"Meglio Capitano della mia zattera di storie di carta che mozzo sul ponte di Achab"
SITO ANTI COPROFAGIA LETTERARIA: MERDA NON NE SCRIVO, E MENO ANCORA NE LEGGO

mercoledì 12 gennaio 2011

Sorensen Puddu - Replica (18) + Altra Eresia Flash

mordìlla salvami tu


(parte seconda e ultima)


Giangiorgino da bambino era giovanissimo. Giangiorgino era anche un po’ figliuzzo di puttana, ma solo per parte di madre. Giangiorgino nell’adolescenza era così bruttino che le ragazze lo chiamavano Lo Spaventapassere. Finito di rompere i coglioni con questo Giangiorgino? Ok, ora la smetto. Peccato però, mi ci stavo affezionando.
Un tropposessuale è una persona parecchio complicata e a detta di taluni (invidiosi) esageratella. Nella variante del vostro Mario Véronique Sorensen Puddu, detta Variante Varia, al malato di mente in questione piacciono in ordine sparso le donne mature e maturotte, i ragazzi, le ragazze, gli angeli se esistessero, i transex diciottenni che per fortuna esistono, le tigri, le pantere nere, le aquile reali e i pettirossi. Vigliacca se uno solo di questi ci fosse mai stato, voglio dire senza pagare, almeno per un succhiotto. Eppure era un bello stangone. Ma lo chiedeva male. Sbagliava gli approcci. Usava trappole per pettirossi per catturare le tigri, ottenendo come unico risultato quello di farle parecchio incazzare. Andava in cerca di bei fichetti lassù dentro i nidi delle aquile, e anche le aquile s’incazzavano come bestie, e dalle uova quando riusciva a ciularne qualcuna o qualchedue non uscivano ragazze in tanga ma aquilotti del cazzo, o al massimo, il più delle volte, frittate.


FREE SPACE: fai seccare qui il tuo petalo di petunia anche se è già secco da far schifo, e poi ricordati di gettarlo nella raccolta differenziata oppure mangialo


E adesso eccomi con Mordilla, che in fatto di succhiotti aveva idee non del tutto innovative ma in compenso alquanto minacciose. Erano secoli che sognavo d’incontrare qualcuno a cui dedicare le parole di Vieni a vivere con me di Luca Carboni: “Potremmo dirci certe cose da far accapponar la pelle, potremmo fare certe cose che ci fucilano alle spalle”! Ero stufo di scialba normaluzzità. Ma con Mordilla si va ben oltre, e mi sa che a me mi fucileranno alle palle (sempre se sopravvivono alla vampirla, che di preferenza morde il glande, ma non solo). In fondo, provare strane esperienze è un vizio di famiglia. Mio nonno per esempio andava a letto con le galline, perché pensava che così avrebbero fatto le uova più grosse. Il mio bisnonno invece non è mai esistito e questo spiega e se non capisci rispiega e se non capisci rispiega e se non capisci vaffanculo come mai la mia vita sia un fortuito paradosso cazzo-temporale senza ombrello (sans parapluie potrebbe dire un francese anelante farsi affari miei, e io potrei anche rispondergli male). Poiché per chi non l’avesse capito la vita è uno scherzo del cazzo. Nel frattempo tirava aria di leggero razzismo, in paese, ma proprio appena appena un zichinìn. Lo capii quando ricevetti l’opuscolo Sto Paese Informa che diceva che in paese erano immigrati 72 marocchini, e a ruota il giorno dopo arrivò il numero zero di Sto Paese Inforna che malizioso si chiedeva: “Quali marocchini?”.


FREE SPACE: urlami qui il tuo barbarico SGRUNT


Mordilla, la vampirla mordiglande senza museruola, era una persona molto istruita. Era l’unica al mondo ad avere quattro diplomi di quinta elementare conseguiti in quattro scuole diverse. Appena diplomata tornava a iscriversi alla prima elementare, perché sosteneva che l’istruzione che ti danno le Elementari non te la dà nessun’altra scuola, e forse almeno dalle nostre parti è davvero così. Dalla mia maestra ho imparato tante belle cosine, dai miei docenti universitari ho imparato solo che conveniva comprare a caro prezzo il libriccino di 26 pagine scritto da loro perché le domande all’esame le prendevano solo e tutte da lì. Mordilla m’insegnò cose davvero fondamentali, come il fatto che uno sciatore è quasi sempre sci-munito, che la porcellana non si ricava dalla tosatura dei maiali, che la demenza senile non è quando alle donne impazziscono le tette, che a volte la censura può obbligarti a variare leggermente il titolo di una canzone (è il caso di Besame ‘l bucho), che la municipalizzazione della donna è una grossa fregatura, simile al federalismo che raddoppia le tasse, e che per tre punti non allineati passa una e una sola circonferenza, quindi ne passano due: “Salve, sono Una”; “Buongiorno, sono Unasola”. Si offrì anche di spiegarmi cosa fosse una spermuta d’arancia, ma io preferii continuare a non saperlo. Spazzò via dalla mia mente molti altri dubbi e inesattezze, anche se a volte le parole delle sue spiegazioni non è che mi arrivassero molto chiare e decifrabili, poiché Ella spiegava senza mai smettere di pasteggiare avidamente con la punta del mio cazzo. (Opssss: si potrà scrivere “punta”?)
Ma che goduria, con Mordilla. Che male, però. Però che goduria.


(fine)




Altra Eresia flash (ho perso il conto... fermatemi!)

Io nutro il massimo rispetto, e forse anche un po’ di struggente invidia, per chi mette al mondo dei bambini. Ma il fatto che, in un pianeta soffocato da sette miliardi di umani, ogni “panza” debba esporsi in vetrina e salire in cattedra a dar lezioni di vita mi pare a dir poco stomachevole. Adesso è il turno della scioccherella (ma furba) Nannini, che a 54 anni viene a parlarci di “Momento di verità”, nonché a sparare la cazzata “La vera creatività non è scrivere canzoni ma avere una figlia”. (Sta’ a vedere che allora i topi di chiavica sono gli esseri più “creativi” della Terra. O vale solo se a riprodursi è l’homo mica tanto sapiens?) Certo, se per canzoni intendi le tue, magari è pure vero. “Questo amore è una camera a gas...” Appunto: basta scorregge mentali, che l’ozono è già compromesso.


41 commenti:

  1. oggi i figli, per tutti quelli che se ne professano desiderosi al punto da sparare stronzate come quella della sopracitata nannini, sono, né più né meno, uno status-symbol. al fatto che i figli siano, prima di tutto, persone, nessuno ci pensa, l'importante è AVERLI, come se si trattasse di oggetti o beni immobili.
    e non parliamo di quelli che "oddio, siamo a crescita zero!"...certo che vi preme la crescita della popolazione, perchè a essere consumatori (questo è l'importante) si comincia già prima di nascere...

    RispondiElimina
  2. La vera creatività è rendere un peto melodioso

    RispondiElimina
  3. Zio..ho riso che non ne hai idea!
    Già soltanto il nome Giangiorgino mi ha fatto schiantare ;)
    E vogliamo parlare della Mordi mordiglande?
    Hahahah..la mia idola..avrei voluto essere io la sua maestra..
    Sulla Nannini non mi pronuncio..ehm.. la nonna l'ho persa quando ero piccolissima :(

    RispondiElimina
  4. L'altro giorno, l'amico Euterpe, molto bonariamente ti ha dato del pirla per averlo fatto ridere tanto con "Kaga Kazzinger" ed io ora lo ribadisco per i tuoi FREE SPACE. Ahahahahah. Pirla. :)))

    Il battesimo della figlia della Nannini sarà Rock. No comment!!!

    Ciao Zione.


    :)

    RispondiElimina
  5. Se non fossi laico, dovrei dire che hai scritto una parte cospicua di una sorta di Nuovo Vangelo delle cose da cui stare lontano. Forse preferiresti l'appellativo di moderno Giovenale del Nord profondo. Solo che anche tu sei vicino, troppo vicino geograficamente al novello tiranno. E Giovenale aveva una scrittura meno immaginifica. Mente butto giù queste due righe - le mie, sì, demenziali - sento le note de "L'ora dell'amore" dei Camaleonti. "Che c'entra?", dirai tu. Be', che loro e la Nannini, facevano meglio a rimanersene ai loro anni più o meno fulgenti. Pardon! Mi sono fatto prendere la mano. Mo' scrivi sempre bene, però!

    RispondiElimina
  6. L'intero post è così talmente cosparso di esilaranza che sono quasi propenso a perdonarti per lo sci-munito.
    No, ho riletto della SPERMUTA d'arancia e tolgo il quasi.
    E poi, come non appoggiare il rispetto e la struggente invidia.

    RispondiElimina
  7. Sei bravissimo anche come spara petunie ! Troppo bello... Andare a rompere le uova anche alle aquile... Titanico!!!

    RispondiElimina
  8. Vai forte ragazzo! vai così forte che non riesco a starti dietro...un saluto da lontano :(

    RispondiElimina
  9. * unwise
    poi, per carità, magari sarà la madre migliore del mondo, non sta a me giudicare, ma in questo caso vedo uno status symbol che sconfina abbondantemente nel marketing, il che mi ripugna assai...

    * Inneres Auge
    melodioso e profumato... :D

    * Grace
    e poi 'sto raccontino è un inno-sviolinata alle maestre, sono o non sono stato un amore con quella cosa sulle elementari? :-)))

    * LeNny
    sia tu che Euterpe siete meravigliosi amici nerazzurri, per cui è fin troppo facile abbracciarvi dicendo: meglio pirla che Pirlo!
    Ciao! :D

    * Adriano Maini
    mi ritrovo evangelista e superclassico, ancora un po' e ordino già la targa per il muro della casa: qui visse (e scrisse le sue cazzate)...
    Ti ringrazio e ti abbraccio, come sempre.

    * web runner
    in compenso io sto ancora a scompisciarmi per il "diversamente lindo" del tuo ultimo commento... questa blogganza è un continuo fecondarsi reciprocamente (e lo dico, per una volta, senza sottintesi sessuali... :D)

    * giacynta
    povere aquile, un amante degli animali come me, poi... ma la scrittura demenziale concede ogni tipo di licenza...

    * Nou
    allora vedrò di rallentare un pochino: non voglio perdermi nessuno di voi! :D

    RispondiElimina
  10. Sei un vulcano di idee e riesci pure ad esprimerle facendo divertire tutti noi. Nei tuoi scritti, che senz'altro a un Gasparri e Co potrebbero sembrare assurdi, io leggo una feroce satira e tutta l'ironia e il disprezzo per questa nostra società.
    Cristiana

    RispondiElimina
  11. * cristiana 2011
    Grazie: il vulcano di idee è sempre un bellissimo complimento, forse uno dei più belli in assoluto, anche se per associazione (sempre di idee) mi fa ricordare una mia battutozza su "vulcanico". Essendo stata per anni la parola vulcanico una vera e propria fissazione dei cronisti del calcio, in un immaginario manualetto d'istruzioni per telecronisti sportivi scrissi: "Se il presidente di una squadra è analfabeta e pirla, dire che è vulcanico". :-))
    Un abbraccio, e buonanotte.

    RispondiElimina
  12. fantastico! per indole mi sono concentrato, con brividi al basso ventre, su "mordiglande", questione di fantasie personali, ahah!

    della giannannini hai già detto tutto, mi limito a tirare lo sciacquone

    RispondiElimina
  13. Non saprei scegliere cosa sia più esilarante tra lo sci-munito, la porcellana e la demenza senile...

    Sulla Nannini non dico niente, hai già detto tutto tu...

    RispondiElimina
  14. ahahahaha Giangiorgino!!!! XD potrebbe entrare nella lista dei probabili nomi di un mio probabile futuro figlio! e non sto scherzando ;) bellissima sta mordilla! E concordo con TUTTO quello che hai detto nell'Eresia Flash... "no se pol mìa!!" Come i "dise" i veneti... ;) Se aveva tutto sto istinto materno quella là poteva magari adottare un bambino meno fortunato e con qualche annetto in più.. almeno avrebbe fatto un gesto mica da ridere! sinceramente credo poco alle donne che superati i 50 anni vengono pervase dall'istinto materno... e prima? prima dov'era???? aveva troppe canzoni merdose da scrivere e troppi soldi di cui preoccuparsi??? Che schifffffff.

    RispondiElimina
  15. * robydick
    questi brividi di goduria ma soprattutto di dolore al basso ventre mi fanno venire in mente un episodio di "personalizzazione" che mi fece scompisciare (forse le risate più irrefrenabili di tutta la mia vita). Eravamo quattro in una camera nella notte, al mare in Sicilia, tre amici più un lontano parente siculo-belga di chi ci ospitava, un ragazzo non molto sveglio (il belga) ma sessualmente attivissimo (spesso si confondono le due cose!) e più grande (più glande?) di noi, con dei baffetti sottili da film in bianco e nero. Il cazzone si stava lamentando col lontano cugino delle ragazze sicule così diverse dalle belghe. "Parlare parlare e niente ficcare", si lamentava. Andò un po' avanti a piagnucolare per questo orrendo parlare parlare e niente ficcare. Finché, alla fine, non se ne venne fuori con: "E' molto brutto, per la Minchia". Dove "per la minchia" non era un'esclamazione, ma appunto una personificazione dell'organo. Non "è molto brutto per il padrone della minchia", ma proprio è molto brutto per essa, la minchia. Be', lo disse in modo così serio, compìto, triste e disarmante, che io e il quarto ragazzo non riuscivamo a smettere di ghignare, avevamo il mal di pancia, e nel buio sentivi il cazzone che s'impermaliva di brutto e chiedeva all'altro Che cazzo hanno da ridere questi? E il nostro ospite il giorno dopo sul terrazzo fece un predicozzo al quarto ragazzo (a me non osava) sul fatto che per i suoi parenti e ospiti bisognava avere più rispetto! Un giorno credo che ci scriverò un raccontino. Troppo ghignoso. "E' molto brutto, per la minchia". :-))))

    RispondiElimina
  16. * Alessandro
    la porcellana è una delle mie idee più antiche: mi riporta, con lacrimuccia, a quando fra i banchi del liceo dovevo volare via con la mia mente demente per non dover sopportare le spiegazioni impacciate di certi buffoni che ripetevano a memoria (e pure male) il libro di testo...

    * Giangiulietta (:D)
    No, dài, se teo ciàmi Giangiorgino poi là-cussita mi me sento in colpa... :-))))
    (dimmi poi se l'ho imitato bene, il veneto, andavo a orecchio ricordando una vicina di casa della mia infanzia...)

    RispondiElimina
  17. ahah! ho immaginato la scena... eh sì, mi pare un ottimo spunto per un racconto :))

    RispondiElimina
  18. Mordilla: l'educazione sentimentale del nuovo millennio. ;-)

    Sull'eresia mi sfondi una porta aperta. L'ostentazione mediatica della maternità è qualcosa che mi fa vomitare, un po' per il luogo comune della sua beatificazione a tutti i costi, e un po' (molto) perché non è _mai_ intellettualmente onesta.

    RispondiElimina
  19. Caro Zio, Mordilla potrebbe essere eletta for President (e mi sa che ci siamo vicini, solo che non sarebbe questa sana, vibrante, maestra) mentre il ribrezzo per le vicende di Bimbolandia (dove a tutti è permesso sparare qualsivoglia cazzata in nome della Sacra Maternità) comprende tutte le epoche gestatorie, soprattutto se imposteci da ogni dove come "Manifesto delle Vere Mamme". Dalle cretine ventenni alle cretine sessantenni (con l'aggravante di diventare presto ave): laddove giunge mammativvù (la più potente di tutte le Sacre Maternità) c'è terra bruciata e il cervello - già in fuga per dimenticare altro - latita del tutto.
    Chi la paga più alta, però, sono i figli, condannati a diventare marionette senza neppure poter scegliere se abbracciare quel credo o no.
    Giangiorgino, del resto, da bambino era giovanissimo. Questi, invece, nascono già vecchi.
    Anch'io, ma va?, ho fatto un bambino (con mio marito, n.d.a.), ma ho approfittato biecamente dell'orrida gravidanza per poter mangiare a crepapelle. Presi 34 chili nella costernazione generale e con il mio medico allibito da tanto ardore e indifferenza per il "corpO sacrO della madrE" (come diresti tu). Fui felice e senz'asma per nove mesi. Poi Alvise nacque in ritardo di dieci giorni, obbligato finalmente da una succulenta scamorza ripiena di 6 etti e rotti portatami da un amico in giornata dalla terra di Puglia e prestamente ingerita. La questione fu: o la scamorza o il nascituro. Entrambi non avevano diritto d'asilo nel mio interno. Da quel momento in poi ho capito che la faccenda non era cosa mia, ma cosa sua. Anche perché dopo tre giorni la mia asma si ripresentò e quindi ebbi la certezza che fosse un alieno.

    RispondiElimina
  20. P.S. Segnalo questo intervento di oggi, proprio riguardante l'"eresia" in questione: http://loredanalipperini.blog.kataweb.it/lipperatura/2011/01/13/figli/

    RispondiElimina
  21. Tutto quello che dice Gianna Nonnina da Notti Magiche in poi ha, per me, il valore dello sbfffffff! prodotto dalle porte dell'autobus che si aprono alla fermata: rumore e puzza.

    RispondiElimina
  22. Mamma mia sei terribile :)) ma chi è questa Mordilla senza museruola? Non ti fa un bell'effetto, povero zio. Morsica un po' troppo, qualcuno la fermi! :P
    E poi Giangiorgino! Giovanissimo da bambino e figliuzzo di puttana solo da partre di madre! :)) o mio dio sto ricominciando a ridere, ma perchèèè? :)
    Ah! Io ho urlato sgrunt, ma non si è attaccato! Mi presti dello scotch?
    Ciaooo Zio sei incredibile, salutami Mordilla!!!

    RispondiElimina
  23. Invece a me m'è venuta la sganascite: dolore acuto di mandibole che si smontano! peccato che non ci siano altre 'parti'! La Giannina? Cheppalle co 'sta storia! Già il gracchio mi fa venire la nausea, poi quest'ultima affermazione è da arresto! spero che la figlia-miglior-creazione le freghi tutto il patrimonio e la mandi a fanculo tra appena dieci anni!

    RispondiElimina
  24. Mordilla, Mordilla, mi fa brillar la pupilla, certe parti del corpo mi tittilla, è proprio una bella filla, o Mordilla o Mordilla, mordimi la cavilla ...
    Voglio il tuo profumo ... voglio il tuo profumo...Ti prego non t'insaponare, voglio tutto il tuo sapore ...voglio il tuo profumo, tantantan ...
    Ci sono troppi figli al mondo, il problema è serio e nessuno (in primis il tuo amico pastore tedesco) se ne rende conto. Su Gianna lasciamo stare, è una cantautrice mainstream e il mainstream non avendo nulla da dire, vive sul gossip tanto quanto la politica (e lei, è una delle meno peggio, segundo me).

    RispondiElimina
  25. Robidick fai immediatamente un altro commento così lo zione (eheh ormai visto che io per molti sono Nicone, vista la stazza di 193cm, lui è inevitabilmente lo zione con una stazza analoga di 194cm) ci scrive un altro bel pezzetto qui dentro i commenti :-)))
    A un certo punto Nick, quando ho letto il motivo per cui tuo nonno andava a letto con le galline, mi sono dovuto fermare per forza perché mi sono venuti i crampi allo stomaco dal ridere!
    La Nannini...beh, su questa cosa che hai nominato mi ha deluso (ricordo invece la bella iniziativa delle "Amiche per l'Abruzzo"), ma l'argomento fecondazione assistita, e il fatto che a causa dei seguaci di Nazinger abbiamo una delle peggiori leggi esistenti al mondo, meriterebbe un'approfondimento molto più ampio indipendentemente dalle esternazioni della Nannini.
    Comunque aveva ragione Totò, per cui come sempre, vota Nicola, vota Nicola, vota Nicola!

    RispondiElimina
  26. Caro Zio, io credo di aver esaurito gli aggettivi e le combinazioni tra aggettivi e sostantivi per esprimere il mio apprezzamento per quello che scrivi e per come lo scrivi (realismo pirotecnico? straniamento
    de-demenziale? risataviseppelliràismo?). Per cui se alle volte non commento è solo perché mi provochi delle crisi di afasia da "sindrome di Stendhal". Però questa Mordilla è proprio una bella epifania...
    Grazie per le buone parole sulla Nannini, finalmente qualcuno che non si fa fregare dalla Mistica della Maternità: l'unico atto creativo può essere stato la scelta della posizione in cui farsi ingravidare e - forse - la scelta del nome. La gravidanza è un fatto automatico non cosciente in cui l'unica possibilità di intervento umano sta nella cura e nella protezione, attività nobilissime e "commoventi", ma di cui è istintivamente capace qualsiasi animale. Nei mammiferi la gestazione è circoscritta a uno solo dei generi, che si assume iniquamente oneri ed eventuali pericoli: è quindi una forma evolutivamente asimmetrica che sarebbe ora di abbandonare o a favore di una gestazione condivisa "a staffetta" o con l'eliminazione di uno dei generi. In un bellissimo romanzo del 1969 di Ursula K. LeGuin, "La mano sinistra delle tenebre" ("The Left Hand of Darkness") si narra del pianeta Gethen i cui esseri umani autoctoni sono ermafroditi, neutri per la maggior parte del tempo; una volta ogni 26 giorni circa attraversano una fase detta Kemmer in cui diventano maschi o femmine in base a uno scambio di feromoni col partner, ognuno dei quali ha quindi la possibilità di rimanere incinto. E' la vita che dovrebbe imitare l'arte: pensa che casino nelle testoline vatikaliote...

    RispondiElimina
  27. * Marziano
    Lettura interessante. Ha ragione chi ha parlato di status symbol (anche se io li chiamo STOLTUS, symbols). Alcuni devono dimostrare al mondo che dopo aver avuto successo, yacht, villa e Maserati sono anche in grado di confezionare un loro clone più clone possibile, e di dargli un bel nome astruso (o astronzo) tipo Chanel, Bellinzona, Pierpuledra o Aspirina, per non parlare di quelli ch l'erede lo chiamano Brooklyn, per sbatterti in faccia (come se a qualcuno fregasse) che non l'hanno "scopato" in economia in un sobborgo inglese, bensì, cazzo!, in trasferta a New York. Ma vaff...

    * Cristiana Curti
    Bellissima la tua storia di maternità. A questo punto ti chiedo di dare un bel bacio ad Alvise da parte mia.
    Un bacio anche a te, naturalmente.

    * Ettore
    grande contributo: non so se mi hai fatto più ridere con lo sbfffff delle porte o con Gianna Nonnina... :D

    * Goccia di Neve
    il rappresentante che mi ha venduto questi FREE SPACE deve avermi imbrogliato, probabilmente erano scaduti. Lietissimo di averti fatto ridere. Un abbraccione, carissima amica!

    RispondiElimina
  28. Zione caro, grazie per il bacio al "bimbo" (e a me). Aggiungo che certe volte sei più vero del vero: un mio amico ha chiamato la terza figlia (dopo due primi normalissimi italiani nomi maschili) Madison. Indovina perché. Sei un genio. Dovrebbero farti Ministro delle Intenzioni Pubbliche e Private Da Rispettare.

    RispondiElimina
  29. * petrolio
    evviva la sganascite!
    e anche il tuo auspicio non è malaccio... :D

    * Ally
    anche segundo me c'è di moltissimo peggissimo, il che è tutto dire... la paroletta gossip è in assoluto fra quelle che mi danno più l'orticaria... però dài, non fare così, che Mordìlla te l'ho mandata in visita: dici che si è persa lungo la strada della palude? devo cominciare a preoccuparmi?

    * nico
    grazie per la dichiarazione di voto (anzi, per la propaganda elettorale :D), e per il gradimento del nonno ciulagalline a scopo allargamento buco ovaiolo... il bello di questi dialoghi fra amici di blog è anche questo, uno fa un commento e mi si accende la lampadina dei ricordi, ad esempio su questa storia esilarante di "è molto brutto, per la Minchia". :D
    Ti abbraccio, mon ami.

    * Tullix
    Fingo di glissare sui complimenti, anche se come sempre mi hanno fatto immenso piacere, anche perché vengono da uno che fra i libri ci vive, e ti dico che la parte finale del tuo commento è Musica per le mie orecchie, e di sicuro orticaria per le testoline reazionarie e oscuro-fascio-troglodite dei vatikalioti. Di recente anche il professor Veronesi (che con tutti i suoi difetti spesso ne spara di davvero illuminate, o almeno più illuminate di KK o della nannina - non che ci voglia molto) ha delineato un'umanità neanche troppo futura fatta di esseri se non da subito ermafroditi almeno serenamente e coscientemente bisessuali, per i quali il sesso non significherà riproduzione (che avverrà in altre maniere, piaccia o non piaccia ai comitati bio-etici) ma soltanto intima e gioiosa reciproca gratificazione affettiva, sentimentale, sensuale, a metà fra la coccola consolatoria e l'eccitante divertimento. Con buona pace di gente tipo un povero scimmione di mia conoscenza che ho appena sentito, durante un pranzo delle festività, pontificare sprezzante contro i bisex facendo risuonare il suo elevato insegnamento "La Minchia dev'essere Minchia". Ancora lì, ritorniamo, alla Minchia personificata. (E poi ci stupiamo dell'ignoranza, dell'arretratezza, delle violenze e delle guerre?) Se siete contenti di Essere Minchie continuate pure, tanto l'evoluzione e l'oltreuomo vi spazzeranno via lo stesso, e vi dimenticheranno molto volentieri. E' solo questione di tempo.

    RispondiElimina
  30. * Cristiana Curti
    grazie... :D
    aggiungo il ricordo di un'amica del mare che riferiva di un'italianissima neonata appena bettezzata Kimberly.
    "Roba da soap-opera" aggiunse lei.
    "Roba da sop-primerli" scherzai io.

    RispondiElimina
  31. Le prime 5 righe di Gaingiorgino sono leggendarie.Ti prego raccontaci ancora qualcosa di lui.

    RispondiElimina
  32. * Euterpe
    per il momento non ho altre sue notizie, ma lo metterò volentieri nella lista dei desideri dei miei magici lettori... .D

    RispondiElimina
  33. * Ernest
    Giro gli applausi a Mordìlla, se li merita, anche se è un po' 'na rompic... (insomma, alla lunga, come direbbe il siculo-belga di prima, è molto brutto, per la Minchia) :D

    RispondiElimina
  34. uffaaaaaa! son giorni che non riesco a leggerti come piace a me, bene,e mi manchiiiiiiiii.
    Ho letto dei pezzetti che mi han fatto beare di beatutudine epoi mi sono innamorata di Giangiorgino,ne voglio dippiu'
    baci stanchi amico mio tenerissimo.


    niente paura, sono Fizzi,ho solo ripreso il mio vecchio nick

    RispondiElimina
  35. Ieri, quando ho letto questo post mi hai fatto ricordare di Gianna Nannini e del suo orgoglio "paterno".
    Fra l'altro avevo gli occhialini di Vanity Fair per vedere il concerto di GiannO Nannini, sul loro sito.
    Risultato: una mmmerda la musica.
    Una mmmerda la tridimensionalità.
    Dopo 3 minuti ero su you tube a sentirmi "Smack Jack" di Nina Hagen.
    A 2d. Ma spaccava!

    RispondiElimina
  36. * stellarossa
    nessuna paura, avevo già visto il nuovo (o come mi dici adesso vecchio) nome di battaglia sul tuo blog... Ti aggiungo ai fan di Giangiorgino, e a coloro che ne reclamano nuove gesta... :D
    Bacio

    * Erotici Eretici
    queste sono le cose che mi fanno diventare (o sembrare) tecnofobo, nel senso che non ho ancora avuto una sola occasione di associare 3D e qualità artistica, 3D e intelligenza... ma probabilmente sarò stato poco attento io... :D

    RispondiElimina
  37. Smack Jack... Nina Hagen e la sua boccona deformata da un gracchio strepitoso che la Nannini neanche se inghiotte chiodi potrebbe mai pensare di arrivare a imitare... Grazie a Erotici Eretici per avermi fatto ripiombare come un siluro (altro che tecnologie avanzate: basta la testa!) in uno dei miei periodi più limpidi (da una parte) e più annebbiati (dall'altra). Che meraviglia! Ma dove peschi i tuoi amici, Zio? Lo devo anche a te. Corro al vinile (ce l'ho, ce l'ho!).

    RispondiElimina
  38. * Cristiana Curti
    il Linkazzo è una calamita per la bella gente... :-))

    RispondiElimina
  39. Zioooooooo!! eccomi! ahahahahahahhaha giangiulietta mi piace tantissimo!!! XD XD e il tuo veneto è quasi più perfetto del mio!! buahahahahahah fantastico!!! XD

    RispondiElimina

Benvenuti a bordo!!
Questo blog è Nemico dichiarato di ogni censura. Ma sono costretto mio malgrado a ricordare che rimuovere insulti gratuiti, scorregge occulte o minacce vigliacche non è censura: è nettezza urbana. Voglio che qui da me vi sentiate esattamente come a casa vostra: quindi Liberi, ma non di pisciare sul pavimento, o mi toccherà pulire. :)