quale dote uno scrittore dovrebbe avere innanzitutto? lui rispose: be', tanto per iniziare, conoscere l'italiano non sarebbe male..

    Quasi mi commossi per questa improvvida zappata sui piedi, per questo autospernacchiamento involontario: ho sempre amato Vito Catozzo.. PORCO IL MONDO CHE C'HO SOTTO I PIEDI!!

    RispondiElimina
  48. Ti sei dato ai quiz come JerriScotti?
    :D
    baci Zio Nick

    RispondiElimina
  49. * web runner e Monte

    ro-ba da mat-ti...
    ma poi, che altro vuoi dire di uno che ti sbatte in un "romanzo" (o presunto tale) "italiano" (o presunto tale) l'espressione idiomatica americana "girare per cespugli" tradotta pedestremente e pateticamente alla lettera, anziché sostituirla col corrispettivo Italiano "menare il can per l'aia?"
    Forse lì sarebbe il caso di conoscere sia l'Italiano che l'Inglese, PIG LO MMUND CHECCIO' UNDERPIEDD... :-))))
    Ma certi editorozzi lo sanno menare bene, il can per l'aia...
    ro-ba da mat-ti!!

    * Stefy
    No, no, è solo per kazzeggiare un po' (quindi qualcosa di un po' più serio, di gerryscotty, eheheh... :D)
    Bacioni carissima!!

    RispondiElimina
  50. Zio Scriba, passei para te deixar um abraço, gosto muito de te ler, mas por vezes a traduçao do google nem sempre é a melhor.

    Ciao
    oa.s

    RispondiElimina
  51. La cosa è ormai andata. Avrei preferito champagne.

    RispondiElimina
  52. * Oceano Azul
    Sì, i traduttori google sono pessimi, ma questo rende ancora più eroica e bella la nostra oceanica amicizia... :D
    Un abbraccio...

    * Alberto
    eheh... con tutte 'ste bollicine, ormai ci manca solo la pozzanghera di cocacola... :)

    RispondiElimina
  53. Neanche il tempo di parlare della nostra funesta grandeditoria che pubblica romanzi PER DISPETTO, ed eccoti sparato su tutti i giornali il nuovo librozzo di fabiovolo, un ex deejay che pubblica e vende libri grazie al fatto di essere una faccetta televisiva conosciuta...
    Ma bravi, italioti, continuiamo a farci del male!

    Naturalmente sono io che non ci capisco nulla: questo qui è uno talmente bravo che il corriere della sera è riuscito a veicolare ben TRE suoi racconti (fra "corti di carta" e "inediti d'autore") mentre su wikipedia qualcuno tronfiamente annuncia che il premio a lui conferito nel 2010 all'Isola d'Elba "in una gremitissima Marciana Marina" è nientemeno che un premio "all'ingegno e all'eccellenza", cosa dimostrata dal fatto, amici tenetevi forte, che in passato è stato "già conferito a Faletti, Camilleri e Vitali"...
    brrrrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  54. ahhhhhhhhhhhhhhhhh! Che ricordi spiacevoli hai suscitato! :)))) Per fortuna hai stemperato col tuo solito carico di ironia cattiva come piace a me! Bacio *

    XXXD 'invidioso' non si può sentire! :)

    RispondiElimina
  55. Ma no, dai, è il titolo del nuovo film della Wertmuller...

    RispondiElimina
  56. ... e a proposito di editoria dispettosa: a quando il romanzone di er pelliccia? :D

    RispondiElimina
  57. Non avrei vinto perché pensavo che avessi i calzini turchesi mentre ti inventavi la frase ispirata... poi ho scoperto che sta nel libro, che ho pure letto, ma giustamente, probabilmente, quasi completamente dimenticato.

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)