"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

sabato 7 maggio 2011

Lidia Ferrari Pezzoli, 1938-2003-2011




MAMMA MIA

Oggi compi 73 anni.

Mi manchi tanto, sai.


THE LONG GOODBYE – Esercitazioni di Commiato

1/1/2004

Nell’albeggiare nitido e nuovo di un altro gennaio, mentre i minorati amanti di sibili e scoppi infuocati non allarmano più né il cielo né i gatti, a piedi io vengo da te.
Non fa così tanto freddo, e camminando mi sfilo via i bei guanti che tu mi regalasti.
Oltrepasso, di poco, il cancello.
Mi fermo.
Mi ricordo di quand’ero bambino, e senza crederci tratteggio nell’aria uno sghembo segno della croce, che però riesce a rimanere appeso all’azzurro, perché è incollato al pensiero di te che in qualche modo ci credevi – non troppo.
Attraverso a testa alta la distesa di tombe, senza badare a nessuno di loro ma rispettandoli tutti, e salgo gli scalini verso la parte nuova che attende.
Il ghiaietto, impregnato di umido e sabbia, mi scrocchiola sotto le suole, e un chiassoso monumento per ricchi lì accanto urla a se stesso la propria obiezione.
BESCIOCCHIS MARGHERITIS c’è scritto a caratteri d’oro, sotto un’orribile cuspide color della pece.
Begli sciocchi! Alla fine, bastava una semplice margherita. Possibile che non lo sappiano?

Starò in piedi, immobile, davanti all’ossario. Accenderò il lumino di cera che ho portato per te. Cercherò di non piangere. E nella nostra solitudine brillerà, tremolante, quell’unica fiammella non elettrica.
Che ci vuoi fare, mamma. Siamo persone troppo all’antica. Ancora convinte che l’enel abbia pochissimo a che fare con l’anima. Qualunque cosa Essa sia o non sia.

Sapevo che avrei trovato un sorriso, nell’immagine sulla piccola lapide, ma giuro, lo giuro davvero, non pensavo così intenso.

Finirla qui non è una brutta idea.

58 commenti:

  1. Mi unisco all'abbraccio di Stefania.

    RispondiElimina
  2. Nicola... Che bel modo di ricordare la tua mamma... Nonostante i toni non possano di certo essere dei più vivaci, non può non comparire un sorriso sul volto di chiunque legga le tue parole, accompagnate dalle note in sottofondo.
    Quel peregrinare instancabile per raggiungerla consacra la tua dedizione più di qualsiasi gesto rituale o simbolo codificato, che assume valore solo in sua funzione. Tocca il cuore il pensiero che lei sia l'unica tra una moltitudine ignota ad essere visibile ai tuoi occhi... Quando c'è quel che tu ci confidi di provare, anche un fiore risulterebbe superfluo! E non posso fare a meno di defilarmi idealmente, nella conclusione, per lasciarti vivere in assoluto raccoglimento quel momento tanto intimo con lei. Ci hai insegnato che anche ciò che è apparentemente impresso per sempre non è poi così immutabile, se guardato con l'attenzione e la sensibilità che solo l'amore più puro sa concepire. Il tuo. Un abbraccio... :)

    RispondiElimina
  3. questa mi colpisce particolarmente
    :*
    un bacino

    RispondiElimina
  4. Ti sono vicino anch'io per quel poco che può servire....Sono convinto che i ricordi debbono farci stare bene, anche ridere - non debbono logorarci..
    Un affettuoso saluto..

    RispondiElimina
  5. in punta di piedi e senza aggiungere nulla *

    RispondiElimina
  6. Un grande abbraccio anche da parte mia, e un grazie perché mi fai cominciare in modo genuino la giornata. :)

    RispondiElimina
  7. La mamma è il primo compagno di viaggio della propria avventura su questo pianeta.
    A volte l'unico vero compagno.
    Non si può dimenticare.
    Gli animi nobili come il tuo, poi, la tengono sempre per mano.
    Una abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
  8. Sono sempre bellissime, le mamme.

    RispondiElimina
  9. Questo è il modo giusto di pensare a lei, oggi, per te: proprio scrivendo di voi due. Ti stringo calorosamente la mano con entrambe le mie.
    Uomo in gamba, Nick...

    RispondiElimina
  10. Non finirà mai, Nik. La Mia è morta nell'anno in cui nasceva mia nipote, 23 anni orsono, e mi sono venuti i crampi allo stomaco nel leggere questo tuo meraviglioso epitaffio alla Tua.
    Sarai sempre orfano di madre, anche a 90 anni. Ti dirò di più, ma non per spaventarti: più il tempo passa e più ti sentirai bambino quando ripenserai a Lei.
    Chissà, forse rinasciamo nel momento in cui moriamo; voglio dire, può darsi che un attimo prima di morire riproveremo quelle sensazioni avute quando Loro ci hanno partorito. Chi lo può dire? Speriamo sia veramente così: un ricongiungimento, insomma.
    Ti abbraccio, amico mio.
    PS: però, avrebbe oggi gli anni di Anna Maria, mia moglie; infatti noi abbiamo una figlia di 47 anni e una che fa 45 il 10 maggio. Potrei essere tuo padre, pensa un po'!

    RispondiElimina
  11. all'ombra de' cipressi e dentro l' urne confortate di pianto è forse il sonno della morte men duro?
    ... si chiede il Foscolo, per poi azzardare una risposta nei versi che seguono:
    sol chi non lascia eredità d'affetti poca gioia ha nell'urna
    un post bello e commovente, grazie.

    RispondiElimina
  12. Semplicemente... un abbraccio (forte forte, "azzeccoso", "alla napoletana"... :D) anche da parte mia.

    A presto! ;)

    RispondiElimina
  13. un abbraccio...

    discreto

    e un tocco sulla spalla a dare coraggio

    perché chi ha un cuore sa come ti senti

    e prova le tue stesse sensazioni

    è bello vedere come viene fuori la tua grande umanità da ciò che scrivi

    RispondiElimina
  14. Non posso fare altro che aggiungermi all'abbraccio, Zio. Non occorre dire nient'altro.

    RispondiElimina
  15. Quel sorriso che hai visto, non te lo può togliere nessuno, Nick.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  16. le persone che amiamo continuano a compiere gli anni perchè ci vivono accanto, quindi:
    buon compleanno Sig.ra Lidia, ha fatto un bel lavoro
    sono sicura che ne è fiera

    RispondiElimina
  17. non so cosa dire...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  18. ho fatto in tempo a capire quanto fosse importante la mamma, dopo averla combattuta negli anni della mia gioventù......un abbraccio e un sorriso.

    RispondiElimina
  19. caro amico mio... un abbraccio :-)

    E.

    RispondiElimina
  20. Un abbraccio stretto, Nicò.

    RispondiElimina
  21. Mio carissimo Nicola, ho letto con molta partecipazione, ho sorriso e pianto allo stesso tempo e ho battuto il tempo.. Ti mando una carezza e un bacio sulla fronte.
    Nou

    RispondiElimina
  22. Zio Scriba, deixo o meu carinho para ti... a saudade é algo que faz doer mas existem as lembranças que são reconfortantes. Linda musica que escolheu.
    beijo
    oa.s

    RispondiElimina
  23. La mamma di cui oggi è la festa è quella persona che rimane sempre nel nostro cuore. Io ho imparato ad amarla anche se non c'è più ed ogni volta che penso a lei il cuore si dilata pieno di amore.
    Ti abbraccio Zio

    RispondiElimina
  24. Grazie per la vostra affettuosa e sincera Vicinanza. Leggere i vostri commenti ascoltando la canzone mi ha fatto intensamente commuovere.

    RispondiElimina
  25. Un ricordo molto dolce. T'invio un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  26. Guardo il tuo sorriso e non posso fare a meno di pensare che provenga dal Suo, perchè tutto di Lei rivive in te.
    Quale madre, mi auguro di lasciare un ricordo altrettanto amato.
    Cristiana

    RispondiElimina
  27. È bello che tu abbia trovato quel sorriso proprio lì, accanto al pianto.
    Un abbraccio papero soffice di piume e caldo di affetto allo zio.

    RispondiElimina
  28. Un abbraccio affettuoso anche da parte mio, zietto :)
    Oggi è la festa della mamma, un augurio speciale alla TUA !

    RispondiElimina
  29. Ciao Nick... volevo dirti che mi sono commossa leggendo... una lacrima leggera è scesa sul mio viso e ti ho sentito davvero molto vicino. Questo pezzo che hai scritto è di una bellezza sconvolgente, forse dovuto anche al fatto che ci hai riversato tutto il tuo cuore. E ti ringrazio, perché hai voluto condividere con noi i tuoi sentimenti. Come vedi non sei solo... hai tanti amici accanto a te, pronti a darti un abbraccio colmo di calore. C'è anche il mio in mezzo a tutti questi! Non ho mai dato molta importanza alla festa della mamma... ma leggendo quello che hai scritto sento dentro di me il dovere di salutare dolcemente la tua. Spero che ci saluti anche lei, ovunque sia... :) ti voglio bene zio!

    RispondiElimina
  30. "uno sghembo segno della croce, che però riesce a rimanere appeso all’azzurro...", a volte quei segni così sghembi rimangono scolpiti nell'aria e per noi che neanche ci crediamo non c'è niente di più duraturo. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  31. Commossa dalle tue parole, ti lascio un abbraccio, caro Zio Scriba.
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
  32. Un abbraccio forte e grazie per l'emozione che mi hai regalato.

    RispondiElimina
  33. Caro amico, un abbraccio forte. Ti sono vicino.

    Ciao.

    LeNny.

    RispondiElimina
  34. Felice di ripetere il ringraziamento a tutti voi: non immaginate quanto bene mi faccia il vostro affetto, e anzi vi chiedo scusa se non ho avuto tempo e modo di rispondervi singolarmente come meritavate, ma mi sono beccato anche un bel virus influenzale, e ieri sera avevo 39 di febbre...
    Vi abbraccio tutti.

    RispondiElimina
  35. Curati allora e riposati. Ti aspettiamo.
    Ciao
    Enzo

    RispondiElimina
  36. giuro che ho resistito fino alla fine col groppo in gola, ma poi non ce l'ho fatta. E la lacrimuccia mi è sfuggita. Un abbraccio a te e un pensiero al sorriso intenso della tua mamma.

    RispondiElimina
  37. un abbraccio fortissimo zio!

    RispondiElimina
  38. Struggente... un abbraccio, Zio!

    RispondiElimina
  39. Copriti e non stare troppo davanti al computer...
    Bacione. :-))))))))))))

    RispondiElimina
  40. complimenti per la vittoria ,il "tuo disegno è stupendo" .ciao e piacere Marianna

    RispondiElimina
  41. Ciao Zio, arrivo in ritardo a leggere il tuo post (come al solito).
    Leggendo le tue parole, mi sono emozionata. Ora come ora, non mi sento di aggiungere altro... Solo che ti sono vicina, anche se dall'altro lato dello schermo di un pc.
    Riprenditi presto dall'influenza.
    Ciao.

    RispondiElimina
  42. No, non trovo proprio le parole giuste. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  43. Era da un po' che non passavo di qua, zio. E ultimamente quando passo mi trovo sempre di fronte a lettere che mi fanno emozionare, e che riuscirebbero a commuovere persino me. Mi piace leggere questa tua umanità, semplice, umile, rispettosa. Che forse commuove proprio per questo, di questi tempi. Grazie..
    Un abbraccio amico di blog :)
    Ciao

    RispondiElimina
  44. Di nuovo un commosso abbraccio a tutti e tutte, e un benvenuto a Marianna.

    RispondiElimina
  45. Ciao Nicola, in realtà questo post l'avevo già letto da un po', anche se ti scrivo qualcosa solo adesso. Di solito non passo bene questo giorno in particolare, ed anzi cerco di non pensarci. Però leggere questa pagina mi ha fatto riflettere molto, quello che ci ho visto è che nonostante tutto non ti sei lasciato inaridire da quello che successo; quello che ho trovato qua è un bellissimo ricordo, privo di rabbia, o di rimpianti... e così mi sono sentita un po' meglio.
    Grazie, e se non sei stufo di abbracci... un abbraccione.

    RispondiElimina
  46. * Giada
    Un tenerone come me non sarà mai stufo di abbracci... mi rincuorano e mi consolano così tanto... Ti abbraccio anch'io, carissima amica!

    RispondiElimina
  47. E' importante una madre. Ti invidio. E invidio i tuoi, vostri ricordi.

    Paolo

    RispondiElimina
  48. * Paolo
    Quando penso a te e alle persone come te, mi sento quasi in colpa per il fatto di piangere per averla persa quando avevo "già" 36 anni... Anche se la mia giustificazione è che a 36 anni ero ancora in tutto e per tutto un bambino, così come lo sono ancora adesso... e che le volevo un bene più grande dell'Universo...
    Un fortissimo abbraccio consolatorio, tra orfani di grado diverso, carissimo Amico mio!

    RispondiElimina
  49. Anch'io temo fortemente di soffrire di "smottamento del cervello"...

    RispondiElimina
  50. * Costantino
    L'unico piccolo smottamento, ironia della sorte, è dato dal fatto che questo commento riguardava il post più sopra... Ma sono cose che capitano spesso... :-))

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)