l'idea più pazza del più pazzo fra gli scrittori

"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

domenica 17 luglio 2011

Intervallo. Canzone dedicabile a tanti vecchi amici (ma nessuno di loro si chiama Sergio)

11 commenti:

  1. Ci sono belle canzoni che girando per il mondo prendono significati particolari ...

    RispondiElimina
  2. una vita che non la sentivo thanks

    RispondiElimina
  3. Le canzoni sono sempre belle da ascoltare, hanno sempre dei ricordi.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Grazie. :)

    Ciao Zione. :D

    LeNny.

    RispondiElimina
  5. Che canzone bellissima, mi ha fatto davvero piacere risentirla ed anch'io vorrei dedicarla ad amici e amiche che sono ancora nel mio cuore, ma che non vedo più. C'è un verso bellissimo di questa canzone: "qualcuno vede ancora negli occhi miei quel che gli specchi non rifletton più", poesia allo stato puro. Ciao Nicola!

    RispondiElimina
  6. Uh, che botta di nostalgia... Una canzone che mi aveva beccato in uno di quei tornanti che contano nella vita, nel bene e nel male e anche nel male che riesci a far diventare bene. Grazie per l'emozione.
    (Il Professore però non sarebbe molto contento di questa Tina, per il "pò" e l'"immagginarmi", ma pazienza)

    RispondiElimina
  7. Una bella canzone.

    Un abbraccio e buon lunedì!

    RispondiElimina
  8. Canzone contenuta nello stesso album di Samarcanda.
    Bella Zio!

    RispondiElimina
  9. le canzoni ci trasportano Zio...
    un saluto

    RispondiElimina
  10. Bellissimo questo Vecchioni d'annata! Posso chiamarmi anche io Sergio per qualche minuto in tua compagnia? :-) Un abbraccio zione, a presto...e ritorna con libro e connessione! :-)

    RispondiElimina
  11. A musica é linda, a vida é feita de grandes amizades e recordações.

    Um grande abraço para ti Zio Scriba:)

    oa.s

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)