"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 28 settembre 2011

PERCHE' LA MIA ZATTERA DI STORIE DI CARTA BATTE BANDIERA DANESE



C’è chi batte bandiera panamense per motivi fiscali. Chi preferisce le stelle e striscie o l’Union Jack perché fanno figo e son sempre di moda. Chi non resiste al fascino della bandiera pirata. Sulla mia zattera di storie di carta sventola invece da qualche settimana (qualcuno magari se ne sarà accorto, e si sarà chiesto il perché) il vessillo della Danimarca.
(Premessa d’obbligo: non idealizzo i danesi fino al punto di ritenerli perfetti, nel qual caso non sarebbero terrestri né umani. So che hanno mille difetti, che anche fra loro nascono gli stronzi, che anche lì c’è oppressione del forte sul debole e del ricco sul povero, e che anche Copenaghen ha i suoi scheletri nell’armadio, a cominciare dal problema Groenlandia. Semplicemente, con slancio infantile, poetico, spontaneo, sentimentale, io li amo, con o senza il permesso di alcunchì).
Bandiera Danese, dunque. E con essa il sogno e il desiderio di una cittadinanza onoraria, di venire adottato, perché “Danese” lo direi con orgoglio e a testa alta, mentre “italianO” – è più forte di me – lo sussurro guardandomi i piedi.
Sì, da quando ho scoperto la possibilità di personalizzare l’icona della navbar, bandiera Danese. Sulla mia zatterbar.
Nel nome di Hans Christian Andersen, il primo collega che conobbi da piccino, quand’ero a letto malato e la nonna veniva a leggere per me le sue fiabe.
Nel nome dei Roligans, i tifosi di calcio più appassionati e al tempo stesso più miti che ci siano in circolazione, e perché, per uno strano e misterioso meccanismo d’identificazione impossibile da spiegare, la vittoria della nazionale Danese agli Europei del 1992 (dopo che nel 1984 una Danimarca ancora più forte era stata massacrata e derubata in terra di Francia) ha saputo commuovermi più di tutti i trionfi della mia amata Inter messi insieme.
Nel nome dei vignettisti, minacciati per aver pubblicato su uno sconosciuto giornale di provincia degli innocui disegni contro la violenza del fanatismo religioide (con pronta conferma dai fanatici stessi, che han sguinzagliato babbuini con la scimitarra ad aggredirli a Casa Loro…) – e che dai nostri paraggi ricevettero pochissimissimi attestati di solidarietà (fra cui, naturalmente, quello di Zio Scriba, alias Nick Pezzoli).
Viva la Danimarca, perché nelle tabelle allegate all’articolo sui miei NON festeggiamenti per i 150 anni italioti, Essa domina ogni classifica di modernità, laicità, civiltà, libertà di stampa, onestà e intelligenza (ma per chi ha visto una Mamma soffrire per il cancro ne bastava una, di tabella, quella sulla Terapia del Dolore – fonte International Narcotics Control Board, Vienna, O.N.U. – dosi terapeutiche di Morfina per milione di abitanti: Danimarca straprima con 6.825, seconda la Svezia con 3.407, Vatikalia-Lobotom Italy ultimissima con un tragico e vergognoso 89).
Viva la Danimarca, perché ho la nausea di vivere nel paese mafioso della fuga dei cervelli e della meritofobia, in un paese che ama i furbi di merda, compatisce gli onesti e i gentili, odia gli intelligenti e gli spiriti liberi, in un paesucolo volgare in cui le librerie diventano boutiques e i cinema supermercati, in un paese infestato di bestie inferiori omofobe, ma in cui un parlamento di bigotti, sciacquette e castaioli delegittimati rifiuta di prendere provvedimenti contro questa piaga che fa di noi il popolo più arretrato, coglione, idiota, troglodita e ignorante del mondo, oltre che mortalmente pericoloso per tutti i Non Conformi (anche una pietra ritardata capisce che picchiare una donna perché ha dato un bacino alla fidanzata, o due ragazzi maschi che si tenevano per mano, rappresenta un’Aggravante grande come una casa, anzi, grande come un carcere). E per tutte queste cose agli amici Danesi vorrei tanto chiedere Asilo politico, artistico, culturale e civile, perché se c’è del marcio, è (quasi) tutto qui da noi.
Viva la Danimarca, perché (mi si consenta un po’ di sano moralismo!) leggo troppo spesso di Re e Primi Ministri nordici (non solo Danesi, ma anche) che per spostarsi prendono il tram e pagano pure il biglietto, mentre la nostra sconcia e grufolante Mafiopoli feudale pullula di privilegi assurdi e anacronistici concessi ai più vergognosi e arroganti suinidi, e magari pure a decine, centinaia, migliaia di loro scrofe e lattonzoli. (Nessuna offesa, amigos, quando parlo di Maiali è per citare Orwell…).
E infine perché debbo al romanzo di un altro Collega Danese (Peter Hoeg) l’abitudine di tenere staccato il telefono quando non voglio che nessuno mi disturbi. Perché una casa privata non è (non dovrebbe essere) un cazzo di call center.
Viva la Danimarca.

74 commenti:

  1. Anni fa lessi un libro "Caraibi" pensando fosse leggero, invece mi sono imbattuta in uno scenario raccapricciante. La storia degli abusi fatti sui neri da parte degli europei stimatissimi!! Sai chi sono stati quelli più violenti? I Danesi, si proprio loro, capaci di aberrazioni che non voglio nemmeno raccontare, quindi non mi sono simpatici, diffido di loro e preferisco il sole al freddo nordico.
    Se tutti quanti invece di agire non fanno altro che parlare male dell'Italia sena comprendere che l'Italia siamo noi, che ci governa siamo noi, se tutti facessimo outing, il nostro Paese potrebbe essere meraviglioso. La demagogia la usano i politici per fottere il popolo, l'azione è per pochi. Quindi agiamo e chiariamo chi siamo e cosa vogliamo.
    Mia figlia mi dice che americani e italiani sono il popolo più stupido. Io non sono d'accordo.

    RispondiElimina
  2. ricordo anche una fantastica nazionale danese al mondiale dell'86 che venne eliminata ( purtroppo )
    dalla sapagna del buitre.
    we are red we are white we are danish dynamite.
    Ricordo anche un film che veniva mitizzato dul finire degli anni 70 dal titolo le confessioni di Christa ragazza danese, ma forse questo era meglio che non lo dicevo,,,

    RispondiElimina
  3. Però... quando scannano le balene alle isole Far Oer non ti stanno un cicinin sulle balle?? :))

    RispondiElimina
  4. ecco un paese che ancora mi manca. forse, inconsciamente, ho solo voglia di non incazzarmi al ritorno...balene a parte (cosa che non ho mai capito...), guardando nella globalità i paesi nordici, capisco perchè in inglese "andare a puttane" (nel senso di sfacelo) si dice "go south"...:)

    RispondiElimina
  5. Vabbè, amiche mie: ho premesso che sono umani e che sono terrestri, e che la mia è un'infatuazione un po' infantile e romantica.. Quando uno canta "vorrei la pelle nera" voi gli ricordate che Bokassa si mangiava i propri figli?
    Non c'è popolo che non ne abbia scannati altri: l'umanità fa orrore, ma questo non voleva essere un post antropologico né etnico-razziale, solo una provocazione intellettuale. Certo che mi sta sulle balle chi scanna le balene. Anche i maledetti giapponesi le scannano, ancor più in grande stile, e aggiungendoci i delfini, ma ciò non toglie che oggi anche i giapponesi diano un'idea, almeno un'idea, di civiltà un cicinin superiore a quella degli italiani. E qui da noi, in nome della religion di stato, si scannano anche le malate terminali di cancro. Nel ventunesimo secolo.

    RispondiElimina
  6. Più che la Danimarca genericamente, a Christiania, lì ci andrei a vivere.
    Se ti consola, quando vorrai fuggire dalla Padania ti diamo asilo politico qui in Romagna.

    RispondiElimina
  7. Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori: verissimo , ma da una massa di furbi non nasce un paese migliore.

    Il distratto, quando gli si indica la luna, invece di guardare la luna, guarda il dito.

    Massime che mi son venute in mente leggendo non il tuo post ma i commenti.

    :-)

    RispondiElimina
  8. * unwise
    :-)))

    * Lucien
    provocazioni a parte, mi sento cittadino (per fortuna effimero e assai temporaneo) dell'Universo, e in un certo senso mi va stretto pure quello...
    ma come sai la Romagna mi è mooolto gradita... :D

    RispondiElimina
  9. * giacynta
    sottoscrivo: se in un'Italia migliore non crede neppure un sognatore ingenuo utopista ottimista come me, vorrà pur dire qualcosa... anche se ovviamente su questo spero (DAVVERO!) di sbagliarmi, e sbagliarmi di grosso... mai avuto aspirazioni all'infallibilità... :-))
    Un bacio e un abbraccio (estesi anche alle altre, naturale: apprezzo chi la pensa in modo diverso e lo dice così civilmente...)

    RispondiElimina
  10. Ti do ragione su tutta la linea eccetto un punto: ti guardi i piedi mentre sussurri a chi te lo chiede che sei italiano. È evidente che non sei mai stato costretto a vivere fuori di casa tua elemosinando solo lavoro, che qui non hai trovato. Ti verrebbe automatico, Nik per come ti conosco, dirlo a gran voce e a fronte alta, proprio in faccia a coloro che ti rinfacciano sogghignando tutte le porcate -sacrosanta verità- del teatrino Italia. Con la soddisfazione, magrissima te lo concedo, di sentirli poi dire che non pensavano che in Italia ci fossero persone per bene, che lavorano assai e bene talvolta benissimo e meglio di loro, senza mettere su grane e piagnistei. Perché noi itali siamo fatti così: a casa nostra montiamo casini a gogò, ma in casa d'altri siamo quasi perfetti.
    I danesi sono degnissime persone, ma se un Re va sul tram pagandosi il biglietto ciò è dovuto alla forma mentis di quella gente, che sa cosa significhi la parola democrazia.
    Non hanno mai avuto la mafia, la camorra, la 'ndrangheda, e soprattutto non hanno mai avuto il WaterkANO a frullargli i coglioni.
    Ciao Nik.
    PS. Hai visto che stiamo risorgendo più belli e forti che pria?

    RispondiElimina
  11. oggi quoto (ma quant'è brutto quoto vero?) Giacynta ovunque la trovi con o senza folletto :)

    RispondiElimina
  12. A Christiania andrei a vivere anche io! Lucien!!! :-))) bacio, zietto.

    RispondiElimina
  13. A onor del vero e per onestà intellettuale dovresti dire che i mondiali di ciclismo a Copenaghenb so stati i più brutti della storia. Tiè!

    RispondiElimina
  14. * Enzo
    Leggendomi saprai che nel mio stile c'è sempre molta deformazione, esagerazione, iperbole. Hai ragione: "italiano" lo direi comunque senza guardarmi i piedi, ma fissando negli occhi l'interlocutore col mio sguardo mite e gentile (e in ogni caso italiano) e con tutta la mia onesta dignità (inevitabilmente anch'essa, fino a prova genetica contraria, italiana)... Ciao caro amico! (Forza Danimarca, e Forza Inter!) :D

    * amanda
    si, quoto è bruttino (mi fa sempre pensare ai bookmakers e alle scommesse, mentre se non sbaglio è una pessima italianizzazione di "virgolettare", "sottoscrivere", "sottolineare") ma rende bene l'idea... :D

    * Minerva Jones
    Mi portate con voi?
    Baci anche a te, carissima! :-)

    RispondiElimina
  15. * Inneres Auge
    Non lo so, non li ho guardati... Oddio, sarà stato un tradire gli amici danesi?

    RispondiElimina
  16. Ripasso... e preciso che, su molte cose, ti do ragione - e come darti torto? E' assolutamente vero che, in quel Paese (e non solo in quello) per molti versi è stato raggiunto un grado di civiltà superiore. Ho capito molto bene lo spirito del tuo post, ed hai giustamente premesso che la tua non voleva essere un'idealizzazione - ogni Paese ha inevitabilmente sia luci, che piccole o grandi ombre.
    Sono dolorosamente conscia di cosa non vada in Italia, del resto me lo sbatte in faccia la vita di tutti i giorni... al lavoro, a casa, in ospedale, a scuola... ovunque!
    Capisco il tuo sfogo, e lo condivido, però vorrei anche trovare un modo di reagire a questa situazione che non ci piace!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  17. no è che il percorso era tutto piatto (manco un cavalcavia).

    RispondiElimina
  18. Dove c'è una Democrazia che funziona,uno Stato che 'pensa' ai cittadini, tanto di cappello. Se poi vogliamo guardare il pelo nell'uovo....
    Cristiana

    RispondiElimina
  19. Ah! l'europeo '92. Con il capitano danese che ha tirato quel rigore decisivo, a pochi mesi dalla scomparsa della sua bimba... che enorme eroe malinconico... grande post.

    RispondiElimina
  20. * Euterpe
    Scusa se ti ho saltato, in realtà il triplo smile per unwise era anche per te, anzi ora lo faccio quadruplo, crepi l'avarizia :-))))

    * Ernest
    W!

    * Giada
    Non preoccuparti, avevi comunque detto una cosa sensata, e l'avevi anche fatta terminare come sempre con un sorriso... Ti riabbraccio anch'io con affetto :D

    * Inneres
    No, intendevo se non era un tradimento il mio non guardare una corsa ospitata da loro... Siamo d'accordo sul percorso pianeggiante, che può essere uno dei motivi per cui non mi sono interessato: non mi piacciono le gare ciclistiche predestinate allo sprint...

    * cristiana2011
    da noi poi c'è il PETO nell'uovo: galline scoreggione tenemus... :-))
    Ciao carissima!

    RispondiElimina
  21. poco da dire, poi conosco poco i danesi in generale, per cui fidandomi ciecamente di te dico anch'io VIVA LA DANIMARCA.
    se posso aggiungere, è anche la terra dove sono nati 2 miei miti per quanto diversissimi: Ingmar Bergman e Lars Von Trier... e che too dico affa'! :)

    RispondiElimina
  22. * El Gae
    Sì, la bambina di Vilfort, una storia che mi commosse fino alle lacrime... e poi la bella favola sportiva di una nazionale che era stata ripescata, coi giocatori in vacanza al mare a pochi giorni dall'inizio del torneo...

    RispondiElimina
  23. * robydick
    ma Bergman non era svedese? vabbè, tanto sono più o meno cugini, come noi coi francesi... :D

    (scherzi a parte, è un refuso tuo o era davvero nato in Danimarca?)

    RispondiElimina
  24. Ciao mio carissimo Zio Scriba è sempre bello passare qui da te (mi prendo una "ricarica" di vita). Io ho già detto più volte che non cambierei neanche un piccolo angolo d'Italia con nessunissimo altro paese al mondo: sostituirei quel 50% di italiani ladri di servizio pubblico, in quanto evasori, con un popolo un po' più serio e solidale ...i danesi non sono così male...
    Sei un romanticone: tvb!
    :-)

    RispondiElimina
  25. * Nou
    Ti dirò che per un freddoloso come me la tua idea è perfetta: restare in questo bel luogo pieno di sole e di bellezze naturali, ma con una fetta di popolazione (sia del nord che del sud, ovviamente!) un po' più "danesizzata"...
    Grazie per il tuo affetto: ti voglio bene anch'io, lo sai :)

    RispondiElimina
  26. Ciao Nick, ho letto il tuo post con i ricordi del mio viaggio in Germania negli occhi. Prima di partire, mi aspettavo un mondo diverso, poi mi sono dovuta ricredere. Lo so che la Germania e la Danimarca non sono la stessa cosa, ma si assomigliano, viste da quaggiù. Sono stata trattata a volte con più che una punta di razzismo e da allora non mi vergogno più di essere italiana. Hai ragione, in questo Paese si sta da schifo, ma ti chiedi come si starebbe nella civile Danimarca se fossero 60000000 anche là, se avessero il vatic-ano vicino e se fossero stati unificati 150 anni fa a calci nel culo come noi? Io penso che non si possano mitizzare, nè deprecare i popoli tout court. E poi penso che di abelinati ignoranti ce ne siano dappertutto e infine: odio quelli che scannanano le balene, è più forte di me.

    RispondiElimina
  27. minchiasì... Ingmar è svedese! ahah! vabbe', lapsus, sai perché, e poi appunto più o meno se somigliano :P

    RispondiElimina
  28. Sono talmente brasato che non riesco a scrivere le centinaia di cose che mi vengono in mente leggendo il tuo bel post.Viva la Danimarca scritto a lettere cubitali però lo sottoscrivo.Non fosse altro che per due splendidi ricordi danesi che,nonostante uno stato catatonico da lavoro frustrante,mi vengono in mente: una dolcissima,ed estemporanea,fidanzatina di una vacanza di tanti secoli fa,e Preben Larsen Elkjaer,il bisonte buono,l'uomo a cui ho ispirato i miei,ormai lontani,trascorsi calcistici.

    RispondiElimina
  29. Ho vissuto due mesi, in Danimarca - un mese nel 1983 e uno del 1985. Fu un'esperienza bellissima - un'immersione nella prova che il mondo potrebbe essere migliore, se solo la gente fosse un po' più civile. Ricordo le piste ciclabili con la precedenza sulle macchine; l'assenza del finto bigottismo italiano, per il quale puoi fare quello che ti pare purché non si sappia in giro; i tubi delle case che, anche in quelle più ricche, sono esterni (un dettaglio insignificante, che per me significa molto); l'angolo per i bambini nelle banche, in modo che le mamme non debbano fare i salti mortali per andare a fare un versamento... un altro mondo, che però sembra essere davvero possibile...

    RispondiElimina
  30. Danimarca, ma anche Norvegia e Finlandia. Patrie tra l'altro di grandi fondisti (di strada e di neve) ma non sto qui a tediare. Quanto alla Svezia, mi ricordo che in "The Kingdom" di Lars von Trier appunto (Roby potrà confermare), uno dei protagonisti, antipaticissimo (guarda caso) medico svedese trapiantato a Copenaghen, sfoga di continuo il suo odio verso i "cugini" danesi, "idioti pericolosi, canaglie pezzenti, loro e il loro poeta Andersen". Beh, più o meno.
    E più o meno come stupidamente tanti italiani parlano dei francesi, senza sapere una cippa della Francia.

    RispondiElimina
  31. Nick, devi dire la verità! Tu vuoi diventare danese per fare "Amleto 2 - La vendetta"! :))))

    RispondiElimina
  32. * knitting bear
    se mi danno la Cittadinanza, prometto di battermi a favore delle balene! :D

    * robydick
    di' la verità, è stato er gobbo, prima non eri mica tu... :)

    * Blackswan
    meraviglioso Elkjaer, lo ricordo ancora segnare senza la scarpa in un Verona-ruBentuS... fosse già esistito il fantacalcio sarebbe stato mio titolare fisso, sempre!

    * Paolo
    Già: invece di riempirsi la bocca col nostro famiglismo stucchevole, conformista e ipocrita, da quelle parti ci pensano davvero, ai bambini. Ad esempio con possibilità di part time REALE per uomini e donne, mentre da noi il part time è quasi sempre solo un inghippo per pagare di meno e sfruttare di più...

    * web runner
    eheh, sui fondisti nordici sono più preparato di quanto credi... dai ricordi d'infanzia emerge un formidabile finlandese, Marty Vainio... :D

    * Adriano
    essere o non essere... un paese civile? :)

    RispondiElimina
  33. Caro Zio, ti capisco benissimo. Anche io ho, non solo per i danesi, ma per i popoli del nord Europa in generale, una specie di infantile e ingenua ammirazione. Non sono mai stata nella penisola scandinava, che pure è sempre stata per me una sorta di Eldorado, ma ho conosciuto molte persone nate in quelle terre e non è un luogo comune, ma la verità, che siano mediamente più rispettose, civili, educate, libere da falsi moralismi e ipocrisie di qualunque italiano medio (e ovviamente mi metto nel mucchio). Da anni propongo al coniuge di espatriare in quelle lande, ma senza successo: magari possiamo andare io e te? :-)

    RispondiElimina
  34. Caro Zione, sappi che oltre ai danesi puoi sempre fare una scappata qui da me e sei il benvenuto. Ne parlavamo ieri quando hai commentato l'articolo sulla censura della rete per difendere il culo dello psicopatico nanetto: ennesima vergogna di un paese sempre più alla sbando.

    Un abbraccio.

    LeNny.

    :)

    RispondiElimina
  35. scusa per questo commento fuori tema, ma c’è un problema di urgenza che interessa tutti i blog
    Comunicazione
    Sulle rettifiche in blog e multe ho inserito questa lettera che passo
    Cordiali saluti
    http://www.lacrisi2009.com/2011/09/rettifiche-in-questo-blog-gia-fatto.html

    RispondiElimina
  36. * Duck
    Ci farò un pensierino... ma non è che poi il coniuge MENA? :-))

    * LeNny
    Grazie, amigo, lo tengo presente. E in maniera molto seria, anche.
    Un abbraccio.

    * Francesco
    Sinceramente, e con tutto il rispetto, non mi sembra una grande idea questa che stai proponendo in ogni dove. Il decreto bavaglio ancora concretamente non esiste, e tu hai già approntato uno spazio-rettifiche nel blog? Ma rettifiche DE CHE?

    RispondiElimina
  37. Viva anche la Norvegia. Il premier norvegese, dopo la recente strage ha detto: "Reagiremo con più libertà e democrazia". Sono superiori, è inutile.

    PS Ma sai che la gente non riesce a commentare sul mio blog? Tu sei uno dei pochi che non riferiscono problemi. Non so cosa fare. Sto cercando uno smanettone per passare a Wordpress. È un incubo.

    RispondiElimina
  38. * Danilo
    infatti mi pareva strano non aver trovato altri commenti... io se può esserti utile sono venuto "a cavallo" di firefox... comunque problemi sulla piattaforma ce ne sono sempre: ultimamente non riesco a ricambiare il sostegno dei nuovi followers, vado da loro, vedo il titolino "lettori fissi" o simili ma sotto non appare niente, e così magari mi giudicheranno anche scortese, o maleducato, o non interessato ai loro blog... mah...

    sì, viva anche la Norvegia :D
    Ciao!

    RispondiElimina
  39. Mi colpisce questo la reazione del premier norvegese. Ecco gli slogan che ci sarebbero state da noi.
    1) Intensifichiamo i controlli. Perquisizioni anche in metropolitana. Poteri straordinari al premier. Pena di morte. Più poteri ai servizi segreti. Più sorveglianza. Telecamere. Censuriamo internet. Censuriamo tutto. Loro invece: più libertà e democrazia. Ribadisco: sono superiori.

    PS Il fatto è che per me è un grave problema. Tengo molto ai commenti. Ho fatto or ora la prova, cercando di commentare nome+url da Explorer (purtroppo non posso scegliere il browser dei commentatori). Niente da fare!

    RispondiElimina
  40. Ops, chiedo scusa per gli errori... la fretta :)

    RispondiElimina
  41. Ciao scrittore spiritolibero che fotografa così (siamo sulla stessa barca) accarezzatore di palle di pelo(adooorooo) gay (i miei 2 migliori amici) bastiancontriario (mica cotica) Vizioso (Chi non lo è) filo danese: Tillykke! Grazie per essere passato dal mio blog e per esserti "aggiunto" , ricambio volentieri il favore e, trovando il tuo blog molto interessante non è una citazione agli elefanti neh!), sappi che tornerò! Ciaoooooo!!! :*

    RispondiElimina
  42. E comunque se vuoi delle entrature lassù potresti cominciare a frequentare una comunità di danesi che vivono nell'entroterra ligure, e vanno e vengono dalle terre iperboree al mediterraneo. Se vuoi ti introduco.

    RispondiElimina
  43. Denmark Rulez!
    Ma non provare a raccontarmi la storia delle sirenetta se no ti strozzo :)

    RispondiElimina
  44. Pure io come Lucien ho pensato a Christiania, la libera comunità che c'è a Copenhagen (dove ho uno zio di secondo grado e delle cugine danesi ;)

    RispondiElimina
  45. * Danilo
    Prometto di continuare a leggerti anche se sbarchi su Wordpress...

    * Nora
    Grazie per questo tuo saluto così bello ed entusiastico, che ricambio.
    Dovrei anche dirti che un "gay onorario" non è tecnicamente un gay, così come uno che riceve la cittadinanza onoraria di Firenze può essere tutto tranne che già fiorentino... ma io lo considero davvero un Onore (ci son già troppi poveracci che lo considerano un infamante insulto!) quindi continua pure a chiamarmi così! :-))

    * Alberto
    Potrebbe essere un'idea simpatica. Se capito da quelle parti te lo farò sapere con largo anticipo, così magari organizziamo. :)

    * listener
    no, la sirenetta no... :D

    * Ally
    Intanto alle cugine potresti far leggere questo post, chissà che non nasca un'amicizia... :)

    * cooksappe
    Viva!!

    RispondiElimina
  46. Caro Nick io ho già il morale a pezzi sia per la situazione caotica e miserabile in cui ci troviamo grazie a milioni di imbecilli che hanno votato questo sgoverno e che adorano ancora il berlufolle, sia per motivi personali, poi ti ci sei messo anche tu con questo post - tutto veritiero - allora bonanotte ai sonatori.
    Un mio amico d'infanzia vive da anni in Danimarca con la moglie danese e ogni volta che ci parliamo tramite skipe mi chiede "ma come fate a resistere con quei disonesti?"

    RispondiElimina
  47. Che dire: racchiudi nella tue parole parte dei miei pensieri legati allo schifo che a noi costringono.
    Sinceramente non mi pongo l'obiettivo di cambiare stendardo, ma ti invidio un po' della pulsione forte che hai dentro e trasmetti con le parole.
    A me basterebbe anche una capanna col tetto di foglie senza bandiera, basta che mi lasciassero vivere nel mio amato paese che è l'Italia. Ovviamente ripulita dalla m**da che oggi ci fanno mangiare :)
    felice WE:)

    RispondiElimina
  48. * il monticiano
    Beato lui. Beato lui. E poveri noi.

    * chaillrun
    Dovendo scegliere una bandiera sceglierei mille volte questa, ma in quanto eremita e spirito libero sono anch'io per le capanne senza vessilli...
    Buon fine settimana anche a te! :D

    RispondiElimina
  49. Caro Nicklas allora. Suona bene.
    Buona giornata
    Paolo

    RispondiElimina
  50. Ciao arieccomiqui, allora siamo entrambi gay onorari, se la metti così! :)

    RispondiElimina
  51. Grazie Zio! È un grande onore :)

    RispondiElimina
  52. Ma che bello questo post!!!! :D grande Zio!!! ti stimo troppo non c'è che dire... Mi piace quello che scrivi perché ti esprimi sempre con una libertà straordinaria!!!! Evviva la Danimarca allora!! :D perché noi siamo nati in Italia, ma siamo CITTADINI DEL MONDO INTERO. Possiamo restare legati alla terra d'origine o decidere di abitare il mondo. Decidere di esplorare i confini della nostra natura.

    RispondiElimina
  53. * PAOLO F.
    Sì, è bello Nicklas, mi piace molto: al punto che l'ho già usato alcune volte per i miei tanti nomi di battaglia e pseudonimi vari... :)
    Un abbraccio speciale a te, Paolo. E non aggiungo altro.

    * Danilo
    Ma figurati... :D

    * Giulia
    Come sai la stima è reciproca: mi si riempie il cuore al pensiero che comunque anche nella "nostra" disastrata terra ci siano tante giovani persone così ricche d'intelligenza, onestà, gentilezza, coraggio, voglia di fare (e soprattutto di Essere)...
    Grazie di esistere, amica mia.

    RispondiElimina
  54. Purtroppo non parlano italiano e le ho perse di vista ... da bambine, quando venivano in Italia, ridevano e basta, ho questo ricordo ...gente allegra (o era la mia faccia?).

    RispondiElimina
  55. Anni fa ho passato un mese in Danimarca.....Bellissima !!!
    e bella gente.....!!!

    Un abbraccio Zione !

    RispondiElimina
  56. ** Ally e 4EverInter
    Un allegro e danese abbraccio a tutti e due dal vostro Nicklas... :D

    RispondiElimina
  57. Danimarca, Svezia, Finlandia, Scozia...la mia prossima vita ..a nord. RIGOROSAMENTE A NORD.

    RispondiElimina
  58. * Sandra
    magari anch'io... ma sperando di rinascere un po' meno freddoloso... :)

    RispondiElimina
  59. Tirando a parte triste no teu desabafo [que eu entendo] voltemos a Dinamarca, esse um país de uma beleza natural imensa, gostaria muito de visitar.

    Um abraço forte para ti, caro amigo.
    oa.s

    RispondiElimina
  60. * Oceano Azul
    Buona domenica, mia dolcissima Amica. Ti abbraccio forte anch'io.

    RispondiElimina
  61. Anche l'Islanda come civiltà non scherza. Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  62. * Cavaliere oscuro
    E' vero: l'Islanda può mettere nel piatto una natura mozzafiato, una concentrazione pazzesca di scrittori e artisti, e la prima vera rivoluzione popolare contro la feccia finanziaria intrallazzatrice. E poi hanno i Sigur Ros... (e di certo NON hanno arbitrelli arroganti e in malafede come il simpaticone che ha rovinato la partita ieri sera a San Siro...)
    Salutoni anche a te! :D

    RispondiElimina
  63. Passavo di qui... Buona domenica pomeriggio!!! Ciao :)

    RispondiElimina
  64. * Nora
    Ciao carissima!! Pensa la combinazione: il tuo secondo commento (che ora è andato a incastrarsi magicamente al posto giusto) ho potuto vederlo e pubblicarlo solo adesso, perché lo stupido antispam di Blogger me l'aveva messo, chissà perché, fra gli spam eliminati!! :D
    E nell'accingermi a dirtelo, rieccoti qua...
    Buona domenica pomeriggio anche a te, mia cara nuova amica e Gay Onoraria!! :-))))
    Un abbraccio grande grande.

    RispondiElimina
  65. il discorso diventerebbe pantagruelico, ne avrei da dire... se vuoi ne parliamo a parte :)

    un rapido esempio di esperienza diretta: quand'ero in vacanza in Finlandia presso gentilissimi amici, prendere il bus era un'esperienza mistica: perfettamente puntuale e conducente che faceva il biglietto a ogni nuovo viaggatore senza che gli altri protestassero.

    Detto ciò... noi accetteremmo di avere 2/5 del traffico e della folla, e soprattutto di pagare quasi TRE euro una corsa urbana?

    RispondiElimina
  66. Io sì: in fondo è l'applicazione concreta del concetto di "bene comune"... mentre da noi si potrebbe dire "mal comune mezzo vomito": facendo le proporzioni, su certi nostri carri bestiame si dovrebbe pagare mezzo centesimo, anzi, dovrebbero pagarci loro per salire...

    RispondiElimina
  67. su questo sono completamente d'accordo :) ...comunque appena ho un po' di tempo ti mando qualche pensiero sull'argomento, il nord Europa mi affascina molto e ho un bel po' di amici che ci abitano, ci lavorano e ci studiano... ce n'è da dire!

    RispondiElimina
  68. magari mi dài anche qualche contatto per l'Esilio futuro... :-))

    RispondiElimina
  69. Io adoravo la Danimarca, poi ci sono stata :-| Quest'estate.
    Che dire? E' stata un po' una delusione, dal punto di vista delle persone. Scostanti, sciatti, sporchi, maleducati.
    Possibile, mi chiedo ancora ora?

    Gli scuso lo scostante, forse avendo capito che eravamo italiani si sono giustamente premurati di farci sentire il loro disgusto. Mah!

    In ogni caso, io opto sempre per la bandiera dei pirati :)

    Ciao!

    RispondiElimina
  70. Per provare a rimediare, ti accoglie con un grande sorriso, e un abbraccio, almeno questo danese onorario... lo so, non vale, mi piaccia o no sono italiano... in fondo, anche se è banalissimo dirlo, il bello e il brutto ci sono ovunque: da bravo bambino che non vuol aprire gli occhi mentre sogna, mi auguro che tu abbia incontrato i pochissimi, rarissimi danesi sbagliati... :D
    Ciao, e Benvenuta a bordo!!

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)